In quest of an anthropological mutation

Richard Sennett is a renowned American sociologist who happens to be a leftist and the heir of a number of militant Communists. In 1936 his father went to Spain to fight the Francoist insurgents against the almost Communist Republic. Recently professor Sennett gave to an Italian Communist paper an extended interview at the London School of Economics. The core was: the international crisis will worsen soon because the ‘financial capitalism’ which started it is as unwinnable as the medieval Black Death. At being asked, what would he do to fight modern day’s Black Death, Sennett answered “I would nationalize the whole banking sector”.

Now, nobody can doubt an LSE academic’s capacity to obey to at least some logic. It’s therefore clear: Sennett implies that a true revolution would be necessary so that a strong government is able to nationalize the whole financial sector. Who will ever launch said revolution, after so many centuries of unsuccessful tries at the hegemony of money? Better, one and half century after Marx’ Manifesto and almost a century after the apparent victory of Lenin’s revolution?

Nowadays (when the typical compensation of a fair-size corporation is 500 times the one of a salaryperson, and when in special cases said compensation can be many thousand times the one of the lowest-paid, the prospect of any serious mitigation of such iniquities are chimerical) is any hope chimerical?

My answer- the calls to revolution, even to reasonable changes, come from the totally wrong persons. They come from the usual leftist intellectuals, politicians, journalists, film directors and actors. History has taken almost any credibility from this sort of people. When they speak or write, they may look or sound right. They may even be right. But most people, i.e. entire societies or masses, do not set value on them.
So, a completely different race or breed of humans is needed so that a new tiding or faith is announced. Modern history forbids that a better conception of associated existence may be called socialism. A new name must be found. Let’s temporarily call it semisocialism.

A true anthropological mutation is mandatory so that a different social ideal is conceived, a mutation away from the traditional leftist-progressive type. The missionary of a better faith than capitalism will not be the professional and the ambitious; but the Idealist, the Operator of Good. Aiming at a less-capitalist society, we must look at different purveyors of models, ideas, ends and means. If we don’t do this, we’ll die the victims of hypercapitalism. Leftists are on the payroll of conservation. A surgeon for the poor, a compassionate nurse, yes. Smart lawyers, committed literati, shrewd congressmen, no.

A.M.C.
da Daily Babel

Riformismo

Per capirci meglio.

L’ex direttore dell’”Economist”, Bill Emmott, ci ha spiegato dalla prima pagina della “Stampa” come e perché il nuovo premier britannico, David Cameron, è più audacemente riformista del suo predecessore, Tony Blair, campione del New Labour e icona del socialismo moderno. Non c’è da meravigliarsi. Blair aveva certamente risollevato dalla polvere il laburismo d’oltre Manica e governato a lungo il suo paese con relativo successo, prima che i vari ripensamenti sulla guerra all’Irak e l’esplosione della crisi economico-finanziaria mondiale oscurassero il suo personale operato e screditassero il modello britannico legato al suo nome. In fondo, però, questo modello tanto esaltato altro non era che una versione un po’ edulcorata, se si vuole più “compassionevole”, come si dice da quelle parti, del conservatorismo di Margaret Thatcher.

Quanto al giovane Cameron, non c’è dubbio che il suo programma, peraltro appena varato e quindi in attesa della prova del fuoco, brilli per ambizione, ampiezza di vedute e al tempo stesso per uno spregiudicato empirismo che a Londra come si sa è di casa. Ma Cameron è pur sempre un “tory” come la Thatcher, anche se ora alleato con i liberali e benché il suo disegno di “big society” rechi un’impronta, appunto, piuttosto liberale e anzi persino tale da suscitare l’interesse di gente di sinistra. La sua comunque è solo una conferma che tutto, o quasi tutto, quanto si propone, si fa o si disfa, si tenta o si finge di fare ormai da molti anni a questa parte per riformare, innovare, cambiare, ecc. proviene da destra e non da sinistra, e quando proviene da sinistra si tratta per lo più di farina presa da sacchi altrui.

Per venire a noi, una delle poche riforme qualificanti compiute o tentate dal centro-sinistra sotto il governo Prodi furono le lenzuolate liberalizzatici di Bersani, semifallite sia per troppa timidezza sia per l’ostruzionismo dell’allora opposizione, inscenato un po’ per principio e un po’ per la solidarietà post-missina con i tassisti della Città eterna. Da annoverare altresì la riforma del Titolo V della Costituzione, attuata per accattivarsi un po’ la Lega aprendo una porta al cosiddetto federalismo. Tutto ciò non impedisce al Partito democratico di autodefinirsi preferibilmente riformista, come del resto uno dei quotidiani della sua area e come se fossimo ancora negli anni della guerra fredda quando i riformisti di sinistra si dichiaravano tali per distinguersi dai rivoluzionari, comunisti o socialisti, oggi scomparsi.

Quanto alla parte avversa, ci limitiamo a citare tre articoli della “Neue Zuercher Zeitung” pubblicati durante il periodo di (finora) più lunga permanenza al potere di Berlusconi. L’autorevole quotidiano elevetico, tanto comunista quanto può esserlo un organo vicino ai mitici “gnomi” di Zurigo, così intitolava perplesso un editoriale dell’11 giugno 2002, dopo un anno di governo del centro-destra: “Wie liberal ist die Casa della libertà?”. Il 20 gennaio 2006, avvicinandosi la scadenza della legislatura, sosteneva che Berlusconi non doveva neppure ripresentare la propria candidatura non avendo mantenuta alcuna delle sue promesse. Il 23 marzo 2006, infine, tirava le somme di quella gestione affermando che aveva apportato più Stato e meno libertà economica.

Colpa della magistratura e dei comunisti in generale? Limitiamoci, per carità di patria, a constatare che gli uni sono tuttora in debito di riforme promesse, più o meno consone alla loro etichetta ma comunque utili a migliorare un paese che ne ha bisogno più che urgente. E che gli altri devono ancora chiarire quali riforme quali che siano abbiano davvero in mente, se le hanno e ne hanno di condivise al proprio interno. Forse non è mai troppo tardi, ma forse sì.

Nemesio Morlacchi

“GUIDO ROSSI: BASTA CON LA POLITICA BARBARICA” E POI?

Milano può diventare un laboratorio nazionale per la democrazia partecipata

Quasi un’intera pagina del Corriere della Sera (31 ottobre’10) per un’intervista del vicedirettore G.G.Schiavi al giurista Guido Rossi, “il gran borghese che dalla Consob alla Telecom ha collezionato presidenze e dimissioni”. La lettura di questa pagina è come un quotidiano esperimento di laboratorio, al tempo stesso fruttuoso e frustrante come tanti sforzi di ricerca: molti spunti e verifiche cui quasi mai segue la grande scoperta.

Vediamo. “Milano, dice il giurista, può diventare il fortino presidiato da un sussulto di civismo che crea partecipazione, reinventando un modello di democrazia dal basso, quella dei cittadini (…) Oggi Milano manda un messaggio preciso al paese, indica la nascita di una democrazia dal basso che si nutre di partecipazione e di ascolto (…) Si può cambiare in meglio rilanciando la democrazia della discussione al posto della democrazia del voto”. E ancora: “Per Rossi è arrivato il momento di rompere il circolo vizioso che ha avvelenato i pozzi della democrazia partecipativa. Si comincia dalla Polis per arrivare allo Stato, visto che a livello nazionale non c’è una democrazia deliberativa”.

Notizie grosse, no? Concetti alti. Si comincia dalla Polis. E qual è il fatto nuovo e costitutivo? Guido Rossi: “Milano con le sue primarie e il dibattito che si può creare sul futuro ha l’occasione per diventare un modello, per costruire un nuovo meccanismo di democrazia. Qualcuno dirà che siamo ancora nel campo delle utopie, e un po’ è vero. Ma nella storia le utopie hanno realizzato tante cose. A volte bisogna crederci: la paura del futuro si può vincere solo con un soprassalto di partecipazione”.

L’utopia di Guido Rossi principe del foro e boiardo delle presidenze è tutta qui, le primarie. Può darsi siano uno sconcio minore rispetto alle cooptazioni, usurpazioni e combini delle cupole partitiche. Ma restano un vecchio arnese di tutte le Tammany Hall, una trovata, un gioco di mano per rappresentare meno disgustoso il congegno dell’elettoralismo.

Ma almeno con le primarie d’oltre Atlantico si gioca a carte scoperte, non si imbelletta la furbizia col cerone. Così come le lobbies sono legali, i lobbisti si registrano presso il Congresso federale e presso i campidogli locali a decine di migliaia, per le primarie si investe apertamente in dollari e in cacce e seduzioni agli elettori, talché esse primarie non risultano altro che l’atto primo della tonnara elettorale. Sostiene Guido Rossi che da noi sarà puro confronto di idee, anzi di idealità? I concorrenti metteranno solo la loro bellezza, come tre Dee fecero con Paride?

Il profetico annuncio dell’ex-presidente della Consob è come una lunga giornata siccitosa di agosto: il cielo brontola di tuoni incessanti, si alzano venti minacciosi e umidi, non cade una goccia. Il maestro del diritto, l’araldo della democrazia partecipata, non dovrebbe andare sul concreto, spiegare che le elezioni, primarie comprese, sono reti a strascico per pescare sardine a tonnellate, panie per invischiare merli a migliaia? Esattamente quella “politica barbarica” e quella “democrazia del voto” alle quali ha detto basta?

JJJ

Si tolga dai piedi questa demoplutocrazia!

Il mercatismo/consumismo che ha trionfato su tutte le rivoluzioni e tutte le cospirazioni resta spregevole. Non è scritto che le generazioni avvenire moriranno tutte capitaliste. Né è scritto che il suffragio universale e i partiti, strumenti principi delle oligarchie ladre, vigano per sempre. Ma la democrazia, dove andrà?

