THE VITALITY OF CHINESE CHARACTERS

This summer we have read with some interest and curiosity an article published by The Economist written by R.K.G. entitled “China’s tyranny of characters” (5th July, 2016), a comment on the Chinese writing system and how it would influence the political thought of the PR China. In a nutshell, the idea of the article, is that given the inflexibility in the structure of the Chinese writing systems (or Sinograms, a more appropriate definition coined by Fosco Maraini), by extension, also the political thought of the Chinese Government is inflexible. The task to educate and eradicate illiteracy through the national standard language or Putonghua, as the Chinese call it, would stifle local languages and help the political control over the whole country.

The author probably forgets a joke that goes something like this: if someone who speaks two languages is called bilingual and someone who speaks three languages is trilingual. What do call someone who speaks only one language? An Anglo-saxon. After all it is not so much of a joke considering how England has tried hard to get rid of her neighbours’s gaelic languages or how successfully the USA have virtually wiped out all native north American vernaculars.

China, on the contrary, thanks to her logographic writing system has succeeded in two remarkable feats: to preserve a linguistic continuity since the first written record were laid down in ancient era and, at the same, time to create a writing system that encompasses very different spoken languages within and outside her borders. Sinograms have proven to be (contrary to what affirmed in the article) a rather flexible writing system, a truly (written) lingua franca. For centuries Europeans have in their “Search for the perfect language” (after the title of a book by Umberto Eco) overlooked the fact that such a perfect language (as much as a human construct can be perfect) already existed on the other end of the Eurasian landmass and has been an unparalleled tool for the transmission of thoughts, in time and space.

When Emperor Qin Shi Huang politically united China in 221 BCE (more than 2000 years before the EU came into existence) he did so by bringing together six different states and tying them under one currency, one taxation system, and a standard metrology. The true stroke of his genius was the adoption of Sinograms that until today have withstood the test of time. Achieving unity but preserving the different oral languages of its vast landmass, has been a major contribution to the richness and diversity of China.

Today, even Western people have to admit the convenience of logographic systems: road signs, icons on a computer or signs in an airport are perfect examples of how the Chinese script works. Everyone reads them according to one’s own language sounds but the meaning remains unambiguous and universal: an arrow indicates direction, a walking man a crossing point, a pair of scissors cutting off text, etc. If the Europeans had created or adopted a logographic writing system and we were a member of the EU, for instance, on our passport, instead of having twenty-four different words, each one for every official language of the Union to indicate the word “Passport”, we would have only two characters to indicate its meaning, perfectly comprehensible to all EU members. This is exactly the case within the China borders, with all her numerous minorities (55 officially recognized, according to the last count, of which two, Uighurs and Tibetans still use their own script form) using the same writing system but each group still talking their native idiom. And, until not long ago, also Viet Nam, the whole Korea, and Japan, who were using the same writing system, could perfectly communicate by writing to each other, without speaking the same language.

Today, unfortunately, only Japan has retained much of its use integrated by two indigenous phonetic syllabaries (Hiragana and Katakana). Koreans have adopted their own sound-based system (Hangul), with the North having eliminated the Chinese characters and the South partially retaining them, especially for names and technical words. The case of Viet Nam is much more dramatic if not outright tragic, having adopted Latin letters with no resemblance in their pronunciation to any western language. The result has been to isolate herself from her rich past, from other East Asian societies and without gaining any proximity to any other country who uses the same kind of alphabet.

Despite the longer time needed in mastering the Chinese writing system, it has not been an obstacle to literacy. Cases of dyslexia are less and, on average, reading speed is higher in comparison to alphabetic systems. Rote learning, so despised these days, has widely documented benefits: it fosters discipline, enhances memory, teaches patience, endurance and provides that touch of humanism that the modern educational system seems to have lost. Used by a fifth of the world population, contrary to the author’s doubts about China definition of literacy rate, people using Sinograms have proven to be well ahead of Westerners or other people using alphabets, including Devanagari and Arabic script in reading and comprehension ability. Since the municipality of Shanghai has been invited to join the PISA (Programme for International Student Assessment) contest, the students of that city have invariably scored highest and, in the last edition (2012) it scored best again with Singapore, Hong Kong, Taipei, Korea, Macao and Japan (in this order) right behind her.

