RANTOLA L’ITALIA DELLA COSTITUENTE

Giorni di lutto vive nell’Aldilà la Trimurti usurpatrice De Gasperi/Nenni/Togliatti, cui risale il potere che domina lo Stivale. Qui, sulla Terra, i più credono si avvicini la fine di una fase: la Seconda/ Terza repubblica, il bersanismo, il centrismo, i Democrat grande forza compatta, i ponti verso destra, l’antiberlusconismo che ancora fa la fortuna del Cavaliere, altre parentesi transeunti per definizione. Invece nell’Aldilà la Trimurti sa, con la certezza spettante ad ogni onnisciente divinità, che non una fase o una stagione agonizza, ma l’intero sistema nato tra il 1945 e il ’47. Agonizza la democrazia rappresentativa, posseduta dai Partiti, dagli appaltatori delle urne, dai saccheggiatori della ricchezza nazionale.

Perché la Trimurti la chiamiamo usurpatrice? Perché gli italiani, avendo pagato caro il misfatto della guerra del ’40, speravano che almeno la sconfitta li liberasse dalle turpitudini di regime. Invece i possenti ma sprovveduti vincitori credettero di far bene a consegnare il paese ai furfanti del CLN, improvvisatisi liberatori e statisti. Sessantasei anni da allora hanno dimostrato che l’assetto congegnato dai Costituenti è altrettanto esiziale, in modi diversi, quanto quello che faceva capo a palazzo Venezia. Il Sessantaseiennio non è stato né più virtuoso né più amabile del Ventennio. Nel concreto la realtà dell’oligarchia ladra non è preferibile a quella del Littorio.

In più, i giorni dell’elezione del dodicesimo capobonzo dello Stato ci hanno fatto vivere una kermesse farsesca/grottesca, un festival del fescennino, dell’atellana, della commedia dell’arte. I momenti più esilaranti non sono stati i voti dei più sardonici tra i ‘Grandi’ Elettori a favore di Valeria Marini o di Veronica Lario. Sono state le impagabili imprecazioni bolscevizzanti dei gauchistes furibondi. La più veemente, vocalizzata da un’assaltatrice del Palazzo d’Inverno: “Volete  capirlo o no, Sinistra vuol dire Rivoluzione”. Deliziosa scemenza allorquando a) la Rivoluzione è affidata ai professori Rodotà e Zagrebelski, due pensionati alla fame, aderenti all’anarco-insurrezionalismo,  b) la Rivoluzione è una moneta fuori corso da quasi un secolo,  c) la sanculotta che urla ‘Rivoluzione!’ tacerà immediatamente appena trovato lo stipendio fisso che paghi il mutuo, le rate dell’auto e le vacanze in villaggio turistico.

La commedia dell’arte è divertente, è il nostro retaggio (infatti si prese a chiamare ‘all’italiana’); ma torniamo a noi.  Ci circondano le macerie non di questo o quello stabile crollato ma di una smisurata Cartagine o Gomorra, annichilita dallo sdegno divino. Sta rantolando l’intero sistema eretto dalla Costituente. Non si tratta più di cambiare qua e là, di riformare questa o quella istituzione. La democrazia dei partiti, delle urne e delle bande di saccheggio è un malato terminale. Questa politica non si riformerà mai. I fenomeni tipo Cinquestelle, i tumulti dei Ciompi informatici, i conati di altri Cola di Rienzo non conseguiranno successi definitivi. Probabilmente occorrerà il Grande Eversore che abbatta il parlamentarismo e rifondi la Polis: qualificata, ristretta, ininterrottamente rigenerata dal sorteggio e corroborata dal referendum informatico continuo.

Lo Spirito dei tempi nuovi impedirà la sopravvivenza del Vecchio, cominciando dalle istituzioni geriatriche più riverite. Svolte del genere accadranno anche in altri paesi: lo Stivale che oggi boccheggia aprirà la strada. Nel 1812 non fu la Spagna arretrata a lanciare da Cadice il progressismo liberale e l’ondata delle Costituzioni?

Antonio Massimo Calderazzi

ORAZIO PIZZIGONI: CRISI DEI PARTITI CRISI DELLA DEMOCRAZIA E’ VERAMENTE COSI’?

