MERITANO I CANUTS E I WEBER DELL’OTTOCENTO. I NOSTRI CASSINTEGRATI, NO

Siamo abituati a pensare i due mesi di stragi della Comune parigina, nel 1871, come la prima rivoluzione ‘bolscevica’ della storia: nell’ultima settimana le vittime furono 17 mila, 30 mila secondo altre stime. Le corti marziali condannarono duramente 35 mila persone, di cui almeno tremila alla deportazione nei bagni penali come la Cayenna. In tutto centomila morti, compreso l’arcivescovo di Parigi.

E invece la Comune non aprì l’era delle insurrezioni proletarie moderne. Quarant’anni prima furono i canuts, gli operai che a Lione tessevano la seta azionando a mano i telai del tempo, che alzarono nel sangue la bandiera della lotta di classe. Nel 1815 prendevano cento soldi al giorno. Nel 1830, diciotto. La concorrenza aveva colpito duro i produttori, ma per le famiglie dei tessitori era la fame vera. “Ora sono le fluttuazioni commerciali a regolare i destini del mondo” constatò uno scrittore dell’epoca. “I barbari che ci minacciano non sono nel Caucaso né nelle steppe tartare, ma nei nostri sobborghi manufatturieri. Privata di commercio, la nostra società è votata alla morte”.

I canuts si impadronirono brevemente della città, ma la rivolta fu schiacciata ferocemente.  E in seguito si costruirono attorno alla città tre grossi forti, anzi tre Bastiglie, per future repressioni.

Ebbene, anche se nell’Anti-Duering  Friedrich Engels scrisse che Lione aveva fatto la prima insurrezione operaia della storia (congiuntamente alla lotta dei cartisti britannici), persino gli storici sovietici si curarono poco dell’epopea lionese. Una Storia della Francia pubblicata in URSS nel 1973 dedicò alla Comune parigina 63 pagine, solo 2 al tentativo rivoluzionario di Lione.

Non dimenticò i tessitori della sua terra Gerhart Hauptmann, il grande scrittore e drammaturgo slesiano (1862-1946) cui nel 1912 andò il premio Nobel per la letteratura:  soprattutto per la tragedia  Die Weber ( I Tessitori) sulla rivolta dei lavoratori tessili  slesiani nel 1844, tredici anni dopo quella dei canuts. Anche questa insurrezione fu spenta nel sangue. Nel nome della verità naturalista, la prima stesura del dramma fu nel dialetto slesiano; il testo tedesco venne in seguito. Non per niente Hauptmann divenne con questo lavoro il bardo moderno della Germania. Esaltato anche dal regime nazista, quantunque il Nostro non fosse nazista. Signal,  rivista della propaganda hitleriana, non esaltava solo le grandi vittorie della Wehrmacht. Presentava con venerazione la casa slesiana dove il drammaturgo viveva prima dell’apocalisse del 1945.

Non sappiamo istituire confronti quantitativi tra la miseria e le tubercolosi dei Weber e quelle dei canuts, che in quindici anni avevano perso l’82% del salario. All’epoca il Welfare State non albeggiava. A Lione non era cominciata la socialità, modesta ma non irrilevante, di Napoleone III, sovrano che non chiudeva gli occhi sulla brutalità della industrializzazione. In Germania non era sorto l’astro di Otto von Bismarck, il quale si sarebbe fatto convincere da Ferdinand Lassalle a istituire la sicurezza sociale. L’aspro Junker prussiano non si inteneriva per gli umili. Però era il politico superiore a tutti, e faceva la cosa giusta.

Sono passati 170 anni dal dramma dei tessitori slesiani. Oggi nessun Weber che abbia voluto manca di una o più case di villeggiatura. Se non è alle prime armi ha la grossa berlina da viaggio, i figli laureati/diplomati, è partecipe o cogestore della sua fabbrica; la società lo protegge contro tutte le sventure che non siano senza rimedio. A Lione va un po’ meno bene, ma anche i canuts d’oggi sono privilegiati.

