GROTTESCA DIARCHIA BERGOGLIO-BERTONE ALLA GUIDA DELLA CRISTIANITA’

Infuria nelle conventicole dei letterati e nei retrobottega dei librai la zuffa, a chi spetti tra i Grandi dei generi burlesco, satirico, rozzamente fescennino, di celebrare in versi il gran fatto ìlare dell’ultima quindicina dell’anno: il cardinale Tarcisio Bertone dona centocinquantamila ducati all’Ospedale Bambin Gesù, il polo d’eccellenza della pediatria, insidiato sì dalle ruberie però salvato dalla munifica donazione. Spetterà di poetare a Plauto o a Giovenale, al Berni, a Folgore di San Gimignano che in forme vernacolari si esprimeva su toni bassi? Piuttosto a Boccaccio, al Ruzzante, al Pietro Aretino del Dialogo delle Cortigiane? All’erede di tutti, Dario Fo?

La quale munifica donazione avviene, come tutti sanno, in quanto il porporato non si era accorto che, a Sua insaputa, somma equivalente era stata trasferita dal c/c del Polo d’eccellenza alla ristrutturazione della francescana porziuncola di Sua Eminenza. Rubare a favore di Bertone corrisponde, in circostanze cambiate, al largheggiare del Cinquecento per il Quirinale e per le principesche fortune dei parenti, figli compresi, di plotoni di papi . Tutti, allora come oggi, rubarono a Cristo cioè ai poveri.

Tuttavia le potenzialità di grottesco della generosa donazione non attengono tanto ai problemi di coscienza del principe della Chiesa. Errare è umano, restituire è ammirevole. Le potenzialità carnascialesche prorompono dalle modalità della donazione: “a rate e dai miei risparmi”! A riflettere, non sarebbe stato meglio se l’Eminenenza avesse confessato e basta? ‘Dai miei risparmi’ è enorme! Se il successore di un apostolo straccione ha risparmi, vuol dire che ottiene redditi eccedenti quanto occorre per sostenersi ai livelli di sobrietà intimati dal papa argentino. Sono redditi leciti a norma di Vangelo, oppure l’arrivo di Francesco ha solo increspato in superficie le acque stagnanti della Chiesa? Il pontefice che si era annunciato come rivoluzionario, quando cancellerà il trattamento sfarzoso dei sommi prelati? Quando amputerà il benessere dei gerarchi di Curia, quando li costringerà a cristiane ristrettezze? Infine, quando lascerà Roma col suo complessivo retaggio di infamie?

Più probabilmente, il ‘nuovo corso’ di Bergoglio andrà avanti per formule vuote e per esortazioni che scorrono come acqua sul marmo. I promotori di giustizia vaticani perseguiranno solo i giornalisti sicofanti e questo o quello dei malfattori talari? non chiederanno mai conto allo stesso sovrano del male di produrre parole invece che fatti? Oggi la Chiesa storica vanta numeri mirabolanti di fedeli che fotografano coi telefonini e pregano/salmodiano in centinaia di “lingue della Cristianità” (‘dallo svahili all’idioma del

Kerala’ si compiace Aldo Cazzullo). Tuttavia c’è una minoranza di cattolici semiprotestanti, cioè ecumenici sul serio, i quali si castigano nell’attesa di una nuova Pentecoste (attesa assente dai tripudi di piazza San Pietro); ecumenici che si fanno coraggio nella ricerca di un divino ignoto e negli struggimenti della liturgia. Questa minoranza meriterebbe qualche segnale di speranza. Invece questo papa parla solo agli innocenti inconsapevoli, alle badanti, ai consumatori di prodotti mediatici, ai bisognosi di messaggi ingannevoli, tipo “Abbandoniamo ogni forma di paura perché non si addice a chi è amato”.

Cosa sanno le grandi firme atee, che quasi danno del tu al Papa ma entrano in chiesa solo per affreschi; cosa sanno i miscredenti e gli ultralaici, che vociano anzi declamano nel momentaneo inneggiare al Giubileo e al suo Promotore (così in gamba nell’abbellire il look pubblico); cosa sanno i corifei, dell’invocazione drammatica Vieni Gesù nei canti giovani d’oggi?

La realtà colpirà duro la trovata di far passare le formule per parole di vita. La Chiesa come pugno di discepoli del Nazareno sta morendo. Si mantiene in salute la Mala Ecclesia che piace agli inviati speciali, ai paparazzi, ai laudatori senza coscienza. Quando anche Bergoglio passerà, inutile come tutti i predecessori dell’ultimo paio di secoli (pur tanto migliori di quelli del Rinascimento e del Medioevo di ferro), quando anche Bergoglio sarà passato invano, irromperà lo sgomento cattolico. Si spegnerà l’illusione che sia l’Istituzione romana, con le sue gerarchie e le sue prassi proterve, a portare la Luce.

Antonio Massimo Calderazzi

L’equivoco della lotta ai “cambiamenti climatici”

Chi, come me, è nato prima della guerra (quale guerra – chiederà qualcuno – dato che l’unico periodo di relativa pace tra il 1945 e oggi è stato quello della “guerra fredda”) ha personalmente sperimentato il cambiamento climatico.

In ogni inverno a Vercelli (dove sono nato) nevicava, e non era raro avere un metro di neve nelle strade. La fioca dicembri(g)na la sta tre meis an’sla casi(g)na dice un eloquente proverbio locale in uso fino a 60-70 anni fa, oggi quasi certamente dimenticato e comunque privo di relazioni con la realtà delle cascine di oggi. Queste, del resto, sono in buona parte scomparse o divenute – come dice il mio amico Piero Morseletto – dei deposti (parola da lui coniata da tradursi displaces in inglese) edifici abbandonati nelle campagne e pian piano riconquistati dalla natura.

In una grande tela ad olio – ospitata nel ristoro (ora sostituito da un bar con le macchinette mangiasoldi o slot machines) della stazione ferroviaria – si vedevano i pesanti carri da trasporto trainati da una o due pariglie di cavalli che attraversavano la Sesia completamente ghiacciata.

Da non molto tempo si è constatato (forse sarebbe meglio dire scoperto) che – grosso modo tra la metà del XIV e la metà del XIX secolo – ha avuto luogo una piccola età glaciale la cui esistenza è stata indirettamente provata dalla variazione nell’estensione delle terre coltivate e dalle colture ivi praticate. Ma pochi storici (per non dire degli economisti che poco o nulla sanno di storia) ancora oggi ne tengono conto per interpretare i fatti accaduti nel passato.

Che sia in atto un riscaldamento dovuto ai naturali (ancorché misteriosi) cicli climatici della Terra non soltanto è probabile, ma è addirittura certo. Se così è l’azione umana non ha modo di mutare le cose. Tuttavia, le esperienze vissute dal genere umano (non accumulate dall’uomo, dato che non siamo in grado di farlo se non per la durata della nostra vita e in parte per quella dei nostri genitori e nonni) che possiamo verificare grazie ai resti degli insediamenti umani che siamo andati scoprendo con l’archeologia, mostrano che i nostri progenitori (tutti analfabeti perché la scrittura era di là da venire) si comportavano in modo molto più razionale di noi.

Prova ne sia che non costruivano abitazioni nei fondivalle, o su pendii scoscesi, o sulla riva dei fiumi, dei laghi e del mare. Talvolta le abitazioni stavano su palafitte costruite nei laghi, spesso non lontane dalla costa, ma normalmente erano situate in luoghi naturalmente protetti e avevano caratteristiche legate al clima del luogo sia per i materiali naturali impiegati sia per l’orientamento delle aperture di accesso. Quindi le tecnologie usate erano tutte legate a ciò che la natura offriva localmente e alle condizioni concrete dell’ambiente circostante.

Così le abitazioni delle zone calde e umide erano diverse da quelle costruite nelle zone calde e secche, per non parlare delle abitazioni di pianura o di montagna delle zone temperate fredde. I cambiamenti climatici, per loro natura lenti, non trovavano mai impreparati i nostri progenitori: le abitazioni si adeguavano alle trasformazioni dell’ambiente e così le abitudini alimentari. Anche le credenze religiose mutavano pian piano nei contenuti. Quando i comportamenti degli uomini non erano più in linea con i mutamenti dell’ambiente circostante il gruppo umano era costretto a migrare oppure si estingueva. Abbiamo di tutto ciò prove evidenti anche relativamente recenti, per esempio riguardanti alcune popolazioni dell’America pre-colombiana.

Come ci comportiamo invece noi, che crediamo di essere “evoluti”? Fidando nella tecnologia – che reputiamo sempre positiva per il genere umano – costruiamo ormai lo stesso tipo di abitazione ovunque nel mondo, con conseguenti enormi sprechi di materiali ed energia.

Per fare un piccolo esempio concreto prendiamo il Polo di Sesto San Giovanni dell’Università degli studi di Milano. Esso è stato costruito di recente, con edifici che devono essere riscaldati o raffrescati per tutto l’anno, come se non fossimo a Milano ma a Chicago, dove le temperature invernali possono superare i 30° sotto lo zero e quelle estive i 35° con un tasso di umidità molto elevato. In California, dove gli inverni sono miti e le estati asciutte, si sono costruiti edifici identici a quelli di Chicago (e di Milano). Costruendo in modo appropriato, in California (e a Milano) si potrebbe fare a meno dell’aria condizionata, dato che esiste già quella incondizionata, che la natura ci offre in abbondanza illimitata e dal costo nullo. A Milano, con edifici costruiti con criteri appropriati, basterebbe il riscaldamento per pochi mesi invernali.

Le sponde e le aree golenali dei fiumi, i terreni in pendio, le rive di laghi e mari, le aree interessate da eruzioni vulcaniche, hanno visto sorgere nel corso del XX secolo edifici di ogni tipo e dimensione. In questo modo anche i movimenti orogenetici, che non interessavano i ritmi di vita dell’uomo “primitivo” e non lo danneggiavano, finiscono per avere oggi in quelle aree degli effetti catastrofici permanenti.

In Giappone la “fragilità” di montagne e colline di formazione geologica relativamente recente (come le nostre Alpi e Prealpi), unita alle precipitazioni piovose periodiche (tsuyu) e intense, hanno contribuito alla “sacralità” delle alture più impervie impedendo di fatto gli insediamenti umani. Ciò ha evitato che questi fossero danneggiati da frane e smottamenti provocati da colline e montagne private del manto forestale. Inoltre, i villaggi costieri venivano costruiti sulle alture rocciose prospicienti il mare, non in prossimità della spiaggia; così non ci si curava dei maremoti (tsunami = onda di porto) dato che non mettevano in pericolo persone e cose non provocando disastri.

Quando tutto ciò – nella felice e progredita era tecnologica che stiamo vivendo – è stato dimenticato nel Paese ritenuto il più “tecnologico” del mondo, le conseguenze veramente disastrose dello Hanshin jishin, terremoto che ha interessato l’area di Osaka-Kobe, verificatosi il 17 gennaio 1995 alle ore 5:46 e della durata di 20 interminabili secondi, sono state raccapriccianti. Il terremoto ha fatto 6434 vittime (secondo la stima definitiva di 11 anni dopo, il 22 dicembre 2005), anche per la chiara incompetenza e disorganizzazione dei giapponesi ritenuti a torto in grado di far fronte a questi fenomeni, così frequenti nel loro arcipelago, nel modo più appropriato. In termini economici il valore dei danni subiti è stato pari al 2,5% – e cioè a un quarantesimo – del Prodotto Interno Lordo giapponese.

Considerazioni analoghe devono essere fatte circa le conseguenze catastrofiche (ancora più gravi) del maremoto di Fukushima dell’11 marzo 2011: almeno 15.700 i morti, oltre 4.600 i dispersi (quindi un totale di oltre 20mila morti), 130mila gli sfollati, 332mila gli edifici distrutti, nonché innumerevoli strade, ponti e ferrovie distrutte dalla forza dell’onda. I giapponesi – facendo uso della saggezza derivante dall’esperienza dei loro antenati – avrebbero dovuto evitare di costruire edifici e vie di comunicazione sulla costa, per non parlare delle centrali nucleari, che allora non esistevano essendo una felice invenzione dei nostri tempi.