One fascinating aspect of a Sinogram is that either you can read it and know its meaning, or you can’t and thus you do not know what it means. On the other hand, my eight years old son, who at school is being trained in reading an alphabet, can virtually already read any line on a newspaper, but does not have a clue of most of what it says. After all, the definition of literacy is perhaps more uncertain in the western world than in East Asia. Sinograms are an excellent tool in memorizing new words when learning an East Asian language. When you ask a Chinese native speaker who is studying a new word of an alphabetical language she or he will invariably answer you that it is very difficult to memorize it only through sound, as initially does not bear any meaning to her or his ears (while a Chinese character conveys by itself, visually, a distinct meaning).

A rather baffling statement in the “China’s tyranny of Chinese Characters” is following: “The inflexibility of the Chinese script has always reinforced the inflexibility of the Chinese state”. Following the thought of the author would the Japanese political system be slightly less tyrannical than the Chinese because it uses along Chinese Characters also phonetic syllables? Or would the South Korea Government be a bit more flexible because it uses Hangul, and Chinese Characters are confined to a marginal role? Perhaps we shall look to the North of the Korean peninsula to find a form of Government particularly flexible because they have abandoned Chinese Characters all together….

The whole article is unconvincing as it assumes that Chinese Characters are an unsuitable linguistic tool to absorb anything new, unconventional, foreign or representing anything said in a slang or dialect. As a matter of fact, Vietnamese, historically, had been creating new characters, as needed. The vitality of Chinese characters does not end here. They are similar to building blocks, as Europeans use words of Greek or Latin origin to create new ones. For instance, the word INTERNAUTA can be easily translated and no one (not even the Chinese Government) can forbid to translate it into: 网上冲浪者!

NON AMAVA LA PSEUDODEMOCRAZIA LEE KUANYEW IL CAVOUR ASIATICO

A Lee, il padre-padrone di Singapore morto giorni fa novantaduenne, si attribuisce una formula secondo cui la democrazia non giova allo sviluppo economico. Di sviluppo Lee si intendeva, avendo inventato Singapore non solo come città-Stato insolitamente ben gestita in termini di efficienza, ma anche come turbina generatrice di reddito. E’ una delle Tigri asiatiche, seconda per reddito pro capite solo al Giappone. Tenendo anche conto che Lee era di etnia cinese, forse si può pure dire che abbia mostrato la via alla Cina, brillante operatrice di progresso produttivo senza democrazia. E’ lecito ipotizzare che mai Pechino avrebbe realizzato i suoi conseguimenti se si fosse consegnata al parlamentarismo, alla partitocrazia e ai ludi sindacali.

Il presidente Obama aveva definito Lee “una figura leggendaria nella prospettiva di due secoli”. In effetti, sulla scena asiatica era stato una specie di Camillo Benso di Cavour, il quale su una scena europea dominata da quattro grandi imperi aveva svolto un ruolo di statista ben superiore alla dimensione del regno di Sardegna.

C’è stata poca democrazia nelle opere e nei giorni di 02Lee Kuanyew. Rampollo di una famiglia cinese ricca, poi caduta in bassa fortuna, aveva avuto inizi politici difficili: per esempio era fallito un progetto per cui si era molto speso, l’integrazione tra Singapore e i paesi malaysiani. Poi aveva collezionato soprattutto successi, non solo economici. Vinse sette elezioni generali, e in quattro di esse il suo partito (PAP) ottenne tutti i seggi. Con 31 anni da Premier, il suo era stato il mandato di governo più lungo della storia. Poco dopo essersi ritirato aveva messo come primo ministro il figlio, brigadier generale Lee Hsienloong; e il figlio lo aveva proclamato ‘Minister Mentor’, in pratica Tutore del governo. Di fatto una canonizzazione moderna. E’ chiaro che avrebbe potuto farsi Re del più prospero degli Stati del Sud Est asiatico.

Caratteristico del paternalismo energico di Singapore che il codice penale contempli in grande il caning, le punizioni corporali ereditate dal regime coloniale britannico. Conosciamo il numero di esse eseguite in un anno recente (quasi 6500). Come negare la logica della punizione corporale -in gioventù sofferta senza drammi dallo stesso Padre della patria- quando esse scongiurano la detenzione: lunga, costosa e devastatrice?