La democrazia è in crisi. Tutti si stracciano le vesti. Accusandosi a vicenda per lo stato comatoso dei partiti, che della democrazia moderna sono la struttura portante. Per non parlare del cosiddetto centro, di cui Casini si è arrogato la rappresentanza; egli si tira fuori della questione e non si capisce perché. Nessuno offre una soluzione. Una crisi allora senza speranza? Siamo arrivati alla fine di un’epoca? La democrazia moderna chiude qui il suo ciclo vitale? Al di là delle ripicche che dominano la vita politica, gli approfondimenti sulle ragioni della crisi sono pressoché inesistenti. La verità è che essa ha ragioni lontane. Affonda le sue radici nella seconda guerra mondiale, che mise alla prova le vecchie logiche democratiche segnalandone, di fronte all’irruzione sulla scena delle grandi masse popolari, le insufficienze e i limiti. La partecipazione attiva di milioni di civili alla lotta contro il nazismo e il fascismo ha modificato i vecchi assetti istituzionali. La delega, considerata strumento esclusivo della democrazia secondo le vecchie logiche di potere, ha mostrato la corda. Chi si era impegnato, in armi o no, contro le concezioni autoritarie di nazismo e fascismo, chiedeva, in termini più o meno precisi, di poter essere protagonista anche in tempo di pace. Ma come? Utilizzando quali strumenti? Facendo riferimento a quali progetti?

Nessuno disponeva di progetti. Né a destra, né a sinistra. Mancanza di intelligenza politica? Scarsa fantasia istituzionale? Al di là delle insufficienze delle forze politiche, la crisi metteva allo scoperto un problema più profondo. Quello della sofferenza non di questo o quell’aspetto ma della medesima logica di potere che in passato risultava funzionale alle classi dirigenti, le quali selezionavano chi assumeva posizioni di responsabilità. Attacco non a questo o a quel caposaldo, ma al cuore del sistema stesso. L’adeguamento della democrazia moderna alle nuove esigenze delle società uscite dalla guerra implicava un passaggio verso nuove forme di rappresentanza, che richiedevano un salto di qualità nel senso della partecipazione. Ed è proprio sulla partecipazione che la democrazia, così come concepita sin lì, manifestava i suoi limiti organici. Di qui il disagio che ha pervaso quasi tutti i paesi, in modo particolare nella vecchia Europa. Un disagio che si va estendendo e rende vani (o quasi) gli aggiustamenti, i rattoppi, gli interventi chirurgici ora qui ora lì. Che fare allora? Quali le prospettive in un mondo che reclama in termini sempre più precisi ed estesi il coinvolgimento della società civile? Sono i quesiti che tormentano il nostro tempo. Destinati ad aggravarsi se non troveranno risposte.

Orazio Pizzigoni

 

PIU’ INVESTIMENTI  PIU’ DISOCCUPAZIONE?

L’idea, accettata da quasi tutti, che basti investire per ridare fiato all’economia, si scontra con una verità solare: che gli investimenti si fanno (quasi) sempre col proposito di ridurre i costi di produzione, con particolare riguardo per quello del lavoro. Più macchine e più innovazione significano organici più magri. Nell’Inghilterra del Settecento gli operai reagirono distruggendo le macchine. Siamo di fronte al medesimo dilemma? Direi di no. Ma certo è impossibile negare che gli investimenti, invocati come la panacea, comportano la drastica riduzione dell’occupazione. Allora non ci sono prospettive per lo sviluppo? La disoccupazione è la sola alternativa alla crisi? Che dobbiamo metterci l’anima in pace e accettare le ferree leggi del mercato.? No. Bisogna cercare nuove strade, scatenando la fantasia e l’intelligenza. Mi domando per esempio se una di queste strade non sia rappresentata (aprendo una nuova fase epocale) dalla riduzione dell’orario di lavoro: da otto a sette ore, e quindi via via a sei, a cinque. Secondo filosofie che tengano conto dei mutamenti intervenuti in tutti i campi.

o.p.

IL REGIME DEL 4%

Il XIV Rapporto Demos attesta che ha fiducia nei partiti il 3,9% degli italiani. Ma non sono 67 anni, dal ’45, che il Regime dei partiti statuisce che non c’è democrazia senza partiti? Che il grande dono della Liberazione fu il partitismo? D’Alema e Luciano Violante, alla testa di una legione di politologi e di giornalisti di palazzo, argomentano da sempre che la norma di un paese ‘normale’ è il gioco e la (sia pure incresciosa) rapina dei partiti.

Sbagliamo o tra qualche mese, se il governo dei tecnici riuscirà a non farsi assassinare dallo spread, la suddetta percentuale si abbasserà fino a spegnersi? Se continua così, l’assetto basato sui partiti e sulla loro Costituzione ha una prospettiva corta. Arriverà a compiere 70 anni nel 2015, quanto meno per non restare sotto la Terza Repubblica di Francia, che settant’anni durò?