Infatti, ad aggravare il bilancio del maremoto (la parola tsunami è divenuta di uso corrente per qualsiasi cosa, disastrosa o sorprendente che sia), alla centrale nucleare Fukushima Dai-ichi si è verificato il peggiore incidente nucleare mai verificatosi fino ad ora (di livello 7, come quello di Chernobyl, Ucraina, del 26 aprile 1986, che ha portato all’evacuazione di 336mila persone e che ha fatto aumentare di molto i casi di tumore alla tiroide). Conseguenze analoghe, sia detto per inciso, ha avuto l’incidente nucleare di Three Mile Island (Pennsylvania, USA, 28 marzo 1979) in seguito al quale il tasso di mortalità tra i bambini sotto l’anno di età è cresciuto del 28% rispetto al 1978, mentre per gli infanti sotto il mese di età l’aumento è stato del 54%. Tornando a Fukushima (significa Isola della Buona Sorte) un bilancio delle vittime potrà essere fatto soltanto tra alcuni decenni, e comunque molto tempo ci vorrà per capire quanto già è stato osservato circa l’aumento dei tumore alla tiroide e la virulenza di altri effetti imputabili alle radiazioni.

E’ quindi importante riflettere su ciò che sta accadendo ora, ma partendo da un momento preciso della nostra storia recente: gli albori della cosiddetta rivoluzione industriale. Nonostante sia ancora oggi indicato come un fenomeno positivo, si è trattato di uno dei periodi più bui della storia umana, nel corso del quale la maggioranza della popolazione che viveva in un determinato territorio interessato da questo fenomeno ha conosciuto livelli di vita così miserabili da non avere eguali nella storia umana di cui ci sia giunta notizia. Almeno ai nostri giorni – non più offuscati dalla cieca fede nel “progresso” – dovremmo prenderne atto, ma così non è.: storici ed economisti perseverano nell’errore, non avendo probabilmente mai letto le grandi opere letterarie dell’Ottocento.

In conseguenza della cosiddetta rivoluzione industriale si è avviato da circa due secoli un processo di avvelenamento dell’atmosfera e (più di recente) delle terre coltivabili, dei fiumi, delle acque interne e dei mari che è andato aggravandosi sempre più con il trascorrere del tempo. Il progresso tecnologico che ha interessato la produzione ha ingigantito questi effetti perniciosi fino al punto da renderli forse irreversibili.

L’uso del carbone, del petrolio e del gas naturale nei processi produttivi e distributivi ha riversato nell’atmosfera masse crescenti di anidride carbonica e di ossido di carbonio che prima si trovavano imprigionati nella sostanza organica che, fossilizzatasi in milioni di anni, si era trasformata in idrocarburi. Le necessità di legna da ardere e di legname da opera ha poi ridotto – e riduce ogni giorno di più – il patrimonio forestale del Pianeta ignorando nei fatti e nei comportamenti ciò che sappiamo benissimo dagli studi (palesemente inutili) che ci dicono come sia la fotosintesi clorofilliana a fissare il carbonio liberato nell’atmosfera grazie agli alberi.

Non sono quindi i cambiamenti climatici – che non possiamo in alcun modo impedire o regolare perché insiti nella natura dinamica del Pianeta sul quale viviamo – ma è soltanto l’azione dell’uomo che oggi sempre più avvelena l’atmosfera e – attraverso la tecnologia universalmente lodata come benefica – anche la terra coltivabile e l’aria che respiriamo ormai ricca di sostanze nocive che provengono dal degrado fisico delle materie di ogni tipo create artificialmente dall’uomo e che il sia pur grande potere della natura non riesce a trasformare in qualcosa di utile alla vita.

L’aumento delle neoplasie e delle allergie di ogni tipo è una eloquente avvisaglia del futuro che ci attende e che è già cominciato, di ciò che ormai consapevolmente, perché scientificamente provato, ci stiamo preparando da soli. Un futuro caratterizzato da una vita sempre più impoverita e dove la malattia sarà per gli uomini la norma e la salute, per pochi e sempre meno numerosi, l’eccezione.

Sarebbe un gravissimo errore ritenere che la crescita della speranza di vita alla nascita – e cioè della vita media – che ha caratterizzato gli ultimi decenni, sia una tendenza destinata a durare nel tempo. Infatti, coloro che raggiungono oggi la tarda età sono nati e cresciuti in un ambiente fatto esclusivamente di sostanze naturali, privo di materie plastiche di ogni tipo create dall’uomo con la petrolchimica. A ciò si aggiungano le conseguenze dell’estrazione dei materiali fossili (non soltanto combustibili) giacenti nel sottosuolo da milioni di anni. Stiamo riversando nella biosfera tutta l’anidride carbonica fissatasi nella sostanza organica fossile durante i 60 milioni di anni del Carbonifero.

Si tratta di frutti che hanno cominciato ad avvelenarci subdolamente già quando i miei nonni erano giovani. Ci sono poi volute due generazioni per capirne la gravità e la portata. Perché nei miei anni giovanili la parola allergia era sconosciuta? Ora non vi è quasi più famiglia nella quale almeno un membro non sia colpito da questo tipo di per ora blanda anomalia, ma che prelude a ulteriori cadute delle naturali difese immunitarie degli organismi umani. Il passo di questi tipi di patologie che divengono generalizzate sembra ancora lento, ma tutti i processi patologici hanno questa caratteristica: dalla latenza in casi sporadici si passa alla generalizzazione del fenomeno che assume poi rapidamente una diffusione di massa irreversibile.

Dobbiamo renderci conto che siamo entrati in una fase che anticipa la prospettiva ormai tangibile di una accelerazione catastrofica per la nostra salute. La crescita delle neoplasie di ogni tipo che denota questo stato non può essere combattuta con i farmaci, ma deve essere affrontata dagli economisti affinché suggeriscano metodi produttivi che ripristino condizioni di vita dove l’uso di sostanze e di materiali creati dall’uomo sia bandito e siano invece impiegati soltanto materiali naturali sani e innocui per l’uomo, per le piante e per gli animali dei quali si ciba.

Le costruzioni, la fabbricazione e l’uso di mezzi di trasporto voraci di energia derivante da risorse finite non rinnovabili è il vero punto nodale che richiede non l’approfondimento di un’analisi che chiunque di noi è in grado di fare, ma l’attuazione di MISURE CONCRETE E NON UTOPISTICHE per poter fin da subito ridurre e poi annullare questi effetti che in breve tempo non potranno portare che all’estinzione di ogni forma di vita sulla Terra.

Riflettiamo sul fatto che, senza i comportamenti concreti dei nostri simili (ignoranti e primitivi) nell’era pre-tecnologica, il genere umano forse si sarebbe già estinto.

Un CITLUVIT (Cittadino Luna in visita d’istruzione sulla Terra espressione coniata da Fosco Maraini), guardando a ciò che sta accadendo da noi, non sarebbe ottimista. Abbiamo un arsenale nucleare che ci può annientare in un momento, stiamo riempiendo il suolo degli impalpabili e invisibili frammenti delle sostanze che abbiamo estratte dalla terra o che abbiamo creato con la chimica e le inaliamo quotidianamente in misura più o meno grande a seconda di dove trascorriamo i nostri giorni …

L’importante dunque è cominciare, al più presto sebbene con cautela. Anche in questo caso tuttavia, e nonostante l’urgenza, la fretta può essere cattiva consigliera e non deve dare origine a misure affrettate delle quali ci si potrebbe pentire. I governi nazionali hanno dimostrato di non essere in grado di attuare misure efficaci, di non essere in alcun modo all’altezza del compito. Ci si è limitati a convegni e a raccomandazioni. Nulla di concreto è stato fatto.

Se il compito venisse affidato alle comunità locali forse si potrebbero ottenere in tempi brevi dei risultati. Non si è ancora fatto, ma si potrebbe provare.

Gianni Fodella

TERRORISMO: L’UTOPIA DEI PROFETI MEGLIO CHE IL REALISMO DEGLI STATISTI-NULLITA’

Forse non sarebbe questo il momento per fare il Misogallo. Per chi non ha fatto il classico bensì lo scientifico o l’informatico: si intitolò Misogallo lo scritto con cui Vittorio Alfieri esplicitò il suo sdegno per quel che facevano i giacobini francesi nei pochi anni che la Rivoluzione borghese degenerò in quotidianità della ghigliottina. E sì che nelle famiglie piemontesi del suo ceto la Francia era quasi patria. I nobili, se non usavano il dialetto, erano francoparlanti. E lui, il nostro sommo tragico, andò a Firenze non solo per ‘lavare in Arno’ il suo scrivere, anche per prendere assidue lezioni di lingua italiana.

Il qui sottoscritto non è disgustato come l’Alfieri. Però certi recenti casi d’oltralpe gli sembrano rotondamente ridicoli. L’aggressione del terrorismo è cosa troppo seria per legittimare le trasferte patriottiche dei politicanti a Versailles, con obbligate allusioni alle grandi vittorie del Re Sole. Lì la nomenclatura, facce compunte e labbra modellate dai melismi della Marsigliese, ha recitato un copione eroico (con venature comiche): siamo in guerra, nessun compromesso, saremo spietati, orgoglio nazionale, valori laici, République, Liberté, diritti ai concerti rock e alle nozze gay, altri emozionanti gridi di battaglia. La Francia magari si rialzerà, come scrivono gli editorialisti cesarei. Ma è in grado di vincere solo un modico di vittorie di consolazione.

Gli arcicomandi di Hollande hanno fatto salpare la portaerei De Gaulle, e il gesto piace ancora agli épiciers che, a stare al Generale che dà il nome alla superba ammiraglia, fanno il grosso della nazione vittoriosa a Valmy e a Jemappes. Una portaerei fa effetto, avvicina un po’ chi ce l’ha alla Home Fleet e alla U.S.Navy. Però nell’ultima guerra mondiale il compianto guerrafondaio F.D.Roosevelt ne aveva un centinaio di portaerei (di varia stazza). Vinse, e dopo di lui i successori hanno perso tutte le guerre che hanno intrapreso. Non bastano le portaerei.

Per parlar chiaro: il fiammeggiare a Versailles dello spirito militare -quello della Francia ufficiale come quello degli épiciers- ricorda i nostri Otto milioni di baionette e le nostre Otto corazzate. E il presidente Hollande non dimentichi che molti statisti compaesani sono caduti nei trabocchetti della Storia. Per sprovvedutezza.

1870: Emile Ollivier, capo dell’ultimo governo del Second Empire, e l’Alto Comando assicurano Napoleone III che sbaraglierà la Prussia di Bismarck. 1914: il presidente Poincaré, giunto a Pietroburgo sulla maestosa corazzata “France”, accompagnato dall’innocuo primo ministro Viviani, convince lo Zar a dare il via alla Grande Guerra (distruggerà lo Zar, la sua larga famiglia e molti milioni di uomini; darà la Russia ai bolscevichi). 1918: Georges Clemenceau è certo d’avere meritato l’Eliseo in quanto il Tigre de la Victoire; e invece no. 1919: il trattato di Versailles, troppo punitivo per la Germania, crea le premesse per il trionfo di Hitler. 1939. Edouard Daladier entra in guerra per onorare un impegno con Varsavia (che non onorò). L’impegno era stato assunto per comprare la sudditanza di una Polonia fatta artificialmente grande a Versailles. 1940: Paul Reynaud, capofila dei pochi che vogliono la guerra ad oltranza da una colonia africana, deve umiliarsi a guidare in chiesa una delegazione di ministri, tutti atei o ultra-laici, che fingono di implorare Santa Genoveffa perché salvi Parigi dalla Wehrmacht così come la salvò da Attila. 1957: il premier socialista Guy Mollet crede di schiacciare con le armi la rivolta d’Algeria e partecipa alla ‘vittoriosa’ spedizione di Suez.