Muoia la democrazia che conosciamo, è la risposta di chi qui sotto si sottoscrive. Non merita di sopravvivere la democrazia che per di più è stata il pretesto fraudolento di tante guerre, da una da 15 milioni di morti per liberare l’Alsazia e Trento/Trieste, nonché per inventare nazioni false come Jugoslavia o Cecoslovacchia, a un’altra in corso per portare ‘i diritti’ alle afghanistane umiliate dai taliban. Finisca per sempre la democrazia plutocratica spacciata da due tra i peggiori bugiardi della storia, Franklin D.Roosevelt e Winston S.Churchill. Si tolga dai piedi questa democrazia che fa da alibi a Berlusconi, a Franceschini, ad ogni altro commediante del mondo libero.

In nulla dovrà assomigliare all’attuale, la democrazia di domani o dopodomani. Proviamo a scrutare insieme il futuro, senza ubbie messianiche ma non senza speranza.

AMC

FROM SECOND CITY TO WHITE HOUSE

The editors of l’Histoire, the Parisian specialized monthly, are much impressed, possibly mesmerized, by a single outline of the Obama phenomenon, his rather unusual relationship with Chicago. According to them, the American president owes a lot to the Second City, at the same time not being indebted to her, as he succeeded in embodying the whole nation, at least momentarily. So the line of thought of l’Histoire is that while Chicago was a major scene of the racial drama of America, Barack Obama, who triumphed there, did not offer himself as a Moses or a warrior of the black emancipation, but as a leader of the nation.

On the other hand, his rise cannot be understood without his bond with the South Side, i.e. with the ghettos on lake Michigan. Obama and the Windy City are seen in Paris as two success-stories of the same mushroomlike sort -a very quick growth, although not necessarily followed by a sudden decay.

Of course Americans know well that in less than fifty years Chicago rose from a fur- and cattle trading village to a large metropolis, a one prominently involved in the events, both political and social, of the 19th century. The place soon attracted several ethnic groups, who often had to fight for recognition. In Europe not many know that in 1886 four anarchists sentenced to be executed, died in Chicago while chanting a revolutionary song. Later the Blacks arrived and beginning from the Nineties the South and West Sides of Chicago became a, or the, capital of Black America. After the Depression and in the New Deal the Democratic party became the party of the Blacks, and locally the latter came near to dominate said party.

When Obama entered politics in Chicago, in 1985, he did not have special connections there. Rapidly he acquired them and succeeded in becoming the heir of the four or five historic leaders of the Chicago Blacks. But was also able to not identify himself as an ethnic ‘Libertador’. As he resolved not to try to become Mayor, the powerful incumbent mayor Richard J Daley was the very willing promoter of the rise of Obama. The young politician who came from Hawaii, Indonesia and Harvard accepted the help of persons and groups that controlled the not very ethical democratic machine of Illinois, but did not lose his personal reputation of honesty.

So the Obama’s masterpiece was conquering Chicago as an outsider, then projecting himself as the national leader from the Second City.

Anthony Cobeinsy
da Daily Babel

UNA METAPOLITICA PER LA SPESA PUBBLICA

L’olandese Jan Timmer, capo del gigante elettronico Philips, fece anni fa la fosca previsione: “Il futuro del nostro continente quale entità industriale fa paura”. Perché? Perché la spesa assistenziale degli Stati non scende in Europa sotto il quarto del Pil; qua e là sale a quattro decimi. Non è abbassabile, anche per l’iniquità di abbassarla. Previde l’economista svedese Assar Lindbeck: “il Welfare State distruggerà le sue fondamenta economiche”.

Cercheremo di mostrare che il Welfare potrà essere un po’ meno costoso solo dopo che saranno state tagliate molto più in grande tutte le altre voci della spesa pubblica; che la politica convenzionale non sarà mai capace di tanto; che dunque dovrà diventare non-convenzionale al punto di trasfigurarsi in metapolitica.

L’assistenzialismo europeo è arrivato al punto che in questo o quel paese uno può teoricamente ricevere 500 euro al mese dal compimento della maggiore età al momento della pensione; che i lavoratori inferiori lasciano agli extracomunitari quelle mansioni umili che i loro padri accettavano pienamente; che gli studenti trovano inammissibili d’estate certi lavori manuali molto ambiti dai coetanei nordamericani; che il contribuente accetta di mantenere alcuni milioni di persone attraverso il sostegno di produzioni rifiutate dal mercato. Un po’ dovunque nel Vecchio Continente regnano le pensioni e vacanze generose, i diritti ai sussidi, le attività ricreative a spese altrui, le burocrazie troppo vaste, il resto. Frattanto milioni di posti di lavoro vengono perduti per il trasferimento di attività produttive in paesi a costi più bassi.

Quando, nella seconda metà degli anni Novanta i repubblicani americani, controllando il Congresso, tentarono di eliminare le superfetazioni del Welfare, si accorsero che il paese che li aveva votati riluttava a seguirli: pur aspirando ad alleggerirsi del peso del sostegno al segmento inferiore della popolazione, e pur avendo accertato i risultati scadenti di un centinaio di programmi sociali lanciati soprattutto (ma non solo) dalle amministrazioni democratiche.

Una volta Ralf Dahrendorf ebbe a scrivere che se in America la carità governativa dava poco e costava troppo, lo Stato assistenziale andava alla deriva ovunque: “ Sarà impossibile mantenerlo. Dovremo essere più fantasiosi di chi promette di mantenere le strutture esistenti. Abbiamo bisogno di una nuova mentalità.”Eppure nessuno prevede tagli drastici alla spesa assistenziale. Li impediranno tanti fattori, dai sentimenti umanitari alla potenza delle lobbies, dai calcoli elettoralistici alle pure e semplici abitudini. Oltre a tutto colpire solo i poveri non risanerebbe abbastanza le finanze.

Ma il Welfare è intoccabile
Si ritorna ai dilemmi di fondo. Si è tentata l’offensiva generale contro l’ipertrofia della spesa, ma è destinata a spegnersi ovunque. Tagliare il Welfare è quasi impossibile, comunque è insufficiente. Più i tentativi di economizzare si concentrano sulle spese sociali, più risultano inutili e si indeboliscono. Ben presto si conclude che la solidarietà è un valore irrinunciabile; che i disavanzi del Welfare sono un costo della società avanzata.

Per metterla in termini più chiari. Il processo politico tradizionale e la finanza normale sono impotenti. Il Welfare ipertrofico lo si attacca solo nel quadro di un assalto impetuoso, rivoluzionario, su tutti i fronti della spesa pubblica. La sola razionalizzazione possibile ha contorni irrazionali. Ha natura di insurrezione. E’ guerra ‘santa’, cioè fanatica e non laica né garantista, contro quasi tutto: il sostegno alle produzioni antieconomiche, gli sprechi, la corruzione, le spese superflue e di rappresentanza, la rapina dei politici, il parassitismo dei burocrati, le frodi dei contribuenti, tutti i mali che si riparano dietro i codici e gli statuti. Molti comportamenti andrebbero puniti coi metodi di Dracone, il terribile legislatore ateniese nel VII secolo, per esempio con le confische prima dei processi. Ma le leggi, corazze dell’esistente, non permettono, e la rapina non cessa.

Poiché il riformismo guardingo, la concertazione, gli altri congegni della società ragionevole non sapranno mai ridurre la spesa pubblica in misura percettibile, non resta che l’impensabile: dimezzarla. Delirio? Rileggiamo Dahrendorf, uno dei tanti che si interrogano su ciò che ci aspetta. ”Per restare a galla nel contesto globalizzato le imprese dovranno ridurre i costi. Molti posti di lavoro finora ben retribuiti verranno eliminati, i salari reali diminuiranno (…) Che faranno gli elettori? Cercheranno soluzioni autoritarie”.

Impotenza della politica
Un primo ministro francese, Balladur, aveva parlato di un ‘ciclo infernale’: la disoccupazione farà salire le tasse, le tasse faranno salire la disoccupazione. Valutazioni del genere, a pari livelli di autorevolezza, se ne potrebbero allineare tante e darebbero meglio la misura di ciò che attende l’assieme dei paesi di vecchia industrializzazione. Forse non saranno conflitti armati tra nazioni come nel passato; però ugualmente si imporranno le logiche e le asprezze della guerra. Sui fronti interni i sacrifici e la disciplina dovranno prevalere sulle garanzie e sulle aspettative.

Ma la previdenza sociale, affrontata da sola, è intoccabile. La si può aggredire solo sventrando il ruolo intero dello Stato. Per risparmiare sul Welfare gli USA dovrebbero preventivamente declassarsi da superpotenza planetaria. Dunque niente grandi avventure tecnologico-militari (tipo scudi stellari), meno flotte navali e aeree, innumerevoli corpi d’armata sciolti, nanizzazione di quasi tutti i costi pubblici. Gli oneri stessi della politica elettoralistica andrebbero falcidiati, rovesciando i tavoli, capovolgendo le priorità. Il Welfare potrà tagliare sul proprio superfluo solo se e quando si sarà inesorabili su tutte le altre voci di spesa. Alla fine esso non costerà meno, perché dovrà mantenere a livelli di sussistenza masse molto più vaste: quasi tutti coloro cui la globalizzazione toglierà il lavoro. Le invocazioni alla crescita saranno inutili. Nell’ultimo sessantennio le aspettative sono cresciute troppo. Il benessere traslocherà nelle società oggi povere, e sarà giusto così. Non sappiamo se avranno le crociere, le happy hours e le lauree triennali per tutti; noi le abbiamo già avute, finiranno.

