THEODORE ROOSEVELT: HOW WE OVERTHREW CORRUPT TAMMANY HALL

Internauta offre al Rottamatore, come a chiunque altro sogni di combattere la corruzione, la testimonianza di chi vinse una grossa battaglia contro la cupola del malcostume a New York: Theodore Roosevelt. Aiutato, come i  suoi quinti cugini Franklin Delano e Anna Eleanor, dal fatto d’appartenere a una famiglia del grande patriziato, a 37 anni il Nostro fu messo a capo del Police Board della metropoli. Il successo fu totale: governatore dello Stato a 40 anni, presidente degli Stati Uniti a 43, premio Nobel per la pace a 48. Ecco come raccontò la sua bonifica nella rivista Atlantic (1897).

“In New York, in the fall of 1894, Tammany Hall was overthrown by a coalition composed partly of the regular Republicans, partly of anti-Tammany Democrats, and partly of Independents. Under the last head must be included a great many men who in national politics habitually act with one or other of the two great parties, but who feel that in municipal politics good citizens should act independently. The tidal wave, which was running high against the Democratic party, was undoubtedly very influential in bringing about the anti-Tammany victory; but the chief factor in producing the result was the widespread anger and disgust felt by decent citizens at the corruption which under the sway of Tammany had honeycombed every department of  the city government.

The center of corruption was the police department. No man not intimately acquainted with both the lower and the humbler sides of New York life -for there is a wide distinction between the two- can realize how far this corruption extended. Except in rare instances, where prominent politicians made demands which could not be refused, both promotions and appointments toward the close of Tammany rule were almost solely for money, and the prices were discussed with cynical frankness. There was a well-recognized tariff of charges, ranging from two or three hundred dollars for appointment as a patrolman, to twelve or fifteen thousand dollars  for promotion to the position of captain. The money was reimbursed to those who paid it by an elaborate system of blackmail. This was chiefly carried on at the expense of gamblers, liquor sellers, and keepers of disorderly houses; but every form of vice and crime contributed more or less, and a great many respectable people who were ignorant or timid were blackmailed under the pretense of forbidding or allowing them to violate obscure ordinances, and the like.

In May1895, I was made president of the newly appointed police board, whose duty was to cut out the chief source of civic corruption in New York by cleansing the police department. We could not accomplish all that we should have liked to accomplish, for we were shackled by preposterous legislation, and by the opposition and intrigues of the basest machine politicians. Nevertheless, we did more to increase the efficiency and honesty of the police department than had ever previously been done in its history.

Beside suffering, in aggravated form, from the difficulties which beset the course of the entire administration, the police board had to encounter certain special and peculiar difficulties. It is not a pleasant thing to deal with criminals and purveyors of vice. It is a rough work,and cannot always be done in a nice manner.

The Tammany officials of New York, headed by the comptroller, made a systematic effort to excite public hostility against the police for their warfare on vice. The lawbreaking liquor seller, the keeper of disorderly houses, and the gambler had been influential allies of Tammany, and head contributors to its campaign chest. Naturally Tammany fought for them; and the effective way in which to carry on such a fight was to portray with gross exaggeration and misstatement the methods necessarily employed by every police

force which honestly endeavors to do its work.

Tammany found its most influential allies in the sensational newspapers. Of all the forces that tend for evil in a great city like New York, probably no other is so potent as the sensational press. If the editor will stoop, and make his subordinates stoop, to raking the gutters of human depravity, to upholding the wrongdoer and assailing what is upright and honest, he can make money.

In administering the police force, we found, as might be expected, that there was no need of genius, nor indeed of any very unusual qualities. What was required was the exercise of the plain, ordinary  virtues, of a rather commonplace type, which all good citizens should be expected to possess. Our methods for restoring order, discipline and efficiency were simple.  We made frequent personal inspections, especially at night, going anywhere, at any time. We then proceeded to punish those who were guilty of shortcomings, and to reward those who did well. A very few promotions and dismissals sufficed to show our subordinates that at last they were dealing with superiors who meant what they said, and that the days of political  “pull” were over while we had the power. The effect was immediate.