Insomma Hollande è montato a cavallo, ma è difficile che torni vincitore. Con gli altri condottieri della Francia ha dato al tremendo problema del terrorismo la risposta più banale di tutte; quasi certamente la più inutile, avendo a che fare con un avversario che sembra non scarseggiare mai di kamikaze volontari. Le armi e le coalizioni potrebbero persino sconfiggere momentaneamente l’Isis territoriale. E dopo? L’estremismo esasperato è diffuso nei continenti. Si possono bombardare e conquistare tutti i continenti?

Se la soluzione militare non esiste, meno che mai esiste quella diplomatica. Non resta che l’utopia, ancora una volta più realista del realismo dei generali e degli statisti. L’utopia che sorga un pugno di uomini veramente grandi, grandi come il Nazareno e come Maometto, i quali sciolgano le rispettive Chiese ed eserciti di clero, e fondino l’Ecumene dei credenti. L’utopia, inoltre, che il mondo dei ricchi accetti di impoverirsi, di cambiare stili di vita e di consumi, per condividere ciò che hanno con le masse che oggi sperano nell’Isis.

Questo avvento della Più Grande Pace profetizzò Isaia (19, 18-24): “Il Signore percuoterà ancora gli Egiziani, ma poi li risanerà. In quel giorno l’Assiro andrà in Egitto e l’Egiziano in Assiria e gli Egiziani renderanno culto insieme con l’Assiria. In quel giorno Israele sarà il terzo con l’Egitto e l’Assiria, una benedizione in mezzo alla terra”. Cose troppo immense per i semplici inconcludenti Bergoglio e per una turba di imam, muftì e capirabbini.

Eppure invocare che avvengano promette assai più che confidare negli Hollande e nei Cameron, nei loro marescialli, diplomatici e altri co-protagonisti del Nulla.

Jone

DICEMBRE 2015

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.

In INTERNAUTA, le linee politiche convivono. Leggi il nostro manifesto.

INTERNAUTA esce ogni mese.

Clicca qui per consultare l’archivio dei singoli autori.

SANTITA’, SONO VANI ANGELUS E GIUBILEI. ABBANDONA ROMA, ASCOLTA I CRISTIANI DELLE PARROCCHIE

Quando apparve J.M.Bergoglio, uno di Internauta sostenne, nella sua nullità, che un papa col suo profilo aveva il potenziale da una parte, l’obbligo dall’altra, di andare ben oltre il ruolo dei suoi predecessori: di diventare il conduttore del mondo, il Mosè della rigenerazione non solo cristiana. A condizione che facesse il rivoluzionario vero, il distruttore nei fatti e non nelle enunciazioni. Il più convincente degli atti che gli spettavano era ripudiare Roma, col suo retaggio e il suo presente. Abbandonare l’Urbe fisicamente. Portare il vertice della Chiesa e una Curia umiliata e ridotta ai minimi termini in un monastero di montagna. Viene in mente l’abbazia di Montecassino, oggi quasi vuota di monaci. E’ sì aperta ai visitatori, ma che senso c’è a visitarla se così poche delle sue pietre scamparono alla polverizzazione bellica? E se a un suo ex-abate è stato sequestrato mezzo milione?

Abbandonare Roma per rifiutare venti secoli di continuità quasi tutta antievangelica. L’avesse fatto, Bergoglio avrebbe coll’esaltante novità della sua azione folgorato il pianeta intero, non la sola Cristianità. Sarebbe stato accettato come Guida e Maestro da gran parte dei viventi. Ovviamente non l’ha fatto, ed ecco oggi Bergoglio incatenato al male di Roma come Prometeo alla montagna. Però egli è immeritevole di tanta espiazione, non avendo fatto molto a favore degli uomini, che Prometeo amò al punto di sfidare gli Dei.

Il male di Roma, solo in apparenza è Mafia capitale, è migliaia di burocrati cariati, di politici e faccendieri che delinquono ogni giorno, è caput della oligarchia/cleptocrazia nazionale. E’ più ancora una Curia verminosa: farabutti con o senza porpora che agiscono come quei predecessori di cinquecento anni fa, quando a Lutero fu facile dimostrare che il papa era l’Anticristo. E si prese l’Europa del nord, che aveva la coscienza più pulita.

Oggi i credenti dovrebbero essere primi, ben avanti agli anticlericali e agli atei, ad esigere che Francesco sia spietato, non misericordioso, con quanti fanno del Vaticano una sentina.

Se non sarà spietato, risulterà in combutta con quelli. Non ci sono parole per dire la sozzura di successori degli Apostoli che rubano ai poveri e ai malati. Lo faceva quel papa che volle il Quirinale così sfarzoso.

Giorni fa il Pontefice ha creduto di ribadire che la Chiesa non può vendere i palazzi e le opere d’arte perché sovvengono ai bisogni delle Missioni, nonché alle “necessità della struttura”. Ebbene, la struttura dovrebbe abbatterla. I cardinali andrebbero aboliti e i prelati che maneggiano il denaro, sostituiti con quelle suore arcigne che gestiscono oscuri economati conventuali e ospedalieri. La Curia è un pozzonero da sigillare con cemento e catrame. La Chiesa si monderà, risorgerà, se volterà le spalle a un’Urbe che era malata già sotto gli Scipioni, figuriamoci dopo secoli di basso impero e dopo così lungo papato temporale. Duemila anni di nequizie.

Nell’immediato, quanto meno Francesco faccia fare gli straordinari alla Gendarmeria, indaghi e metta in carcere i mariuoli. Appena possibile, venda i Palazzi apostolici, offra all’asta San Pietro (non mancano le basiliche sane) , ascolti noi cristiani delle parrocchie che ancora prendiamo alla lettera il Vangelo. Il suo gregge è minacciato da grossi branchi di lupi affamati.

E per salvare vite umame disdica questo vano Giubileo.

Jone

PRESENTIAMO DI D. REYBROUCK “CONTRO LE ELEZIONI. VOTARE NON E’ PIU’ DEMOCRATICO” (FELTRINELLI)

Il recente saggio del belga David Reybrouck -la cui opera precedente “Congo” è stato un bestseller- reca ad epigrafe un pensiero di J.J.Rousseau la cui verità quasi nessuno più contesta: “Il popolo inglese crede di essere libero, ma si sbaglia di grosso. Lo è soltanto nell’elezione dei membri del Parlamento; appena questi sono eletti esso torna schiavo, non è più niente”. Peccato che Jean-Jacques attribuì l’illusione di libertà al ‘popolo inglese’ invece che alla sua esigua minoranza aristocratica e altoborghese, che verso la metà del Settecento era sola a votare.

Qui riportiamo, riassumendo o spesso citando testualmente, i concetti essenziali del libro.

La prima parte, davvero incontrovertibile, di ‘Contro le elezioni’ argomenta che il metodo elettorale fu introdotto quale strumento elitista/classista, dunque non democratico. Ragiona l’Autore: “Ogni sistema politico deve trovare un equilibrio tra due parametri fondamentali, legittimità ed efficienza. Oggi però le democrazie occidentali si confrontano con la necessità di scegliere altro. La crisi della legittimità si manifesta anzitutto nel fatto che sempre meno persone si prendono la briga di andare a votare. L’astensionismo sta diventando la maggiore delle forza politiche. In questo stato di cose le istituzioni espresse dalle urne non si possono più considerare rappresentative”.

“In secondo luogo il voto è quanto mai volubile: i risultati elettorali sono i più instabili nella storia dell’Europa occidentale. Sempre meno gente aderisce a un partito, di conseguenza la militanza diminuisce”. Oltre a conoscere una grave crisi di legittimità, la democrazia basata sulle elezioni è sempre meno capace di azione. I parlamenti impiegano fino a una quindicina d’anni per riuscire a votare certe leggi. I governi fanno crescente fatica a formarsi: nel 2010 il paese di Van Reybrouck è restato un anno e mezzo senza Esecutivo. Inoltre i partiti di governo sono sempre più spesso puniti dagli elettori.

Dunque l’azione politica, per esempio riforme e grandi opere, richiede sempre tempi lunghi per le tante febbri elettorali e per i contrasti tra partiti e tra altri attori. L’Autore: “La politica è sempre stata l’arte del possibile, ma oggi diventa l’arte del microscopico”. L’operato dei partiti suscita sistematicamente disprezzo. Cresce la difficoltà di coinvolgere uomini nuovi e capaci di entusiasmo. Ha osservato Van Rompuy, presidente del Consiglio Europeo fino al dicembre 2014: “Il funzionamento delle nostre democrazie logora la gente a ritmo spaventoso”.

Invece di andare alla ricerca di nuove forme di governo, il politico è costretto a partecipare al vecchio, estenuante gioco mediatico-elettorale. ”Si delinea così la sindrome della stanchezza democratica. Una conseguenza esasperata del professionismo politico è la formazione di vere e proprie dinastie familiari. E il Parlamento non è più la sede di processi costruttivi o virtuosi. A esaminare più da vicino movimenti come Occupy Wall Street e Indignados si è colpiti dalla virulenza del loro antiparlamentarismo. Quei movimenti propongono invece una deep democracy: orizzontale, diretta, partecipativa. Insomma la true democracy. Per loro i parlamenti e i partiti hanno FATTO IL LORO TEMPO.

La Grande Guerra viene attribuita da molti agli eccessi della democrazia borghese del XIX secolo; è per questo che Lenin, Mussolini e Hitler riuscirono ad annientare il sistema parlamentare. Si dimentica che alle origini sia il comunismo, sia il fascismo erano tentativi di dinamizzare la democrazia. Nel suo celebre “Stato e rivoluzione” (1918) Lenin teorizzò la sparizione del parlamentarismo: ”Nei parlamenti si turlupina il popolo”.

Come guarire una democrazia così malata? Sicuramente NON mandando in parlamento persone diverse, come sostengono i populisti (e come fanno le Cinque Stelle). Una trasfusione di sangue in un corpo gravemente malato non promette guarigione. La promette un approccio drasticamente nuovo: abolire le elezioni, le quali cancellano la sovranità del popolo; passare al sorteggio, strumento di democrazia diretta. Cioè passare alla casualità della scelta, alla rotazione rapida dei sorteggiati, alla non rinnovabilità dei mandati. In altre parole alla Randomcrazia, che uccide il professionismo castale dei politici. La democrazia ateniese, sottolinea van Reybrouck, era contraddistinta dalla successione rapida dei mandati, attribuiti quasi tutti dal sorteggio. Si era membri della Eliea (tribunale del popolo) per un solo giorno (si è sostenuto che almeno in alcune fasi si poteva essere arconti per un giorno!). Aristotele scriveva senza mezzi termini: “Il sorteggio è democratico, l’elezione è oligarchica”. In effetti il tratto distintivo della libertà è l’essere a turno governati e governanti. Oggi invece imperversa l’oligarchizzazione della democrazia.

L’ipotesi della convivenza sorteggio-elezioni

Ammette però Van Reybrouck: “Se ci si accontenta di far regredire la partitocrazia invece di eliminarla, può essere saggio far coesistere la rappresentanza tradizionale con una formula di democrazia diretta. I grandi partiti, che hanno in mano lo Stato, fanno di tutto per difendere il fondamentalismo elettorale: per loro le elezioni sono sacre.

Il secolo XIX fu l’era del trionfo liberal-costituzionale, cioè del passaggio più o meno largo del potere dall’aristocrazia all’alta borghesia. L’una e l’altra si allearono stabilmente per sventare l’affermazione politica delle classi inferiori. Lo strumento di questa asserzione oligarchica fu il parlamentarismo. La rivoluzione europea si aristocratizzò. Per esempio in Belgio il diritto di votare per la Costituente del 1830 fu limitato a 46.000 cittadini maschi e possidenti, ossia a meno dell’1% della popolazione nazionale. Risultò un’assemblea di 200 membri così composta: 46 nobili, 38 avvocati, 21 magistrati, 13 ecclesiastici. Essa istituì una Seconda Camera (Senato) estremamente elitaria: erano eleggibili poche centinaia di persone, tutte della classe alta. E sì che la Costituzione belga era per così dire democratica: votava un belga su 95 cittadini, contro uno su 160 in Francia. Quasi tutte le Costituzioni europee, comprese alcune che vennero dopo la Grande Guerra, assomigliarono a quella belga. Il sorteggio ateniese, che nel Medioevo delle città-stato italiane si era notevolmente affermato, capitolò di fronte alle urne elettorali. Eppure le elezioni non erano state concepite come strumento di democrazia.