Da noi è quasi impossibile solidarizzare con le maestranze iper-organizzate che sono il ferro di lancia della mega-lobby dei lavoratori. E’ anche colpa loro se lo Stivale non ha la cogestione. Oppure se, stremata da un cassa integrazione che può arrivare al decennio, l’Italia non sussidia affatto le famiglie senza reddito. Esse sono i canuts e i weber atterriti del nostro tempo. Solo con loro vogliamo solidarizzare. Coi cassintegrati di lungo corso, no.

Nelle situazioni insanabili si vendano le case microborghesi con cantinetta, garage e mutuo. Facciano a meno degli sport costosi, di fumare e di rimpiangere le vacche grasse. Se le loro fabbriche sono al capolinea, insidiate o soppiantate da metà del globo, non facciano ridere coi cartelli ‘L’acciaio (o l’alluminio, o il volo balneare  per la Sardegna) non si tocca’. Concentrino lo sforzo sull’ottenere per le famiglie 700 euro al mese -veri, per tutto il tempo che servono e a carico dei soli alti redditi. Vadano a vivere in co-housing, condividano l’auto (una sola, non una per ogni membro adulto della famiglia)  con altri del condominio. Entrino nello stile di vita dell’avvenire: si può campare con parecchio meno che negli anni Novanta.

E si informino  su come andava ai canuts e ai weber di un tempo.

A.M.C.

FA STRAGE A SINISTRA LA DEMENZA PANDEMICA

Due immani cetacei, un capodoglio e un’orca assassina, boccheggiano sulla spiaggia dello Stivale dove si sono arenati. Avendo ancora residui di vita, gli spasmi della loro agonia fanno impressione. In acqua erano ferocissimi, sterminavano la fauna, dilaniavano le balene, rovesciavano le baleniere, divoravano gli equipaggi. Ora muoiono.

Il capodoglio è il sinistrismo. Con Gramsci fu similbolscevico, cioè rivoluzionario a parole; divenne stalinista;  poi comunista da Cinecittà; oggi  è ridotto a patrocinare  ardite innovazioni erotico-coniugali. Le grandi opere egualitarie di sinistra sono fallite tutte: da quelle europee del socialismo reale manu militari  a quelle asiatiche del trionfo capitalista in costume Mao. I popoli del pianeta che conobbero il potere marxista lo odiano persino al di là del giusto.

L’orca è il sindacalismo finora consociato al potere. La killer whale  faceva strage di foche cioè di imprese, piccole medie grandi. Se  soccombono tante di queste ultime, se i jobs spariscono a milioni, se gli investitori si dileguano, è soprattutto grazie a settant’anni di  ‘conquiste’  che esportano il lavoro invece che i prodotti. I giovani che il presente e il futuro sgomentano sanno che pagheranno sempre più caro il benessere quasi-borghese conseguito dai padri iperorganizzati, quando le vacche erano grasse e contrastare i sindacati era addirittura reato.

Il sindacalismo viene detto novecentesco, però la sua parabola è durata più di un secolo. La Confederazione generale del lavoro nacque solo nel 1906, ma la redenzione del proletariato cominciò nell’Ottocento. L’assalto al potere padronale fu sacrosanto allora; nel secondo dopoguerra divenne esercizio di privilegi e di omertà. Più tardi, di fronte al prorompere della concorrenza dei paesi di nuova industrializzazione, il sindacalismo si è dato al killeraggio delle imprese occidentali (che pure hanno le loro colpe).

Oggi il sinistrismo e il sindacalismo dell’Occidente propugnano solo cause perse. Fagocitati dal lifestyle consumista, i lavoratori non sono più disponibili per la Rivoluzione, che era la loro arma di deterrenza assoluta. Togliendo i mercati all’Occidente, con ciò stesso la globalizzazione cancella la ragion d’essere del sinistrismo e del sindacalismo. La storia non è finita, come almanaccava quel Fukuyama. E’ certamente finita la commedia della conflittualità rampante. Manifestare con fischietti e avvolti di rosso è sempre più cretino.

A questo punto scoppia l’autentica pandemia di casa nostra: sinistrismo parlamentare e sindacalismo escono di senno. Il 25 ottobre 2014 sono entrati in una guerra che non potranno non perdere. Era già meno folle l’intervento di Mussolini, il 10 giugno 1940.

