SVIZZERA: IN CHE SENSO DEMOCRAZIA DIRETTA

Le assemblee rappresentative non sono sovrane: l’ultima parola spetta al popolo. Senza ratifica popolare leggi e delibere non hanno effetto. I cittadini decidono anche quando non votano: i politici hanno paura di loro. Estratti da un tableau costituzionale dell’esperto elvetico Hans Tschaeni.

In tutti i Cantoni il popolo nomina direttamente gli amministratori-governanti. In alcuni di essi vige inoltre il referendum legislativo obbligatorio. Nei cinque cantoni della “Landsgemeinde” (Obvaldo, Nidvaldo, Glarona, Appenzello esterno e Appenzello interno) vige ancora la democrazia diretta pura: il popolo riunito in assemblea delibera in proprio sugli affari pubblici. I rappresentanti eletti hanno solo compiti organizzativi e consultivi. Landsgemeinde è dunque il nome dell’Arengo dei cittadini che si riunisce all’aperto per legiferare, nonché per eleggere il governante cantonale (landamano) e i giudici.

A livello federale il popolo ha il diritto di accettare o rigettare per referendum le leggi importanti, cominciando da quelle costituzionali, adottate dal parlamento della Confederazione: per questo la democrazia elvetica è definita anche “referendaria”. A livello nazionale il referendum deve svolgersi se chiesto da 30.000 aventi diritto, oppure da 8 cantoni. Anche i trattati conclusi a termine indeterminato o per più di 15 anni sono soggetti a referendum facoltativo. I decreti urgenti vanno sottoposti a referendum entro un anno dalla conversione in legge da parte dell’assemblea parlamentare. A livello cantonale il referendum, istituto tipicamente svizzero, è assai frequente. Solo attraverso esso il popolo può esercitare un influsso concreto, durevole e, soprattutto, preventivo sui legislatori eletti: anzi assurge esso stesso a legislatore. La “ghigliottina” del referendum è micidiale: il 60% dei progetti di legge approvati dal governo e dal parlamento e sottoposti a votazione popolare sono stati respinti dai cittadini.

Sotto molti aspetti è il timore del referendum che determina la nostra legislazione. Da una parte il referendum rappresenta il mezzo più efficace perché il popolo possa controllare il parlamento e i partiti e arginare l’influenza dei gruppi di pressione; dall’altra la necessità del compromesso che esso comporta agisce spesso da freno alle innovazioni temerarie. Ci si rifugia nel compromesso per non vedere respinto un disegno di legge.

Nella democrazia elvetica può persino accadere che il cittadino sia obbligato a farsi eleggere. In molti cantoni e comuni vige l’Amtszwang, obbligo di accettare una carica pubblica. Nel cantone dell’Appenzello interno l’obbligo vale fino al sessantacinquesimo anno d’età. Per dieci anni il cittadino è tenuto a svolgere ruoli giudiziari o amministrativi: logica conseguenza del suo diritto di intervenire in misura considerevole nella gestione della cosa pubblica.

A.M.C.

GLI ELETTI NON SONO SOVRANI

Perché la Svizzera si definisce democrazia diretta.

L’ultima parola spetta al popolo: le leggi entrano in vigore
solo in seguito a ratifica popolare. L’uomo della strada
decide anche quando tace: fa paura ai politici. Estratti da un
tableau costituzionale di Hans Tschaeni.


la Svolta, 4 aprile 1997

“In tutti i cantoni il popolo nomina direttamente il governo. In alcuni di essi vige inoltre il referendum legislativo obbligatorio. Nei cantoni della cosiddetta Landsgemeinde esiste persino la democrazia diretta pura: è il popolo riunito in assemblea che decide sugli affari pubblici. Gli eletti hanno solo compiti organizzativi e consultivi.

“Uno dei diritti politici essenziali del cittadino svizzero è la “iniziativa”: una domanda firmata da un certo numero di cittadini dà avvio alla procedura per l’introduzione di norme nuove. L’iniziativa è dunque il diritto popolare di proporre nuove disposizioni di legge; le autorità -non quelle federali- sono obbligate a decidere in merito. Meno dell’11% delle iniziative promosse negli ultimi trent’anni fu accettato dai cittadini. Di solito i postulati che sono oggetto delle iniziative popolari mancano dei necessari elementi di compromesso; servono però a far sfogare il malcontento delle minoranze.

“Il referendum è il diritto degli svizzeri di pronunciarsi su accettazione o rigetto delle leggi importanti adottate dall’Assemblea federale. Sono i cittadini a decidere se una legge debba entrare in vigore. Il referendum è dunque il più significativo tra i diritti politici degli elvetici. Per questo la nostra democrazia è definita anche referendaria. A livello nazionale il referendum facoltativo deve tenersi se è chiesto da 30.000 aventi il diritto di voto, oppure da otto cantoni. Anche i trattati internazionali conclusi per una durata indeterminata o per più di 15 anni sono soggetti a referendum. Per quanto esista in altri paesi, il referendum è un’istituzione tipicamente svizzera. Soltanto attraverso di esso il popolo può esercitare un influsso concreto, durevole e soprattutto preventivo sul legislatore. Non permette ai cittadini di intervenire nell’elaborazione di una legge o di un decreto, ma dà loro la possibilità di influire indirettamente sul legislativo e sull’esecutivo, e persino di cancellare le loro decisioni. In questo modo il popolo, a condizione che sia ben guidato, assurge esso stesso a legislatore ed opera a fianco dei suoi rappresentanti.

“Non si può dire che si sia fatto un uso eccessivo di questo diritto popolare: tra i decreti soggetti a referendum facoltativo soltanto 1 su 12 è stato sottoposto al giudizio del popolo. In compenso la “ghigliottina” del referendum si è dimostrata per più micidiale della “lancia” dell’iniziativa: il sessanta per cento dei progetti di legge approvati dal governo e dal parlamento e sottoposti a votazione popolare sono stati respinti dai cittadini. Questo fatto è ben noto ai nostri parlamentari e alle autorità: per questo temono il referendum. Possiamo dire che sotto molti aspetti è il timore del referendum che determina la nostra legislazione. Ci si rifugia nel compromesso per non correre il rischio di vedere respinto un disegno di legge e quindi per evitare lo scontro. La via del compromesso è sola a permettere di aggirare lo scoglio del referendum facoltativo.
“Nella nostra democrazia può persino accadere che il cittadino sia obbligato ad accettare un’elezione. Questo obbligo esiste in molti cantoni e comuni. Un giornalista straniero ha scritto che da noi la democrazia è diventata una specie di occupazione secondaria. L’Amtszwang, cioè il dovere di esercitare una funzione pubblica, è una logica conseguenza del diritto posseduto dal singolo cittadino in cinque cantoni o semicantoni di intervenire in proprio nella gestione della cosa pubblica. Nell’Appenzello Interno ogni cittadino è soggetto a questo obbligo fino al sessantacinquesimo anno; è tenuto a far partedi organi giudiziari o amministrativi per almeno dieci anni.

“I partiti hanno indubbiamente perso parecchio del loro ascendente. Continuano a scegliere i candidati alle elezioni: ma nella democrazia referendaria non sono le elezioni a determinare l’andamento della cosa pubblica, bensì i referendum.

A.M.C.