A similar course was followed in reference to the relations between the police and citizens generally. There had formerly been much complaint of the brutal treatment by police of innocent  citizens. This was stopped peremptorily by the obvious expedient of dismissing from the force the first two or three men who were found guilty of brutality. On the other hand, if a mob threatened violence, we were glad to have the mob hurt. If a criminal showed fight, we expected the officer to  use any weapon that was requisite to overcome him on the instant. All that the board required was to be convinced that the necessity really existed. We did not possess a particle of the maudlin sympathy for the criminal, disorderly, and lawless classes which is such a particularly unhealthy sign of social development.

To break up the system of blackmail and corruption was less easy. The criminal who is blackmailed has a direct interest in paying the blackmailer, and it is not easy to get information about it.

It was the enforcement of the liquor law which caused most excitement. In New York, the saloon-keepers have always stood high among professional politicians. Nearly two thirds of the political leaders of Tammany Hall have been in the liquor business at one time or another. The influence the saloon-keepers wield in local politics has always been very great, and until our board took office no man ever dared seriously to threaten them for their flagrant violations of the law. On the other hand, a corrupt police captain, or the corrupt politician who controlled him, could always extort money from a saloon-keeper by threatening to close his place. The amount collected was enormous.

In reorganizing the force the board had to make, and did make, more promotions, more appointments, and more dismissals in its  two years of existence than had ever before been made in the same length of time.The result of our labors was of value to the city, for we gave the citizens better protection than they had ever before received, and at the same time cut out the corruption which was eating away civic morality. We were attacked with the most bitter animosity by every sensational newspaper and every politician of the baser sort, because of what we did that was good. We enforced the laws as they were on the statute books, we broke up blackmail, we kept down the spirit of disorder and repressed rascality, and we administered the force with an eye single to the welfare of the city.

Our experience with the police department taught one or two lessons which are applicable to the whole question of reform. Very many men put their faith in some special device, some special  bit of legislation or some official scheme for getting good government. In reality good government can come only through good administration, and good administration only as a consequence of a sustained -not spasmodic- and earnest effort by good citizens to secure honesty, courage, and common sense among civic administrators. If they demand the impossible, they will fail; if they do not demand a good deal, they will get nothing. But though they should demand much in the way of legislation, they should make their special effort for good administration. A bad law may seriously hamper the best administrator, and even nullify most of his efforts. But a good law is of no value whatever unless well administered.

(Theodore Roosevelt , 1897)

NEW YC

In queste foto viene rimosso il soggetto più importante: le Torri Gemelle. Questo (e l’utilizzo del bianco e nero) ci permette di concentrarci su quanto resta. Il vuoto, che vuoto non è, se consideriamo lo skyline attuale di New York. L’ambiente che resta intorno, coinvolto ma anche indifferente alla tragedia. Il fumo, che sembra aleggiare come una sinistra presenza sulla città.

Il mito dell’inviolabilità del suolo americano è stato appena infranto. L’immagine quasi testimonia una sorta di rimozione collettiva: quanto sarebbe bello se quel fumo fossero solo nuvole basse su Manhattan, quanto sarebbe bello se quelle sagome scure nel bianco fossero uccelli in volo. Invece la tragedia è resa ancora più intensa là dove viene privata degli effetti più scenografici. Nessuno può guardare la foto e quasi esclamare di ammirazione per l’effetto visivo. L’affermazione di Stockhausen per cui l’11 settembre è l’opera d’arte più grande del mondo, qui perde di significato.

L’americano medio, e come lui qualsiasi essere umano, è costretto a guardare dritto in faccia l’accaduto, senza colori sgargianti o effetti speciali da film che possano distrarre la ragione dalla cruda realtà. Scomparso il soggetto, scomparsa l’emotività, restiamo a guardare sconcertati un’immagine che unisce il passato e il presente, il momento della tragedia e il futuro. Un modo per tornare a osservare, a distanza di anni, e con maggiore lucidità, la tragedia dell’11 settembre.

www.chrissabbatini.com

C’É DEL MARCIO A NEW YORK

C’è del marcio a New York. E il furore intorno alla moschea di Ground Zero è solo la punta dell’iceberg. La vicenda che ha rimesso la Grande Mela al centro del dibattito nazionale e internazionale, infatti, è solo la punta dell’iceberg di un crescente scontro culturale che avvolge l’America fin dal 2001, ovvero dai giorni dell’Operazione Enduring Freedom e dell’imporsi all’attenzione pubblica del concetto di ‘Islamofascismo’. Uno scontro culturale che si propaga senza sosta in lungo e in largo per gli Stati Uniti, proprio come un rapido contagio, infiammando l’opinione pubblica in un periodo di grande scontento generale.