Il pensiero politico-economico di Lee, oggi impartito anche oltreconfine da un’apposita fondazione e Scuola superiore, è di fatto un maoismo nazional-liberista, i cui insegnamenti sono stati senza dubbio più efficaci dei precetti del Grande Timoniere. Si ripropone così l’interrogativo: la Cina sarebbe diventata la maggiore economia del pianeta se Deng

Xiaoping, oltre a ripudiare la rivoluzione permanente e culturale di Mao, avesse introdotto nell’Impero di Mezzo la plutodemocrazia all’occidentale, partiti elettoralismo diritti tangenti? E la Spagna avrebbe avuto la modernizzazione degli anni Venti -case popolari, un inizio di Welfare (strade, canali, Paradores, industrie)- se Miguel Primo de Rivera non fosse stato Dictador filosocialista fino al 1930?

Anthony Cobeinsy

ROOSEVELT KENNEDY JOHNSON OBAMA LA SENESCENZA DELL’AMERICA

Noi non sappiamo se i droni i missili i bombardieri ricacceranno l’avanzata nell’Irak del ‘Califfato’ jihadista. Né se l’esercito di Baghdad continuerà a evaporarsi così come accadde ai primi di giugno: dicono abbia abbandonato all’avversario corazzati e materiale bellico statunitense per un miliardo e mezzo di dollari.

Quello che sappiamo per certo è che a 407 anni dal sorgere a Jamestown della prima colonia britannica nel nord del Nuovo Continente, l’America è entrata nel suo V secolo e in un’amara età senile. Era stata la fidanzata del mondo; prima ancora, quando il mondo non la conosceva, quando il Tesoro aveva debiti non fondi, quando la burocrazia federale contava poche decine di persone e l’esercito permanente meno di 700 uomini, l’America era stata un’adolescente maliosa. Nel 1778, due anni dopo la Dichiarazione d’Indipendenza, Robert-Jacques Turgot, lo statista riformatore francese, vergò le celebri righe: “America, speranza del mondo, ne diventerai il modello”. Nel rilevare che Thomas Jefferson aveva espresso ‘il meglio dell’America’, gli storici Morison e Commager definirono così questo meglio: “l’idealismo, la semplicità, lo spirito giovanile, l’ottimismo”. A quel tempo l’America non fu un abbaglio collettivo, una suggestione  generatrice di miti. Fu davvero idealismo e giovinezza.

Oggi che essa non ha più nessuna delle sue anime adolescenziali, è certo semplicistico concludere che nessuna società avrebbe potuto incarnare a lungo la purezza quasi- utopistica della Repubblica bambina. Come che sia,  a quattro secoli compiuti l’America  è una detestabile ereditiera, ricchissima ma sfigurata  dalla vecchiaia e dall’obesità, incattivita dalle frustrazioni e da più d’una sconfitta disonorevole. Ancora tolda comando del capitalismo globale,  è però  perseguitata da una Nemesi (la dea della vendetta e della morte) inesorabile: il militarismo bellicista. E’ la Nemesi di se stessa. Nessun grande impero della storia è stato altrettanto condizionato, coartato, dal fattore  militare, dal potenziale di muovere spedizioni e di conquistare regni. Dwight Eisenhower, il più vittorioso dei generali del 1945, cominciò prima dei sociologi a denunciare l’ingrossarsi negli States del Military-Industrial Complex.

Dal patologico gigantismo del proprio apparato bellico l’America è condannata a destinare risorse sempre più mostruose alla preparazione di guerre eventuali, tutte concepite teoricamente per vincere. A differenza che in un passato che al più tardi si chiuse nel 1945, le imprese belliche di Washington sono tutte, più o meno, fallite. L’elenco è impietoso: Corea, Vietnam-Laos-Cambogia, imprese minori quali Baia dei Porci, Libano, Somalia, poi in grande e in feroce Irak e Afghanistan.  Abbiamo omesso il trauma grave della ‘Loss of China’. Tenere la Cina contro la conquista nipponica era stato il motivo più immediato della decisione di F.D.Roosevelt di fare guerra al Giappone; sconfitto il quale Washington affidò al generale Marshall, non meno vittorioso di Eisenhower e di MacArthur, la mission impossible di strappare la Cina al comunismo di Mao. Nel 1968 James C.Thomson, uno degli esperti del Dipartimento di Stato e della Casa Bianca per l’Estremo Oriente, indicò nella ‘Loss of China’ il primo dei moventi di Kennedy nella decisione di muovere guerra in Indocina. L’incanaglimento e la disfatta uccideranno l’orgoglio dell’anima americana.