3,9% vuol dire poco più di un italiano su trenta. Quanto può durare una situazione nella quale gli altri 29 non contano niente? E’ vero, i 29 non hanno iniziativa, subiscono e basta. Ma se verrà la bancarotta, se sorgerà un uomo a dimostrare che il regime dei partiti è l’oppressione dei peggiori? In tal caso avrà ragione chi dalla débacle dell’ipercapitalismo si attende più bene che male. Prima della dèbacle l’ordine del 1945 sembrava millenario, intramontabile. Oggi, chissà.

Se la colluttazione con lo spread finirà male, vorrà dire che Mario Monti non avrà fatto abbastanza per farla finita con le istituzioni architettate dai partiti. Che era nel giusto chi ragionava: la soluzione Monti implicava i pieni poteri, non i compromessi col 3,9%. Nei secoli della crescita e delle vittorie irresistibili, la Repubblica romana sospendeva all’occorrenza tutte le magistrature e si affidava a un solo capo, munito dell’imperium maximum.

Supponiamo invece che i due consoli, Monti e Napolitano, salvino la patria: non per questo vanno amnistiati e salvati i partiti che nel 1945 si presero l’appalto della cosa pubblica, Qualche settimana fa un regista del regime, Michele Salvati, confessò: “La prospettiva di tornare alla politica com’era fa accapponare la pelle”. Noi avevamo osservato altrove che dopo la fase Monti “poco sarà come prima”. Eravamo stati timidi. E.Galli della Loggia l’ha messa più netta (Corriere, 9 gennaio): “Sempre che il  governo concluda con successo il compito che si è assegnato, nulla sarà più come prima”.

Ha spiegato: “Se Monti riuscisse, segnerebbe un punto di non ritorno. La maggioranza dell’opinione pubblica italiana non sarebbe disposta a ripiombare nel passato, a essere governata come è stata governata fino a novembre. Non sarebbe più disposta, in particolare, a sopportare governi di coalizione: fisiologicamente divisi sulle cose da fare, lottizzati in feudi partitici, intimiditi dai sindacati e dalle lobby di ogni genere, vittime sempre di veti incrociati. Non sarebbe più disposta, infine, ad essere governata da un personale politico da decenni inamovibile, logorato, popolato di mezze calzette (…) L’eventuale successo del governo Monti segna l’inevitabile tramonto della forma attuale dei partiti (…) Con Mario Monti gli italiani hanno già iniziato a prendere confidenza con una leadership di tipo nuovo, democratica ma forte, che mira diritto allo scopo. Si tratta ora di dare a tale nuovo modo di governo forma stabile e regole conformi”.

Galli della Loggia dice giusto, of course. Peraltro sia lecito chiedere: 1) Che farebbe nel concreto l’opinione pubblica ‘non più disposta a ripiombare nel passato’: arriverebbe a voltare le spalle a tutti i partiti, vecchi e nuovi, o si fiderebbe del pentimento e delle promesse di resipiscenza di questo o quel mariuolo? . 2) Che succederà se tra qualche mese i partiti scomunicheranno “la leadership di tipo nuovo, democratico ma forte, che  mira diritto allo scopo” ? 3) Che accadrà se Monti non avrà successo?

Resta la grande importanza della previsione che nulla o quasi nulla sarà come prima.  Proponiamo noi le risposte ai tre interrogativi. Primo: se la minaccia del default venisse meno, Galli della Loggia non dovrebbe fidarsi troppo della fermezza degli italiani. Lasciati a noi stessi siamo da un paio di millenni accomodanti, indulgenti. Avremmo bisogno d’esser messi con le spalle al muro. Secondo: vedi risposta precedente. Terzo: questo è l’interrogativo vero. Se Monti non avrà successo, dipenderà poco dagli italiani o dai partiti,  molto da un fattore X: se sorgerà o no un protagonista alternativo sul serio, che vada ben oltre la novità rappresentata dal Monti che conosciamo, anzi dalla diarchia Monti-Napolitano. Un protagonista che rovesci il tavolo, sospenda le istituzioni, le convenzioni e la Costituzione; che imbocchi la strada delle novità rivoluzionarie, estromettendo i partiti e i personaggi delle passate stagioni. Potrebbe essere, naturalmente, un Monti (o Monti-Napolitano) opposto a quello che conosciamo.

Un po’ meno essenziale è conoscere il pensiero di Galli della Loggia quando evoca un cambiamento “delle regole che presiedono alla formazione e al funzionamento dell’esecutivo e del suo capo, cioè gli articoli della Costituzione che regolano tale materia”. Sta fresco il noto politologo se si aspetta che il Regime si autoriformi ai sensi della Costituzione. La Costituzione è lì perchè nessuno, meno che mai il Mob dei partiti, tenti di liquidare il Regime. Casta delenda est.

A.M.Calderazzi