Arrivati a questo punto, la questione riguardo il diritto o meno all’esistenza della moschea prevista al Park51 dovrebbe già essere stata risolta. Nella decisione non dovrebbe essere determinante l’evidenza che negli immediati dintorni di Ground Zero ci siano già altre due moschee, la Majid Manhattan e la Masjid al-Farah: la vera risposta, supportata dalla Costituzione Americana, è che la moschea Park51 – molto semplicemente – ha diritto di sorgere lì. Ma ciò non ha placato il temperamento di persone come Pamela Geller e Robert Spencer, che tramite la loro associazione ‘Stop Islamization of America’ (SIOA) hanno dichiarato guerra totale a quella che definiscono la ‘Moschea della Supremazia Islamica’. Un’associazione che, stando al loro sito, difende la ‘libertà religiosa’:

Ricordate: siamo in guerra. Stiamo combattendo per la nostra nazione, per i nostri valori e per i principi costituzionali di libertà che hanno reso grande l’America. Siamo in guerra per la libertà di parola, l’uguaglianza dei diritti delle donne, e per la libertà di coscienza – tutte cose negate dalla legge islamica.

Le incongruenze sono visibili a occhio nudo. Se la SIOA combatte per la difesa dei valori americani, non dovrebbe essere a favore della costruzione di una moschea guidata da un imam moderato? Non dovrebbe, la SIOA, essere dalla parte dei musulmani americani che sono morti nell’attacco dell’11 Settembre, e di quelli che – ancora oggi – combattono in Afghanistan e in Iraq? E, soprattutto, contro chi stanno combattendo i ‘patrioti’ americani della SIOA? Dando una rapida occhiata ai confini americani, non mi sembra di vedere orde di barbari che si riuniscono con aria sediziosa preparandosi alla presa della Casa Bianca.

Ma i sostenitori della filosofia della SIOA (che è poi quello dei Tea Parties, e dunque di Glenn Beck e Sarah Palin) non sono particolarmente preoccupati delle incongruenze. Il loro è un mantra di supremazia etno-religiosa, e la loro islamofobia si sta rapidamente trasformando in una nuova e rabbiosa forma di razzismo. La SIOA ha programmato un raduno per il prossimo 11 Settembre e uno degli ospiti invitati a parlare sarà l’estremista politico olandese Geert Wilders, che in un’intervista ha affermato che ‘l’Islam non è una religione, ma un’ideologia: l’ideologia di una cultura ritardata’. Quello che preoccupa è la constatazione che questo sentimento, una volta relegato nella marginalità di subculture sotterranee e minoritarie, stia ora lentamente uscendo allo scoperto, fino a diventare mainstream.

Movimenti contrari alla costruzione di questa e altre moschee stanno fiorendo in varie parti d’America. A Temecula, in California, gruppi di manifestanti si sono riuniti brandendo cartelloni con la scritta ‘No Allah Law Here’, in aperta ostilità con il Centro Islamico di Temecula Valley, che vorrebbe costruire una moschea di oltre 2.000 metri quadrati su alcuni terreni inutilizzati di cui è già entrato in possesso. Un Centro Islamico a Florence, Kentucky, è apertamente attaccato da un website anonimo (‘Stop the Mosque’), e inoltre vi sono state diverse segnalazioni di un anonimo oppositore – soprannominato ‘il vigilante’ – che va in giro appendendo volantini che intimano l’immediato stop dei lavori di costruzione della moschea. E poteva forse mancare un bel rogo di libri? Terry Jones, il pastore del Dove World Outreach Center di Gainesville, in Florida, sta programmando una giornata internazionale dedicata a bruciare il Corano (International Burn a Quran Day), ovviamente per il prossimo 11 Settembre. Lo scopo dichiarato è quello di inviare ‘un messaggio molto chiaro, e radicale, ai musulmani: la legge della Sharia non è la benvenuta in America’.