Più i due ismi attaccheranno, più saranno sbaragliati. Uno sciopero generale moltiplicherà i voti di Renzi e lo divinizzerà come asfaltatore di confederazioni. A sinistra si interstardiranno a esigere ‘politiche per il lavoro’ le quali, richiedendo risorse, sono perfettamente inconcepibili. Nell’ordine capitalista i salari e i ‘diritti’ che si vogliono difendere presuppongono gli imprenditori; gli imprenditori presuppongono i mercati; i mercati sempre più vanno ai produttori nuovi, quelli che non pagano salari a noi.

Tutto ciò il sinistrismo e il sindacalismo lo sanno, perciò invocano gli investimenti pubblici che sono impensabili senza aggravare le tasse su tutti. “Non su tutti, solo sui ricchi” protesta la Camusso. Ma la patrimoniale grossa sui soli ricchi, pur santa,  implica l’uscita dal liberismo, dal Codice civile, dall’Europa, dalle ìstituzioni della repubblica a presidenza monarchica-atlantista-obbediente agli USA-fanatica di quello sfarzo ufficiale che costa più della manutenzione di scuole e torrenti.

Dunque gli investimenti pubblici che creino lavoro sono asini che volano. Che i Fassina e le Camusso credano di proporli – non a chiacchiere innocue come di norma, ma con le lotte dure, con lo sciopero generale, addirittura coll’occupazione delle fabbriche- è prova che a sinistra si è persa la ragione. L’occupazione delle fabbriche, poi, è una trovata neo-gramscista che sembra uscita dalla comicità al semolino di Erminio Macario.

Giorni fa il guru Massimo Cacciari ha rimproverato a Matteo Renzi d’avere annunciato un’epocale fine del posto fisso senza curarsi dello sgomento suscitato. Ma per chiudere la bocca a questo Renzi che si vuole thatcherizzato occorrerebbe saper fare la rivoluzione. La sanno fare Cacciari Camusso Fassina Landini? Se sì-ehm- diranno ai milioni di seguaci immaginari che dopo la rivoluzione non ci saranno né buste paga né conquiste né diritti: solo distribuzione di utili eventuali e magri (l’Asia sempre più produrrà per il pianeta intero)?

Diranno ai  loro guerrieri che, mancando la rivoluzione, la salvezza verrà solo da una Mitbestimmung assai meno dolce per i lavoratori di quella germanica?

Diranno che il benessere anni Ottanta è da dimenticare, la decrescita forte da accettare, le umili virtù e le scodelle di minestra di padri e nonni da riscoprire?

A.M.C.

RENZI ASSUNTO TRA GLI DEI IMMORTALI SE CANCELLERA’ I SINDACATI

Scenario Uno: Renzi batte a braccio di ferro l’Arcibefana delle maestranze organizzate e si limita ad abolire l’Art.18: l’indice di popolarità sale moderatamente. Tutto il resto, come  prima.

Scenario Due: Renzi fa arrestare in massa i duri del sindacalismo e li deporta in Nigeria, per di più impegnandosi a non pagare riscatto in caso di rapimento Boko Haram. I sindacati, soppressi. Risultato: Renzi è divinizzato a furor di popolo (‘Santo subito’), rinasce il culto romano dell’Imperatore.

Di fatto il culto l’aveva prefigurato Alessandro il Macedone, facendosi identificare col Dio Ammon/Zeus dai sacerdoti egizi. Ma il primo sovrano-dio dei Romani fu Cesare Ottaviano, l’Augustus (‘Colui che accresce la prosperità collettiva’). Il culto di Matteo sarà razionale, moderato. Salvo i casi aberranti di hubris/paranoia, tipo Caligola e Commodo, i romani non veneravano l’Imperatore se non  pragmaticamente: perché assicurasse felicitas allo Stato più che agli individui, nella vita terrena non in quella celeste.

Se ci libererà per sempre dai sindacati, Matteo immortale riceverà il culto divino, come a Roma caput mundi: genuflessioni, incensi, ceri, intense liturgie di riconoscenza. Soli miscredenti e bestemmiatori, i 3000 licenziati in violazione dell’Art.18, più una parte della vecchia guardia podagrosa (bersaniana-dalemiana) e dei giovani antichi. In Nigeria la Camusso sposerà Cuperlo, ma l’unione di fatto non reggerà alle prove dell’incontinenza terza età.

