TIME: OBAMA COME BUSH

Il titolo-calembour dell’articolo di Stephen L. Carter (TIME Jan.10, 2011) è “Man of war”. Com’è noto,”man of war” è anche lo strano nome di una fregata d’altri tempi. Recita il catenaccio: How does Barack Obama differ as a commander in chief from his swaggering predecessor? A lot less than you might think. A questo punto… Continua a leggere TIME: OBAMA COME BUSH

NON 50 MILIONI I MORTI SE A DOWNING ST CI FOSSE STATO KEYNES

Ha scritto il recensore, Massimo Giannini, di Sono un liberale?, raccolta Adelphi di saggi di John Maynard Keynes (opportunamente presentato come ‘cervello straordinario’ e come il progettista della vera Terza Via tra socialismo e capitalismo) che un presupposto fondante del pensiero di Keynes era . E’ passato mezzo secolo da quando un’affrettata valutazione di John… Continua a leggere NON 50 MILIONI I MORTI SE A DOWNING ST CI FOSSE STATO KEYNES

THREE MILLION INDIANS DIED BECAUSE OF CHURCHILL

da TIME

In recent years I have been trying (in The Daily Babel too) to show with historic evidence that Winston Spencer Churchill, far from having acted as a champion of freedom and civilization, was one of the worst warmongers of the XX century. And that Britons should detest him as the national leader who, while impelling… Continua a leggere THREE MILLION INDIANS DIED BECAUSE OF CHURCHILL

Una nuova guerra, perché?

Tutte le guerre che occupano le pagine dei nostri libri di storia e che fanno giudicare i periodi di pace niente più che intervalli fra una guerra e l’altra non hanno impedito che la gente continui a pensare che un conflitto armato fra popoli o stati sia un avvenimento eccezionale. “Guerra e Pace” è il… Continua a leggere Una nuova guerra, perché?

AFGHANISTAN: When sepoys die

Every time a non-American Nato warrior is killed in Afghanistan some politicians and/or gurus in the country of the dead rinse their throats with the syllogism (sort of): casualties must be accepted so the crusade for democracy and human rights will triumph. Is it so? Apart that most crusades in history failed, the truth is… Continua a leggere AFGHANISTAN: When sepoys die

ROOSEVELT ED ALTRI MACELLAI DI POPOLI

L’impostura della guerra democratica E’ abbastanza corta la lista comunemente accettata dei guerrafondai “immediati”, cioè che presero le decisioni finali e irreparabili, nel Novecento. Guglielmo II; gli austriaci Berchtold e Conrad von Hoetzendorff, qualche altro ministro o maresciallo; i governanti giapponesi dalle guerre a Corea e Cina a Pearl Harbor; Adolf Hitler; Mussolini. Venti, trenta… Continua a leggere ROOSEVELT ED ALTRI MACELLAI DI POPOLI