Poi c’è il costo della corruzione, tutt’altro che irrisorio. Scrisse Gary S.Becker, premio Nobel per l’economia: “Sono pochi i paesi immuni. La matrice della corruzione è la stessa dappertutto: apparati pubblici che fanno troppe cose. I politici e i burocrati potrebbero non essere più venali di altre categorie; certo sono più esposti alle tentazioni. La corruzione ha una storia lunga, però è vistosamente cresciuta da quando la spesa pubblica e i poteri normativi dei vari livelli di governo si sono tanto dilatati”.

Il che è vero, ma non più morali sono le prassi del capitalismo privato. La giustizia del mercato è un modo di dire se, per esempio, esso ricompensa l’alto management a livelli parossistici. La lotta alla corruzione e ai guadagni parossistici richiede misure da giustizia di guerra quali la decimazione, incruenta ma inflessibile, dei decisori e degli operatori che fanno affari coi governi: spogliarne di tutto uno su dieci, anche se innocente, perché gli altri nove capiscano. Si griderà all’eversione dello Stato di diritto. Vero: ma di fatto il diritto difende e ingrassa i ladri.

Gli sventramenti
Prendiamo la Francia, che ha uno Stato iperdirigista/interventista. Dovrà anch’essa abbattere la spesa, cominciando dai bilanci diplomatico-militari e da ogni altra espressione del prestigio. L’Eliseo non riuscirà mai a guadagnare i sindacati, i media, in ultima analisi la gente, alla causa delle economie se non liquiderà il nucleare strategico, le spedizioni militari nelle ex-colonie e altrove, il tentativo di difendere una centralità della Francia che non esiste più. Se non dimenticherà per sempre i fasti di Versailles. Che l’imponente palazzo Farnese a Roma sia ancora la sede dell’ambasciata francese, allorquando la diplomazia dovrà sparire del tutto all’interno dell’Unione Europea, è una sopravvivenza risibile. Come vituperevoli sono, anche in Francia, i trattamenti di molte migliaia di politici, mandarini pubblici e privati, parassiti, stilisti, cineasti, teleimbonitori, campioni sportivi, eccetera.

Anche da noi si imporranno economie gigantesche. Se tutti i bilanci, salvo quelli che aiutano direttamente i veri poveri, andranno tagliati (tagliati più di quanto si è fatto nel 2010), quelli degli Esteri, del Quirinale, della Difesa, dei Parlamenti e di ogni altra assemblea elettiva andranno ridotti a proporzioni simboliche.

La Repubblica che si vuole sorta sulla Resistenza esulle macerie della guerra è, tra i paesi arricchitisi, quello che dovrebbe capovolgere per primo le priorità della spesa. Ha i politici, i burocrati, i boiardi, i fornitori meno scrupolosi in assoluto. Il nostro congegno istituzionale è tra i peggiori del pianeta. La funzione pubblica è devastata dalle metastasi. Se in alto si è malversato e rubato su scala colossale, sono centinaia di migliaia di bassi dipendenti che frodano in piccolo, coperti dall’omertà corporativa e dai ‘diritti’.

La doverosa radiazione di furbi e farabutti sarà impossibile finché non si sospenderanno le garanzie acquisite, le prassi consolidate, le fisime costituzionali, le conquiste generate dalle lotte. Molti articoli dei codici è come se siano stati stesi dagli avvocati della malavita.

Da dove la salvezza
In conclusione. La spesa improduttiva o sbagliata andrebbe abbattuta dovunque, ma le probabilità che ciò avvenga in condizioni di normalità legale sono prossime a zero. I processi tradizionali della gestione e del consenso non promettono niente, comunque si chiami il partito al potere. Occorrerebbero circostanti eccezionali quali nessuna delle formazioni e ideologie attuali sa o vuole determinare. Essendo arte del possibile, la politica è fuori gioco: dimezzare la spesa e bonificare la palude è l’Impossibile.

Non resta che l’ipotesi, teoricamente possibile, del sorgere di un Mosé capace di deviare la storia ben al di là della politica. Di un Maometto, o Lutero, portatore di un messaggio totale, dunque metapolitico. Per definizione incarnerebbe una mutazione antropologica la quale dovrebbe investire tutti i suoi discepoli. La classe dirigente di un futuro redento non sarebbe fatta di professionisti delle assemblee e delle urne, meno che mai di intellettuali, bensì di puri di cuore, portatori di ideali.

A.M.C.

NOVEMBRE 2010

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.

Uno dei modi più vividi di trattare la politica è progettarne il futuro. In questo “Internauta” vanta una credenziale in più. Alcuni di coloro che lo redigono si concentrarono sulle prospettive: nei quotidiani “La Gazzetta del popolo” e “Corriere del Ticino”, nei periodici milanesi “IlConfronto”, “Relazioni Internazionali”, “Europa Domani” e, di recente, in “The Daily Babel” di New York. Formularono previsioni che gli eventi convalidarono:

  • § Prima della Primavera praghese IlConfronto additò da posizioni amiche la strada ai comunisti: ribellarsi all’Urss, ripudiare il marxismo, l’operaismo e ogni ubbia sinistrista; convertirsi alla libertà.
  • § Ai cattolici propose di disobbedire al Vaticano, nel nome della fede.
  • § Nove articoli su “Relazioni Internazionali” durante la Rivoluzione culturale dimostrarono quest’ultima effimera. Mentre i politologi di mezzo modo ipotizzavano che la Cina avesse adottato per sempre la povertà proletaria, noi anticipammo il trionfo dell’economicismo.
  • § Nell’estate 1960, quando J.F.Kennedy si candidava alla Casa Bianca, argomentammo quasi soli che la Nuova Frontiera non poteva non essere il vuoto slogan che risultò.
  • § Per anni evidenziammo le contraddizioni nei due campi dell’Europa.
  • § Mostrammo subito la perfetta inconsistenza del Maggio francese e dell’intero ribellismo studentesco, dagli USA al resto dell’Occidente.

Tra gli scenari che si annunciano oggi:

  • § Il tramonto della democrazia rappresentativa. Si passerà dal suffragio universale, cioè dalla delega ai politici usurpatori e ladri, alla sovranità di ristretti corpi di supercittadini sorteggiati dal computer. Aggiornata, risorgerà la Polis ateniese.
  • §v La partecipazione dei lavoratori, volenti o nolenti, ai profitti e alle perdite delle imprese.
  • § Le società avanzate accetteranno meno sviluppo e meno benessere. Addosseranno agli alti redditi il tassativo soccorso ai disoccupati e ai precari; fermeranno le avanzate dell’ipercapitalismo; favoriranno alcune rimonte quasi-socialiste.
  • § Alcuni dei modelli sociali abbattuti dalle trasgressioni torneranno a valere proprio in quanto generati dai millenni. L’umanità è composta più dei morti, coi loro valori, che dei vivi. E più dei credenti che degli atei.

Molte delle previsioni di “Internauta” non convinceranno. Perciò è probabile si avverino.


NOVITÁ: Nella categoria eBook libri, pamphlet e monografie scaricabili gratuitamente.


Parliamo ai giovani e a chi non vota. I partiti, si fottano.


LOVIS: gli Ex dell’Ispi
Gli articoli sulle idee e i fatti del mondo sono prevalentemente a cura del team Lovis: amici e allievi di Giovanni Lovisetti, che a lungo diresse l’Ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale), a Milano. Gli ex dell’Ispi sono lieti di avere tra loro la vedova di Lovisetti, Laura Fuà traduttrice letteraria, critica musicale, pronipote di Rodolfo e di Ugo Guido Mondolfo.

KLEIN: E SE DECIDESSE LA GENTE?

Folgorato sulla via di Atene dal sorteggio.

Joe Klein, una delle firme importanti della stampa americana, sembra galvanizzato dalla realizzazione, stranamente improvvisa, che “forse è il momento della democrazia deliberativa” (=non rappresentativa, non parlamentare, non appaltata ai politici col voto). Riportiamo largamente il suo intervento, su TIME del 13 settembre 2010, titolo (abbreviato) ‘What if we let people make decisions?”. Non è se non in parte la nostra idea di perché occorrerà a tutti i costi ‘cambiare democrazia’; però Joe Klein ha milioni di lettori. Una sola avvertenza: nel 1992, quando negli Stati Uniti divampò come un fuoco di paglia, a causa di Ross Perot, il dibattito sulla fine della delega elettorale, TIME ed altri grandi giornali, pur ammettendo che il futuro era della democrazia non delegata, considerarono ciò una sventura. Quando, col sorteggio, ridurremo all’1% la cittadinanza attiva (=sovrana), TIME e i suoi fratelli si ricrederanno. In qualche misura hanno già cominciato.

Se mi chiedete qual è stato l’atto presidenziale più deludente di Barack Obama, rispondo: sul problema dell’immenso disavanzo federale ha insediato una commissione d’alto livello. Che tedio, che cosa inutile! Quando manca la volontà politica, si nomina una commissione d’alto livello. La quale non decide nulla o quasi.

Se invece esistesse un meccanismo magico capace di cambiare a fondo il processo decisionale della democrazia, rendendolo credibile ed operante? Gli Ateniesi antichi avevano il meccanismo: il kleroterion, una specie di selettore delle palle del bingo. Ogni giorno alcune centinaia di cittadini (liberi e maschi, naturalmente) venivano scelti a sorte (randomly) e delegati a decidere per conto della Polis.

Si dirà, oggi la cosa sarebbe impossibile. E invece in Cina il distretto costiero di Zeguo (120 mila abitanti) pratica già il kleroterion sotto la regia di James Fishkin, professore a Stanford. Ogni anno 175 persone sono selezionate con criteri scientifici per rappresentare la popolazione intera. Ripetutamente sondate e documentate sulle questioni da decidere, approfondiscono intensamente discutendo in gruppi ristretti, affiancate da esperti di tendenze contrapposte. Alla fine del terzo giorno le priorità emerse vengono recepite ed attuate dalle autorità.