E’ vero, molti si attenderanno troppo dalle frotte di investitori che affluiranno da tutti gli Stock Exchange del mondo globalizzato. Si fa presto a dire investimenti. La crescita è una Fata Morgana, faremmo bene a farcene una ragione. La sparizione dei permessi sindacali non basterà a risolvere i problemi che fanno la vita grama.

Però prevarrà la gioia della liberazione. Non più le deprimenti marce di cassintegrati ed ex-maestranze in mantellina rossa, fischietti, fustini di lubrificante sublimati a tamburi della lotta; non più insulsi cortei per pretendere l’impossibile: che le fabbriche uccise dalla concorrenza asiatica, persino mozambicana e slovacca, vadano avanti a pagare salari,  a rispettare conquiste e diritti.

Va da sé, il divo Matteo dovrà fare per intero il lavoro della divinità provvidenziale. I sindacati andavano annichiliti, in quanto correi in tutto il mondo dell’ingigantimento dei divari sociali, One per cent contro tutti. Contestualmente alla cancellazione delle “lotte”- vittoriose quando le vacche erano grasse, sbaragliate da oggi in poi- Matteo immortale, in quanto partner di un grande disegno di salvezza, abolirà for good il rapporto Datore-Prestatore di lavoro. Trasformerà tutte le imprese (negozietti e  mezzadrie rurali escluse) in cogestioni quasi paritarie. Le maestranze conteranno eccome: parteciperanno alla proprietà e al management, con quote da un decimo alla metà secondo gli apporti, i ruoli, le situazioni. Resi in molti modi comproprietari, corresponsabili della sopravvivenza e delle fortune dell’azienda, i lavoratori linceranno chi tenterà di resuscitare le lotte e i diritti. Dovranno aguzzare l’ingegno, darsi da fare perché si producano beni e servizi richiesti dal mercato, non alluminio sardo. Dopo  un calvario di sforzi le fabbriche superflue saranno lasciate morire: alle famiglie assegno di pura sopravvivenza, non di difesa della cantinetta simil-borghese e delle vacanze in B&B.

Per aiutare i lavoratori orfani dei sindacati a diventare soci dei capitalisti, Renzi divinizzato confischerà le grandi fortune, taglierà il decuplo di quanto ha cominciato a fare. I dipendenti delle Camere saranno pagati come parroci di campagna. Il Quirinale e gli altri palazzi del prestigio, chiusi e venduti  agli asiatici. Il Pil e la prosperità di massa scemeranno parecchio, ma parsimonia e ristrettezze faranno bene a tutti, ci risaneranno del consumismo.

Queste e molte altre felicità se, cancellando le Unions e disdetto il patto del Nazareno, il divo Renzi si farà adorare come un imperatore romano.

Porfirio

L’EUROPA DEI PENSATORI SINDACALI

Negli anni scorsi erano più frequenti che oggi le invocazioni all’Europa sociale: a un riequilibrio della costruzione europea nella direzione del sociale, a un patto per il lavoro che, secondo una formulazione di socialdemocratici tedeschi, realizzasse “una migliore coordinazione tra gli Stati membri volta a stimolare l’espansione”. Ma non si era chiari su quali avrebbero potuto essere le misure di rilancio.

Gli Stati membri dell’Unione Europea compongono un contesto di grande sofisticazione culturale. Tutto ciò che possono fare in pro dell’espansione lo fanno già. Allora ciò che in realtà si proponeva e si propone è il ritorno all’assistenzialismo. Ma il lavoro vero lo crea il mercato, non i governi. Quando questi ultimi ‘creano’ in realtà pagano salari artificiali col denaro dei contribuenti. Il che potrebbe anche andare, ove si producessero beni nuovi e vendibili.

Invece nelle economie ipersviluppate quasi mai esistono beni nuovi che siano vendibili, a parte il caso di invenzioni clamorose, i cellulari per esempio. Tutto ciò che il mercato richiede è già offerto dai produttori esistenti. Si possono però produrre beni fuori mercato, da regalare: rimboschire tutte le montagne, bonificare in grande l’ambiente, dare una casa e una protesi proprio a tutti, accogliere molti più immigrati dal mondo della miseria, portare le plebi alla cultura e alle arti, molte altre cose di elevata eticità.