Il quarto e ultimo capitolo del libro di Van Reybrouck è dedicato alle numerose alternative alla democrazia rappresentativa che vengono avanzate dai politologi, specialmente accademici. Finora tutte le formule hanno mancato di cogenza di fronte al monolitismo dell’assioma secondo cui senza elezioni non c’è democrazia.

L’autore data al 1988 la riscoperta del sorteggio: a un articolo di James Fishkin, giovane professore dell’università del Texas, su “The Atlantic Monthly”, e al saggio “Strong Democracy” del politologo Benjamin Barber. Fishkin proponeva che un corpo di 1500 sorteggiati si pronunciasse con effetti significativi sui candidati alla Casa Bianca e sui loro programmi. Naturalmente Fishkin sottolinea che la sua ‘democrazia deliberativa’ risaliva ad Atene “dove le decisioni cruciali venivano prese da alcune centinaia di cittadini estratti a sorte. Oggi nessun ricercatore serio mette in discussione l’impulso che la democrazia deliberativa può dare al risanamento della rappresentanza”. Il dinamico impegno di Fishkin promosse una serie di iniziative popolari, a valle delle quali p.es. il Texas risultò nel 2007 primo tra gli Stati dell’Unione ad installare turbine eoliche.

Al lavoro pionieristico di Fishkin seguirono nel mondo centinaia di progetti partecipativi, in ambiti diversificati: Irlanda del Nord, Germania, Danimarca, Gran Bretagna, Cina e ancora USA. Furono sperimentate le formule più varie, dai ”Town Hall meetings’ al ‘Conclave democratico’ di migliaia di cittadini programmato per il 2020 dal primo ministro australiano Kevin Rudd. Più ambiziosi e ancora più ufficiali gli esperimenti avviati in Canada, Olanda e Islanda. Tuttavia, a poco meno di un trentennio dalla comparsa di Fishkin, i movimenti orientati verso la democrazia diretta hanno portato a poche realizzazioni. Le urne elettorali continuano a dominare le democrazie.

Eppure nel 1992 era avvenuto negli Stati Uniti un fatto talmente sintomatico da suscitare senzazione nel mondo intero. Un imprenditore di successo che aspirava alla Casa Bianca, Ross Perot, ottenne metà dei voti andati al presidente Bush padre con una proposta dirompente. Pur non abolendo l’istituzione parlamentare di vertice (Congresso), la proposta Perot la superava o esautorava. “Gli Americani sono i proprietari del paese. Se mi eleggeranno presidente, io esporrò loro i termini dei problemi principali, ed essi mi faranno conoscere il loro giudizio con tutti i mezzi di una tecnologia in fase di esplosione, il Congresso non oserà contraddire il popolo. Le volontà dei cittadini diverranno leggi o azioni esecutive”.

Lo scalpore fu straordinario. Per vari mesi la dirompente proposta Perot fu discussa dai commentatori del pianeta intero. Si parlò di fine del parlamentarismo e di ‘ritorno ad Atene’. Il vice presidente Al Gore mostrò di condividere l’auspicio di “a new Athenian democracy”. Tuttavia passate le elezioni presidenziali lo scalpore finì, non si parlò più di svolte. Oggi gli americani non sono affatto ‘i proprietari degli Stati Uniti’, bensì’ un popolo di sudditi dei politici. La sovranità la esercitano solo il giorno delle elezioni, quando danno delega, anzi procura generale non revocabile, ai politici. Le prospettive di democrazia diretta più o meno selettiva restano lontane. La fiducia dei cittadini nel sistema rappresentativo si assottiglia fortemente, ma il monopolio delle urne tiene.

In Italia gli studiosi accademici sanno che i loro colleghi stranieri, soprattutto negli Stati Uniti, lavorano a sviluppare alternative alle urne, senza che ciò li induca a fare altrettanto. A questo fine, gli accademici italiani è come non esistessero.

Verso la randomcrazia

Le ultime pagine di “Contro le elezioni” sono dedicate ai dettagli dei progetti d’innovazione affiorati in vari paesi, specialmente Canada (British Columbia e Ontario), Olanda, Islanda, Irlanda. In vari casi si propongono sistemi misti elezioni/sorteggio: cioè co-sovranità di una Camera eletta e l’altra sorteggiata. In Islanda il testo di una nuova Costituzione è stato elaborato da vari organismi della società civile. Il referendum svolto nel 2012 lo ha approvato coll’80% dei voti popolari. Anche l’Irlanda ha affidato (2013) a una Convenzione di cittadini scelti a sorte la stesura di una nuova Carta fondamentale.

E’ giusto evidenziare che in cinque paesi -British Columbia, Ontario, Olanda, Islanda, Irlanda- le iniziative d’innovazione sono state fatte proprie ufficialmente, e supportate con finanziamenti, dai rispettivi Governi o Parlamenti. E che sono in corso d’elaborazione almeno una ventina di formule che negli assetti bicamerali prevedono il sorteggio per una delle assemblee. Già nel 1985 gli studiosi statunitensi E. Callenbach e M,Phillips previdero il sorteggio per la House of Representatives nazionale. Una delle loro argomentazioni: il sistema elettivo puro è troppo esposto alla corruzione, mentre col sorteggio il potere del denaro è minimo. Non può comprare tutti i cittadini.

Il sorteggio di una Camera su due è stato proposto in Gran Bretagna da Barnett e Carty (sorteggiare i Lords) oppure sorteggiare i Comuni (Sutherland, 2011). In Francia il progetto di Yves Sintomer istituisce una Terza assemblea sorteggiata. Per l’Unione Europea il professore tedesco Hubert Buchstein prevede una Camera di 200 sorteggiati che si aggiunga al Parlamento di Strasburgo, con competenze uguali. Van Reybrouck osserva che queste ultime proposte riguardano paesi molto grandi (USA, UK, Francia, Unione Europea): “E’ passato il tempo che il sorteggio appariva adatto solo alle città-stato e ai microstati”.

Nella primavera 2013 la rivista specialistica “Journal of Public Deliberation” pubblicò il progetto di Terril Bouricius, per 20 anni parlamentare del Vermont. Rifacendosi alla logica del sistema ateniese, che ripartiva il processo deliberativo tra diverse istanze della democrazia diretta, Bouricius proponeva un multi-body sortition (sorteggio a più istanze). Reybrouck espone in molti dettagli -e appare far proprio- un sistema di sorteggio composto di sei organismi, tutti sorteggiati. E commenta: “La elitista distinzione tra governanti e governati sparisce completamente. Torniamo all’ideale aristotelico d’essere alternativamente governati e governanti”.

Secondo lui, è ancora presto perché in un sistema bicamerale si arrivi a sorteggiare una Camera: ”A meno che non minacci una rivoluzione, i partiti non vorranno consegnare al sorteggio metà di un parlamento bicamerale. Però ci siamo quasi”. In effetti, aggiunge, se abbiamo fiducia nel sorteggio che sceglie i giurati di un processo penale, perché non dovremmo averla anche per la funzione legislativa?” E poi: “il sistema bi-rappresentativo è il miglior rimedio alla sindrome di stanchezza democratica di cui soffriamo. Il sorteggio è una formidabile scuola di democrazia. Sarebbe interessante applicare il modello bi-rappresentativo in Belgio prima che altrove. Il Belgio ha accusato i sintomi più acuti della sindrome di stanchezza democratica. Dopo le elezioni del 2010 ci vollero 541 giorni perché si costituisse un governo: record mondiale.”.

Secondo il Nostro autore una fase pilota può immaginarsi in Irlanda,Islanda, Portogallo, Estonia, Croazia. Olanda. Del resto, secondo lui, i cittadini presi casualmente già partecipano di fatto al potere attraverso i sondaggi d’opinione, sempre più decisivi: “Le proposte di passare al sorteggio non hanno altro obiettivo che rendere trasparente un processo che esiste già.

Ecco le ultime righe del coraggioso libro belga: “Dobbiamo decolonizzare la democrazia. Dobbiamo democratizzare la democrazia. Che aspettiamo?”.

Internauta coglie questa occasione per segnalare che il proprio iniziatore, A.M.Calderazzi, è stato oltre trentanni fa verosimilmente primo nello Stivale ad auspicare a livello non accademico la fine del suffragio universale e della democrazia rappresentativa, cioè l’avvento di una democrazia semidiretta interamente basata su vari gradi di sorteggio. Sulla premessa che il sistema ateniese fu possibile perchè c’era una Polis sovrana di circa cinquantamila cittadini di diritto pieno, Calderazzi argomentava che un paese come l’Italia dovrà sostituire alle elezioni una Polis attiva di ‘supercittadini sovrani’, sorteggiati per turni di pochi mesi, non rinnovabili. L’Italia è in Occidente il sistema più corrotto e più colonizzato dai partiti. Dunque merita d’essere prima a chiudere le urne elettorali e a cancellare la casta dei politici.

Quindici anni fa -tre lustri prima di ‘Tegen verkiezingen’ (titolo originale del lavoro di Van Reybrouck) la Research Unit on Randomcracy e A.M.Calderazzi pubblicarono a Bath/Ontario e a Milano “Il Pericle elettronico: dossier sulla tecnocrazia selettiva. Materiali anglo-americani sulla superfluità delle urne e dei politici professionisti”. Internauta ha ripubblicato il dossier, pertanto esso è scaricabile gratuitamente dalla sezione Archivio.

Internauta online

A RENZI NON SERVIRA’ INSIGNORIRSI DELLA PIU’ TARLATA DELLE REPUBBLICHE

Si è forse placato lo sdegno di Geova (Genesi, XIX,24) per le turpitudini di Sodoma&Gomorra, che poi saremmo noi sudditi del peggiore dei sultanati?

A dire il vero sono apparsi segni che fanno sperare in un ritorno alla misericordia del Signore della Bibbia. Crescono un po’ le assunzioni a tempo indeterminato. Lampeggiano alcuni barlumi di ripresa. Lo sconcio indecente del bicameralismo perfetto, concepito (un paio di secoli fuori tempo) dagli usurpatori Costituenti, mentre si trovavano in stato di confusione etilica: lo sconcio, dicevamo, promette di finire. Hanno le ossa rotte le schiere petulanti di Gotor e quasi tutte le préfiche che singhiozzavano per gli attentati alla democrazia rappresentativa (quando Eugenio Scalfari si vergognerà per avere piagnucolato su quest’ultima?).

Ancora. Matteo Renzi, solo tra i Proci a meritare di scampare all’arco terribile di Ulisse, appare intenzionato a perseguitare un po’ la genìa che ci opprime e deruba, perseguitarla anche con allegri e benemeriti affronti alla Più Bella delle costituzioni. Uno di detti affronti e derive autoritarie potrebbe, a Dio piacendo, portare al top del potere i chiari occhi e gli ancor più dolci lombi di Maria Elena Boschi, perfetta antitesi dello spirito e della carne di Nilde Iotti, l’espiazione inflittaci dal fosco duo Togliatti-Stalin. Dunque, se gli Dei beati vorranno, potremo più in là riciclare al macero la Carta fondamentale redatta dagli Antilicurghi dei Comitati di Liberazione (è noto che a Sparta il legislatore Licurgo finì coll’ottenere onori divini, tanto migliori essendo le sue norme rispetto a quelle oggi imposteci dalla Consulta oligarchica).