Il processo funziona brillantemente da 5 anni, nonostante i cittadini partecipanti non siano molto qualificati (contadini per il 60%). Il governo di Pechino è in procinto di allargare il meccanismo ad altri distretti.

Il professor Fishkin, 62 anni, conduce esperimenti di ‘democrazia deliberativa’ in vari continenti e paesi, da un ventennio. Ha raggiunto la certezza che la gente sa decidere a ragion veduta. Nel Texas ha gestito un processo di democrazia deliberativa dal 1996 al 2007. Uno dei risultati: quello Stato era ultimo nel campo dell’eolico, ora è il primo. Gli utenti disposti a pagare di più per avere energia dal vento sono passati dal 54 all’84 per cento.

Per come stanno le cose, forse è arrivato il momento della democrazia deliberativa. Quando viene messa di fronte a scelte vere e a conseguenze reali, la gente decide bene. Allora perché Obama non trasforma la sua commissione blue ribbon in un esercizio di democrazia deliberativa? I diciotto commissari stendano un rapporto per 500 Americani random scelti col metodo Fishkin. I 500 indaghino, riflettano, discutano a fondo. Io scommetto che questo kleroterion, trasmesso dalle televisioni, produrrà risultati più chiari e più credibili di qualsiasi commissione di Obama.

La gente è stanca di sentirsi dire le cose dalle élites. Forse è tempo di fare il contrario.

Controprove da Emmott e Rusconi

Teniamo a precisare che i politici di carriera non sono le élites. Con poche eccezioni, sono i peggiori. Sommi chirurghi, intensi pensatori e dolci poeti, appena eletti, diventano complici dei Proci che banchettano nella reggia di Ulisse. Ciò premesso, prendiamo atto: Il britannico Emmott, a lungo direttore dell’Economist, e il professore Gian Enrico Rusconi, entrambi editorialisti della torinese La Stampa, hanno portato anch’essi, il 14 e 16 settembre, acqua al mulino dove si vuole ‘cambiare democrazia’, rottamando le urne elettorali e cancellando i politici professionali. Non hanno, è vero, menzionato il ritorno ad Atene (alternativa unica alla dittatura militare, a volerla fare finita coll’oligarchia ladra che ci opprime). Però meglio di Joe Klein hanno diagnosticato le sindromi che condannano senza speranza la classe dei politici: non solo indegni della delega elettorale, ma anche incapaci di esercitarla (incessanti ruberie a parte). Riferiamo nell’essenziale le considerazioni di Rusconi, suscitate dal precedente editoriale di Emmott. Premessa la “certezza che il frenetico discutere di sistemi elettorali non cambierà nulla”, Rusconi afferma:

Meno male che c’è ancora un Bill Emmott che prende sul serio la situazione italiana. Nessun sistema elettorale è infallibile, quello italiano è fallimentare. Assolutamente sbagliato sarebbe pensare di migliorarlo col maggioritario puro all’inglese. La proposta pratica di Emmott è una sorta di proporzionale dal basso, con scelta diretta dei candidati, senza la mediazione partitica.

Ma osserva:

Il presupposto è che esista una Buona Italia che attende solo il sistema elettorale adeguato per esprimersi. Mi sembra una simpatica ingenuità. Quello che manca è una classe dirigente nazionale come tale, non solo in politica, che si assuma l’onere di costruire il consenso (costituzionale) sulle grandi regole.

Trovo sano che, a differenza di molti analisti stranieri, Emmott non faccia di Berlusconi l’epitome dell’Italia. Ma sbaglia a vedere il berlusconismo soltanto in chiave di una ‘coalizione artificiale’ che sta implodendo. Il Cavaliere ha realizzato il ricambio di classe politica più radicale dal dopoguerra (…), ha tentato di cancellare l’idea stessa di coalizione partitica per creare un “popolo di elettori”, un nuovo demos che rivendica addirittura il diritto di modificare le grandi regole istituzionali. In questo ha interpretato pulsioni profonde di settori importanti della società civile. Ora li lascia disillusi, frustrati per la sproporzione delle aspettative rispetto alla modestia delle cose realizzate. Ma non è ancora chiaro come finirà.

Finirà male diciamo noi per quanti, ultimi Mohicani o ultimi fantaccini giapponesi della giungla, ancora credono di far bene a difendere l’assetto cleptocratico escogitato dai Costituenti del 1947. Il peggiore in assoluto: tutto il potere ai ladri. Il ‘nuovo demos’ anti-sistema evocato da Rusconi è molto più vasto e più disgustato di quello, piccolo borghese e tacitabile con poco, messo insieme dal Cavaliere. Nascesse un eversore di genio, trionferebbe.

A.M.C.

LE SORPRESE DELLA POLONIA

Quello attuale brilla come uno dei rari momenti di grazia della moderna storia polacca. L’ultimo potrebbe risalire addirittura ad oltre tre secoli fa, quando il re Jan Sobieski salvò, si dice, l’Europa cristiana dall’invasione turca sbaragliando l’esercito del sultano sotto le mura di Vienna assediata. Poco dopo iniziò la spartizione del paese tra i grandi imperi circostanti, largamente agevolata da discordie e fragilità intestine. La riconquista dell’indipendenza alla fine della prima guerra mondiale fu un evento solo brevemente fausto. Il sogno di ripristinare l’antica potenza riannettendo vaste terre ucraine e bielorusse si infranse contro la resistenza, a sua volta aggressiva, della neonata Russia bolscevica. Poteva essere una lezione salutare, ma quando il vecchio Pilsudski, amato “padre della patria”, lasciò il posto a generali e colonnelli più avventatamente baldanzosi di lui, le responsabilità anche polacche contribuirono a provocare la multiforme catastrofe nazionale nel secondo conflitto mondiale.

L’imposizione di un regime comunista ligio all’Unione Sovietica fu in Polonia ancora più forzata che negli altri paesi dell’Est europeo. La controprova venne dalle ben quattro crisi che lo scossero nel giro di una trentina d’anni. Che non solo confermarono, però, l’insofferenza di fondo per l’egemonia sovietica ma evidenziarono altresì una reiterata reazione popolare alla cronica inefficienza della gestione economica, ancor meno capace che negli altri “paesi fratelli” di assicurare sviluppo e benessere. Non per nulla protagonista crescente di un simile rigetto fu la classe operaia, in nome della quale i vari Bierut, Gomulka, Gierek ecc. governavano il paese. Un’insolvenza, questa, che segnava in verità una certa continuità con il periodo precomunista e la differenza, ad esempio, dalla vicina Cecoslovacchia, già marcata nel periodo tra le due guerre mondiali. Le rivolte del 1956, 1970 e 1975 sembravano destinate a ricalcare le orme di quelle del XIX secolo contro il giogo zarista, tanto emblematicamente eroiche (ricordando anche Chopin, del quale si celebra quest’anno il bicentenario) quanto vane. Ma l’ultima, esplosa nel 1979-80, aprì la strada al crollo del “socialismo reale” in tutto l’Est europeo, sia pure con il favore della svolta gorbacioviana al Cremlino.

Neppure l’epopea di Solidarnosc e l’avvento della democrazia bastarono tuttavia a propiziare la ricomparsa di qualcosa che ricordasse i fasti del Medioevo e del Rinascimento. La stella di Lech Walesa si oscurò irreparabilmente ancor prima che il voto popolare, nel 1995, detronizzasse l’eroe di Danzica elevando alla presidenza della Repubblica il post-comunista Kwasniewski, già ministro nel vecchio regime e capace poi di guadagnarsi anche un secondo mandato malgrado l’ostilità di un’estrema destra sempre più agguerrita. Ciò avveniva nel quadro di un’instabilità e conflittualità politica che sfociarono in una nuova svolta nel 2005 con l’ascesa al potere dei gemelli Kaczynski, alla testa di uno schieramento nazional-populista le cui impennate mettevano a dura prova i rapporti con l’Unione europea, nella quale la Polonia era entrata nel 2002 (tre anni dopo l’adesione alla NATO), e quelli già spinosi con la Germania e soprattutto con la Russia.

La transizione all’economia di mercato, già di per sé penosa, diventava così ancor più ardua e caotica. Dopo l’inevitabile crollo iniziale la crescita produttiva prendeva slancio e, sia pure con qualche pausa, si manteneva sostenuta, grazie anche ai copiosi investimenti stranieri e, naturalmente, ai multiformi vantaggi derivanti dall’appartenenza alla UE. Stentava invece a ridursi, ciò nonostante, la disoccupazione, alleviata unicamente da un’altrettanto massiccia emigrazione (circa 2 milioni in totale) soprattutto nell’Europa occidentale. Solo nella piccola Irlanda, ad esempio, trovavano di che vivere 150 mila polacchi. Ugualmente deficitarie erano le finanze pubbliche, sofferenti per la cattiva amministrazione e la diffusa corruzione. In due classifiche elaborate dalla Banca mondiale negli ultimi anni la Polonia figura al 74° posto, dietro persino Romania e Bulgaria, per la qualità della sua burocrazia, e addirittura al 151° su 183 paesi per quanto riguarda il sistema fiscale. Per far tornare i conti si continua a confidare, tra l’altro, sulla privatizzazione dell’apparato produttivo e del patrimonio statale, tuttora lontana dal completamento.