Però mobilitare le risorse per opere così nobili esige una rivoluzione spirituale, per la quale palingenesi tutti i governi che conosciamo, cominciando da quello multinazionale che regge l’Europa, sono impotenti. Occorrerebbe un nuovo Lutero, meglio un nuovo Maometto, un grande capo capace di lanciare valori rivoluzionari e di convertire ad essi le società, non i ministri i commissari i parlamentari europei, tutti follemente innamorati dell’Ideale. Un tale nuovo Maometto ce l’hanno i promotori dei ‘Patti per il lavoro’ oppure contano di trasformare le società con le loro mozioni e direttive comunitarie?

Che poi, i beni prodotti nei posti di lavoro ‘creati’ dai ministri sarebbero competitivi con quelli dei continenti che, grazie anche alla ‘arretratezza’ delle loro legislazioni sul lavoro, si industrializzano in fretta ? Tipica risposta dei proponitori di misure espansive della mano pubblica: “Va creato lavoro di qualità”. Una volta una laburista, Ms Helen Liddell sottosegretaria all’Economia nel governo Blair, formulò un programma di insipienza irraggiungibile:  “Essere competitivi sul mercato globale implica un’economia altamente qualificata con alti salari”.

Dov’è il problema, allora? Per affrontare lo scontro finale con la Cina, alziamo i salari e abbiamo vinto! Draghi cinesi, tigri asiatiche, coyoti sudamericani non fatevi illusioni. Ogni incremento in busta paga a Dortmund, Lille e Mirafiori è un chiodo nella vostra bara.

E poi voi di pensatori sindacali ne avete pochi. Noi invece, abbiamo pensatori sindacali e Labour per qualsiasi necessità. Alzando le paghe, e non di poco, vi spegneremo voi draghi tigri e coyoti.

J.J.J.

A SINISTRA, CONTRO I SINDACATI

Basta nominarlo perché i sindacati si tappino occhi e orecchie (sfortunatamente la bocca no): è il famigerato articolo 18. Il divieto di licenziamento senza “giusta causa” per le aziende con più di 15 dipendenti. Ma cosa ha scatenato nuovamente la discussione?

Di recente il ministro del Welfare, Elsa Fornero, ha dichiarato che il governo intende mettere in atto una riforma complessiva del mondo del lavoro. In particolare si vorrebbe superare il dualismo tra lavoratori a tempo indeterminato (circa 15 milioni) e quelli che sono costretti ad arrangiarsi tra contratti “flessibili” e “precari” (circa 10 milioni). La soluzione che si vorrebbe proporre contro questa disparità, che è in primo luogo generazionale visto che sono soprattutto i giovani quelli che non trovano lavoro se non in forme scandalosamente non tutelate, è un modello contrattuale unico. In particolare si prende in considerazione la “proposta Ichino”: tutti i nuovi assunti (salvo eccezioni evidenti, come certi lavori stagionali) sarebbero inquadrati in un’unica forma contrattuale a tempo indeterminato che prevede da subito alcune tutele, che crescono (insieme al salario) con l’andare del tempo. A questa maggior flessibilità all’ingresso del mercato del lavoro ne corrisponderebbe una analoga all’uscita, prevedendo che si possa licenziare per “motivi economici” e non solo per giusta causa. In questo caso però, il datore (con l’aiuto dello Stato) deve mantenere il lavoratore per un periodo adeguato (per ora si parla di 1-3 anni) con la retribuzione che progressivamente degrada nel tempo (ad ora si ipotizza dal 90% al 70%), di modo che questi possa ri-formarsi se necessario e reinserirsi nel mercato del lavoro.