Dunque non tutti i presagi sono funesti. Però non illudiamoci più di un tot. A valle degli sviluppi che potranno esserci nel quadro della legalità truffaldina, la Repubblica nata dagli eroismi e dai delitti della resistenza resterà uno Stato-canaglia, gestito da malfattori. Intanto lo Stivale è più che mai asservito a Washington, un padrone che non solo manca dell’antica benevolenza di affrancare lo schiavo, ma gli impone nuovi gravami di servaggio (ultimo, la partecipazione ai voli di guerra contro gli avversari degli USA).

Lo Stivale resta infangato di corruzione. La morte della DC e del PCI, lo sputtanamento di tutti gli altri partiti, la bufera di Mani Pulite, il seppellimento della repubblica del 1948 non hanno fermato le tangenti. Nella sua “Storia della Prima Repubblica” Aurelio Lepre mette in evidenza che i mali della partitocrazia farabutta si profilarono già nell’immediato dopoguerra e continuarono ad aggravarsi prima e dopo Mani Pulite. Oggi che quei mali sono diventati metastasi, non esiste alcuna terapia di tipo tradizionale. Le travi marce si possono solo demolire.

E’ vero, c’è il renzismo, estremo tentativo di conservazione del sistema. Ma durerà relativamente poco: anche perché Renzi traligna in grande. Detassa ville e castelli dell’One per Cent invece che aprire dormitori per chi non ha casa, e invece che sussidiare le famiglie senza reddito. Non chiude il Quirinale finto palazzo di prestigio, in realtà sozza porcilaia di sprechi camuffata da Casa degli Italiani. Non fare di questo showroom di arazzi, tappeti e colossali fannulloni in elmo e corazza il più grosso museo del mondo risulterà una malazione imperdonabile. Inoltre Renzi fa zero per contenere l’invasione dei clandestini (siriani e veri profughi di guerra a parte).

Peggio ancora. Si proclama banditore del futuro, ma non fa nulla per avvicinare di almeno un po’ l’avvento dell’inevitabile Randomcrazia: non una lunare democrazia diretta di 60 milioni di legislatori, bensì una Polis sovrana di centomila supercittadini deliberanti e governanti, selezionati per sorteggio dal computer per turni di pochi mesi, non rinnovabili. Abolite le elezioni, tutti gli altri iscritti all’anagrafe si pronunceranno nei referendum, frequenti quasi come in Svizzera.

Ha scritto sull’Espresso un recensore (Giuseppe Berta) del libro di David Van Reybrouck, “Contro le elezioni. Perché votare non è più democratico”, ed.Feltrinelli: “Giunti alla fine del libro, ci si accorge che il suo non è un discorso paradossale, ma una lucida riflessione. Van Reybrouck propone di tornare, attualizzandolo, al metodo della democrazia ateniese: il SORTEGGIO”. Il sorteggio è il portato ovvio della democrazia integrale: dove tutti sono uguali, non resta che sorteggiare.

Matteo Renzi risulterà un altro degli sconfitti se non si convertirà in demolitore di questa repubblica verminosa. In edificatore di tutt’altra democrazia.

Porfirio

La Terra, Il Sangue, le Parole: intervista con il Generale Pietro Pistolese sulla situazione in Israele e Palestina

Internauta intervista il Generale di corpo d’Armata dei Carabinieri Pietro Pistolese, autorevole voce per quanto riguarda il conflitto israelo-palestinese, ultimamente di nuovo oggetto di preoccupazione da parte della comunita’ internazionale. Il generale Pistolese ha guidato diverse missioni di pace in Isaele e Palestina: a Hebron e’ stato due volte vicecomandante della Temporary International Presence in Hebron (TIPH) e ha concluso la sua carriera come comandante della Missione di pace per conto dell’Unione Europea (EUBAM) al valico di Rafah (Gaza) fra il 2005 e il 2008.

Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia, Commendatore della Repubblica Italiana, é membro dell’Istituto di Diritto Internazionale Umanitario di San Remo e del Consiglio Direttivo della Società di Letture e Conversazioni Scientifiche di Genova. Ha pubblicato numerosi articoli sulla situazione internazionale e il libro Il Forte di S. Giuliano edito da ECIG nel 1995. Recentemente ha pubblicato, a quattro mani con il Professor Petermann, La Terra, il Sangue e le Parole, edito da Termanini, sulla sua personale esperienza in Israele. Un libro documentato, vivo e concreto che riesce a rimanere neutrale sul conflitto israelo-palestinese, forse il più complesso della storia moderna, dando al lettore una chiara, a tratti scioccante testimonianza della difficolta’ sul campo che incontrano Israeliani e Palestinesi nella loro vita quotidiana e dei numerosi, imprevedibili ostacoli al processo di pace nell’ultimo ventennio.

Il libro bene rende la complessità del problema israelo-palestinese dove psicologia, storia, demografia e religione si intrecciano in un contesto in cui lo Stato sembra solo uno degli attori, spesso incapace di controllare i propri cittadini. Questa terza intifada ne e’ un’ ulteriore conferma. Ecco la nostra intervista al Generale Pistolese.

1. Generale, un articolo pubblicato dal Jerusalem Post il 31 marzo 2007, quando Lei era a capo della missione EUBAM, la definiva un ottimista: ancora credeva che la pace fosse possibile. Il vostro libro invece da una conclusione piuttosto pessimista. La pace in Israele e Palestina viene paragonata ad un “Sisifo felice”. Cosa e’ cambiato dal 2007 ad oggi? Cosa pensa di questa terza intifada?

Mai nella storia uno stato di guerra è rimasto tale per sempre. Inevitabilmente si arriverà ad una soluzione. Rimango perciò sempre ottimista, come nel 2007. Ho usato nella conclusione del libro il mito di Sisifo, condannato per l’eternità a spingere fino alla cima di un monte un masso che raggiunta la vetta rotola inesorabilmente a valle, come similitudine con il processo di pace. Con questo mi sono voluto riferire ad un passato in cui tutte le volte che era sembrato poter agguantare la pace, inevitabilmente si era verificato un evento che, azzerati i progressi raggiunti, faceva tornare indietro il negoziato.

Esiste però un presente e un futuro. L’operazione militare del luglio 2014, Margine di Protezione, (pag. 260) ha inflitto ad entrambi i contendenti pesanti perdite senza risolvere nulla. Israeliani e palestinesi ora sanno che ripetere azioni consimili non migliorerà la situazione anzi, la devastazione siriana e la presenza di un nuovo elemento, l’ISIS, nello scacchiere mediorientale, alle frontiere settentrionali d’Israele, dovrà comportare maggiore cautela. La via del negoziato che potrebbe essere promossa dal Quartetto (ONU, UE, USA e Russia), ancora una volta, si presenta come l’unica praticabile.

2. Generale, Lei hai guidato delle missioni in Israele e Gaza per conto dell’Unione Europea ed ha una conoscenza concreta dell’organizzazione e efficacia degli interventi occidentali nella regione.

Lo scrittore israeliano Abraham Yehoshua in un’intervista su La Stampa ha definito recentemente le politiche degli Stati Uniti nella zona «criminali», inutili anzi dannose per favorire davvero la pace e ha detto che l’Europa é “una delusione”. Cosa ne pensa lei? Quanto sarebbe auspicabile ed efficace oggi l’intervento dell’occidente per guidare delle eventuali trattative di pace? Quanto invece potrebbero essere le potenze regionali, penso per esempio, oltre a Israele, a Egitto e Giordania a guidare il processo di pace?

Non credo che il processo di pace possa essere guidato da alcuno tranne che dagli stessi israeliani e dai palestinesi. Il Quartetto, e nel suo ambito gli europei, possono favorire il dialogo, finanziarne le iniziative (la ricostruzione dell’aeroporto e il famoso porto a Gaza) ma soltanto le due parti possono decidere quando e come riavviare il processo. Nel frattempo la situazione di stallo e i clamori del conflitto nella confinante Siria e in Iraq favoriscono autonome spinte estremiste e terroristiche. Netanyahu dovrebbe comprenderlo e, di conseguenza, assumere iniziative politicamente valide. L’attuale situazione di stallo non favorisce Israele e i palestinesi non si rassegneranno mai a non avere un loro stato indipendente. La storia ce lo insegna: noi stessi, italiani, quando abbiamo deciso di essere uno stato unitario abbiamo combattuto quattro guerre d’indipendenza contro uno dei più forti imperi del mondo, l’Austria – Ungheria, ma alla fine abbiamo vinto.

Il vero problema è la mancanza di una vera leadership nell’ambito delle due parti e la totale sfiducia tra di loro.

Per quanto riguarda un possibile maggiore ruolo delle potenze regionali, Egitto e Giordania, che verrebbero così a costituire il cosiddetto “Quartetto allargato”, ritengo che possa essere un’opzione meritevole di essere esplorata malgrado le difficoltà presenti.

3. Netanyahu sembra rifiutare la soluzione dei due stati e Israele sta diventando, per molti osservatori, sempre più simile ad uno stato di apartheid. In Cisgiordania ci sono tre zone di cui una, la zona C, completamente sotto il controllo di Israele, eppure i palestinesi ivi residenti non hanno diritto di cittadinanza. Netanyahu ha recentemente rifiutato gli osservatori internazionali in Israele e ha accusato il gran Muftì di Gerusalemme di essere stato la vera mente dell’Olocausto. Sarà possibile una pace duratura con Netanyahu al potere?

Se non si attuerà la soluzione di due stati per i due popoli dovrà adottarsi quella di uno stato solo per israeliani e palestinesi. In tal caso, come ha così bene evidenziato l’esperto demografico e statistico israeliano, Sergio Della Pergola (pag. 173), l’incremento demografico palestinese, più dinamico di quello israeliano, finirà per mettere questi ultimi in minoranza. Nell’ambito di un unico stato i palestinesi non potranno restare troppo a lungo privi di diritti civili e chiusi nell’apartheid dei loro territori. Alla fine prevarrà il principio dell’uguaglianza. E’ una storia già vista di recente in Sud Africa. Forse allora chi verrà al posto di Netanyahu dovrà chiedere di gran fretta l’intervento degli osservatori internazionali e la manipolazione di antiche quanto inutili rievocazioni storiche, come quello del Gran Muftì palestinese che avrebbe suggerito a Hitler di sterminare gli ebrei, non sarà certo d’aiuto. Quanto all’Europa non possiamo farci illusioni: un’Europa cosiffatta non sarà mai in grado di esprimere una politica estera e neanche di difesa accettabili. Forse tra qualche generazione gli europei riusciranno a fare quello che è stato realizzato per la moneta unica alla quale, comunque, non tutti i ventotto hanno aderito.

4. La Russia sta tornando protagonista nella scena globale ed ha scelto il Medio Oriente come porta privilegiata. La Russia é l’unica potenza che può vantare un saldo amicizia con Israele, Iran, Egitto, Giordania Siria e Iraq allo stesso tempo mentre si sta riavvicinando all’Arabia Saudita. Gli Stati Uniti invece, dopo anni di attivismo, si dimostrano sempre più incerti nelle scelte da fare nella regione. Potrebbe, secondo Lei, la Russia cominciare a giocare un ruolo chiave nel processo di pace israelo-palestinese e sostituire magari l’Occidente?

La Russia è una potenza di gran lunga ridimensionata rispetto alla dissolta URSS. Vuole tuttavia mantenere la base navale di Tartus ed aerea di Hmeymim (Latakia) per cui continua a sostenere l’alleato siriano Bashar al Assad. Si è dunque inserita nel gioco mediorientale contro l’ISIS preoccupata anche delle influenze che quest’ultimo potrebbe suscitare sugli oltre 16 milioni di musulmani russi in particolare nel Caucaso e nell’Asia centrale.