Ora però le cose stanno cambiando o per lo meno promettono di cambiare, e non solo in campo economico. Dall’autunno del 2007 la Polonia “possiede qualcosa di raro nella UE e assolutamente unico nell’Est ex comunista: un governo assennato (sensible) di centro-destra con una maggioranza in parlamento” (Economist, 30 gennaio 2010). E’ il governo capeggiato Donald Tusk, che grazie alla vittoria elettorale della Piattaforma civica (destra liberale) ha soppiantato la coalizione guidata dai gemelli Kaczynski. Prevedere la durata di questa nuova svolta non è facile, con un elettorato finora così volubile come quello polacco. Il quale mostra per ora di gradire la linea più conciliante adottata verso UE e Russia, tendenzialmente contraccambiata da Mosca e agevolata dall’avvento di Obama a Washington, dopo il totale allineamento dei precedenti governi di Varsavia con le politiche di Bush Jr e il corrispondente disaccordo con Berlino e Parigi. E di apprezzare, inoltre, il clima più disteso profilatosi anche all’interno con il freno alle crociate contro il laicismo sui temi etici e all’accanimento contro i residui umani e simbolici di un comunismo ormai sepolto. Kwasniewski, per dire, dopo aver condotto il paese nell’alleanza atlantica confessa oggi che non gli dispiacerebbe fare il segretario generale della NATO.

E’ in campo economico, tuttavia, che si registrano gli sviluppi più rimarchevoli. Contrariamente alle aspettative, l’Europa ex comunista nel suo complesso ha sofferto in misura tollerabile per i riverberi della crisi planetaria. Ma quello che nessuno avrebbe potuto prevedere è che proprio la Polonia sarebbe stato l’unico paese dell’Unione europea ad uscirne indenne e anzi con un nuovo, benché modesto, passo avanti. Mentre tutti gli altri, infatti, hanno subito nel 2009 cali produttivi più o meno pesanti (-4% la media UE), nel suo caso spicca un aumento dell’1,7%, sufficiente ad innalzare il Pil pro capite dal 50% al 56% della media europea e a consentire di fronteggiare con adeguati finanziamenti esteri un deficit di bilancio sempre elevato (7%) ma certo non esorbitante nell’attuale panorama continentale. Un exploit, insomma, che ha sorpreso per primi gli stessi polacchi; “Incredibile: siamo i migliori in Europa”, intitolava già nella scorsa estate il quotidiano Dziennik.

Qualche osservatore attribuisce questo nuovo miracolo europeo anche, se non soprattutto, alla fortuna, dimenticando forse che per un po’ di buona sorte la Polonia avrebbe accumulato storicamente un certo credito. Avranno certo pesato fattori secondari o effimeri quale, ad esempio, il profitto che le filiali polacche della Opel e della Fiat hanno tratto dagli incentivi alla rottamazione in Germania. Idem dicasi per il fatto che banche e assicurazioni, largamente in mano straniera, si erano astenute dal fare incetta di titoli tossici. Per contro, la minore dipendenza dai mercati esterni e le dimensioni relativamente ampie di quello interno costituiscono un oggettivo vantaggio di base. Il Pil nazionale deriva solo per un quarto dalle esportazioni e per circa il 60% dai consumi interni, in continua espansione negli ultimi anni grazie all’aumento, pur controllato benchè costante, delle retribuzioni, che insieme alla riduzione delle imposte ha cominciato a richiamare in patria un numero crescente di emigrati. D’altro canto, se la disoccupazione non è più a due cifre, metà dei senza lavoro lo sono a lungo termine, e il livello di occupazione (55%) rimane il più basso in Europa. Un quarto dell’apparato produttivo, inoltre, lavora in nero. Sono solo alcuni dei problemi che i dirigenti di Varsavia dovranno affrontare nei prossimo futuro, insieme a vari altri quali la riforma delle pensioni e della sanità, il miglioramento delle infrastrutture, l’eventuale rilancio delle privatizzazioni, ecc., per far sì che il miracolo non rimanga episodico e illusorio.

Una sfida non da poco, insomma, che richiederà, ancora e innanzitutto, stabilità politica. E qui va registrata un’altra sorpresa. Si temeva che in un paese alquanto emotivo come la Polonia la tragedia di Smolensk, l’incidente aereo in terra russa nel quale hanno perso la vita nello scorso aprile il presidente della Repubblica Lech Kaczynski e un centinaio di altri politici e dignitari, potesse provocare gravi contraccolpi sia sulla scena interna sia nei rapporti esterni, anche per effetto di facili strumentalizzazioni. Così però non è stato. Mosca e Varsavia si sono comportate, nella circostanza, in modo tale da aggiungere semmai del calore al reciproco avvicinamento diplomatico. Per rimpiazzare il defunto, che aveva ostacolato con i suoi veti l’operato del governo Tusk e il cui mandato era del resto prossimo alla scadenza, è sceso poi in lizza il fratello Jaroslaw, ex premier e numero uno del partito denominato Legge e giustizia. Le sue chances di successo venivano considerate esigue, e in effetti il Kaczynski superstite è stato battuto dal candidato di Piattaforma civica, Bronislaw Komorowski, la cui investitura ha così posto fine in luglio ad una scomoda coabitazione al vertice del potere.

L’ex premier ha tuttavia raccolto parecchi più voti popolari del previsto, grazie non solo alla commozione suscitata nel paese dal suo personale lutto ma anche alla moderazione che ha caratterizzato la sua campagna elettorale a dispetto di una collaudata durezza di stile e di sostanza. Non invece, si direbbe, ad un incipiente, ennesimo cambiamento di vento nel paese. Lo si può dedurre, e vi è qui una terza sorpresa da annotare, dal fatto che sempre in luglio ha potuto svolgersi a Varsavia, inaspettatamente indisturbata, la prima parata del gay pride nell’Europa ex comunista, già vietata in anni precedenti in un clima dominato dalla convergenza tra governo di allora e Chiesa cattolica. Che la tradizionale influenza dell’episcopato fosse in calo e il laicismo invece in ascesa lo aveva già indicato nello scorso dicembre un sondaggio d’opinione secondo cui oltre il 60% dei polacchi accetterebbero un premier omosessuale.

Tutto ciò non significa peraltro che una riscossa dello schieramento nazional-populista sia da escludere. All’ultima prova elettorale Kaczynski si è presentato con un programma imperniato sul mantenimento di uno Stato forte e la difesa dei ceti deboli a spese di quelli privilegiati; è stato calcolato che la sua attuazione costerebbe 15 miliardi di euro, il doppio rispetto al programma di Komorowski. Pura demagogia, facile per chi sta all’opposizione? In attesa del verdetto delle elezioni parlamentari del prossimo anno, va rilevato che anche il candidato post-comunista ha ottenuto nelle presidenziali un risultato migliore del previsto. Un’ulteriore spinta, questa, a maggioranza e governo attuali per cercare il modo di tradurre almeno in parte i recenti successi economici in tangibili benefici sociali, oltre a muoversi con equilibrio e destrezza sul terreno sempre delicato e potenzialmente esplosivo delle libertà e dei diritti civili.

Qualcuno mostra di non dubitare, frattanto, che la Polonia delle sorprese sia in grado di mantenere quanto adesso promette. Secondo il ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schäuble, ad esempio, la Polonia diventerà un grande paese, non solo in termini demografici, più presto di quanto non si creda. Formulato oggi da un tedesco competente non meno che autorevole (molti vedono in Schäuble il vero uomo forte dietro Angela Merkel), il pronostico non sembra necessariamente tradire sensi di colpa per il passato o per le non rare manifestazioni, nel suo paese, di scarsa considerazione per le capacità in generale dei vicini orientali e persino di timore per le conseguenze della loro inclusione nella comune casa europea.

F.S.

Il voto condizionato

Una provocazione per migliorare la democrazia.

Il concetto di democrazia è andato, nelle moderne società occidentali, identificandosi col concetto di democrazia rappresentativa, e legandosi indissolubilmente con quello di suffragio universale. Tuttavia, visto il progressivo deterioramento che è proprio di ogni democrazia, per cui col passare del tempo la maggioranza (che, triste ammetterlo, storicamente non è particolarmente incline ad accettare progetti impegnativi e di lungo termine) smette di scegliere per il proprio bene ma resta vittima dei propri desideri immediati, si può forse oggi riaprire un dibattito proprio sul principio del suffragio universale.

Mantenendo fermo il principio dell’uguaglianza formale di tutti gli uomini, per cui a nessuno deve poter essere negato, tra gli altri, il diritto di voto, ci si può tuttavia interrogare se tale diritto debba rimanere incondizionato (o condizionato solo ad alcuni parametri, quali l’età o la cittadinanza).
Ma sarebbe poi così assurdo richiedere che il diritto di voto venga condizionato ad altri parametri attinenti, diciamo, a conoscenze basilari ed a capacità di ragionamento?

Ad esempio, in alcuni Paesi (ad esempio l’Estonia, membro dell’Unione Europea) il diritto di voto è subordinato alla conoscenza della lingua. Pretendere che in Italia chi esercita il diritto di voto debba conoscere l’Italiano non sarebbe poi così assurdo. Una persona che non conosca la lingua del paese dove abita, come può leggere un giornale, capire un telegiornale, interessarsi con cognizione di causa alla gestione del Bene Comune?

In secondo luogo, considerato che molti di coloro che dichiarano apertamente di non interessarsi di Politica non si astengono, ma votano in base a criteri, a voler essere generosi, arbitrari, è giusto che i loro voti annacquino il voto di quelli che, pur su opposti schieramenti, si informano e mostrano passione per la gestione della cosa pubblica?

Col sistema attuale non solo si ingrossano le fila di questi “non interessati”, ma s’incentivano i politici a ricercare i loro voti, facendo leva proprio su quei criteri arbitrari che poco hanno a che vedere con la gestione dello Stato. Il pericolo, già noto ai Greci, che la democrazia degeneri in demagogia non può, specie in una società globalizzata, essere trascurato.

Nessuno ovviamente pretende che per votare si debba essere professori di diritto costituzionale, o conoscere nei dettagli la Storia recente, o anche solo che si legga un giornale tutti i giorni (che pure non guasterebbe). Ma è poi così ingiusto che non possa votare chi non ha idea di chi sia il Presidente della Repubblica? O cosa sia successo di epocale in Europa nel 1989? O, ancora, chi sia il fondatore di Forze Italia?