Nel decennio 1840-50 dell’Ottocento -un’era geologica prima- l’America era entrata in una fase di espansione prodigiosa. Da una formula proposta nel 1845 da un giornale di New York fu chiamata del Manifest Destiny: essere un disegno provvidenziale che gli USA si allargassero fino al Pacifico e ai Caribi. Essere nell’ordine delle cose che i pionieri venuti dall’Est prevalessero sulle popolazioni indigene: anche in quanto essi portavano valori, ideali, istituzioni moderne. Conseguenza immediata del Manifest Destiny fu l’annessione di Texas, Oregon, California, New Mexico, Utah. Tutto ciò, pur comportando spoliazione dei nativi, apparve al mondo logico, dunque da accettare. L’America divenne un mito radioso: tra l’altro non entrava in conflitto con l’Europa, che ancora controllava il mondo. ‘America si configurava come forza creatrice, fattore generale di progresso. Diventando grande, l’America ingrandiva il mondo.

Tutto ciò durò fino alla Prima Guerra Mondiale, quando l’Europa dilaniata smise di compiacersi dei trionfi dell’America, al contrario dovette invocarne l’aiuto materiale prima, la guida diplomatica poi a Versailles. Col passaggio della Casa Bianca  a Woodrow Wilson l’America si snaturò. Intervenendo nel 1917 Wilson pose le basi del primato globale; se Franklin Delano Roosevelt, il plutocratico Messia del bellicismo,  fondò l’impero  americano, Wilson fu il Giovanni precursore.

F D Roosevelt, massimo guerrafondaio della storia nazionale, fu anche il più bugiardo dei suoi statisti. Con accanimento inflessibile portò in guerra una nazione che restava isolazionista non solo per egoismo, ma in quanto manteneva fede nel valore della propria diversità rispetto ai conflitti e alle miserie della storia europea. FDR mise in atto una lunga serie di stratagemmi per aggirare gli ostacoli che la Costituzione, il Congresso e l’opinione pubblica opponevano all’intervento. A  metà del 1940, sei mesi prima di Pearl Harbor, gli USA si proclamavano già alleati della Gran Bretagna e già coinvolti nella guerra nell’Atlantico. L’attacco a Pearl Harbor fornì l’occasione perfetta per portare l’America nel conflitto:  però sulla menzogna che il Giappone avesse assalito a tradimento. In realtà Roosevelt aveva provocato la reazione nipponica col  rifiuto assoluto dei compromessi ripetutamente proposti da Tokyo. Nel 1949 la vittoria del comunismo cinese e il trionfo dei nazionalismi asiatici cancellarono le posizioni di predominio occidentali in Asia per mantenere le quali Washington aveva voluto la guerra del dicembre 1941.

Se Wilson aveva creato le premesse per l’impero americano, Roosevelt fu il massimo autore della degenerazione in superpotenza planetaria, dunque della trasformazione dell’America nel paese più militarista della storia. Seguirono Kennedy e Johnson, laddove Nixon accettò la disfatta inevitabile. All’aprirsi del Terzo Millennio d.C. la dottrina di G W Bush della guerra preventiva portò alle conseguenze ultime il bellicismo di Roosevelt e Kennedy.

In anni recenti, già avviato il ritiro dall’Irak e dall’Afghanistan, sembra che Washington spendesse 25 miliardi di dollari l’anno per puntellare un paio di governi fantoccio. Qualcuno si sente di negare che se avesse donato ai poveri del mondo una frazione delle smisurate ricchezze bruciate in armi,  spedizioni belliche e sinistre diplomazie dell’illusione egemonica, l’America sarebbe amata  invece che odiata da metà del mondo? Che sarebbe regina dei popoli, come brevemente apparve sul punto d’essere settant’anni fa?  Apparve specialmente in quanto lo scettro del comando cadde dalle mani di Roosevelt, per essere raccolto da quelle più sagge di Harry Truman.