A mio parere, dunque, non si tratta di un rientro sulla scena politica internazionale globale ma soltanto di una riaffermazione dei suoi interessi regionali. In tale prospettiva la Russia é in buoni rapporti con Israele, ma anche con i suoi nemici, Siria e Iran. E questo è fondamentale per Mosca se vorrà essere tra coloro che decideranno il futuro assetto della regione, per questo ha bisogno di allacciare forti e buone relazioni con Israele. Quest’ultima, d’altro canto ha accolto oltre un milione e mezzo di ebrei russi. In Israele ci sono reti televisive e giornali in lingua russa, spesso si notano insegne di negozi scritte in russo e la presenza di questi nuovi cittadini che continuano a esprimersi in russo è più che evidente. E’ questa una fase politica molto intrigante, i russi la chiamano pluridirezionale: avere molte controparti con cui parlare e proporsi come mediatore nei conflitti. Dopo le primavere arabe, però, anche i russi si sono dovuti schierare prevedendo un irrobustimento dell’islam radicale e dunque un aumento dell’instabilità. E’ per questo che la Russia ha scelto un campo: si è schierata con gli sciiti contro i sunniti.

Quanto agli Stati Uniti, la cui supremazia non appare in discussione, dopo molte incertezze sembrano ormai convinti ad avviare anche operazioni terrestri con forze limitate per combattere l’ISIS ed abbattere Assad al quale il sostegno russo sembra cominci a vacillare.

In tale contesto non va dimenticato l’Iran che in virtù dell’accordo recentemente sottoscritto con il “5+1” (USA, Francia, Regno Unito, Germania, Cina e Russia) sul nucleare ha rinforzato le sue ambizioni di potenza regionale, leader dei paesi musulmani di confessione sciita.

5. Nel libro emergono aspetti molto affascinanti legati alle percezioni psicologiche delle due parti che si mescolano a fattori religiosi e storici. E possibile una dialogo “laico” fra Israele e Palestina e un dibattito soltanto su concreti interessi strategici?

In Israele la componente religiosa è attualmente molto forte e dunque condizionante per la politica dell’intero stato. Non a caso nell’attuale governo, uscito dalle elezioni dello scorso marzo e dopo 42 giorni di trattative condotte da Benjamin Netanyahu, figurano i partiti religiosi schierati più a destra come i religiosi dello “Shas” e della “’Unione per il Giudaismo nella Torà”. Ma Netanyahu ha potuto raggiungere alla Knesset la tanto sospirata quanto risicata maggioranza di 61 seggi su 120 solo grazie all’intesa con Naftali Bennett, leader della destra nazionalista dei coloni del partito “Bayt Hayehudi” ( Focolare Ebraico ).

E’ evidente che un Primo Ministro che ha condotto una campagna elettorale all’insegna della minaccia alla sicurezza dello stato ebraico rappresentata dal programma nucleare iraniano e dall’avanzata dello jihadismo di Isis e delle altre sigle del terrorismo islamico e che si poggia su una maggioranza siffatta, non potrà mai allacciare un dialogo puramente “laico”.

Questa ipotesi potrebbe verificarsi soltanto se un futuro leader israeliano fosse capace di raggiungere una forte maggioranza con il “Fronte Sionista” ( partito laburista di Isaac Herzog ), che ora ha raggiunto solo 24 seggi, i centristi di Yar Lapid (11 deputati, sensibilmente diminuiti rispetto ai 19 di due anni fa), il “Kuluna”, movimento centrista, fondato lo scorso novembre da Moshe Khalon, con 10 seggi, il partito “Meretz” ( 4 seggi) e, forse, con l’appoggio esterno della lista dei “Partiti Arabi Uniti” (raggruppa gli arabi-israeliani) che ha raggiunto ben 14 seggi e potrebbe essere l’ago della bilancia. Naturalmente gli israeliani dovrebbero conferire a ciascuna formazione politica, in una futura ipotetica elezione, un numero maggiore di voti.

Da parte palestinese il perdurare del dualismo Fatah – Hamas malgrado la conclamata riconciliazione e l’atteggiamento fortemente ostile del regime di Haniye nella Striscia di Gaza non consentono alcun passo avanti nel processo di pace da tempo interrotto.

I commenti da parte palestinese sul nuovo governo Netanyahu sono stati molto negativi. Il segretario generale dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, Yasser Abed Rabbo ha detto con durezza: “Israele ha scelto la via dell’occupazione e della colonizzazione e non del negoziato e della collaborazione”. Gli Hamas molto spicciamente si sono così espressi per bocca di Izzat al-Rishq: “Terroristi Netanyahu e chi lo ha votato”.

Pare infine che il capo negoziatore dell’Autorità Nazionale Palestinese, Saeeb Erekat, avrebbe intenzione di tentare di ottenere dall’ONU il riconoscimento unilaterale dello stato palestinese. Non solo ma avrebbe accennato alla possibilità di procedere alla denunzia di Israele al tribunale internazionale dell’Aja per crimini di guerra.

Raimondo Lanza di Trabia

Per la lettura: La Terra, Il Sangue, le Parole di Pistolese, P. e Petermann, S. ed. Termanini 2015 p.302

DETESTATO DAL VECCHIO ORDINE, ‘SOLO AL COMANDO’ GOVERNI A FAVORE DEL POPOLO

Come stanno le cose, Solo al Comando è quanto di meglio per lo Stivale: purché egli accetti i doveri che gravavano sui tyrannoi ellenici. Tra il secolo VII e la conquista romana le tirannidi greche furono talmente numerose da configurarsi come una necessità politica. E’ significativo che gli ordinamenti monocratici più antichi sorsero nella Jonia, le colonie greche dell’Asia minore: l’Ellade allora più progredita. Il ruolo dei tiranni fu quasi sempre di abbattere le oligarchie succedute alle monarchie arcaiche. In più essi prepararono i successivi reggimenti democratici, ossia favorirono la nascita della Democrazia Diretta.

In genere, scrivono gli storici, i tiranni erano dei nobili, qualche volta dei capi carismatici di nascita umile, che si mettevano a capo delle classi oppresse e rovesciavano gli ottimati che avevano gestito le poleis oligarchicamente. Coll’andar del tempo le tirannidi erano fatte per essere soppiantate da formule più o meno vigorose di democrazia diretta. Questo dovrà fare il renzismo, se davvero si farà autocratico.

A partire dal quinto secolo, l’era di Clistene e di Pericle, le tirannidi dunque generarono le democrazie, subentrando ad esse quando erano squassate dagli scontri di fazione e dalle lotte sociali. In altre parole, l’Ellade realizzò la democrazia soprattutto attraverso l’eversione degli ordinamenti legali. Nel nostro tempo sarà logico e giusto se le oligarchie peggiori -la nostra in primis- verranno liquidate da violazioni della legalità. La legalità non può che essere conservazione.

L’esperienza ellenica insegna che per durare il governante unico, rottamatore delle oligarchie, deve mantenere il consenso delle classi più numerose. In tempi di One per Cent queste ultime sono quelle dei redditi bassi. Ciò pone limiti alla confluenza tra le scelte del governante monocratico e quelle delle oligarchie amiche dei ricchi.

Il Solo al Comando fiorentino fa benissimo a rottamare quel segmento dell’oligarchia soi-disant progressista, il cui operare nella nostra epoca è risultato il grave allargamento dei divari sociali. Egli fa la cosa giusta a vilipendere gli imperativi sinistristi e le categorie della lotta di classe. E’ benemerito il suo disdegno per la piovra sindacale. Che sia accusato di fare le cose di Berlusconi è il prezzo che non può non pagare per allargare il consenso al cosiddetto partito della nazione. Ora però decida di voltare pagina, di colpire i privilegiati. Cominci ad avocare i supercompensi e le ricchezze ereditate, oltre una certa soglia. Tagli le pensioni d’oro, in aperto disprezzo per i diritti acquisiti e per i dettami della Consulta. Confischi e venda sul mercato internazionale le barche importanti. Affronti molte altre opere di giustizia, si faccia giustizialista.

Settanta anni di egemonia culturale del sinistrismo hanno fatto più ricchi i ricchi. Renzi dimostri nelle cose che l’umiliazione del settarismo marxista giova agli svantaggiati. Come facevano i tyrannoi, parteggi per il popolo. Studi e imiti due importanti esperienze iberiche. Prima, la dittatura amica del popolo di Miguel Primo de Rivera. Generale, marchese e Grande di Spagna, tra il 1923 e il ’30 scelse e privilegiò il solo partito socialista, allora una cosa pulita, come alleato per aiutare in vari modi i proletari, cominciando da un avviamento di Welfare e da grandi opere pubbliche che davano lavoro. Logicamente, a Grande Despressione iniziata, fu abbattuto: non da un referendum come lo sarà de Gaulle, ma dai duchi latifondisti e dai banchieri che contavano a Corte nell’ultimo anno di Alfonso XIII. Seconda esperienza, in Portogallo la sollevazione degli ufficiali (Rivoluzione dei garofani) del 1974 non si limitò a cancellare gli avanzi di salazarismo ma, appoggiata dai comunisti, forzò la modernizzazione dell’assetto generale e irrobustì le provvidenze sociali. Anche qui fu necessaria l’eversione della legalità.

Un ottantennio dopo il corso filosocialista del ‘Dictador’ Primo de Rivera, un quarantennio dopo la Rivoluzione dei garofani, i tempi sono maturi perchè Solo al Comando riprenda l’opera di un tyrannos andaluso che amava i lavoratori, nonché l’attacco alla legalità compiuto dagli ufficiali lusitani.

A.M.C.

PIUTTOSTO CHE L’OLIGARCHIA DEI PROCI UN TIRANNO DEL BUONGOVERNO

La presente democrazia -a stare ai gridi ‘all’armi’, ai singhiozzi, ai lai delle scorse settimane- deve avere salute cagionevolissima. Non c’è corrente d’aria che non produca polmonite. Questa democrazia non cammina, barcolla. Ancora un po’ e stramazza. Un Jobs Act, una Buona Scuola, qualche paletto sul diffamare a mezzo stampa, qualche mortificazione di una seconda Camera inutile anzi nociva però costosa; soprattutto l’andare per le spicce di Renzi la tramortiscono e pugnalano. Credevamo che le vittorie della Resistenza (che abbatterono il Terzo Reich), e in più un paio di repubbliche da essa nate, avessero edificato un sistema più perenne del bronzo.

Al contrario. I toscani liberticidi del Giglio Magico congiurano contro la Più Bella delle Costituzioni. Addirittura non c’è odalisca fatta ministra da Matteo che non sia sospettata di cospirare contro la libertà in combutta con Alfredo Rocco, il capogiurista di Mussolini. E non parliamo del Sultano dell’odalisca, il Fiorentino (forse reincarnazione di Catilina, o del duca Valentino, o di Valerio Borghese principe della Decima Mas). E’ chiaro che Egli si sta insignorendo della Patria cara a Mattarella e ad Aldo Cazzullo. Forse si proclamerà Autocrate dello Stivale. Magari Pantocratore.

Persino una legittima assemblea dei dipendenti del Colosseo è stata, per gli spietati bravi di palazzo Chigi, un’altra occasione per menomare le lotte dei lavoratori. Col pretesto, oggettivamente bieco, che migliaia di turisti aspettavano ai cancelli dei Beni Culturali, i liberticidi hanno stilato un decreto che immiserisce la democrazia. Che paese è questo -ha bonariamente sbraitato Camussa- che proibisce le Pallacorde nell’orario d’apertura del Patrimonio storico? La regina Taitù dei dipendenti&pensionati avrebbe potuto ricordare che quando Franz Schubert compose quel più doloroso dei Lieder, ‘La morte e la fanciulla’, in realtà profetò la fine straziante della democrazia nel Lombardo-Veneto e nel resto dell’ Espressione Geografica (proprio così ci definì il principe Metternich, Italien ein geographischer Begriff).

Ma un momento! Di che parliamo? Nell’Espressione Geografica la democrazia (che si dice morente) è ancora da nascere. Il regime che la Costituzione dei partiti ci impose è un’oligarchia, non una democrazia. Per di più ha vocazione pluto-cleptocratica. La democrazia nascerà quando i partiti saranno aboliti, il sorteggio sostituirà le urne elettorali, il popolo conterà qualcosa più dello zero d’oggi.