Terzo spunto, la capacità logica. Questa consente di mettere insieme le nozioni in proprio possesso ed estrarne delle deduzioni. E’ il presupposto necessario per un approccio al mondo circostante ispirato al dubbio ed alla osservazione. Richiedere che le persone che esercitano il proprio diritto di voto siano in grado di mettere in relazione tra loro le nozioni che hanno, che sappiano compiere semplici passaggi mentali (che si apprendono più nella vita che sui banchi di scuola), sarebbe un’assurdità?

Non si pensi ad indovinelli astrusi del tipo “un mattone pesa un chilo più mezzo mattone, quanto pesa un mattone?”, né al dover dimostrare capacità matematiche di chissà quale livello. Si tratta più che altro di saper operare semplici deduzioni (“Se tutti i lombardi sono italiani, i milanesi sono lombardi, i milanesi sono…?”), necessarie del resto al formarsi di un’opinione non acritica su qualsiasi oggetto.

Ricapitolando, se un domani il diritto di voto fosse subordinato al superamento di un semplice e banalissimo test, volto ad accertare una conoscenza basilare della lingua italiana, una conoscenza a grandi linee della Storia e dell’attualità, e una minima predisposizione alla logica, il concetto stesso di democrazia ne risulterebbe offeso?

Le modalità pratiche, i dettagli (in cui, si sa, si annida il diavolo) pongono ovviamente delle problematiche enormi, ma non insormontabili. Una discussione sul tema potrebbe portare spunti, soluzioni, miglioramenti. Ma se anche solo crollasse il postulato per cui il diritto di voto è subordinato a criteri del tutto slegati dal possedere nozioni basilari e dal saperle mettere in correlazione, un primo importante passo per contrastare la crisi dell’attuale sistema democratico verrebbe fatto.

Solone X

Diritto e dovere di votare

Una provocazione per migliorare la democrazia

Nell’attuale sistema, qualsiasi cittadino italiano, compiuti diciotto anni, ha il diritto di voto. La ratio di tale scelta del legislatore è che si ritiene che la maturità e la conoscenza necessarie per votare, si raggiungano con la maggiore età. Un simile sistema ha l’evidente pregio di essere estremamente semplice, ma l’altrettanto evidente difetto di essere approssimativo.

A fronte di una maggioranza di cittadini che si informano, discutono, si formano un’opinione (più o meno approssimativamente), c’è una minoranza, purtroppo non esigua, che pur dichiarando apertamente di “non interessarsi alla politica” (non di “esserne disgustati”, che pure presupporrebbe una conoscenza, ma di non conoscere i fatti e gli avvenimenti più macroscopici) tuttavia non si astiene. Il voto di simili persone è estremamente importante per la classe politica, in quanto spesso determinante per la vittoria, e per ottenerlo si fa leva su questioni che con la politica non hanno nulla a che fare. Si incentivano, insomma, demagogia e antipolitica, e si arriva ad incoraggiare il torto e la superficialità purché, e in quanto, popolari.

Al contrario un sistema che calibri sulla singola persona la verifica del raggiungimento della necessaria maturità (quale quello proposto, in cui il voto è subordinato al superamento di un test elementare), escluderebbe in primo luogo questa spirale verso il basso della politica, ed in secondo luogo sarebbe più equo nei confronti del singolo.

Con un simile sistema si potrebbe, ad esempio, abbassare l’età richiesta per votare, così come allargare il diritto di voto agli immigrati residenti da almeno 5 anni. Tutti infatti sarebbero chiamati a provare, con un metodo rapido ed il più oggettivo possibile, la conoscenza basilare della lingua italiana e dell’attualità, ed il possesso di una minima capacità di ragionamento.

Questo metodo ovviamente si presta ad un’infinità di critiche, teoriche laddove si biasimi l’esclusione di alcune persone dalla scelta di chi ha il dovere di governarli, e pratiche quando inerenti le modalità della selezione. Tralasciando le seconde, circa le prime va osservato che già ora il voto è sia un diritto che un dovere. Questa seconda parte però, nell’attuale sistema, è del tutto trascurata. Molti cittadini non avvertono l’importanza del loro recarsi a votare, lo danno per scontato e talvolta lo bistrattano o lo monetizzano.

Al contrario nel sistema proposto, diritto e dovere verrebbero connessi ed egualmente valorizzati. Il primo consisterebbe nel fatto che tutti i cittadini, anzi non solo, hanno l’opportunità di accedere al voto; il secondo, invece, nel fatto che sia necessaria la volontà di cogliere tale opportunità. I requisiti richiesti per votare sarebbero infatti di una tale semplicità, che chiunque abbia ricevuto l’istruzione obbligatoria, e che abbia la volontà di accedere ad informazioni basilari, diffuse e gratuite, sarebbe in grado di soddisfarli.

Il meccanismo del voto condizionato ha poi il pregio della “premialità”, per cui il diritto di esercitare il voto viene ottenuto tramite uno sforzo, pur minimo, e dev’essere quindi “conquistato”. Inoltre, se la “premialità” funzionasse, si avrebbe anche una tensione virtuosa da parte degli esclusi per poter partecipare all’elezione successiva: essendo i requisiti richiesti, come già detto, facilmente e gratuitamente raggiungibili, si otterrebbe infatti un progressivo livellamento verso l’alto, ma non tale da risultare elitario. Anche gli stessi partiti politici, oggi spinti a ricercare il voto degli ignavi, sarebbero al contrario incoraggiati a promuovere un minimo di conoscenza di quei requisiti richiesti come minimi per accedere al diritto di voto.

Solone X

MORBO DI METTERNICH, PATOLOGIA DEI POLITOLOGI

Sbotta Giovanni Sartori in un suo editoriale (Corriere 9.9.10): “Ma allora a che serve il sistema parlamentare?”. Appunto: di buono, quasi zero. Di pessimo, quasi tutto. Fu questo, non la Résistance, il merito imperituro dell’eversore Charles de Gaulle: aver tramortito a partire dal 1958 il parlamentarismo francese. La III Repubblica aveva avuto 69 governi e scandali senza numero. La Quarta mise 14 anni per suicidarsi. L’umiliazione del parlamento fu salvezza della Francia.

Da noi si è finalmente capito -per ora senza trarre le conseguenze- che abbiamo i politici più immorali dell’Occidente. Che compongono una ‘ndrangheta piuttosto che una casta. Che sono un tipo intermedio tra gli oligarchi (non sarebbero il peggio) e i narcos colombiani e sierraleonesi. Che in questo senso l’Italia è annoverabile tra i rogue States, le nazioni- canaglia.

Ebbene il prof.Sartori propina ancora la lezione grottesca: votando, il popolo delega il potere alle assemblee elettive le quali lo esercitano nell’interesse della nazione! Sartori sa che quanto meno dal 1789 americano il potere viene esercitato nell’interesse di chi se ne impadronisce, non del popolo. Perché finge di credere lecita la tradizionale mistificazione?
Argomenta lo stizzoso maitre à déraisonner: “Lo spettacolo della politica italiana è caotico e disperante. L’unico punto fermo che ci resta è la Costituzione”. La Costituzione, ornato copriletto che nasconde lenzuola luride! Viene in mente il 1936, quando fu proclamata la nuova Costituzione dell’Urss. Era, gorgheggiarono specialmente in Francia gli intellettuali di Stalin, la Carta più avanzata del mondo, intensissima di princìpi, garanzie, conquiste del popolo, elezioni dirette e segrete, libertà di pensiero e religione, idealità e molto di più. Peccato che furono gli anni del Grande Terrore: stermini e gulag. Le purghe raggiunsero il parossismo immediatamente dopo l’entrata in vigore del monumentale testo.

Il quale, peraltro, precisava: la dittatura è del proletariato, però la esercita il partito comunista impersonato da Stalin. Idem il regime codificato dai nostri costituenti: la sovranità è del popolo, però la esercita la partitocrazia (=l’assieme dei cleptocrati). Tangenti, usurpazioni, estorsioni quali la Troisième francese, la ‘Répubblique des voleurs’, non si sognò di conseguire. Il solo Quirinale costa quanto sussidiare 40.000 disoccupati della scuola. La sola Camera dei depu/imputati, quanto mantenerne 200 mila. E Sartori porge la Costituzione!

Il principe Clemens von Metternich-Winneburg visse la vita intera nell’apprensione del cambiamento. Detta all’inglese, a life-long hatred of political innovation. Il Sartori campa nella paura di uno specifico cambiamento (figura nell’occhiello dell’editoriale): la democrazia diretta. Non lo nasconde, e questa è un’attestazione in più che ‘il direttismo’ (così crede di esorcizzarlo o tenerlo lontano) è, dittatura militare a parte, l’unica alternativa a ciò che abbiamo. La ‘ndrangheta dei politici non farà mai riforme. Dovesse farne, sarebbero bieche. Se il morbo di Metternich è come una silicosi professionale dei politologi in cattedra, in Sartori è conclamato e aspro.

“Cominciamo -leggiamo sempre l’editoriale- da un dato incontestabile: le democrazie dei grandi Stati territoriali non possono essere dirette”. Segue la vecchia fandonia della democrazia rappresentativa, delizia del deputato La Trippa (Totò) nel film Gli onorevoli (1963). Infine, frase conclusiva: “Dicevo che l’unico punto fermo che ancora ci resta è la Costituzione e un sistema costituzionale. Che oggi è insidiato da un infantile populismo costituzionale e da un direttismo sconfitto da 2500 anni di esperienza. Sarebbe l’ultima sciagura”.