E’ disdicevole raccontare la storia coi ‘se’. Tuttavia, come non chiederci cosa sarebbe stato il secondo dopoguerra se FDR non fosse improvvisamente morto? Non si possono processare le intenzioni, però come escludere che il Grande Guerrafondaio a) avrebbe potuto tentare di abbattere in Cina,  coll’immensa armata che Marshall non ebbe, il potere comunista;  b) che una volta constatato che Stalin non era l’alleato democratico che fingeva di immaginare, bensì il nemico assoluto da sbaragliare nella Guerra Fredda, egli Roosevelt sarebbe stato tentato di allargare contro l’Urss la crociata della Carta Atlantica?

Il Barack Obama che dai satelliti Nato esige più spese militari -”perché la libertà non è gratis”-, pratica la stessa menzogna dei suoi maestri Wilson Roosevelt Kennedy Johnson: gli altri  presidenti “progressisti” che hanno incarognito e umiliato di sconfitte l’America senile.

Anthony Cobeinsy

IRRIDERE O NO LE BUSINESS SCHOOLS?

Appreso che il governo di Pechino si propone di aprire presto 40 nuove business   Appreso che il governo di Pechino si propone di aprire presto 40 nuove business schools, Bob Lutz, un guru che è stato anche vicepresident della General Motors, avrebbe esclamato “Sono anni che non sentivo una notizia così buona”. Buona per l’industria americana of course, sempre più assillata dall’ingigantirsi della concorrenza cinese, Questo perché, come Lutz ha scritto in un libro recente, “per far ripartire l’economia americana dobbiamo licenziare gli MBA e rimettere al comando gli ingegneri”. Secondo lui, il terribile concorrente cinese commette un errore che gli costerà.

Che hanno fatto di male i Master in Business Administration? Per Lutz hanno preso il potere per finanziarizzare la governance. Invece di produrre e vendere meglio, hanno abbellito i bilanci con i risultati a breve e con la strategia delle operazioni di borsa. E’ stato osservato, infatti, che l’auge delle business schools ha coinciso col declino dell’industria americana. Forse l’auge non ci sarebbe stato se la cultura del management non avesse plagiato coi suoi precetti sia gli operatori economici, sia la gente in generale. Appena arrivato a poter pagare i costi delle grandi università, americane e non, il borghese di tutto il mondo ha mandato figli e figlie alle scuole di management e di consulting, i cui diplomi sarebbero stati passaporti per il successo. La realtà ha smentito le vanterie dei matematici d’affari, assurti alla fama soprattutto per i servizi prestati al congegno militare degli USA.

Il più importante tra coloro che sottrassero le manifatture agli ingegneri e ai commerciali, per consegnarle ai ‘whiz kids’ delle grandi scuole, Robert McNamara fu anche uno dei maggiori responsabili delle sconfitte e del disonore dell’America in Indocina: nonostante le forze armate statunitensi siano quelle che nella storia si sono fidate di più dei teorici accademici dell’efficienza. Mai  un apparato militare e industriale sarà più vertebrato di teorie specialistiche e di modelli di quanto lo sia stato quello americano nell’ultimo mezzo secolo.

I risultati li conosciamo: in guerra solo umiliazioni, in pace soprattutto arretramenti. Per questo, come segnalavamo nell’incipit, la sola speranza è che anche la Cartagine cinese, massimo tra gli avversari economici degli Stati Uniti, si affidi più del giusto ai saccenti giovanotti usciti dalle business schools.

schools, Bob Lutz, un guru che è stato anche vicepresident della General Motors, avrebbe esclamato “Sono anni che non sentivo una notizia così buona”. Buona per l’industria americana of course, sempre più assillata dall’ingigantirsi della concorrenza cinese, Questo perché, come Lutz ha scritto in un libro recente, “per far ripartire l’economia americana dobbiamo licenziare gli MBA e rimettere al comando gli ingegneri”. Secondo lui, il terribile concorrente cinese commette un errore che gli costerà.