Stante quanto sopra premesso, sarebbe ovviamente necessaria una modifica all’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Perché il contratto unico funzioni è necessario che il datore possa licenziare per motivi economici, altrimenti una flessibilità solo in entrata porterebbe il modello a collassare in breve tempo. Se un’azienda assumesse in un ciclo di espansione economica, ma non potesse licenziare quando il ciclo rallenta o si inverte, andrebbe incontro al fallimento. Ma i sindacati, che fanno gli interessi dei loro iscritti (in prevalenza pensionati e lavoratori a tempo indeterminato), vedono questa proposta come il fumo negli occhi e preannunciano battaglia. La cosa irritante è che, già dalle prime dichiarazioni, non sembra che abbiano molto interesse ad una discussione sul merito di questa riforma, ma che anzi preferiscano difendere acriticamente l’articolo 18 come una sorta di feticcio, accusando chiunque voglia modificare lo status quo di voler minare le fondamenta della civiltà moderna. Si pensi solo che Susanna Camusso ha usato come argomentazione che l’articolo 18 impedisce licenziamenti per opinioni politiche, sindacali o orientamenti sessuali: niente di più assurdo. Quei licenziamenti contrastano con la Costituzione, con i Trattati dell’Unione europa, con la Convenzione per i Diritti dell’Uomo e con una ridda di altre leggi e trattati internazionali. Il licenziamento preso in considerazione specificamente dall’articolo 18 è un’altra cosa, riguarda la “giusta causa”, tipizzata in giurisprudenza in modo piuttosto restrittivo.

Si dirà, i sindacati fanno il loro mestiere. Viene però da chiedersi chi rappresenterà quei 10 milioni di lavoratori, giovani e precari, che trarrebbero beneficio da questa riforma e che invece vengono da un lato sfruttati dai padroni, e dall’altro illusi da cgil-cisl-uil i quali sostengono di volere il contratto a tempo indeterminato per tutti, ma sanno benissimo che chiedere una cosa impossibile è il modo migliore per non cambiare nulla (e continuare a ipertutelare i loro iscritti, anziani e a tempo indeterminato). Da sinistra, cioè dal punto di vista di chi da sempre vuole tutelare i più deboli, non si può che essere contro questi sindacati.

Tommaso Canetta

da LaStecca

GIOVANI: CON LA BCE, NON COI SINDACATI

Se essere di sinistra da sempre significa stare dalla parte dei deboli, chi oggi voglia dirsi tale non può che stare dalla parte dei giovani. Un tasso di disoccupazione più che triplo rispetto alla media della popolazione, prospettive scarse per il futuro, situazioni paradossali in cui chi è più qualificato meno facilmente trova lavoro rendono le persone con meno di 30 anni il quarto stato di oggi. E dunque, che fare?

In Italia la situazione è come sempre ingarbugliata. I ragazzi che scendono in strada “Indignati”, marciano al fianco di No Tav, antagonisti assortiti, partiti di estrema “sinistra” e sindacati di varia natura. Come se le pecore andassero a manifestare contro la macellazione al fianco degli amanti della costoletta.

Seguire chi bercia nel megafono che si devono difendere le pensioni da qualsiasi riforma, proteggere gli impiegati pubblici da un qualsiasi vaglio di merito, preservare la legislazione sui rapporti di lavoro da qualsiasi innovazione e, allo stesso tempo, dare spazio ai giovani, nella migliore delle ipotesi è ingenuità. Ma come faccio, io azienda, ad assumere 30 giovani qualificati senza mandare a spasso i 30 peggiori dipendenti anziani? Che poi nessuno chiede che vengano gettati dal Monte Taigeto, sarebbe sufficiente licenziarli dandogli un onesto preavviso e un’onesta liquidazione. Basta dire una cosa del genere perchè si invochi il fascismo di Stato. Ma allora per cosa si manifesta? Per la pietra filosofale?

Se i giovani vogliono trovare spazio e avere prospettive non è la linea della Cgil, ma quella della Banca Centrale Europea che dovrebbero sostenere. Basta coi veti delle corporazioni (ordini professionali, sindacati, mestieri e compagnia danzante) e si permetta all’aria fresca di circolare. Non si può continuare a tenere compressa sotto un tappo la potenzialità delle nuove generazioni, perchè altrimenti le vecchie vedrebbero compromessi i loro privilegi. Ci spiace, ma non fare un cazzo e avere un tenore di vita medio non devono essere due cose compatibili.

Allora anche i ragazzi la smettano di inseguire i pifferai magici di turno che promettono l’impossibile. E’ arrivato il momento di scegliere se continuare a ipertutelare i vecchi o aprire ai giovani: millantare di voler fare ambo le cose è solo una scusa per non cambiare nulla. I ragazzi abbiano l’intelligenza di stare dalla parte di chi li potrebbe favorire.