L’islamofobia ha trovato risonanza anche fra i politici di professione. Il New York Times riporta che il repubblicano Allen West ha definito l’Islam ‘un nemico pericoloso’, mentre un suo compagno di partito, il candidato al Congresso Ron McNeil, ha attaccato l’Islam definendolo una minaccia ‘al nostro modo di vivere’. E come se tutto ciò non fosse abbastanza, alcune frange stanno convertendo in chiare manifestazioni di violenza questi discorsi di stampo intollerante. Il 25 Agosto, a New York City, il tassista Ahmed Sharif è stato brutalmente accoltellato da uno squilibrato che poco prima gli aveva chiesto se era musulmano. E il giorno dopo, nel Queens, un uomo è piombato nella Moschea Imam ad Astoria e ha urinato sul tappeto delle preghiere.

E’ ormai evidente quello che sta succedendo: vaghe e infondate dichiarazioni di intolleranza, basate su razzismo e odio etno-religioso, stanno trovando discepoli volenterosi. Ma ancora più evidente è la mutazione di questo programma estremista: da filosofia spicciola e minoritaria, intrisa d’ignoranza, a fenomeno politico e sociale.

Un recente sondaggio del Pew Research Center for the People and the Press ha rilevato che un numero sempre crescente di americani (ora il 18%) crede che il Presidente Barack Obama sia musulmano. Questo risultato, chiaramente, è da mettere in relazione al generale malcontento della Middle Class americana, ma non può sfuggire che evidenzia anche la presenza di una volontà mistificatoria nei confronti del Presidente. “I dati del Pew hanno evidenziato che fra Repubblicani e Conservatori – ovvero i gruppi che non amano Obama – raccoglie sempre più adesioni la credenza che Obama sia musulmano”, scrive David P. Redlawsk, direttore dell’Eagleton Center per i Sondaggi di Interesse Pubblico.

Ma, chi sono questi islamofobi? Da dove viene la loro rabbia? E ancora, qual è l’elemento unificante dei loro – variegati – sentimenti ostili? E’ forse l’Islam in quanto tale? La disoccupazione? La mancanza di fiducia verso i politici di Washington? O magari la sfiducia, più in generale, nella democrazia? Dichiararsi sostenitori dei valori americani di libertà è un’affermazione senza dubbio vaga (non siamo forse una società pluralista in cui convivono molti, e diversi, concetti e principi di libertà?), ma la formulazione di un mantra aggressivo, basato su concetti ideologici e astratti, è chiaramente il fondamento di un pericoloso populismo.

Con i dati sull’occupazione praticamente immobili, e con quelli legati all’economia che promettono generazioni perdute invece che una riedizione dei bei tempi d’oro, la rabbia che sentono gli americani potrebbe essere – a volerle dare un nome più preciso – quella della perdita di opportunità. L’America, da sempre, è la terra del sogno; oggi, tuttavia, sembra offrire soprattutto pignoramenti e code di disoccupati. Arianna Huffington dell’Huffington Post ha perfino cominciato a definire il paese ‘un’America del Terzo Mondo’. Ma la ricerca di un’anima vera per questo paese confuso, e magari anche del vocabolario adeguato per esprimere la sua rabbia, andrebbe condotta prima che l’epoca di Obama si tramuti – suo malgrado – in una Repubblica di Weimar a stelle e strisce; prima che i discorsi improntati all’odio e alla diffamazione possano essere catalogati come cupo antipasto di un clima di vera e propria violenza islamofobica.

Il rischio è che i musulmani americani si ritrovino, loro malgrado, a essere i capri espiatori di una lista di problemi più ampi. Le pene degli americani di oggi, siano esse di natura politica o economica, appartengono a tutti, dai banchieri di Wall Street ai deputati del Congresso, per finire ai comuni cittadini elettori.

Alla fine dei conti, se c’è qualcosa che possiamo imparare da questo polverone e dalle grida che si sono alzate intorno a parole quali ‘valori’ e ‘libertà’, è che non c’è niente di più anti-americano che prendersela con un gruppo di individui per una crisi che appartiene all’intera collettività.

Andrew Z. Giacalone
traduzione di Leonardo Staglianò

photo: nowtheendbegins.com