Allora i gridi d’allarme, i singhiozzi e i lai di cui all’incipit riguardano l’oligarchia degli impostori e dei plutocrati, non noi. Le Istituzioni rappresentative sono quella cosa in cui, oltre a rubare tutto il possibile, si volta allegramente gabbana e si vendono voti e votanti.. Nella legislatura precedente cambiarono gruppo parlamentare 261 lestofanti. In quella presente addirittura 308, e siamo ancora a metà legislatura. Mani Pulite dimostrò che la nostra classe di potere è la peggiore d’Occidente. Da allora la corruzione risulta cresciuta, non diminuita. Dunque i pericoli che si additano incombono sui clepto-oligarchi, non sul popolo. Il popolo, se troverà un ty’rannos in gamba, farà un affare.

Direte, sdegnati: Renzi pratica il cesarismo. Ebbene, meno male! Le riforme vere, quelle che cancellino l’oligarchia, esigono Cesare. Più ancora lo esige l’avvento di questa o quella formula di democrazia diretta. Lo sanno tutti che la grande democrazia ateniese fu gestita da un principe, l’alcmeonide Pericle, che tra gli antenati vantava un re d’Atene.

Ora come ora, questo Renzi che dicono voglia farsi monarca risulta il più efficiente degli oligarchi, avendo saputo surclassare tutti. Ebbene rafforzi il suo potere. Altrimenti sarà abbattuto dai lillipuziani di Bersani e Gotor, dai moschettieri di Arcore, dai cagnaristi di Beppe, da Salvini.

Non soltanto nell’antichità greco-romana, un tiranno che sapeva il fatto suo faceva meglio di un’intera casta di difensori della legalità di comodo. Nel caso nostro la legalità della Costituzione partitica è una iattura, è nemica del Buongoverno. Se un giorno, caduto Matteo Renzi, le Cinque Stelle vorranno provare a schiodare le assi e le travi tarlate di questa repubblica, dovranno ripudiare la via parlamentare finora battuta a vuoto. Dovranno aggredire il parlamento e la Carta con tutte le Istituzioni.

Porfirio

L’ITALIA DI MARC LAZAR SI SALVERA’ SOLO IN QUANTO LABORATORIO DEL NUOVO

Lazar, il noto professore al parigino Istituto di studi politici, è l’autore di “Stanchi di miracoli. Il sistema politico italiano in cerca di normalità”. Conclude un suo altro lavoro sullo Stivale (“Democrazia alla prova”, Laterza, 2007) con l’inquietante asserzione, all’ultima riga, ‘Il Sisifo moderno è indubbiamente italiano’. Siamo condannati all’infinito come Sisifo, figlio di Eolo fondatore di Corinto?

Non è detto. Non manca di significato la dedica di quest’ultimo lavoro: “Per Julie e Anna, che impareranno a conoscere e amare questo paese”. Uno degli studiosi stranieri che più sanno di noi (collabora regolarmente a ‘Repubblica’) sembra non nascondere qua e là che si attende dallo Stivale più innovazione che dalla sua Francia, con tutta la ‘mission exemplaire’ di un retaggio che risale all’Illuminismo, alla Rivoluzione e al titanico Bonaparte. “Democrazia alla prova” è soprattutto dedicato al moment Berlusconi, cioè a una parentesi sciaguratamente lunga, ma se Dio vuole quasi spenta. Non per questo il lavoro è obsoleto. Offre significative intuizioni e constatazioni, le più importanti delle quali trascriviamo qui di seguito.

Uscito all’indomani delle elezioni dell’aprile 2006, vinte per un pelo dal centro-sinistra, il libro di Lazar addita il pericolo che ‘la banalizzazione democratica’ produca delusione. “La democrazia liberale e rappresentativa ha cercato di difendersi, ma sbocciavano forme di democrazia partecipativa che hanno preteso di sostituirsi ai partiti. Le loro taglienti critiche al centro-sinistra hanno avuto il merito di costringerlo a muoversi. Esso commetterebe un grave errore se desse la sensazione di ridursi a un’oligarchia divisa in fazioni che si battono per spartirsi le poltrone e i palazzi della Repubblica (…) I cittadini non si accontentano più d’essere convocati alle elezioni ogni cinque anni. Il centro-sinistra sembra disarmato nel dibattito culturale, ma “è paradossale: la sinistra italiana è andata molto oltre la sinistra francese nel rivedere le proprie posizioni”.

Per Lazar il tema del declino (=’della decadenza’) dell’Italia “rafforza la propensione nazionale ad autodenigrarsi.. Anche Francia e Germania sono ‘grandi malati d’Europa’. I pericoli per la democrazia minacciano l’assieme dei paesi occidentali. Sempre più indifferenti alla politica, maldisposti nei confronti delle istituzioni, delusi dai politici tradizionali, ostili alle elite, i popoli sembrano pronti a consegnarsi a demagoghi volti a rovesciare la democrazia”. Inoltre: “La Costituzione italiana è quasi impossibile da emendare ma presenta un carattere incompiuto. E’ un documento sacro per la sinistra, che ne difende con intransigenza la lettera, i valori e le promesse (…) Si sviluppa così la partitocrazia, il potere quasi illimitato dei partiti. Pur essendo antifascisti, essi prolungano l’impronta del fascismo. Sottomettono e colonizzano lo Stato”.

Di conseguenza, la democrazia italiana “ha cominciato a oscillare nella banda della democrazia in qualche modo diretta, con una lunghezza di vantaggio sui suoi vicini europei. L’Italia entra nella ‘terza età della democrazia’, caratterizzata tra l’altro dallo scemare del ruolo dei partiti. Così la democrazia è in prova, alla deriva, mentre sperimenta vie diverse. L’italia è insieme in crisi e in corso d’ innovazione. Si è immersa brutalmente nella società dell’abbondanza e dell’opulenza, mentre agli inizi degli anni Cinquanta aveva ancora fame.”

Tuttavia il godimento consumistico “è solo uno degli elementi della società italiana. Il suo rovescio, pur minoritario, associa moralità economica e pubblica, ripensa l’etica, coltiva una certa austerità e frugalità. Addirittura pratica intensamente il volontariato. E’ favorevole alle esperienze di democrazia partecipativa. Si colloca a sinistra ma appare deluso dalla politica: tendenzialmente é astensionista, molto critico nei confronti del governo, scettico sull’opposizione”.

In economia, constata Lazar, “i ritmi della crescita sono rimasti mediocri, le imprese perdono competitività, il potere d’acquisto delle famiglie scende, la distanza tra ricchi e poveri si allarga. Il quadro è nero”. Dimentichiamo, esorta l’Autore, il fascino quasi leggendario dell’Italia: “0ra è il momento della povertà che erode l’assetto sociale. In breve, siamo al disagio collettivo. La forte diffidenza dei cittadini verso la maggior parte delle istituzioni e dei politici alimenta il dubbio e lo scetticismo diffusi.”.

Tutto questo non significa che l’Italia è condannata a vacillare, persino a crollare. La storia dimostra: “Ogni volta che il paese si è trovato in ginocchio, ha saputo rimettersi in piedi in modo spettacolare. Sarà così in questo inizio di millennio?”. Risposta: la salvezza non verrà soltanto dalla società civile, come pretende una vulgata assai diffusa. L’abilità di cavarsi d’impaccio, il dinamismo e l’ingegnosità non basteranno. Occorreranno, più ancora che nel passato, politiche pubbliche efficaci. “Questo suppone che le elite sappiano rifondare la propria legittimità e che la crisi della rappresentanza venga risolta”.

Segnalavamo nell’incipit il referto riassuntivo: “Il Sisifo moderno è indubbiamente italiano”. Tuttavia resta valida l’impressione: questo qualificato conoscitore delle nostre cose si attende che presto o tardi il Laboratorio Italia produca una formula radicalmente nuova rispetto ai logori congegni del partitismo/elettoralismo.

Jone

NOVEMBRE 2015

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.

In INTERNAUTA, le linee politiche convivono. Leggi il nostro manifesto.

INTERNAUTA esce ogni mese.

Clicca qui per consultare l’archivio dei singoli autori.

Intervista al Duo PERSONИE dopo il successo al premio di Poggio Bustone

Grazie alla liberalità di questo giornale, dove si discute di tutto, sono felice poter pubblicare la mia prima intervista al duo musicale PERSONИE. Sul loro profilo facebook, si definiscono così: PERSONИE è ognuno, quindi nessuno, in ognuno siamo maschera in persona. Siam PERSONИE (in francese “nessuno” nda).

Internauta li ha invece scovati e ha dato loro un volto e un nome: Andrea Astolfi, voce e Manuel Borgia che scrive i testi (d’ora in avanti essenzializzati ad A e M). A e M sono una vera promessa della musica italiana: il 4 Settembre 2015 si classificano secondi al prestigioso premio di Poggio Bustone, città che ha dato i natali a Lucio Battisti. Dopo le interviste rilasciate a 4arts, e a Yeah, una piattaforma online per artisti emergenti, è la volta di Internauta. Il loro primo singolo, Signore e Signora, (quasi 3.000 visualizzazioni su YouTube) con il quale si sono classificati secondi è misterioso, mistico, nuovo…

Ascoltarli è davvero interessante: i testi, come la voce, sono cangianti, a volte seri, a volte surreali, divertenti, dissacranti ma mai, mai noiosi o già sentiti. Per questo auguriamo loro ogni successo.

Voi siete intellettuali a tutto tondo. Perché vi esprimete in musica e non in altre forme?

A: A tutto mondo più che altro, “la dismisura della dismisura”.
Non c’è confine.
Il perché della musica si risolve nel come: lo facciamo bene, nevvero?
Il cantautorato elettronico entro cui grosso modo ci muoviamo – aborriamo l’idea esclusivista di “genere” e chi ne fa motivo d’orgoglio – ha dei metri molti diversi dalla poesia e dalla letteratura.
Di certo ci sono dei rimandi e rimbalzi da entrambi le parti. Ma più per affezione che per altro.
Lavorare con le lettere è un altro discorso.
C’è chi scrive canzoni e chi scrive poesie. Son 2 cose estremamente diverse. Direi quasi opposte.
La trita retorica del cantautore-poeta è chiacchiera da giornalettisti.
E poi a scriver poesie non si parla troppo alla gente. Si ri-parla ad un pubblico di – passatemi il termine – già inziati o curiosi.
La poesia è un linguaggio. Qualche sera fa se ne parlava a riguardo, proprio con un mio caro amico poeta – è considerato uno dei più importanti poeti italiani contemporanei degli anni ’80 – e si diceva:
I poeti scrivono per i morti. I parolieri per i vivi.
E si sente. con le canzoni si canta la vita, si canta la gente, alla gente.
Noi proviamo a fare questo, e bene.

M: Noi “intellettuali a tutto tonto”!
No, no, io personalmente non mi ritengo un intellettuale, semmai un “curioso”…
Comunque, abbiamo scelto la Musica, in particolare la musica leggera, perché ti permette di arrivare davvero ad un pubblico più ampio e in maniera più diretta.
E soprattutto sincera.
Questo si sa.
Inoltre la Musica è il linguaggio artistico (ma anche oltre l’Arte) che più abbiamo a cuore, credo.
Ci siamo scelti spontaneamente. Come Io e Andrea…
E sia…

Definitevi in 3 aggettivi

A: indefinibili³ = PERSONИE

M: pazzi – sinceri – brillanti

Che rapporto c’è fra musica e testo?