Che hanno fatto di male i Master in Business Administration? Per Lutz hanno preso il potere per finanziarizzare la governance. Invece di produrre e vendere meglio, hanno abbellito i bilanci con i risultati a breve e con la strategia delle operazioni di borsa. E’ stato osservato, infatti, che l’auge delle business schools ha coinciso col declino dell’industria americana. Forse l’auge non ci sarebbe stato se la cultura del management non avesse plagiato coi suoi precetti sia gli operatori economici, sia la gente in generale. Appena arrivato a poter pagare i costi delle grandi università, americane e non, il borghese di tutto il mondo ha mandato figli e figlie alle scuole di management e di consulting, i cui diplomi sarebbero stati passaporti per il successo. La realtà ha smentito le vanterie dei matematici d’affari, assurti alla fama soprattutto per i servizi prestati al congegno militare degli USA.

Il più importante tra coloro che sottrassero le manifatture agli ingegneri e ai commerciali, per consegnarle ai ‘whiz kids’ delle grandi scuole, Robert McNamara fu anche uno dei maggiori responsabili delle sconfitte e del disonore dell’America in Indocina: nonostante le forze armate statunitensi siano quelle che nella storia si sono fidate di più dei teorici accademici dell’efficienza. Mai  un apparato militare e industriale sarà più vertebrato di teorie specialistiche e di modelli di quanto lo sia stato quello americano nell’ultimo mezzo secolo.

I risultati li conosciamo: in guerra solo umiliazioni, in pace soprattutto arretramenti. Per questo, come segnalavamo nell’incipit, la sola speranza è che anche la Cartagine cinese, massimo tra gli avversari economici degli Stati Uniti, si affidi più del giusto ai saccenti giovanotti usciti dalle business schools.

schools, Bob Lutz, un guru che è stato anche vicepresident della General Motors, avrebbe esclamato “Sono anni che non sentivo una notizia così buona”. Buona per l’industria americana of course, sempre più assillata dall’ingigantirsi della concorrenza cinese, Questo perché, come Lutz ha scritto in un libro recente, “per far ripartire l’economia americana dobbiamo licenziare gli MBA e rimettere al comando gli ingegneri”. Secondo lui, il terribile concorrente cinese commette un errore che gli costerà.

Che hanno fatto di male i Master in Business Administration? Per Lutz hanno preso il potere per finanziarizzare la governance. Invece di produrre e vendere meglio, hanno abbellito i bilanci con i risultati a breve e con la strategia delle operazioni di borsa. E’ stato osservato, infatti, che l’auge delle business schools ha coinciso col declino dell’industria americana. Forse l’auge non ci sarebbe stato se la cultura del management non avesse plagiato coi suoi precetti sia gli operatori economici, sia la gente in generale. Appena arrivato a poter pagare i costi delle grandi università, americane e non, il borghese di tutto il mondo ha mandato figli e figlie alle scuole di management e di consulting, i cui diplomi sarebbero stati passaporti per il successo. La realtà ha smentito le vanterie dei matematici d’affari, assurti alla fama soprattutto per i servizi prestati al congegno militare degli USA.

Il più importante tra coloro che sottrassero le manifatture agli ingegneri e ai commerciali, per consegnarle ai ‘whiz kids’ delle grandi scuole, Robert McNamara fu anche uno dei maggiori responsabili delle sconfitte e del disonore dell’America in Indocina: nonostante le forze armate statunitensi siano quelle che nella storia si sono fidate di più dei teorici accademici dell’efficienza. Mai  un apparato militare e industriale sarà più vertebrato di teorie specialistiche e di modelli di quanto lo sia stato quello americano nell’ultimo mezzo secolo.

I risultati li conosciamo: in guerra solo umiliazioni, in pace soprattutto arretramenti. Per questo, come segnalavamo nell’incipit, la sola speranza è che anche la Cartagine cinese, massimo tra gli avversari economici degli Stati Uniti, si affidi più del giusto ai saccenti giovanotti usciti dalle business schools.