Si consoli, il paziente del morbo di Metternich, e consoli Solaro della Margarita (altro Clemente al fonte battesimale) avversario reazionario di Cavour. Se tanto insiste, il Nostro, che la democrazia diretta si addice solo ai contesti esigui (“Atene, le piccole democrazie del Medioevo, le democrazie cittadine di piccole comunità”), sappia che la democrazia diretta prossima ventura -è nelle cose- sarà selettiva, configurata a misura ateniese. P.es., non tutti gli italiani a fare sovranità, bensì 1 su 100, sorteggiatto documentato e servito dal computer per un breve turno da supercittadino.
Un giorno o l’altro, niente più delega ai cleptocrati un po’ narcos. Internet ha appena cominciato a rovesciare tavoli. Il più verrà.

Massimo Calderazzi

RODOLFO MONDOLFO, NOSTRO RIFERIMENTO

Tra le malattie che hanno ucciso l’idea socialista e quella comunista primeggiano la voracità ladra degli appaltatori della prima, la ferocia dei gestori della seconda. Sapere questo non spegne il rimpianto di quando esistevano alternative all’ipercapitalismo, oggi esso stesso in cattiva salute.

Come ci disgustano, da una parte, la disonestà e disinvoltura del craxismo, del felipismo spagnolo, del blairismo, e dall’altra l’arroganza, il settarismo, l’inumanità, l’autolesionismo praticati da Lenin a Togliatti, da Thorez e dalla Ibarruri a moltitudini di intellettuali opportunisti, così ci cresce dentro l’ammirazione per le grandi figure del socialismo umanitario. Primo, Rodolfo Mondolfo il cui magistero abbiamo evocato nelle poche righe di presentazione di “Internauta”, un mese fa.

Col fratello Ugo Guido, anch’egli lavoratore nella vigna di Critica Sociale, Rodolfo ebbe la grandezza di contrapporsi immediatamente ai campioni del marxismo autodistruttivo: non solo Lenin e Stalin, anche il falso profeta Gramsci e il serpino Togliatti, poi i centomila sicofanti che schernivano il socialismo etico dai caffè di St.Germain, dalle terrazze romane, dalle tavole rotonde e dai teleschermi del sinistrismo insincero. Nel 1920 Gramsci rimproverava a Mondolfo che il suo amore per la rivoluzione fosse ‘grammaticale’ e irrideva alla ‘pedanteria professorale e pantofolaia che pretendeva di fissare limiti alle rivoluzioni’. Non avrebbe scritto, il fondatore de “L’Unità”, che il partito comunista doveva “prendere il posto, nelle coscienze, della divinità o dell’imperativo categorico”; così allineandosi a Stalin e a Zdanov?

Decenni dopo il tardobolscevico di rito milanese Lelio Basso sosteneva ancora che la causa primordiale della dittatura leninista-stalinista era stata ‘la minaccia di schiacciamento’ da parte delle potenze capitaliste, non il feroce imbarbarimento del Partito e la sua ‘funzione dominatrice’ sulle masse. Per quasi un secolo gli intellettuali ‘di tendenza’ (compresi i tanti che si erano adattati assai bene al fascismo) avevano insultato gli assertori alla Mondolfo di un socialismo per l’uomo, non per il Partito. E insultarono ancora quando, morto Stalin, il sistema moscovita continuò a stroncare con le armi a Poznan a Berlino a Praga a Budapest la velleità delle masse di rivendicare le loro esigenze reali.

L’uomo-Comintern Palmiro Togliatti pontificò che nel campo sovietico esistevano . Legioni di scrittori pittori registi di casa nostra inneggiarono a tali ridicole fandonie e vituperarono le invocazioni umanistiche di ogni possibile Mondolfo.

Conosciamo la fine ignobile/grottesca del comunismo. Peraltro ai combattenti dell’ideale si può addebitare di non aver capito fino a che punto il trionfo del capitalismo avrebbe fatto turpe l’anima ai socialisti. Non era mai accaduto che i portatori di una grande causa si trasformassero così fulmineamente in corruttori e in ladri. Forse i boys di Craxi e di Felipe Gonzales non furono più ladri di tanti luogotenenti di Aznar e Berlusconi; ma almeno questi due ultimi condottieri dell’ipercapitalismo non avevano e non hanno alcun obbligo di moralità. E nemmeno ne ha Tony Blair con la sua ricchezza spudorata e la sua livrea di casa Bush-Cheney. I Mondolfo, i Kautsky, gli Otto Bauer non seppero misurare né la forza corruttrice del benessere consumistico, né la tenuità etica di molti che si dicevano socialisti. Ed ecco Fernando Savater, brillante intellettuale spagnolo, rivendicare oggi (come il Niccolò Machiavelli ammiratore di Cesare Borgia): “I politici non hanno bisogno della morale”.

Oggi ‘socialista’ è una parola da non pronunciare a tavola. Semmai si potrà parlare di ‘semisocialism’ o ‘halbsozialismus’, evitando la lingua italiana e quella spagnola. Resta, anzi grandeggia, la dignità del comunismo umanistico additato dal visionario-realista Rodolfo Mondolfo. Per questo andremo ripubblicando qualche scritto antico di quest’ultimo. La nostra sodale Laura Lovisetti Fuà, nipote dei fratelli Mondolfo, ci ha passato alcune loro vecchie carte.

Nato a Senigallia nel 1877, il ventiquattrenne Rodolfo Mondolfo insegnava la storia della filosofia all’università di Torino, dove restò quattordici anni. Fu poi professore a Bologna 24 anni, in Argentina 12. Morì lì nel 1976. Negò l’imperante interpretazione materialistica del marxismo, che egli invece caratterizzò come filosofia attivistica e umanistica. Questa concezione liberale mise al centro di opere quali Il materialismo storico in F. Engels, di un secolo fa, e Sulle orme di Marx, del 1919. Nella filosofia antica rilevò, al di là degli schemi tradizionali, problemi e intuizioni del mondo contemporaneo.

Già nel 1919, poco più di dodici mesi dall’Ottobre rosso, Mondolfo vide con chiarezza inesorabile che il comunismo non poteva che essere dittatura, della classe dominante non del proletariato; e che sarebbe stato odiato e abbattuto dal popolo, anzi dai popoli. Si pensi a quella forma esasperata che fu il maoismo della Rivoluzione culturale. In Cina ha avuto luogo, per reazione, la più gigantesca palingenesi della storia: dalla persecuzione di chi, contadino possessore di un bue o professore di politecnico, era un ‘capitalista da schiacciare’, all’apoteosi finanziaria di oggi, che la Cina è arbitra della solvibilità dell’America sua debitrice. Anche questo era nell’analisi-profezia di Rodolfo Mondolfo.

Vivesse oggi, il loico veggente di Senigallia, forse saprebbe dirci se moriremo di ipercapitalismo. Forse ci insegnerebbe come riproporre una prospettiva di disincantata socialità, dopo 170 anni di errori e di tradimenti che hanno stracciato il concetto stesso di sinistra. Nei suoi limiti, la dottrina sociale di Leone XIII è sopravvissuta ben meglio del marxismo-leninismo trionfatore a chiacchiere, anzi a menzogne.

A.M.C.

Quali probabilità ha un paese mediterraneo come l’Egitto di riscattarsi dalla povertà?

Percorrendo le strade del cosiddetto progresso tecnico (meccanizzazione, irrigazione dei campi attraverso canalizzazioni moderne, fertilizzazione chimica) l’Egitto si è trovato ad avere più disoccupazione e ad essere soltanto in grado di offrire gli stessi prodotti derivanti da altre agricolture mediterranee. Con quali risultati per il Paese? Non molto incoraggianti se si pensa che l’Egitto, un paese uso a giocare un ruolo come produttore ed esportatore a livello mondiale, è andato perdendo terreno sul piano della competitività. Le merci egiziane rappresentavano infatti a metà del Novecento lo 0,84% delle esportazioni mondiali mentre mezzo secolo dopo contavano soltanto per lo 0,07% delle esportazioni mondiali, ben 12 volte in meno. A che cosa è dovuto questo tracollo? A una molteplicità di fattori, in parte comuni a tutti i paesi del mondo (come l’introduzione della microelettronica nei processi produttivi, che ha fatto praticamente cessare la tradizionale correlazione positiva tra nuovi investimenti e nuova occupazione; questo processo si è andato accentuando e accade ora spesso che a nuovi investimenti si accompagni non un aumento bensì una caduta nell’occupazione della forza lavoro) e in parte caratteristici dell’Egitto e di altri paesi del Mediterraneo, Italia inclusa, che si trovano in questi anni presi tra due fuochi:

1) da un lato i Paesi dell’Est-Asia, che promettono di divenire, o di tornare a essere, l’officina del mondo grazie a determinate loro caratteristiche (credute note, ma in sostanza completamente ignorate) unite agli interessi, per definizione di breve periodo, sia delle maggiori imprese di distribuzione del mondo, sia di quelle imprese manifatturiere americane ed europee le quali (credendo di poter mantenere il potere di mercato che erano andate conquistandosi nel corso degli ultimi due secoli) hanno pensato di poter usare a loro beneficio esclusivo quelle caratteristiche delle imprese est-asiatiche (giapponesi, cinesi, taiwanesi, coreane, vietnamite, thailandesi) che credevano fondate su una maggiore laboriosità e desiderio di successo. A tutto ciò si è unito il mito della “sovranità del consumatore” che ha portato, in un clima di indifferenza quasi generale, alla scomparsa di intere industrie da diversi paesi ricchi (elettronica di consumo e automobilistica ne sono buoni esempi), mentre nei settori industriali abbandonati e in altri nuovi si affacciavano imprese di Paesi fino a ieri poverissimi (Cina) o poveri (Corea), tra i soli che a buon diritto potremmo chiamare PVS = Paesi in via di sviluppo;

2) dall’altro lato i Paesi tutt’ora ricchi, compresi tra l’Europa e gli ex-possedimenti europei di colonizzazione bianca, hanno continuato a sostenere le proprie economie facendo leva sui servizi, sfruttando al meglio le più favorevoli condizioni di produzione ovunque si presentassero nel mondo, usando in modo spregiudicato il loro potere economico nei mercati finanziari (e valutari) e quello militare ovunque fosse possibile.