Specialmente nel pubblico impiego, nelle professioni, nell’accademia è necessaria una rivoluzione più che una riforma. Servono soldi, vanno trovati subito (quindi va bene la lotta all’evasione fiscale, ma non può essere una voce del bilancio dell’anno prossimo) e in modo credibile (quindi va bene tagliare i costi della politica, va bene ridurre le spese militari, ma ricordiamoci che “la ciccia” sta altrove). Stare dalla parte di chi, di fatto, difende l’esistente e impedisce ogni razionalizzazione delle risorse è puro suicidio. Se poi scendere in piazza per dire che “siamo incazzati” è legittimo e forse anche utile, allora si usi più attenzione nello scegliersi i compagni di strada.

Tommaso Canetta

SINDACATI NEMICI DEL POPOLO

Il capitalismo ha vinto troppo, per l’insipienza o la follia delle varie sinistre. Sarebbe giusto che appena possibile gli alti redditi fossero semiconfiscati con le patrimoniali, coll’umiliazione dell’alto management, con la persecuzione degli yacht e delle banche offshore, con il licenziamento a titolo d’esempio di un burocrate e di un boiardo su dieci.

Al tempo stesso occorrerebbe che il diritto del lavoro alla italiana/francese venisse riformato, che i fossero depenalizzati e il diritto di licenziare allargato; che trionfasse la cogestione, implicante la partecipazione dei lavoratori alla gestione -profitti e perdite- delle imprese. Dimostra una volta di più quest’ultimo aspetto l’economia tedesca: con la Mitbestimmung, cioè con la sterilizzazione dei contenziosi industriali, essa avanza impetuosa anche nel 2010, laddove i concorrenti stranieri si indeboliscono.

Oggi che la globalizzazione fa chiudere le imprese incapaci di abbassare i costi, risulta ancora più dimostrato che le conquiste sindacali rafforzano il capitalismo e impoveriscono i poveri. Charles de Gaulle cadde anche perché i francesi nelle loro fissazioni e abitudini non capirono la sua Troisième Voie tra capitalismo e comunismo. Ma aveva ragione lui. Più ancora: aveva avuto ragione Miguel Primo de Rivera, benevolo dittatore della Spagna tra il 1923 e il ’30. Imponendo l’arbitrato obbligatorio attraverso organismi paritari imprenditori/lavoratori, azzerò una conflittualità esasperata che aveva fatto scorrere non poco sangue e reso necessario il governo militare. Tutti indistintamente gli storici ammettono che sotto Primo de Rivera la condizione dei lavoratori migliorò, anche perché nacque il primo Welfare State della storia nazionale. Con Primo (che i suoi pari Grandi di Spagna combatterono) collaborò apertamente il socialista di sinistra Francisco Largo Caballero, futuro primo ministro della Repubblica in guerra contro Franco.

Oggi c’è l’attacco sinistrista alla Fiat, nel nome dei diritti. Ma è lampante che le nostre leggi sul lavoro, deformate negli anni Settanta, vanno riscritte: sono squilibrate, privilegiano i pochi ai danni dei molti, fanno espatriare le industrie. Se a Melfi e a Pomigliano vincesse la Fiom con l’ufficiale giudiziario e l’appoggio degli intellettuali con ombrellone a Capalbio, il logico risultato sarebbe, prima del previsto, il trasloco delle linee in Serbia, nel Michigan, persino nel Baden-Wuerttemberg dove impera la cogestione. Se altre toghe sentenzieranno ai sensi degli anni Settanta, Marchionne esulterà. Riuscirà a restare grande produttore fabbricando nel mondo, non dove esige la carta da bollo.

Peraltro è vero: più Capalbio gargarizzerà dalla parte delle maestranze con tessera sindacale, cioè contro i precari e i senza lavoro, meglio andrà a Berlusconi, a chi farà le sue veci, alla dittatura dei capitali. Se dovrà esserci una rimonta della socialità contro la ricchezza, occorrerà che il sindacato e il gauchisme vengano messi fuori gioco.

Jone