JJJ

RIPENSARE A 62 ANNI DELLA CINA PER CAPIRLA

C’è chi è sicuro: la crescita prodigiosa della Cina non potrà continuare; si aggraveranno difficoltà sia gestionali, sia sociali; i mercati internazionali assorbiranno meno prodotti cinesi, anche perché andranno costando di più. I divari tra classi e sezioni del paese si allargheranno; cresceranno indebitamento e inflazione.

E c’è chi -sembrerebbe anche il Fondo monetario internazionale- prevede che tra poco più di quattro anni, nel 2016, la Cina supererà gli Stati Uniti e si troverà prima assoluta al mondo: la Cina che nell’Ottocento forniva i coolies che costruirono le ferrovie americane. Si attribuisce alla Banca mondiale la stima che lo sviluppo del 2011, pur rallentato rispetto ad anni precedenti, supererà il 9%, rendendo possibile il sorpasso dei sorpassi. Il contrasto fra le prospettive è troppo netto perchè le proiezioni degli economisti si prendano alla lettera. Forse è più saggio valutare i fatti del presente anche alla luce del passato vicino, diciamo dalla nascita della Cina comunista (ottobre 1949). Il passato millenario è importantissimo per spiegare i saperi anche tecnici del presente; ma possiamo darlo per noto.

E’ giusto esaltare, per esempio, il fatto che in sessant’anni 600 milioni di cinesi sono stati strappati alla miseria; non potranno più esserci le carestie che un tempo apparivano ineluttabili. Il mercato interno della Cina è già diventato considerevole, altrimenti non sarebbero spuntate come funghi le metropoli dei grattacieli, nonché i luoghi e i modi delle società avanzate, consumi di lusso e treni superveloci compresi. Il convoglio a livitazione magnetica della linea tra Shanghai e Hangzhou sfiora i 450kmh. Già oggi la Cina vanta alcune decine di primati assoluti, dal ferro e dal carbone ai pannelli fotovoltaici, ai parchi industriali (sono centinaia) più moderni. Se si sommano  i volumi delle borse di Shanghai e di Shenzhen, il paese ha già il secondo mercato azionario del pianeta. Nel 2010 sono affluiti dall’estero investimenti diretti per oltre $130 miliardi. E’ ovvio che, con una popolazione sterminata, il reddito pro capite resti relativamente basso.

I volumi assoluti sono impressionanti. E’ il capitali pubblico o quello privato che produce tanta ric chezza? Fino a che punto la Cina è diventata capitalista? Qualche portavoce del governo ha sostenuto che sono in mano private il 90% delle imprese cinesi: affermazione difficile da controllare. A metà degli anni Settanta le aziende private contavano per lo 0,3% ell’occupazione; oggi devono essere passate almeno al 20%. A livello ufficiale si parla ancora di “economia socialista di mercato”. Alcuni anni fa si diceva “quasi di mercato”. Nelle sezioni meno sviluppate, il Tibet per prima, l’impresa statale resta sempre dominante. I crescenti legami con partner internazionali prevalentamente capitalistici sono fatti per rafforzare i contorni privatistici del sistema cinese.

La cosa facile è descrivere tale sistema come un mix di imprese statali, cooperative e private, sia cinesi sia straniere. Il difficile è accertare le proporzioni. Le grandi Comuni agricole, fino a 25 mila soci, sono divenute  cooperative di villaggio, nelle quali il ruolo dei singoli contadini si è sensibilmente rafforzato.

L’agricoltura, nelle pianure sempre più produttiva, ha alimentato in misura determinante lo straordinario sviluppo industriale e dunque la crescita spettacolare dell’economia. Date le sue dimensioni territoriali (9,5 kmq) è logico che la Cina detenga numerosi primati settoriali: p.es. ha una suinicoltura da mezzo miliardo di capi. Pur non essendo un paese di boschi, la Cina è seconda solo agli Stati Uniti per le produzioni forestali, nell’ultimo quindicennio cresciute quasi del 50%.