Come l’Italia del passato, così anche l’Egitto (sotto la spinta della crescita demografica) ha dovuto ricorrere all’emigrazione (NOTA) poiché se è vero che la piaga dell’analfabetismo è stata in parte sanata e la scolarizzazione di ogni ordine e grado è andata aumentando, la crescente disoccupazione della forza lavoro ha impedito agli egiziani di usare i benefici derivanti da un’istruzione più diffusa, anche perché in Egitto come ovunque è frequente la non corrispondenza tra tipi di lauree disponibili e tipologia dei laureati richiesti dal mercato del lavoro. Occorre anche aggiungere che la diffusione di macchine automatiche sempre più sofisticate ha RIDOTTO, e non accresciuto, la domanda di personale specializzato.

A proposito di crescita demografica è bene ricordare che l’Egitto nel 1961 (così come la Turchia) aveva una popolazione di 27 milioni (pari alla metà circa di quella di paesi come Francia o Italia) che è aumentata di oltre due volte e mezza nei quattro decenni successivi fino a 70 milioni, mentre i grandi Paesi europei menzionati sfiorano i 60 milioni.

In termini generali si può affermare che l’emigrazione abbia un effetto negativo sullo sviluppo dei Paesi dai quali ha origine, quando si traduce in una migrazione permanente di quella forza lavoro più o meno qualificata, ma comunque nel fiore degli anni, la quale, dopo essere stata cresciuta e formata nel paese povero di origine, va a beneficiare il Paese di destinazione (normalmente ricco) con questo essenziale fattore produttivo al cui svezzamento e formazione il paese ricco non ha minimamente contribuito. La povertà del Paese di origine avrebbe potuto essere alleviata soltanto se le modalità dell’emigrazione avessero implicato che il lavoratore migrante portasse con sé l’intera famiglia allargata, mettendo così a carico del Paese ricco di destinazione l’istruzione dei minori e l’assistenza medico-sanitaria e previdenziale degli anziani.

Le rimesse degli emigranti, che sembrano essere un beneficio che torna al Paese di origine nella forma di reddito prodotto all’estero, non ha sempre connotati positivi poiché si traduce in genere in consumi e non in risparmi che possano trasformarsi in investimenti. Se poi consideriamo che i consumi originati dalle rimesse si indirizzano spesso verso beni durevoli di origine estera, il loro volume finisce per creare ulteriori vincoli alla bilancia commerciale non completamente compensati dalla posta positiva della bilancia delle partite correnti costituita dalle rimesse.

A questo proposito il caso dell’Egitto è emblematico quando guardiamo alle vicende della motorizzazione privata. Negli anni ’40 e ’50 le strade del Cairo erano percorse soprattutto da tram, autobus e filobus e ben poche erano le automobili che non fossero taxi. Gli egiziani appartenenti a ogni ceto sociale facevano uso dei mezzi di trasporto pubblici ai quali si aggiunse presto la rete ferroviaria metropolitana. Il quadro cambiò negli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70 quando fecero la loro comparsa due modelli di automobile di fabbricazione egiziana – pochi ma sempre più richiesti – e soprattutto a partire dalla seconda metà degli anni ’70 quando vennero abolite molte restrizioni alle importazioni che, unite ai redditi conseguiti dagli egiziani che andavano a lavorare nei paesi arabi produttori di petrolio, fecero entrare nel Paese una gamma molto vasta di modelli di auto di importazione divenuta rapidamente uno status symbol da esibire.

La scarsa vivibilità del Cairo di oggi (e di qualsiasi area urbana egiziana) in termini di inquinamento acustico e dell’aria, dove i trasporti davvero pubblici sono quasi scomparsi e sono comunque trascurati anche perché divenuti appannaggio dei più poveri, trova le sue origini almeno in parte nel reddito generato all’estero dagli egiziani temporaneamente emigrati. Occorre forse precisare che questo tipo di comportamento riguarda i lavoratori con qualifiche medie e qualifiche modeste, poiché quelli con qualifiche elevate tendono a rimandare in patria una proporzione più piccola del loro reddito, anche per lo stile di vita imposto dal Paese di emigrazione alla famiglia egiziana che vi si deve adeguare.

Il paragone tra Egitto e Turchia (i due paesi oggi più popolosi del Mediterraneo) può essere illuminante per molte ragioni, soprattutto sotto il profilo demografico; nel 1961 avevano una popolazione di 27 milioni, pari alla metà circa di quella dei paesi allora più popolosi come Francia e Italia) che è aumentata di oltre due volte e mezza nei quattro decenni successivi fino a 70 milioni, mentre i Paesi europei menzionati sfiorano i 60 milioni.

La diffusione dell’istruzione superiore che ha caratterizzato l’Egitto dopo il colpo di stato del 1952, ha creato una situazione nella quale l’offerta di diplomati e laureati è aumentata mentre la domanda, anch’essa cresciuta, sia pure in modo non proporzionale, continua ad assorbire soprattutto i figli delle cosiddette classi colte, trascurando di dare lavoro a buona parte di coloro che provengono da quei ceti meno privilegiati che chi aveva contribuito alla deposizione della monarchia sembrava voler favorire. Ci sono troppi laureati per i posti di lavoro che richiedono questa qualifica.

Questo fenomeno riguarda soprattutto gli uomini, ma il caso delle donne è particolarmente illuminante. Se guardiamo a quelle con istruzione superiore, colpisce la gamma limitata di possibilità che la società egiziana offre loro, anche se il numero delle donne laureate è enormemente cresciuto passando dalle poche decine (di unità) del periodo tra le due guerre mondiali al mezzo milione di oggi.

Si tratta soprattutto di posti da: 1) impiegata (segretaria); 2) commessa (addetta alle vendite); 3) insegnante; 4) casalinga. Di fatto l’opzione 4 rivela il crollo delle ambizioni e dei sogni perseguiti con gli studi superiori, mentre l’opzione 3 è limitata dalla fortissima concorrenza derivante dall’elevato numero di uomini, oltre che donne, pronti a svolgere questo ruolo.

In conclusione, gli unici veri lavori retribuiti a disposizione delle egiziane laureate sono quelli di impiegata o commessa, e non si tratta di un fatto trascurabile. Per dare un’idea della dimensione del problema in termini numerici basterà pensare che più del 43% degli studenti universitari egiziani (oltre un milione) è donna.

Che dire poi dei divari salariali? Tra il salario di un professore universitario e una domestica impiegata nella sua famiglia il divario era di 500 volte alla metà degli anni ’40, alla metà degli anni ’60 era di 20 volte e di 15 volte nel 1979. Poi i professori non hanno più potuto permettersi una domestica….

Gianni Fodella

(NOTA)
Se guardiamo a uno studio demografico del 1936 (W. Cleland, The Population Problem in Egypt: A Study of Population Trends and Conditions in Modern Egypt, Lancaster, Penn.: Science Press Printing Company) vi si affermava (p.36) “Egyptians don’t migrate” e ciò risultava abbastanza vero fino alla metà del XX secolo.

ITALY: WHY SO MANY SUMMONS TO DEFEND DEMOCRACY

If I were a pollster I would quiz you and me with the following riddle: “When several observers or politicians warn that an imminent danger menaces the Italian institutions, what do they mean? What are they afraid of?”

The trite answer -Berlusconi with his money, Tv channels and shady connections might make a try at dictatorship- appears kind of unplausible in view of the Premier’s difficulties after years of wear and tear. I am volunteering an answer: what the Cassandras prophesy is the coup d’état of somebody else than Berlusconi, somebody who in theory could even work for Berlusconi, but more probably would topple both the premier and his enemies.

Striking resemblances, I believe, exist between today’s Italian state of affairs and the situation of France in the twelve years of the Fourth Republic (1946-58), also the situation of Spain after the Annual (Morocco) military disaster of 1921, followed by the violent turmoil, both political and social, that tormented the domestic scene.

The health of France was restored by an illustrious physician called Charles de Gaulle. In 1923 Spain did not have such a great man; but a non-victorious general emerged, Miguel Primo de Rivera, who simply possessed the grit and the know-how to employ the customary tool of the 19th century in Spain- pronunciamiento, or military coup. For at least five years the success of Primo’s regime was strong. Even leftist historians concede that to general Primo (who assumed the official title of Dictador) went the almost unbounded consensus of the nation. Only intellectuals and militant fringes opposed the regime, until a financial crisis and the Spanish reverberations of the Great Depression erupted. F.Largo Caballero, a leading socialist who headed the nation’s most powerful unions and in 1937 will be the prime minister of the leftist Republic, supported Primo. In fact the political line and measures of the government favored the socialist movement, to the damage of the privileged classes.

Unlike past-century Spain, Italy does not have a tradition of top brass who practice politics. But her context shows some traits in common with so many emergent countries where often power struggles have been won by the sudden exercise of force by young colonels or junior generals, more or less connected with political groups but always enjoying popular support. The material, immediate tools of subversion are tanks and battalions, but the real force of the insurgents is popular dissatisfaction with civilian, normally corrupt and/or inefficient rulers.

Of course the frame of the European integration is hostile to any try at military intervention in civilian affairs. But would Brussels really mobilize international divisions to crush an hypotetical coup in a member State of the Union?

So my impression is: those who give notice of approaching danger to the Republic, really are conscious that a great many Italians are so fed-up with their politicians and institutions that they would acclaim a coup d’état. Some limited bloodshed could not be ruled out -not necessarily, though. Horse-sense would rather imply a wide and easy acceptance of new rulers. Isn’t such acceptance a millenary custom of the nation? Wasn’t Il Duce totally and willingly accepted in his first, say, 16 years in office?

A.M.C.
(da DailyBabel)