A: L’uno porta all’altro vicendevolmente, in ogni testo c’è già dentro una melodia.
Ed ogni melodia, detiene in sé un dettato, una grammatica, è come se si ergessero assieme, mano a mano.
Io person(n)almente poi, credo che oggidì, il testo non sia così preminente come poteva esserlo negli anni addietro.
Ovvero, il testo è importante di certo, ma in un certo senso è come se fosse un pre-testo (non pretestuoso).
Io credo che il grosso stia nell’intenzione, nell’interpretazione del cantato e nella musica.
Composizione musicale che non deve essere complicata. Anzi, se non lo è, è meglio.
Devi farti viaggiare, questo sì.
Ecco: musica e interpretazione nella giusta intenzione.
Il testo come pre-testo, inteso come già detto, inteso viene rielaborato, ri-scandito.
Le canzoni appunto sono il canto della vita nella vita: non sono così lontane quindi.
E poi il gigantissimo Lucio Dalla cantò in un canzone – nell’album “Anidride Solforosa” – pure i valori di borsa.
Lì c’era lo zampino del poeta Roversi, come si sa. Ecco: si possono cantare e musicare pure i valori di borsa. Credo sia indicativo, anzi infinito. Lucio Dalla lo è .Noi vogliamo declinarci al presente: siamo ora.

M: Basta pensare che la voce, ovvero Andrea, si muove all’interno del brano come uno strumento e non solo come Qualcuno che parli di Qualcosa.
Musica e parole devono crescere insieme perfettamente per il senso ultimo da raggiungere.
E’ questa la formula più efficace nella Canzone.
Le note portano le parole, e queste le note..
Quali sono i vostri prossimi obiettivi professionali?

A: Vogliamo partecipare a qualche altro concorso nazionale destinato alla canzone d’autore e far bene anche lì. Poi, entro dicembre 2015, uscirà il nostro primo E.P. “IN VERSO”.

M: Emergere e farci conoscere.. nella maniera più dignitosa e giusta per noi.
E per loro.

Quando uscirà il vostro primo album e come si potrà entrarne in possesso?

A: il nostro primo E.P. in uscita entro la fine del 2015 si chiamerà “IN VERSO” e conterrà in totale 5 canzoni più una traccia sui generis.
6 tracce dunque.
2 già pubblicate: “Signore, Signora” e appunto “IN VERSO” e altri 4 inediti.
il titolo è indicativo.
“IN VERSO” difatti significa naturalmente “al contrario” “all’opposto”.
tuttavia gergalmente la parola “inverso” in alcune zone del nord-Italia significa anche arrabbiato o meglio, incazzati!, nonostante non sia un album incazzato, ma di certo cazzuto: l’incazzatura, il nervosismo ci appartengono abbastanza e credo appartenga anche a quella che è la nostra generazione. La rabbia nei confronti d’un mondo – in parte – allo sfacelo e soprattutto la difficoltà a partecipare – almeno in Italia – al nuovo scenario, al nuovo mondo che si sta iniziando.
Ecco, “IN VERSO” è anche questo: cantare in parte lo sprofondamento del vecchio mondo e la sconfitta d’un certo modo di pensare (borghese? sempre coi borghesi ce la prendiamo) che noi detestiamo fino al midollo (troppo crudele? Beh, beh…)
Porsi altrove. Porsi in altro senso. Sbandare.
Se vuoi, dislocarsi. E senza romanticismi, né paradisi tropicali. Ma con un fortissimo tentativo di autenticità, di veridicità.
“IN VERSO” si potrà acquistare in tutti i migliori e-stores e si potrà ascoltare sulle piattaforme di Spotify e Youtube. sarà anche su iTunes.
Stiamo pensando di stampare anche qualche copia cartacea e con una certa cura.
Pensiamo di stamparne poche copie. Per i più affezionati. Per i curiosi. Per le teste matte, a noi simili.

M: L’album si chiamerà “Inverso” e sarà disponibile in tutti i distributori digitali (You Tube, iTunes, Spotify, ecc..), naturalmente verranno stampate le copie..
Sarà un EP che presenterà innanzitutto il nostro modo di concepire oggi la musica leggera e così anche la poesia “mainstream”.
Comincerà con una preghiera e si concluderà con un monologo interiore.
Certo.
Ma nell’intermezzo si esplode.

…buon ascolto!

Raimondo Lanza di Trabia

Un saggio inedito di Tolstoj invita all’insubordinazione politica. Anche oggi.

Guerra e Rivoluzione, un saggio di Lev Tolstoj del 1906 ancora praticamente inedito, è stato recentemente pubblicato, a cura di Roberto Coaloa, da Feltrinelli. Sarebbe più giusto definirlo un pamphlet per la forza e rilevanza sociale dei temi trattati. Le estreme riflessioni politiche di un Tolstoj ormai vicino alla morte, hanno lasciato all’umanità una visione di pace, di fratellanza e insieme di insubordinazione verso il potere politico che resta, più di un secolo dopo, inattuata e magnifica.

Di che Guerra e di che Rivoluzione si parla? La guerra è la sanguinosa ed inutile guerra russo-giapponese del 1905 e la rivoluzione è la prima delle tre rivoluzioni russe che si aprì con la cosiddetta krovavoe voskressen’ie, la domenica di sangue: il 22 gennaio 1905 un’intera piazza che manifestava pacificamente si lasciò mitragliare e sciabolare senza alzare un dito.

Tolstoj, profondamente scosso dagli eventi, affida alla penna le sue ardenti verità. Si tratta di un Tolstoj estremista, pacifista non violento, vegetariano, lo stesso che ingaggiava profondi dialoghi epistolari con Gandhi-al Mahatma proprio l’ultima lettera mai scritta da Tolstoj- e che si opponeva alla violenza persino sugli animali, figlia, come la violenza sugli uomini, della stessa perversione: “finche ci saranno mattatoi, ci saranno campi di battaglia”.

Nell’ottobre del 1905 scrive sul suo diario: “la rivoluzione è al suo culmine. Si uccide da entrambe le parti. La contraddizione, come sempre sta nel fatto che con la violenza l’uomo vuole frenare, arrestare la violenza”. Questa è la summa dell’etica tolstoiana, che tanto influenzò lo stesso Gandhi. Lo scrittore austriaco Stefan Zweig riassume l’etica di Tolstoj dicendo che egli riformula la parola evangelica “non resistere al male” e le dà questa interpretazione creativa “non resistere al male con la violenza”. Solo così il messaggio cristiano potrà davvero venir realizzato, spezzando, come dice René Girard, il meccanismo mimetico che obbligherebbe l’uomo a rispondere a violenza con altra violenza.

Il mondo non è come dovrebbe essere, questo è il punto di partenza di Tolstoj in questo inedito saggio. Uomini che non si conoscono e che non hanno motivo di farlo si massacrano, spinti a farlo da istituzioni fittizie quando, nella realtà, non esiste alcun buon motivo per compiere alcuna guerra. Come Rousseau, Tolstoj sembra chiedersi come sia possibile che l’uomo, nato libero, ovunque sia in catene, oppresso da forme di potere di volta in volta più diverse, più sottili, ipocrite, invisibili. Non importa che abito si metta il potere, assoluto, democratico, teocratico o laico: nulla di buono per i popoli potrà mai uscirne. Le forme sociali cambiano ma i rapporti fra gli uomini restano invariati “come un corpo che nella sua caduta cambia la sua posizione, mentre la linea che segue il baricentro, il centro di gravità resta invariabile”. E ancora insiste Tolstoj: “lanciate un gatto da un’altezza: può rigirarsi su se stesso, avere la testa in alto o in basso, il suo centro di gravità non uscirà dalla linea di caduta. E la stessa cosa dei cambiamenti delle forme esteriori della violenza governativa”.

Evidente lungo tutto il saggio è la profonda avversione che Tolstoj nutre verso i governi e l’autorità politica in qualsiasi forma essa si manifesti. Secondo il grande romanziere russo, l’umanità è talmente avvezza all’errore, a pensare che i governi come gli stati siano necessari che non s’accorge che da tempo, forse da sempre, essi sono un superfluo male:“…lavorando essi stessi alla loro servitù, poiché credono alla necessità dello stato, gli uomini fanno come gli uccelli che, davanti alla porta aperta delle loro gabbie, restano dentro le loro prigioni, un po’ per abitudine e un po’ per conoscenza della libertà”.

Le sue riflessioni sull’irredimibile ingiustizia di ogni autorità e della necessaria perversione di chi possiede ed esercita il potere restano questioni fondamentali. Le tante, articolate autorità che governano oggi il mondo, sono esse legittimate? Sono addirittura necessarie? E come fare per portare a termine quello che Locke chiamò l’appello al cielo, come liberarsi dal tiranno ingiusto, corrotto, incapace e tornare allo stato di natura? Non con la violenza ci dice Tolstoj, né, tantomeno, con vani tentativi di riforma: ogni uomo che dovesse toccare la mela d’oro del potere si corromperebbe. Solo l’unione pacifica ed egualitaria dell’umanità, che Tolstoj vede come il vero destino del mondo, potrà restituire l’uomo al proprio cammino cristiano.

Il rifiuto di obbedire al governo e di riconoscere i raggruppamenti artificiali in stati deve portare l’uomo “alla vita naturale piena di gioia e tutta morale delle comunità agricole sottomettendosi ai loro regolamenti, comprensibili a tutti e risultanti dal mutuale consenso e non dalla costrizione”. Non è un caso che la comunità agricola, su cui Tolstoj insiste con forte commozione, in russo si dica mir, che vuol dire anche mondo e, ancor più importante, vuol dire pace. Allora, tornati allo stato di natura, nessuna autorità e nessuna violenza sarà più necessaria poiché l’autorità deriva dal peccato originario (stavolta terrestre), e cioè l’appropriazione della terra con le differenze economiche –e quindi i conflitti- che ne sono derivati: “Colui che da solo possiede delle decine di migliaia di ettari in foreste ha bisogno di protezione quando vicino a lui milioni di uomini non hanno la legna per scaldarsi”.

Lo stato e l’autorità sono insomma ontologicamente ingiusti, perché nati e strutturati per assoggettare tanti a vantaggio di pochi. Sembra di sentire Marx, ma Tolstoj va oltre le classi e parla all’umanità intera.

Libertà, Uguaglianza e Fratellanza, valori cosi miseramente calpestati dalla storia, sono ancora gli ideali giusti e lo resteranno fino a che non verranno realizzati, ma, insiste Tolstoj, realizzarli con la violenza renderà vano, un’altra volta, il tentativo.

I potenti di oggi sono immuni da quest’errore? La presunzione dell’occidente di aver raggiunto la migliore forma di gestione del potere, dei soldi, della terra, degli uomini ci pone di fronte alla solita domanda scomoda: davvero si può esportare un modello, anche il migliore modello politico ed economico, senza compiere violenza sul prossimo? Chi dà il diritto ad una fittizia struttura statale di violare una reale libertà e una vita, di imporle tasse ingiuste, spesso di rubare, di condannare a morte? Quale meccanismo perverso autorizza, giustifica e addirittura loda un sistema di questo tipo? La salvaguarda della vita e dei diritti fondamentali secondo la classica letteratura politica da Hobbes in poi. Per Tolstoj invece queste sono menzogne colossali e la necessità dello stato è una superstizione fasulla. “Come vivremmo-si chiede- senza essere assoggettati a nessun governo?”

“Come viviamo oggi ma senza le bassezze che commettiamo a cagione di questa orribile superstizione. Noi vivremmo lo stesso ma senza togliere alla nostra famiglia il prodotto del nostro lavoro; non più sotto forma di tasse di diritti di dogana che servono solo alle cattive azioni; noi non parteciperemmo più agli arresti della giustizia, alla guerra, né a qualsiasi altra violenza che commette della gente completamente sconosciuta a noi”.

Il libro di Tolstoj, che copre, oltre all’analisi politica riportata, temi morali religiosi e storici, colpisce per la grandezza del pensiero, anche se a tratti risulta impossibile, estremo, utopico.

Ma l’utopia è necessaria per qualsiasi progetto umano e politico, come ricorda lo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano con queste belle parole:

“Lei è all’orizzonte. […] Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l’orizzonte si sposta di dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l’utopia? Serve proprio a questo: a camminare.”

Tolstoj ci aspetta, secoli davanti nel nostro cammino comune e questo libro ne è una fortissima, vivida testimonianza.

Raimondo Lanza di Trabia

Per la lettura: Guerra e Rivoluzione di Lev Tolstoj, (2015 Feltrinelli, p.177)