Lasciando l’agricoltura, è da sottolineare che la Cina estrae quasi un terzo di tutta l’antracite, il migliore dei carboni, del pianeta. Il settore del carbone produceva 700 milioni di tonnellate nel 1983; nel 2003, 1.177 milioni. Anche per la generazione elettrica la Cina è seconda solo agli Stati Uniti, mentre contende a questi ultimi il primo posto assoluto per varie produzioni chimiche. Vistosi gli incrementi dei comparti manufatturiero e minerario. Si veda l’acido solforico: 9 milioni di tonn. nel 1982, 30 milioni nel 2001. Tutto ciò acquista uno speciale rilievo alla luce delle stime, fatte già negli anni Novanta, iperboliche eppure significative, secondo cui la Cina potrà produrre ‘tutto’ ciò che servirà al mondo. Il collettivismo non è fallito là dove il retaggio culturale ha consentito articolazione, sofisticazione ed anche capacità di emendare gli errori più gravi. Il retaggio culturale della Cina non potrebbe essere più alto.

Il boom delle infrastrutture è dovuto anche qui all’iniziativa pubblica. Il terminal dell’aeroporto di Pechino è terzo al mondo. All’arrivo degli europei, nella seconda metà dell’Ottocento, Pechino si era ridotto a piccolo centro. Con dati così clamorosi sarebbe facile la tentazione di considerare superuomini i gestori dell’economia cinese. Però sarebbe tentazione pericolosa. La grande edificazione nazionale ed economica cominciò 62 anni fa, con la proclamazione della repubblica rossa. Ma strada facendo ci furono il fallimento del Grande Balzo in Avanti, gli sconvolgimenti della Rivoluzione Culturale (“meglio rossi che esperti”), le violente lotte di potere che fra l’altro videro la caduta del presidente della repubblica Liu Shao-chi, e del massimo comandante militare Lin Piao (era stato, dopo Mao, il capo dei maoisti). Sembra certo che alla fine Lin progettò un  colpo di stato contro Mao (e morì in circostanze non accertate), mentre a un certo punto fu Mao a tentare di rafforzare la mobilitazione dei giovani, non abbastanza secondata da operai e contadini, con un vero assalto militare alle istituzioni.

Quasi tutto cambia con la morte di Mao (1976). L’avvento di Deng (1978) segna la grande svolta a destra, nella quale la parola d’ordine è ‘Arricchitevi’. E’ l’opposto diametrale del sinistrismo, del rifiuto assoluto della proprietà individuale, della tecnocrazia, rifiuto che Mao aveva rilanciato nella sua fase ultima. Acquista così valore la quadripartizione della storia cinese contemporanea proposta da alcuni storici: economia semicoloniale/semifeudale tra 1911 e 1949; comunismo maoista fino all’ascesa di Deng Siao-ping; accelerazione modernizzatrice e apertura al mercato fino a metà  degli anni Novanta; infine esplosione produttiva.

Uno dei corollari che hanno affiancato le ultime due fasi sembra la tacita  tolleranza della corruzione: essa contribuisce a proteggerci alquanto dalla tentazione, pur logica, di accettare molti degli insegnamenti che vengono dal Regno di Mezzo.

La realtà cinese d’oggi è l’opposto di quella proiettata dalla Rivoluzione Culturale. L’ultimo maoismo non avrebbe potuto essere ripudiato di più. Al di là delle esegesi ideologiche, è difficile negare al pensiero di Mao nei suoi ultimi dieci anni un carattere di delirio e di rifiuto della realtà.Eppure fuori della Cina quel delirio affascinò gli intellettuali e quanti li orecchiavano. Non fu semplice culto della personalità, fu autentica divinizzazione di Mao. Oggi, al contrario, c’è chi sostiene che Mao fece morire a vario titolo molti milioni di persone. Tra esse fu probabilmente Lin Piao, il maresciallo che durante la Rivoluzione Culturale esaltò la grandezza del ‘Pensiero di Mao’.  Se tanta grandezza non fosse stata smentita dal fiasco del Grande Balzo in Avanti, poi della Rivoluzione culturale, forse oggi molti proporrebbero la ricetta per fare ripartire la crescita dell’Occidente: fare come i cinesi col loro perpetual boom. Il cinese Sinopec Group è cresciuto l’ultimo anno del 45%: ora è quinta tra le 500 corporations di Fortune. Ma per numero di dipendenti è più importante la China National Petroleum: quasi 1,7 milioni di persone.

A.M.Calderazzi

già dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale