IMPOVERIRCI PER FERMARE LE NUOVE INVASIONI BARBARICHE

Sbagliano gravemente le capitali europee a scegliere l’inazione. Sbagliano gravemente i ciambellani che hanno insediato a Bruxelles, a giudicare esigua e non catastrofica per i nostri proletari l’invasione umana dal mondo della miseria. Credendo di scegliere il male minore, o di arricchirci di lavoratori sottopagabili, o addirittura di compensare il calo delle nascite, i vari Renzi ragionano come quei governanti romani che, confrontati dalle prime invasioni barbariche, nel 375 autorizzarono uno stanziamento di Unni nella Mesia al di qua del ‘limes’ danubiano. A Roma non si immaginò che i barbari avrebbero trionfato. Che avrebbero ereditato l’impero.

I reggitori europei si comportano come si comportano perché hanno deciso che subire una serie di successi dei migranti d’attacco abbia oneri politico-economici inferiori ai duri costi della soluzione radicale, quella che un giorno si imporrà inesorabilmente: spartire in grande coi miseri la nostra ricchezza esorbitante. Accettare cioè il ritorno a come eravamo: non straccioni ma relativamente poveri, avvezzi agli stenti. Decidere di non abbassare bensì aggravare le tasse.

Decidere oggi il nostro impoverimento per combattere gli eccessi di povertà altrui significherebbe il suicidio delle attuali classi di potere. Meno traumatico, anzi accettabile -così credono- fare concessioni parziali, ammettere invasioni diluite, tollerare vittorie dell’ illegalità. Tutto fuorché proclamare alto e forte che le nostre società dovranno regredire alla parsimonia di prima dei miracoli economici post-bellici.

I governanti si sbagliano. Spartire coi poveri di altri continenti perché non arrivino, a moltiplicare i problemi della convivenza (la società multietnica è una chimera: l’America di Obama insegni) sarà inevitabile. Meglio governare il processo. Se l’Europa è sovrapopolata, se si cementifica e inquina ogni giorno di più, se gli europei non gradiscono di ammettere a decine di milioni i sottoproletari di colore, le prospettive e le ragioni dell’integrazione sono inesistenti. Zero. A non volere, com’è sacrosanto, respingere le orde coi cannoni, a non voler affondare i barconi e mitragliare le turbe che sfondano le frontiere blindate, non resta che istituire in Europa una supertassa abbastanza pesante da cancellare un terzo della miseria del mondo. Non resta che dire addio al benessere diffuso, non resta che avocare non solo l’ultraricchezza dell’One per cent ma anche il superfluo dei ceti medio-alti. Beninteso, anche il Nord America, l’Australia, la Nuova Zelanda, le oasi di ricchezza dell’Asia e del Sud America, dovranno fare come l’Europa, a costi umani pressapoco uguali.

Però la metà donatrice del mondo dovrà contestualmente imporre la limitazione delle nascite. L’esplosione demografica annullerebbe il senso dei nostri sacrifici. La Chiesa cattolica finirà col ripudiare in toto la fandonia secondo cui ogni nascita è un dono di Dio. Non lo è: l’impero religioso più vittorioso della storia dovrà rinnegare se stesso. Una volta che l’Occidente avrà accettato di sradicare la miseria altrui, la Chiesa dovrà smettere di ricattarlo con gli sterili imperativi dell’accoglienza, con le imposture dell’integrazione felice e della fiducia nella Provvidenza.

In pratica occorrerà un aggregato di piani Marshall a ns/ carico: per fermare a breve i nuovi arrivi; per imporre o incentivare i rimpatri; per soccorrere i respinti; soprattutto per avviare nei paesi poveri cantieri e iniziative economiche mammuth, tipo sfruttare il sole per generare elettricità che estragga acqua dagli strati profondi delle terre aride. Quasi mai si dovranno affidare risorse ai governi locali: saranno protette fisicamente le nostre iniziative dirette. Resistenze e suscettibilità dei governi dei paesi assistiti andranno respinte. La verità essendo che la decolonizzazione ha ingrossato la miseria -gli eritrei sarebbero prosperi se fossero rimasti con noi- le accuse di neocolonialismo meriteranno noncuranza.

Sul breve termine bisognerà trascurare non solo la ‘sovranità’ delle nazioni sciagurate e degli Stati-canaglia, anche quella di un’ONU catastroficamente dilapidatrice e inutile. Per esempio, la distruzione della flotta dei natanti negrieri nei porti andrà fatta subito, senza chiedere autorizzazioni, indennizzando i pescatori veri, non i proprietari di yacht. Costringendosi ad impoverirsi per condividere, l’Occidente acquisterà diritti e dovrà esercitarli. Per esempio, ove manchino localmente tecnici e lavoratori qualificati, imporrà i propri.

Ciò mitigherà alquanto (poco) le resistenze disperate dei nostri contribuenti/elettori.

A.M.C.

JULIAN HUXLEY: LA SALVEZZA VERRA’ DA UN TIRANNO, SOLO OPERATORE DEL BENE

Questo Huxley, biologo di rango e in quanto tale primo direttore dell’Unesco, fu fratello di Andrew, premio Nobel 1963 per la fisiologia; e di Aldous, divo dell’intellettualità progressista britannica tra le due guerre. Aldous divenne famoso per romanzi- “Brave New World”; “Time must have a stop”- che denunciavano deviazioni e miserie della modernità. Successivamente Aldous additò le risorse spirituali che venivano dal misticismo orientale; per ripiegare infine nel buio pessimismo degli esordi. Thomas Huxley, biologo e nonno dei tre fratelli, fu rettore universitario e presidente della Royal Society. Sir Julian, il Nostro, professore a Oxford, apparve concentrarsi sulla biologia generale, mai trascurando però le implicazioni etico-sociali della sua scienza.

Ed ecco che nel 1934 scandalizzò i benpensanti della cultura ufficiale e del democratismo d’obbligo con un libriccino la cui traduzione italiana (Hoepli 1935) recava il titolo “Se io fossi dittatore…”. Un sasso nello stagno: Julian Huxley teorizzava che anche nelle società occidentali solo un tiranno benefico, un dittatore d’utopia, opererà il cambiamento: manco a dirlo, per la via autoritaria. Le democrazie sono negate alle riforme tempestive.

Dal pamphlet di Sir Julian riportiamo le enunciazioni più ardite, operando i tagli e i riassunti imposti dall’ esigenza di brevità: riportando dove possibile il testo; oppure parafrasandolo con onestà.

“L’era dell’industrialismo individualista e democratico, nella cui fase declinante viviamo noi inglesi e qualche altra nazione, fu incline a un’illusione di libertà. Oggi alcuni di noi abbiamo compreso che quella libertà era solo apparente. La libertà di voto della democrazia risulta la semplice facoltà di scegliere tra due partiti politici nei quali il votante non ha parte alcuna.

“Un miglioramento effettivo della qualità della vita è al di là del raggio d’azione della politica. Il libero mercato del lavoro ha fatto una commodity del lavoro stesso. Sono derivati: la distruzione degli antichi valori corporativi e dei rapporti organici tra le classi; l’ingrossarsi di una massa di proletari schiavi del salario; l’incertezza dell’occupazione; l’impossibilità di progettare il futuro. L’economia capitalistica del passato sta morendo. E’ imperativo decidere quale sistema possiamo sostituire a quello attuale.

“Come dittatore intendo fondare una comunità organica, equilibrata, stabilmente progressiva. Non voglio una nazione di bottegai né una di possidenti. Non voglio fluttuazioni improvvise e disastrose nell’economia. Non voglio l’individualismo liberista perché non è organico.

“Devo avere il mio popolo dietro di me. Il mondo può essere cambiato per il meglio, se lo vogliamo. Dovrò cancellare tutte le opinioni contrarie? Francamente prenderò ogni misura possibile per diffondere il mio modo di vedere e per ostacolare, non con la violenza, le opinioni contrarie. Studierò i vari sistemi per produrre l’entusiasmo delle masse e l’unità di fede che negli ultimi anni sono stati sperimentati in Italia, Germania, Russia e Stati Uniti.

“Il mio popolo sarà libero di professare ciò che vuole, dall’islamismo al marxismo. Nel mio Stato l’unica metafisica della sua filosofia è il ripudio delle metafisiche. Il mio Stato ha fini eminentemente pratici.

“Siccome l’economia sarà ristrutturata per corporazioni, automaticamente la pubblicità dovrà deperire. Il mio sistema agirà per plasmare il pensiero e i gusti del pubblico. I sociologi dimostrano che la completa libertà individualista finisce per generare il proprio crollo: un caos di gruppi dal quale sorge una reazione in favore del principio d’autorità.

“Se l’economia fosse gestita meglio che nel capitalismo, essa non sarebbe più in balìa della finanza. Sotto il mio governo sarà ristrutturata per corporazioni, il che faciliterà l’eliminazione delle aziende superflue e dei metodi inefficaci. Sperimenterò la limitazione dei profitti. Spero di erigere lo Stato socializzato senza passare per il socialismo.

“Per andare verso il disarmo e la fine delle guerre, comincerò coll’abolizione dell’aeronautica militare e con la rinuncia alla piena sovranità da parte degli Stati nazionali.

“Un tempo il sistema parlamentare e le elezioni furono abbastanza utili. Ma stanno morendo. Per accertare o saggiare la volontà del popolo sono sorti nuovi metodi. Forse il più pittoresco è lo ‘straw vote’ sperimentato negli Stati Uniti: un campionamento dell’opinione pubblica, una specie di referendum facoltativo prima delle elezioni vere e proprie. Mi trovavo negli USA e ricavai l’impressione che con lo straw vote procedere alle elezioni tradizionali fosse completamente inutile.

“Nella mia filosofia di dittatore la scienza e i suoi metodi sono i soli mezzi per conseguire vasti progressi in poco tempo. Nella storia i dittatori hanno perlopiù incarnato l’azione piuttosto che il sapere. Ma i tempi sono maturi per spronare il popolo a entrare nelle terre nuove dell’umanesimo scientifico. L’Inglese genuino è orgoglioso di riluttare agli esperimenti: ma ciò è stupido. Essere scelti come oggetti di esperimenti tesi al progresso dovrebbe essere un onore.

“Nello spazio di una generazione il mio governo dittatoriale riuscirebbe ad attuare le grandi riforme oggi impossibili. Creerebbe un nuovo spirito comunitario. Un buon dittatore deve essere non solo pragmatico, ma anche in un certo senso visionario. Soltanto la sua visione del futuro può condurre il popolo a destini migliori.

Julian Huxley, annotiamo noi, fu una delle non poche personalità che nell’Europa degli Anni Venti-Trenta (Gran Bretagna e Francia in testa, ma Spagna, Portogallo, Polonia e altri paesi al seguito) ammirarono le soluzioni autoritarie, fasciste e comuniste, alla crisi terminale del parlamentarismo e della democrazia elettorale. Il secondo conflitto mondiale sembrò salvare per sempre gli assetti d’anteguerra. Ma oggi che tutti i nodi sono tornati al pettine, ora che da noi non più dell’uno per cento ha rispetto per la partitocrazia, l’anelito di Sir Julian a un tiranno benefico, unico operatore di cambiamento, risulta profetico. Stimola al pensare coraggioso. Almeno ogni due o tre secoli occorrono le revisioni generali e i franchi ribaltamenti. Continuità e moderatismo sono nemici del bene.

Questo Huxley non poté non tener conto anche delle recenti esperienze iberiche: in particolare, tra il 1923 e il ’30 lo spagnolo Miguel Primo de Rivera risultò il ‘chirurgo di ferro’ invocato da Joaquin Costa. Fu il Dictador che amava il popolo invece che l’aristocrazia egoista cui apparteneva (e che lo fece cadere). Non poche delle riforme razionalizzatrici dell’Utopia di Sir Julian furono attuate con metodi spicci -ma senza spargimento di sangue e senza metodi oppressivi- da Primo de Rivera. Alla sua ‘modernizzazione autoritaria’ la Spagna dovette l’uscita dal coma in cui era caduta per la disfatta del 1898, per la perdita dell’impero e per la necrosi del parlamentarismo liberal-conservatore. Primo fu un dittatore filo-socialista, sostenuto da un partito socialista allora rispettabile.

Ottant’anni fa Julian Huxley, membro dissidente dell’Alto Establishment britannico, di fatto anticipò il non-conformismo di J.M.Bergoglio, il papa che i suoi nemici attaccano oggi come ‘il capo della sinistra mondiale’. Probabilmente sbagliano, ma è significativo che lo pensino. Anche Sir Julian mosse da una certezza: la politica della democrazia partitica è negazione del progresso e della giustizia; in più è inefficienza estrema. Realizza, a volte, in mezzo secolo ciò che questo Huxley voleva fare in una settimana. Precisò: tutto il potere non a un re-filosofo: a un re-scienziato.

Jone

PROFEZIA: L’ALTRA DIMENSIONE DELLA POLITICA

L’analisi del presente conta meno che guardare nel futuro. Le grandi firme ci dicono quasi solo ciò che già sappiamo.

Uno che riflette sulla politica avrebbe il diritto/dovere di rifiutarsi alla convenzione che lo obbliga alle sole ‘analisi della realtà’. Di queste analisi sono pieni i fossi. La politologia si ritrova drammaticamente inutile a valle del solo realismo, del solo rigore, di una così dura costrizione al presente: come se il futuro non incombesse. Invece il futuro va pensato più che il presente stesso. I giochi di quest’ultimo sono già fatti, invece quelli del futuro dipendono da noi oltre che dalle cose, dai disegni della storia. Scrivere del futuro è al tempo stesso proiettare in avanti l’esercizio della logica e, inevitabilmente, profetizzare: senza rispetto umano. A costo di apparire lunatico ai confrères. A costo di essere di fatto espulso dalla professione. Il giornalista compiuto, il commentatore rispettato, consumerà la vita intera a studiare le mosse, motivazioni, intuizioni tattiche dei ‘leader’ di turno: anche i leader più piccoli, anche i Carneadi assoluti. Ci sono poi i grandi tenori, i prìncipi delle redazioni, che danno del tu ai baroni del potere; e in che sovrastano sui colleghi di poco nome? In questo: possono menzionare un padreterno cui danno del tu. Si veda Indro Montanelli, il decano, alcuni dicono il più bravo di tutti. Una sapienza smisurata delle cose del mondo: ma guai a chiedergli cosa vedeva nell’avvenire. Si avvaleva del diritto di ignorarlo, anzi di detestarlo. Ci spiegava magistralmente ciò che ci angustiava già.

Il Nessuno che scrive queste note ha a lungo cercato di guardare nel futuro, e non ha rimpianti per averlo fatto. Al contrario. Nell’estate del 1960, vinta da John F.Kennedy la Convenzione del partito democratico, dilagarono sul pianeta l’esaltazione della Nuova Frontiera e l’apoteosi di un nuovo presidente definito ‘grande’ prima ancora d’essere eletto. Non parliamo di quanto si nitrì quando il Divo si insediò. Invece ben presto gli americani constatarono di non avere motivi per attribuire a Kennedy né grandezza, né integrità morale e nemmeno abilità: visto che fece cadere l’America, contro i consigli di Eisenhower -che si intendeva di guerra- nella più grave delle imboscate della storia: l’impresa canagliesca del Vietnam, anzi d’Indocina.

Ebbene il Nessuno che scrive cominciò l’estate di cui parliamo a cercare di spiegare su ‘Relazioni Internazionali’, l’organo dell’Istituto per gli studi di politica internazionale, perchè la Nuova Frontiera era un abbaglio: non degli americani, abituati da sempre a votare senza illusioni, ma degli opinion makers à la page di ogni angolo del mondo. Cercò di argomentare che Kennedy era un opportunista di genio, non il Mosé della rigenerazione americana. Il sorridente cinismo di Kennedy fece prontamente perdere agli Stati Uniti buona parte dell’innocenza che loro restava. Oggi nessuno rimpiange John Kennedy.

Sempre in quegli anni, specie dopo il 1955, sostenni che per il campo comunista, allora possente, non c’era futuro. I partiti comunisti occidentali, in prima linea quello italiano, non avevano che la scelta di rompere con Mosca, di passare al riformismo e alla libertà, di ripudiare Stalin, Gramsci e Togliatti.

Nel 1966 esplose in Cina la Rivoluzione Culturale, e prontamente impazzò l’ammirazione per la creatività di Mao il quale fomentava l’insurrezione contro il suo regime. In Occidente la frenesia non trascinò solo gli intellettuali o i militanti sgrammaticati: anche molti personaggi dell’Establishment: cattedratici, ambasciatori impomatati, capitani delle Borse, ereditiere. Gente che aveva sempre seduto nei palchi di proscenio della conservazione si mise a consonare coi crimini delle Guardie rosse.

Annunciai su ‘Relazioni Internazionali’ l’esatto contrario: avrebbe vinto il Krusciov cinese, Si sarebbero imposti il revisionismo, l’economicismo, l’antirivoluzione. I cinesi si sarebbero mortalmente stancati di restare miseri, stancati di assiomi farneticanti tipo ‘meglio rossi che esperti’. Si sono stancati, of course. La Cina di oggi fa risultare perfettamente stupida l’infatuazione intellettuale d’Occidente.

Arrivarono le Gloriose giornate del Sessantotto. Il sistema apparve sul punto di darsi una civiltà e una fede alternative. Il parossismo giovanile sembrò annuncio del Tempo Nuovo, invece era una sbornia di gazosa. Ho i ritagli dei miei scritti, del tutto trascurati è ovvio, eppure anticipatori di un futuro categorico. C’è un’altra faccia o dimensione della politica, ed è la profezia.

Ecco, presentate le doverose credenziali, posso avanzare ipotesi sui prossimi venti-trenta anni. Dovranno accadere novità dirompenti, se è scritto che l’Occidente sussista. Dovremo capovolgere quasi tutti gli assetti.

* La democrazia rappresentativa finirà, le elezioni e i partiti saranno cancellati, le Carte costituzionali cestinate. Ci libereremo dei professionisti delle urne e del furto. Abolita la delega elettorale, si progetteranno congegni completamente nuovi. Ora come ora, fino al sorgere di un’idea migliore, il congegno più verosimile è la randomcrazia: selezionare per sorteggio e per turni brevissimi ( pochi mesi) un corpo di cinquecentomila ‘supercittadini una tantum’ che attuino la democrazia diretta/elettronica. Dovranno possedere qualificazioni elevate -p.es. – volontariato- per meritare di riprodurre in termini moderni la cittadinanza ristretta, diretta e sovrana della Polis ateniese.

* Il mestiere di politico sarà fatto sparire. Quella che ancora chiamiamo democrazia si è degradata da due secoli a sovranità delle oligarchie. Il sisma che abbatterà il sistema rappresentativo sarà suscitato dal disgusto della gente, tuttavia con un ruolo decisivo della rivoluzione tecnologica. La forza delle cose oggettive chiamerà i cittadini ad essere sovrani.

* Dopo essere stati aboliti ed espropriati dei beni loro e dei loro esponenti (in conto ai risarcimenti cui saranno obbligati per le rapine e il malaffare), i partiti rinasceranno come libere e innocue associazioni: cancellate le elezioni, risulteranno sdentati. Nemmeno le lobbies più gigantesche avranno interesse a comprarli. Emergerà presto il loro disinteresse alle battaglie ideali e alla germinazione di idee. Chiuderanno.

* Dunque la Repubblica che conosciamo crollerà, sostituita da altra che sarà il suo contrario. Se non crollerà, andrà male. I ritocchi cosmetici varranno zero. Questa è le pessima delle Repubbliche.

* La spesa pubblica andrà all’incirca dimezzata, ma non così le tasse. I paesi ricchi dovranno finalmente fare il loro dovere a favore dei popoli della miseria, abbassando il benessere occidentale ma non rispettando i regimi indegni sorti dalla decolonizzazione.

* Non avremo salvezza se le pubbliche amministrazioni non saranno risanate con mezzi draconiani che sospendano diritti, garanzie, prassi, conquiste, indulgenze, consuetudini, omertà. Dovrà accadere un fatto morale rivoluzionario, lacerante. Le riforme dure non possono essere né graduali, né indolori. Per esempio la burocrazia è invulnerabile se i suoi ‘diritti acquisiti’ vengono rispettati.

* Non basterà che i membri di tutte le assemblee vengano sorteggiati invece che eletti. I numeri andranno falcidiati: p.es. il parlamento centrale, dovrà scendere da mille a duecento persone, pagate un sesto di oggi.

* I lavoratori andranno associati alla gestione delle imprese, cioè ai profitti e alle perdite. Il diritto di sciopero sarà fortemente ristretto, cancellato ogni volta che danneggerà il pubblico. Cadranno le norme contro i cosiddetti comportamenti antisindacali; dovranno sparire i privilegi di alcune categorie. Andranno castigati con prelievi e con licenziamenti tutti i beneficiari di assunzioni politiche, clientelari, ecc.

* Il consumismo e il materialismo sono purtroppo i prezzi da pagare per avere il benessere diffuso. Non avremmo avuto l’elevazione delle classi umili se i supermercati non traboccassero del superfluo. Tuttavia l’iperconsumo andrà contrastato. Gli sport, la moda, le attività a prevalente contenuto edonistico e mondano andranno penalizzati dal fisco. Il servizio radiotelevisivo pubblico andrà liquidato,

* L’immigrazione clandestina dovrà essere fermata, i clandestini rimpatriati o puniti, oltre che incentivati economicamente a partire. Il diritto d’asilo dovrà essere ridotto: spetta solo ai profughi veri. Simultaneamente dovranno essere moltiplicate le risorse pubbliche a beneficio diretto dei poveri del mondo, non dei loro governi. Le attività di soccorso e i grandi cantieri di lavoro aperti dai paesi donatori andranno protette con le armi, disconoscendo la sovranità delle autorità locali e dei troppi organismi internazionali.

* La permissività generalizzata, il rispetto per le trasgressioni e le devianze andranno riconsiderati, contrastando il diritto alle ostentazioni, ridimenzionando ‘i diritti’ stessi.

* Alle persone condannate a pene detentive andrebbe offerta la scelta tra l’espiazione tradizionale ed una molto breve -per esempio un decimo delle condanne inflitte- caratterizzata da punizioni corporali o dai lavori pesanti forzati, in rapporto ai mezzi fisici dei detenuti. Nel caso di condannati ricchi, la carcerazione dovrebbe cominciare al primo grado di giudizio; oppure essere sostituita dall’ avocazione tendenzialmente totale dei beni.

Ecco, sono stati elencati alcuni tra gli aspetti sbagliati del modello occidentale. Parecchi tra essi non saranno mai affrontati. Ma in tal caso l’Occidente si degraderà. Anzi finirà male.

Antonio Massimo Calderazzi

SETTEMBRE 2015

FESTEGGIAMO CON QUESTO MESE I CINQUE ANNI DI PUBBLICAZIONI!!

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.

In INTERNAUTA, le linee politiche convivono. Leggi il nostro manifesto.

INTERNAUTA esce ogni mese.

Clicca qui per consultare l’archivio dei singoli autori.

IL POLIZIOTTO SUDISTA, ALTRO CHE UNCLE SAM, INCARNA L’AMERICA

L’agente M.T. Slager, che a North Charleston (South Carolina) ha ucciso il nero William Scott -lo voleva arrestare perché non gli funzionava il fanalino dello stop- impersona ben meglio di Zio Sam gli Stati Uniti, che in Indocina fanno morire 3 milioni di vietnamiti contro 58 mila americani; che per vincere la guerra sganciano bombe per 3 milioni di tonn, contro i 2 milioni dell’intero Secondo conflitto mondiale; e che la guerra, invece di vincerla, la perdono nella sconfitta più umiliante della storia. Spiegazione: non abbiamo potuto usare l’arma nucleare, come sarebbe stato nostro diritto.

Diciamo questo anche perché l’agente Slager ha sparato con la sua Glock calibro 45 “Not once. Not twice. Eight times” scrive TIME. E’ certo: qualunque suo collega di Scotland Yard o dell’Arma dei Carabinieri, se proprio avesse voluto ferire un contravventore del codice stradale che fuggiva disarmato, avrebbe mirato alle gambe per rallentarlo, non otto volte per ucciderlo. Quando il negro Scott è caduto, già morente, l’agente Slager lo ha ammanettato, non provato a soccorrere.

Grave com’è il profilo razzista dell’assassinio, non è quello decisivo. La compulsione omicida, nel paese che fece il Vietnam, sarebbe la stessa anche se i negri fossero bianchi. E’ invece schiacciante la presa di coscienza di una serie di realtà:

A) dalla fine di WW2 la vocazione universalistico-egemonica, suscitata dal duo guerrafondaio Woodrow Wilson-F.D.Roosevelt, condanna gli USA a guerre che ora immancabilmente perdono e a imprese fallimentari, con tutta la loro supremazia tecnologica.

B) l’ingentezza delle dimensioni e delle risorse ingigantisce le esigenze, dunque i costi materiali e morali del bellicismo ossessivo. L’invulnerabilità goduta fino al 1945 ha indotto gli americani a credersi invincibili, essendo invece vincibilissimi. Lo hanno dimostrato tutte le guerre dello scorso settantennio.

C) In termini quantitativi e qualitativi, gli USA sono il paese più militarista, cioè più condizionato dai precetti e dagli apparati bellici, della storia.

D) Il declino morale, nonché diplomatico e geopolitico, dell’America che fu la fidanzata del mondo è già cominciato da X anni, ma diverrà precipitoso se il consenso patriottico non si indebolirà sensibilmente, in rapporto ai fatti di cui sopra. Le troppa fede nella bandiera a stelle e strisce sarà più nociva della nostra quasi totale, e santa, irriverenza per il Tricolore.

Questi i contorni simbolici, storico-politici, del crimine di North Charleston. Ci sono

ovviamente quelli razzistici. Negli ultimi cinque anni tredici agenti del Law and Order hanno ucciso senza necessità dei neri: per vendita di sigarette di contrabbando, per furto da supermarket, per non essersi fermato (Levar Jones) non indossando la cintura di sicurezza, per resistere all’arresto, per guidare in modo disordinato, per vagare nudo. In nessuno dei tredici casi un poliziotto europeo avrebbe sparato per uccidere. E, sempre secondo TIME, sono state 209 in cinque anni le occasioni in cui la polizia del South Carolina ha sparato senza uccidere. E’ anìmalesca e deviata quella polizia? No, è come la vuole l’America animalesca e deviata.

Quanto al razzismo, ben poco faranno i pubblici poteri. I neri sono largamente detestati, malgrado due mandati presidenziali di un nero (il quale agisce come fosse bianco). Forse i due mandati hanno esasperato il razzismo. L’America pagherà a lungo per due secoli di importazione di schiavi; e i discendenti degli schiavi non sono la crema dei gentiluomini.

L’integrazione vera dei neri è un’ubbia: non solo in America. Discendessi da uno schiavo tornerei in Africa, congratulandomi di tornarvi, metti, con due lauree e un fondo d’investimento.

A.M.C.

AGOSTO 2015

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.

In INTERNAUTA, le linee politiche convivono. Leggi il nostro manifesto.

INTERNAUTA esce ogni mese.

Clicca qui per consultare l’archivio dei singoli autori.

WHY WE SHOULD NOT TRY TO “CONTAIN” CHINA

a comment to an article by Andrew Browne published in the Wall Street Journal on 12th June 2015 

We should sincerely thank Mr. Browne for his article published by WSJ on June 12th, 2015. As our memories of the Cold War hysteria have been fading away, the author reminds us of our leader’s myopia and, since the collapse of the Soviet Bloc, the almost necessity to be able to find a new “enemy” we (or rather they) were so desperately looking for.

Which better candidate than China to replace former USSR, by depicting it as a powerful country poised to conquer the world? China can, at pleasure, be labeled as “red”, “communist”, “dictatorial”, “imperialist” or a “Frankenstein” just when our military spending urgently needs again a raison d’être and a new well-defined scapegoat after our own mess in the Middle East.

America’s engagement with China looks rather as a “clumsy containment” at best, a failed attempt to rein in what we perceive as a potential threat. It has perhaps been forgotten that not later than in 1997, the US Gov’t was begging China to devalue CNY to help the ailing SE Asian economies when the IMF and World Bank medicines were not delivering the promised effects. A plead reversed only a few years later when the US dollar-denominated exports started dwindling.

At that time Mr. Lawrence Summer managed to stop Japan from creating a 100 billion Asian Monetary Fund. This time, sorry for him and Mr. Henry Paulson, the AIIB (Asian Infrastructure Investment Bank) is the creation of a less malleable, independently minded country. How has this been possible? Is the “American Lake” shrinking? Someone else wants to build her own sphere of influence? Is there again someone interfering with our hegemonic plans of world domination? We need to be ready to go great lengths ‘to do what needs to be done’ to re-establish our core values (and interests)! We thought to be the only one to displace local population as the British did for the US on Diego Garcia (1968-1973), or trod on someone else’s territory and sea, and build whatever we deem appropriate (as we have planned to do in Henoko Bay, Okinawa). We established 700 military bases (but there are probably a few we have lost count of) and we will not tolerate any country to build not one of her own, even few hundred nautical miles from her coast.

Mr. Browne recalls a phrase uttered by Nixon in 1967 that America has “to persuade China that it must change” and five years later during his famous trip in 1972 that “by opening China, we will turn the communist giant into a diplomatic partner [to isolate the Soviets] one that would adopt America’s values and maybe even its system of democracy” (and eventually buy American goods, as XVIII century Manchester’s spinning and milling entrepreneurs were thinking –‘if only every Chinese would make their robe an inch longer …’).

In the article we read about today’s disappointment in the U.S., heightened by the fact that engagement with China has promised so much and progressed so far [little] and that the ideological gap hasn’t narrowed at all. A hubris and haughtiness only second to Mr. Thomas Friedman.

Myopia does not affect only politicians, but also their scribblers. China has always followed her own ways. Before it was communism with Chinese characteristics, today is Capitalisme à la Chinoise. When Nixon ever wrote that “Taking the long view, we simply cannot afford to leave China forever outside the family of nations, there to nurture its fantasies, cherish its hates and threaten its neighbors” it tells a lot about how poorly he was informed and about his inability to discern what was really happening in those days, caught as China was in the midst of her Cultural Revolution.

Since China has opened her door, unlike the USA, who has been bullying Middle Eastern nations with pre-emptive wars, she pre-empted an economic clash with her SE Asian neighbours, inviting them to join a period of unheard prosperity for a fifth of humanity. The recent creation of AIIB is only the last step in the creation of a Western-free-sphere of co-prosperity.

But what would happen if we would let this going on? If China continues in her benign expansion it could reverse the course of history laid down for us by the Almighty (and by us). Something unexpected could reverse our Divine plans.
Just imagine for a moment, for whatever reason, the indigenous population of Hawaii declares independence from the USA. China could promptly support it, send her fleet, sell hundreds of warplanes and other weapon systems to a country which is fighting for her independence and freedom (sounds familiar with Taiwan?). How could we possibly tolerate it, since we and only we are the predestined country, the chosen one, the one which reveres at every cash transaction the only and unmistakable God of ours with our prayer printed on our beloved bucks (“IN GOD WE TRUST”)?

We must prevent doomsday, when China will strike an alliance with Mexico and place her warships (including an aircraft carrier), a dozen thousand soldiers, and a bunch of atomic bombs on the island of Guadalupe, Baja California (the distance between Okinawa and Wenzhou is of 390 nautical miles, while Guadalupe from Los Angeles is about 300 miles away).

Mr. Browne writes about the fact that “the optimistic prospects of transforming an ancient civilization through engagement, followed by deep disillusion, has been the pattern ever since early Jesuit missionaries sought to convert the Chinese to Christianity. Those envoys adopted the gowns of the Mandarin class, grew long beards and even couched their gospel message in Confucian terms to make it more palatable. The 17th-century German priest Adam Schall got as far as becoming the chief astronomer of the Qing dynasty but fell from favour and the Jesuits were later expelled”.

Well then, shall we conclude that if the Chinese do not want to learn from us by hook, perhaps by crook?

We ought to know better and instead ask ourselves on what ground should China (or any other country for that matter) adopt America’s values or system. Do we ever ask ourselves which values or system are we talking about? Is America really democratic, where few clans (the Kennedy’s, the Bush’s, the Clinton’s) dominate the political scene? A country where the entry fee to a political race is a six-digit figure, powerful lobbies write the laws for senators and congressmen, and 0.1% of the population (about 300,000 people) have as much as 90% of US national wealth (out of a total population of 318 million, 2014 census). Isn’t America a country based on a moral plane founded on racism, wealth discrimination, hypocrisy, arrogance and bullish attitude towards the weak? Isn’t America the country of predatory behaviour, of the “quick buck”, where you can bet on someone else’s death, pay her or his insurance and cash in when she or he dies (see “What money can’t buy” by Michael Sandel)?

In their conquest of the West, white Americans have not thought twice about exterminating the natives and enslaving millions to work for them. Why should China become more like us? Isn’t she the longest and uninterrupted great living civilization? Han Chinese during their long history have assimilated other people in their own civilization-state system. The government, run by bureaucrats selected through a meritocratic process, permeates society, is not a part of it. It certainly smacks of paternalism, with its pros and cons, but it is administered like a family, not like a corporation (“What is good for GM is good for America”). Can we really teach her something on the corrupted American Way of Life?

Yes, indeed: once in a while, please, do not copy us!

Thomas Ruehling

 

LA COMITIVA DI SINISTRA ALLA SAGRA ATENIESE DELLA RIVOLUZIONE

Andare all’estero a combattere, persino a morire, per nobili cause altrui è una bella tradizione che ha vivificato e fatta più amabile la storia contemporanea. Lasciando stare Giuseppe Garibaldi e altri sommi, ricordiamo il nostro impavido conte Santorre di Santarosa: scrisse “Delle speranze degli Italiani”; falliti i moti piemontesi del 1821 visse poveramente in esilio; nel 1824 si imbarcò per la Grecia in lotta ; dette la vita l’anno dopo in uno scontro a Sfacteria. L’anno prima era morto a Missolungi Lord Byron: il suo slancio era di procombere per gli Elleni, però si spense di malattia. Aveva 36 anni, ed essere malati a Missolungi, allora, era da eroi veri.

Infiammati dall’esempio di questi martiri, alla vigilia del referendum del 5 luglio accorse all’Acropoli una comitiva di ‘foreign fighters’ nostri connazionali, alcuni coll’arme in pugno altri meno. Prevalevano i dissidenti e i fuorusciti del Pd, ma non mancava il capofila Sel, Vendola (non sappiamo se col suo promesso sposo canadese), più altri lottatori , p.es. salviniani e M5S- molto meno esangui degli opliti del governatore pugliese. Accorsero, non tanto per prestare il braccio alla difesa dei debitori insolventi del mondo, quanto per partecipare alla Sagra della Rivoluzione indetta dal demoniaco YanisVaroufakis.

Fotografi e paparazzi hanno immortalato per i posteri i volti festanti e, idealmente, i fiaschi di vino celebrativo dei gitanti di piazza Syntagma. Un tripudio smisurato: generazioni di sconfitte, cancellate dalle urne del 5 luglio. Giungeva finalmente l’ora del riscatto da amarezze e da cachinni: chi non usava deridere i gruppuscoli di sinistra? Invece eccoli vendicati dalle Parche nell’ora stessa che il Blair italiano, un ex-borgomastro di scarne letture di classe, si credeva dominus del governo e del Pd. I giorni ateniesi sono stati vivificanti per i nuovi Byron e i nuovi Santarosa calati in Grecia per ululare la loro fame di sinistra, per inneggiare al piccolo paese che il potere spettante ai pacchetti azionari li trasferisce ai cittadini. La Grecia è il Davide che fronteggia Golia. Che alle regole del mercato ha lo stomaco di opporre la legge delle urne. Basta con le imposizioni del capitale e della partita doppia. D’ora in poi la legittimità la definiscono le mani coi calli. Banchieri e cassieri si inchinino.

Altrettanto inebriante fu, poco meno di un secolo fa, il gioioso happening dannunziano della Reggenza del Carnaro. Meglio ancora che dalle alate orazioni del Comandante, l’avventura fiumana fu cantata dalle testimonianze minori quali “La quinta stagione” di Leo Kochnitzky, l’intellettuale russo che per qualche mese fece il “ministro” del Comandante. “La quinta stagione” attestò che l’esperienza fiumana, al di là dei trastulli e dei ludi trasgressivi, fu anche un serio tentativo di asserzione anticonservatrice, sia pure insidiata dall’estetismo, inguaribile malattia del secolo: “La Carta del Carnaro è l’invenzione suprema di due generazioni di parnassiani, di simbolisti, di seguaci di Ruskin, di seguaci di Wilde. Il naturale sbocco di 60 anni di biblioteche, collezioni, musei”. In realtà il legionario intellettuale slavo confermò che il d’Annunzio fiumano era essenzialmente antiborghese: “La sua Città del Sole, il suo progetto utopico, era l’antitesi di ogni tipo conosciuto di ideologia democratico-borghese”.

Ecco, l’Atene del 5 luglio 2015 è stata dall’alba al tramonto la Fiume di Fassina, Civati e Vendola: coronata da travolgente successo all’apertura delle urne, ma già il dì dopo pugnalata dall’assassinio sacrificale di Varoufakis, satanico capovolgitore della scienza delle finanze. Per qualche ora la comitiva dei contestatori dell’ordine Bundesbank sentì che la storia virava dalla sua parte; vendicava le perenni disfatte dell’ipersinistra dei quasi nessuno, abbonata a Libération e al Manifesto. Finalmente un paese stordito dall’appartenenza plutocratica si ergeva solo e vindice contro il Sistema. Si sarebbe fatto guida e punta di diamante di un movimento mondiale liberato dai ceppi confindustriali.

Non è durata molto la letizia di sinistra. Nulla di somigliante alla gloria dell’occupazione delle fabbriche (1920), quando il Lenin sardo Antonio Gramsci poté brevemente annunciare che il proletariato aveva conseguito l’egemonia e avviato la Rivoluzione; quando le bandiere rosse garrivano; quando l’arcisabaudo Giolitti sfotteva Giovanni Agnelli offrendogli di debellare coll’artiglieria l’occupazione operaia della Fiat. Quelli furono giorni irripetibili: benché la predicazione gramsciana non apparisse molto credibile come lievito dell’insurrezione di popolo. E’ il destino delle minoranze dei quasi-nessuno.

Tuttavia i nuovi Santorre di Santarosa, i neo-fiumani del 5 luglio, non devono disperare. Se da loro il trionfo della democrazia greca, balneare-velica, non ha ricevuto supporti né puntelli; se la presenza a fianco degli Elleni di Civati con Fassina conta ancora poco rispetto ai bonifici bancari di Dijsselbloem, Lagarde e Draghi, la comitiva accorsa da Roma e da Bari ne ha ancora di frecce ai suoi archi!

La più infallibile, pari ai dardi di Odisseo contro i Proci a banchetto, è la mobilitazione antifascista delle brigate internazionali, come nel 1936 spagnolo. Accorsero combattenti sdegnati dal mondo intero. La Gran Bretagna, che mangiava cinque volte al giorno e possedeva colonie in tutti i continenti, mandò in Spagna pattuglioni di futuri letterati marxisti. Persino gli Stati Uniti fornirono drappelli di comunisti yankee, carezzati dalle simpatie di Anna Eleanor Roosevelt, quinta cugina e consorte di Franklin Delano, nata e sposata nei miliardi ma convintamente radical-chic. E’ in questa direzione -le brigate internazionali- che gli arditi della sinistra-che-non-perdona devono guardare per abbattere il Reich finanziario. Contro l’indignazione dei pensionati salonicchesi, cosa potranno, sulla distanza, i banchieri di Francoforte se alla testa di detti pensionati si metteranno i Nuovi Byron?

Stalin sbagliò a chiedere quante erano le divisioni del Papa. Voi cinici e scettici blu, non chiedete il numero delle divisioni di Varoufakis: egli ha di meglio, ha le brigate di Fassina & Vendola.

Porfirio

CONTRO IL TERRORISMO I SICOFANTI ESIGONO GUERRA VERA, OCCORRENDO WW3

Esistono i maestri, esistono i cattivi maestri, infine esistono i maestri sicofanti o semplicemente ‘dementati’ (quos Deus vult perdere, dementat). Dementato è termine letterario. Come docente universitario, Angelo Panebianco esercita tecnicamente un magistero, si vedrà in quale delle tre categorie. Giorni fa ha apostrofato sul Corriere della Sera la nazione americana, sotto il titolo “Per Obama arriva la scelta più difficile. L’Europa è strategica”. L’ingiunzione: “Devono capire che è nel loro interesse essere coinvolti nella protezione del Vecchio Continente. Un piano lungimirante per contrastare e prevenire le ondate di violenza che partono dal Medio Oriente”.

Gli americani rampognati si attenderanno a giorni dallo Strangelove di via Solferino la proposta di dichiarare guerra “al Medio Oriente”. Invece no, il professore sa bene che non esiste un governo del Medio Oriente cui recapitare la dichiarazione di guerra. Precisa: “Gli europei, una volta acclarata la propria incapacità/impossibilità di cavarsela da soli, devono sperare che alla Casa Bianca torni un Woodrow Wilson, oppure un F.D.Roosevelt. Devono augurarsi cioè che gli Stati Uniti tornino ad essere guidati da qualcuno che sia capace di contrastare le pulsioni isolazioniste del Paese, qualcuno che, senza bisogno di una nuova Pearl Harbor, faccia capire agli americani che è nel loro interesse (come è sempre stato) partecipare alla difesa dell’Europa”. In altre parole, il Nostro invoca il ritorno dei due inventori del bellicismo americano, così caro ai presidenti Washington e Monroe.

Tuttavia non considera, sempre il Nostro, che i due Ur-guerrafondai di cui parliamo avevano una buona ragione per schiacciare le pulsioni isolazioniste (“erano fortissime negli anni che precedettero la Prima e la Seconda guerra mondiale”). La buona ragione era: fondare (Wilson) e ingigantire (Franklin Delano) l’impero planetario dell’America. Oggi i novelli Woodrow e Franklin D. possono solo rimpicciolire e menomare detto impero. L’ultimo tentativo imperiale lo ha fatto G.W.Bush, imitato controvoglia (con i droni che George W non aveva) da Barack Obama. Bush sì pensava con le categorie di Woodrow e Franklin D!

Purtroppo, nell’additare dette categorie al successore di Barack, Panebianco non si è accorto che dalla Corea in poi gli USA hanno non-vinto, oppure perso, tutte le loro guerre e Strafexpeditionen: 65 anni di smacchi. Le imprese del Pentagono si sono rivelate così costose, per dimensioni elefantiache per efficienza lillipuziana, che l’apparato militare più bulimico del mondo non può più permettersele. Il Califfato, il Kurdistan o Israele sì possono.

Dopo l’emorragia cerebrale che il 12 aprile 1945 a Warm Springs, West Georgia, uccise Roosevelt l’innamorato della pace, nessun demiurgo ha più fatto guerrieri gli americani nella misura che riuscì al mite Franklin D. Nessuno ci è più riuscito perchè nessuno è stato altrettanto imperialista quanto il presidente delle Quattro libertà.

Incalza il prof.Panebianco: “Sostituire i soldati sul campo coll’arma aerea è una tipica e tragica furbizia delle democrazie quando troppi soldati tornano dentro le bare”. E chi potrebbe dargli torto? L’America pusillanime, anzi panciafichista, dia in appalto a Panebianco (o al suo collega Dr.Strangelove) di soffocare negli statunitensi l’avversione alle bare di ritorno; così i Dipartimenti di Stato e della Difesa potranno muovere guerra sia ‘al Medio Oriente’ , sia a scacchieri e a continenti eventualmente suoi amici. Muovere guerra, e verosimilmente perderla. Come nei due Vietnam, per esempio, dove l’insuccesso catastrofico costò solo il 50% scarso in più che tutte le bombe sganciate nella WW2 sul globo.

In proposito Panebianco si rilegga le desolate considerazioni di Arthur M.Schlesinger sulle sciagure portate agli Stati Uniti dall’universalismo guerriero di Wilson, più ancora da quello di F.D.Roosevelt, tra tutti i guerrafondai il più estremo. Nel precedente articolo, Internauta aveva pubblicato i bui presagi di Schlesinger.

Porfirio

GLI AMARI PRESAGI DI A.M.SCHLESINGER JR SUI DESTINI DELL’AMERICA

“Prima che il mio mandato alla Casa Bianca finisca, dovremo fare nuove prove per dimostrare se una nazione organizzata e governata come la nostra potrà durare. Il risultato non è affatto certo”.

John Fitzgerald Kennedy disse queste parole piene di fato nel 1961; e Arthur M. Schlesinger Jr le mise a epigrafe della propria intensa opera “The crisis of confidence -Ideas, power and violence in America” (1967). Questo Schlesinger, figlio di un altro Arthur M. che insegnava storia a Harvard, fu uno dei grandi nomi dell’Amministrazione Kennedy, astro del ‘circolo degli Scipioni’ che attorniava il presidente. Successore nella cattedra del padre a Harvard, consigliere speciale del presidente Kennedy, influenzò la temperie culturale della Nuova Frontiera più o meno come Paolo Diacono monaco longobardo segnò un po’ il regno di Carlo Magno. Qui vogliamo evocare alcuni pensieri di Schlesinger Jr, tratti dall’ edizione italiana (Rizzoli), per mostrare come un intellettuale di vertice presentiva mezzo secolo fa il degenerare delle prospettive anche spirituali dell’America, l’antica ‘fidanzata del mondo’.

“Siamo molto meno ottimisti riguardo a noi e al nostro futuro. Sembra che ormai gli eventi sfuggano al nostro controllo, che non possiamo più difenderci dal corso ineluttabile della storia. Cè motivo di credere che il pessimismo sia radicato come non mai. Le nostre città sono travagliate e in rivolta, c’è una crescente sfiducia e amarezza da parte delle minoranze, c’è un disfacimento dei legami di urbanità sociale, c’è una violenza contagiosa, c’è un moltiplicarsi del fanatismo di destra e di sinistra, c’è la generale tendenza, specie tra gli intellettuali, i giovani e i neri, a ripudiare l’assetto del paese. In cinque anni abbiamo avuto l’assassinio di tre uomini (John e Robert Kennedy, M.Luther King) che con la forza trascinante dei loro ideali avrebbero potuto tenere unita la nazione.

“All’estero l’America suscita sempre maggiore scetticismo e antipatia, i suoi intenti sono fraintesi e calunniati, i suoi sforzi inutili. Il fatto che mezzo milione di soldati americani, coadiuvati da un milione di soldati alleati, impiegando i mezzi della più moderna tecnologia militare, non sono riusciti a sconfiggere poche migliaia di guerriglieri in pigiama nero ha scosso la nostra fiducia nella potenza dell’America. E le devastazioni che abbiamo compiuto nel perseguire fini da noi ritenuti nobili ha scosso la nostra fiducia nella rettitudine americana. E’ giunto il momento di riesaminare le istituzioni e i valori del nostro paese. I Padri Fondatori concepivano gli Stati Uniti non come un risultato compiuto, ma come un esperimento. Sarà il popolo a rispondere all’interrogativo che si poneva John F.Kennedy quando si chiedeva se una nazione come la nostra potrà durare.

“Alla maggioranza dell’umanità dobbiamo sembrare un popolo orribile, visto che non abbiamo fatto nulla per impedire che l’omicidio divenisse un’importante tecnica di politica interna. Visto che abbiamo assalito un piccolo paese all’altro capo del mondo con una guerra assolutamente sproporzionata ai fini della sicurezza e dell’interesse nazionali. Ma soprattutto visto che le atrocità che commettiamo non hanno scalfito la nostra prosopopea ufficiale, la nostra sicumera di infallibilità morale. Lo zelo con cui ci siamo lanciati in una guerra irrazionale fa pensare che profonde spinte di odio e di violenza improntino tutta la nostra politica estera.

“Non c’è niente di più scoraggiante del vedere che alcuni intellettuali rifiutano gli strumenti della ragione, anzi cominciano essi stessi ad aggredirla. Stanno intensificando l’assalto alla civiltà, affrettano la disgregazione in atto nella società americana. Cosa ha spinto gli intellettuali a rivoltarsi contro la ragione? Buona parte della colpa è da attribuirsi alla guerra nel Vietnam, una guerra che ha indotto il nostro governo a seguire una linea di spaventosa e insensata distruzione. Ma la causa va oltre il Vietnam. Fa presentire una più vasta assurdità, persino una vera malvagità della nostra società ufficiale. Ad alcuni appare addirittura come il risultato fatale di un’irrimediabile corruzione del sistema americano.

“Non posso condividere la convinzione che ci fosse qualcosa di ineluttabile nella guerra nel Vietnam, che la natura della società americana avrebbe costretto qualunque governante a seguire la stessa linea folle. Si capisce però come le contraddizioni della nostra società possano pesare tanto sulle persone sensibili. Hanno prodotto un’ondata di disperazione sulla democrazia. Da quando abbiamo cominciato a bombardare il Nord Vietnam (febbraio 1965) il nostro governo è stato insensibile alle critiche più ponderate. Ha cominciato a farsi strada l’opinione che il sistema stesso della democrazia sia impotente nel nuovo assetto segnato dall’industrialismo economico, militare e intellettuale.

Cresce la convinzione che le politiche di partito siano solo una facciata e una finzione, si rafforza il cinismo nei riguardi delle istituzioni democratiche. Alla fine il senso d’impotenza della democrazia ha dato vita a un credo che si oppone in modo sistematico e violento alla democrazia stessa.

“Con il discorso al paese sul Vietnam, il 31 marzo 1968, il presidente Johnson ha fatto qualcosa di più che fermare l’escalation militare, intensificare i tentativi di negoziato e rinunciare alla rielezione. Ha annunciato il fallimento di una politica, forse anche la fine di un’epoca. La follia del Vietnam, se adeguatamente compresa, forse può salvarci da follie future. Con l’universalismo che ci ha portati nel Vietnam si è andato formando un gruppo di potere insolito per la società americana: una classe di militari interessati a termini di legge a istituzionalizzare e ampliare indefinitamente le politiche di interventi nel mondo intero. Con questa classe guerriera sono nate nuove forme di imperialismo. E’ qui certamente che va cercato uno dei moventi principali della nostra tendenza imperiale: l’incessante pressione dei militari di professione. Il blocco guerriero domanda costantemente più denaro, armamenti sempre più avanzati, sempre più impegni e interventi bellici. “La storia e le nostre conquiste -disse il presidente Johnson il 12 febbraio 1965- hanno imposto a noi la principale responsabilità di proteggere la libertà su tutta la terra”.

“Questo messianismo ci ha fatto perdere il senso dei rapporti tra mezzi e fini. Non penso che il nostro impegno originario nel Vietnam fosse di per sé immorale. Immorale è stato l’impiego di mezzi distruttivi assolutamente sproporzionati a fini razionali.

Il peso totale delle bombe sganciate sui due Vietnam era nell’ottobre 1968 di 2.948.O57 tonnellate. Il peso totale delle bombe sganciate durante la seconda guerra mondiale, sia nel teatro europeo sia in quello del Pacifico è stato di 2.057.244 tonnellate.

“Liberandoci dalle pastoie militariste della nostra politica estera, possiamo cominciare ad opporci. Solo riducendo la nostra presenza militare nel mondo potremo restaurare la nostra influenza. L’esperienza del Vietnam ha mostrato anche che non possiamo condurre due crociate simultanee: gestire una guerra anche piccola contro un paese sottosviluppato e contemporaneamente far fronte ai problemi interni degli USA. La politica di impegno totale nel mondo è incompatibile con la ricostruzione sociale in patria. In futuro il mondo terrà conto dell’America non per la sua forza militare, quanto per la capacità di sanare le divisioni interne e di realizzare le possibilità della società elettronica.

“Quanto alla Vecchia Politica, essa è un mito tenuto in vita dai politici professionisti che sono personalmente interessati a preservarla, e dai giornalisti che passano la maggior parte del loro tempo a intervistare i politici professionisti”.

Profirio

FAREMO COME IL PORTOGALLO PER LIBERARCI DEL REGIME BUONO A NIENTE?

Quarantuno anni fa -25 aprile 1974- una rivolta di duecento ufficiali, quasi tutti capitani e quasi tutti trentenni, stupì il mondo liberando il Portogallo, ancora padrone di grosse colonie africane, dal regime postsalazariano dell’Estado Novo, sorto nel 1926. Il colpo di Stato volle non più di sei-sette ore, nessuno scontro e nessuno spargimento di sangue. Così andò altre volte in passato, nella tradizione portoghese. Quel 25 aprile un incidente marginale e localizzato fece quattro morti, ma era in nulla connesso col colpo di Stato.

Il Movimiento de las Fuerzas Armadas trionfò senza oppositori. Il capo del governo Antonio Caetano, successore di Salazar e come lui professore universitario, tenne a trasmettere personalmente, e urbanamente, il potere al generale Antonio de Spinola, sottocapo di Stato Maggiore, designato dai capitani trentenni. Per un biennio i nuovi gestori politici del Portogallo non furono i tradizionali personaggi di destra, ma il socialista Mario Soares e Alvaro Cunhal, capo dei comunisti portoghesi. Né l’uno né l’altro erano stati i mandanti di una rivolta scatenata invece dalle frustrazioni della guerra coloniale, costosissima anche sul piano umano. Fu dunque la volta che le sinistre plaudirono e andarono al potere: se ne ricordino quanti oggi agitano lo spauracchio della soluzione di forza, anzi ‘fascista’, cui rispondere con un’esilarante ‘Nuova Resistenza’. A loro questo Stato buono a niente va bene così.

In Portogallo si fece ricorso alla minaccia della violenza -non alla violenza effettiva-perchè la legalità era tutta dalla parte del tardo salazarismo; così come da noi essa legalità è tutta dalla parte della demoplutocleptocrazia. Più alla lontana, si ricordi che anche i titoli di gloria della nazione lusitana -le grandi scoperte geografiche, la prodigiosa espansione coloniale tra il 1415 e il 1580, in tre continenti, furono dovuti alla cosiddetta Rivoluzione armata del 1383; due anni dopo essa trionfò grazie al genio del condottiero militare Nun’Alvarez Pereira, vincitore della battaglia di Aljubarrota. La dinastia degli Aviz che si insignorì del regno lanciò con Enrico il Navigatore e con Giovanni II i viaggi di esplorazione oceanica, trasformando uno Stato marginale nel leader della conquista europea sul pianeta. Infine è bene ricordare che fu un colpo militare quello che il 5 ottobre 1910 mise fine alla monarchia, vent’anni prima che in Spagna. Ancora una volta: se avesse prevalso, la legalità avrebbe perpetuato il vecchio ordine Braganza.

La necessità di una soluzione di forza non si può escludere per lo Stivale: forse sarà il Portogallo degli anni Venti. Certo non soffre come la nazione lusitana di una dura guerra coloniale. Le guerre coloniali abbatterono la monarchia spagnola nel 1931, la Quarta Repubblica francese nel 1958. Dall’Algeria minacciarono persino il potere dell’augusto Charles de Gaulle. Il settantennale regime italiano non soffre di tumori coloniali. Tuttavia il giorno che l’economia mancasse la ripresa e che le Istituzioni repubblicane si facessero sconfiggere dalla coalizione dei tre grandi nemici -il declino economico; l’odio antipolitico del popolo; la valanga immigratoria- quel giorno la legalità cesserebbe di proteggere il regime. Dovrebbe fare luogo a una nuova, ben più reale legalità generata dalle cose, dalla minaccia della forza. Come a Lisbona, non si verserebbe una goccia di sangue. Chi si batterebbe in difesa dei cleptocrati e di uno Stato quasi-canaglia?

In due anni la ‘Rivoluzione dei garofani’ si ammorbidì e normalizzò. Però non fu soppiantata da alcuna controriforma “berlusconiana”. La bianca, affascinante Evora coronata di querce da sughero conserva il ricordo di quando l’Alentejo circostante era bastione dello stalinista PCP di Alvaro Cunhal. Con lui e grazie ai capitani trentenni i latifondi erano stati occupati dai braccianti, e le agitazioni avevano costretto all’impotenza il governo provvisorio dell’ammiraglio Pinheiro de Azavado. Coll’avvento a capo dello Stato di Ramalho Eanes, a primo ministro di Mario Soares, è sopraggiunta la normalità. Le posizioni estreme sono, o sembrano, scomparse, la svolta modernizzatrice prosegue, pur con le sue incertezze.

In Italia la partitocrazia ladra ha trovato in Matteo Renzi il Rottamatore/Restauratore. Sempre che a) l’economia si riprenda; b) si attenui il rancore del Paese nei confronti dei politici; c) si fermi l’alluvione dei migranti (quest’ultima non meno ma più pericolosa di una guerra coloniale). Se queste condizioni non si verificheranno, perché la repubblica gestita dal Partito Unico del Furto dovrebbe sfuggire all’esperimento del giustizialismo alla portoghese? Le Istituzioni rette da Mattarella e dalla Consulta sono la garanzia di un immobilismo alla Marcelo Caetano, 41 anni fa.

A.M.C.

TRA I GRANDI STATISTI MODERNI IL PIU’ BUGIARDO FU ROOSEVELT

I suoi seguaci lo identificarono col New Deal, che però fu opera assai meno rilevante del vantato. In realtà fu l’uomo del WW2; e dette a credere che prima di Pearl Harbor il suo governo, pur parteggiando per la Gran Bretagna, assolvesse largamente agli obblighi della neutralità imposti dalla maggioranza degli americani. Fu una menzogna; così come nel 1940 si fece rieleggere promettendo agli americani che avrebbe difeso la pace. Preparava attivamente l’intervento.

Nel giugno 1940, quasi un anno e mezzo prima dell’attacco nipponico alle Hawaii, il primo ministro Churchill arrivava allo scontro finale col generale (poi maresciallo) Archibald Wavell , comandante britannico nel Mediterraneo. Lo giudicava poco aggressivo nei confronti dell’Asse (Wavell non aveva ancora sloggiato gli italiani dalla Cirenaica; sarà premiato col titolo di Earl of Cyrenaica). Il Premier temeva che in tal modo Wavell confermasse l’impressione di non pochi, che la Gran Bretagna attendesse la salvezza dall’intervento degli Stati Uniti; intervento voluto da Roosevelt, non dagli americani. Roosevelt non andava indebolito: le elezioni presidenziali incombevano a novembre. Ripetiamo. Siamo 15 mesi prima di Pearl Harbor, che secondo la bugia presidenziale, determinò gli americani alla guerra.

In realtà gli incontri segreti a Washington tra gli Stati Maggiori britannico e americano -denominati in codice ABC-1 (per fissare la strategia alleata dopo l’intervento degli USA) cominciarono a fine gennaio 1941. E la Carta Atlantica sugli obiettivi della guerra fu firmata su una corazzata britannica “in navigazione nell’Atlantico” nell’agosto 1941, quando gli Stati Uniti non erano in guerra. In realtà Roosevelt prima ancora dell’accordo di Monaco aveva lanciato il piano per costruire quindicimila aerei da guerra all’anno.

In una lunga lettera dell’8 dicembre 1940 Churchill chiese apertamente a Roosevelt “un atto decisivo di non-belligeranza costruttiva” che rafforzasse la resistenza britannica contro l’Asse. In particolare, la Marina statunitense doveva proteggere contro gli U-boot i convogli britannici nell’Atlantico ( la Gran Bretagna aveva già perduto 2 milioni di tonnellate). Washington doveva fornire naviglio mercantile per 3 milioni di tonn., più 2.000 aerei al mese. Infine, i crediti in dollari del Regno Unito essendo già esauriti, gli USA dovevano entrare nel conflitto.

Una settimana dopo, per preparare gli americani alla presentazione della legge Affitti e Prestiti, il presidente mentitore si rivolse loro con la parabola dell’uomo cui la casa andava a fuoco e del vicino che gli prestava la canna dell’acqua. Churchill ringraziò enfaticamente: la Legge, cioè la canna dell’acqua, era “il più nobile atto della storia delle nazioni”.

Piuttosto il governo di Londra fu scosso dalla durezza delle condizioni finanziarie. Gli americani esigettero la revisione contabile di tutti gli attivi britannici nel mondo. E non ci sarebbero stati aiuti prima che la Gran Bretagna avesse dato fondo a tutte le sue riserve in oro e in valuta. Una nave da guerra statunitense fu mandata a Città del Capo a prendere in consegna le ultime scorte d’oro di Sua Maestà. Churchill giustificò: il Presidente voleva tutelarsi contro i circoli antibritannici di casa sua. E’ stato osservato (Max Hastings, “Finest Years”, pp.171-174) che “i britannici sottostimavano il numero di americani che li detestavano. Li consideravano imperialisti, altezzosi ed esperti nell’arte di far combattere agli altri le proprie guerre”. L’ultima vittima era stata la Francia, che si era fatta annientare dal Reich perché plagiata da Londra. Nel 1939 Parigi non aveva nessuna rivendicazione seria nei confronti della Germania, dunque nessun motivo grave per combattere un solo ventennio dopo la mattanza della Grande Guerra, se non un trattato con la Polonia, preso sul serio da nessuno, infatti non rispettato né da Parigi né da Londra.

Ad ogni modo erano stati gli acquisti britannici di armi nel 1940 ($4,5 miliardi in contanti) a lanciare il boom bellico che sollevò gli USA dalla Grande Depressione. Questo consentì a Roosevelt di difendere il montare degli aiuti a Londra: ”Dobbiamo essere il grande arsenale della democrazia”. Nella primavera 1941 Washington dichiarò l’Atlantico occidentale “zona di sicurezza panamericana”, stabilì basi in Groenlandia, ordinò il subentro in Islanda delle truppe americane a quelle inglesi, autorizzò la riparazione del naviglio britannico nei porti americani e, soprattutto, di lì a poco fece scortare dalla U.S.Navy i convogli britannici nell’Atlantico.

A fine autunno 1941 la Casa Bianca era pronta alla guerra anche col Giappone: ma erano le forze americane che non erano pronte. Quindi il finto negoziato con Tokyo, con condizioni statunitensi inaccettabili, doveva continuare. Ma il 7 dicembre venne Pearl Harbor. Roosevelt lo proclamò il giorno dell’infamia nipponica. Non disse che nell’Atlantico la guerra non dichiarata degli USA contro il Reich durava già da mesi.

Morendo improvvisamente di emorragia cerebrale a Warm Springs (12 aprile 1945) FDR mancò all’apoteosi della vittoria. Gli fu risparmiato di dover spiegare perché nel 1940 considerava vitale “per l’America” la vittoria della Gran Bretagna e invece, a guerra finita, lasciava l’impero britannico in fin di vita e in una quasi-miseria che sarebbe durata vari anni. In realtà per il geniale volere di FDR l’impero era passato agli Stati Uniti, dopo le premesse poste nel 1917-18 dalla guerra di Woodrow Wilson e dalla conferenza di Versailles da lui dominata.

La differenza rispetto all’impero britannico è che quest’ultimo era fatto di colonie, di Dominions e di pompe monarchiche; quello americano di Stati “sovrani”, magari miserabili, interamente soggetti a Washington. Gli USA promossero a pseudo-nazioni quasi tutti i possedimenti altrui; e in genere li inchiodarono alla miseria. Però Washington, specie sotto Obama, è assai meno razzista che l’impero di Albione, per mantenere il quale Churchill aveva voluto WW2 (perdendo interamente detto impero). P.es. l’Italia non è trattata molto meglio del Botswana nero.

A.M.C.

LUGLIO 2015

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.

In INTERNAUTA, le linee politiche convivono. Leggi il nostro manifesto.

INTERNAUTA esce ogni mese.

Clicca qui per consultare l’archivio dei singoli autori.

MERS EL KEBIR

Il 3 luglio di quest’anno il britannico qualsiasi, né amico né nemico dell’Europa unita, festeggia quella che fu la manifestazione più impressionante della durezza nazionale: Mers-el-Kebir.

Il 18 giugno 1940 la Francia annientata dal Terzo Reich aveva accettato la disfatta e firmato la resa. Il premier britannico Winston Churchill, non solo guerrafondaio ma anche invasato di ogni prodezza militare, non indugiò a compiangere l’alleata di due conflitti mondiali. Ordinò alla Royal Navy di impedire a qualsiasi prezzo che la flotta francese cadesse alla Germania. Il trattato d’armistizio escludeva tassativamente questa ulteriore umiliazione di Parigi, ma Churchill decise di non fidarsi. Fece ingiungere non allo sconfitto governo di Parigi, bensì all’ammiraglio Marcel Gensoul, comandante della grande squadra francese del Mediterraneo, alla fonda a Mars-el-Kebir, di consegnarsi alla Gran Bretagna o agli Stati Uniti, oppure di autoaffondarsi entro 6 ore.

Come scrisse nel 2012 l’autore britannico Antony Beevor in “La seconda guerra mondiale”, Churchill “aveva bisogno di dimostrare agli Stati Uniti e al mondo che era intenzionato a resistere senza alcun tentennamento; per dimostrare anche d’essere pronto alla spietatezza.

“Prima dell’alba del 3 luglio le navi da guerra francesi nei porti dell’Inghilterra meridionale vennero catturate da squadre di abbordaggio armate; con alcuni morti. Ad Alessandria d’Egitto l’ammiraglio britannico Cunningham adottò un approccio meno violento: bloccò nel porto le navi francesi. La grande tragedia si sarebbe consumata a Mers-el-Kebir, vicino ad Orano”.

“L’ammiraglio francese respinse per fierezza l’ingiunzione britannica. Alla scadenza dell’ultimatum, fissata alle 15, l’ammiraglio britannico Somerville ordinò ai biplani Swordfish di sganciare mine magnetiche all’imboccatura del porto. La scadenza dell’ultimatum venne allungata alle 15,30, momento nel quale le corazzate “Valiant” e “Resolution”, più l’incrociatore da battaglia “Hood” aprirono il fuoco coi loro cannoni da 375. Morirono 1297 francesi e la loro superba squadra, comprendente quattro corazzate, fu distrutta. La Royal Navy considerò con ogni ragione l’operazione come il compito più ignobile che le fosse mai stato ordinato”.

Tanto più, osserviamo noi, che la Francia non era solo l’alleata di due settimane prima. Era il paese che era entrato in guerra nel 1939 in quanto succube diplomatica di Londra. A differenza che nel 1914, Parigi e la nazione non avevano motivi per combattere. Però non avevano trovato la determinazione di sottrarsi all’egemonia britannica; di rifiutarsi ad un conflitto che avrebbe annientato la vincitrice francese della Grande Guerra e dato alla Germania il maggiore trionfo della storia fino a quel momento.

Mers-el-Kebir è il capolavoro del bellicismo di Winston Churchill, il campione della grandezza britannica e dell’intangibilità dell’impero. Egli è anche, sul piano personale, uno degli statisti più istintivamente vocati alla guerra, invasati di militarismo attivo. Da giovanissimo studia a Sandhurst, la grande accademia dell’esercito, invece che all’università. Da primo ministro veste con gusto le uniformi delle varie armi. Esordìsce intrepidamente da ufficiale in India e in Africa. Fatto prigioniero dai Boeri, riusce ad evadere. Nel 1914 ha gia fatto tutta la carriera che in un contesto oligarchico spetta al membro di una grande famiglia: discende da John Churchill duca di Marlborough, il vincitore di Blenheim col principe Eugenio. Nella Grande Guerra il Nostro è Primo Lord dell’Ammiragliato, poi ministro della Marina allora prima al mondo, poi ministro delle Munizioni, infine della Guerra.

Contro il parere dei suoi ammiragli e generali, nel 1915 riesce a realizzare l’impresa dei Dardanelli per la conquista di Costantinopoli. Dopo un anno di massacro essa si risolve in un grave insuccesso. Nel 1944, all’apice della sua gloria -lo sbarco in Normandia- tenta di prendervi parte non come sommo comandante alleato (c’è Eisenhower e ci sono vari altri condottieri) ma come semplice ufficiale di un’unità combattente. In altre parole è un guerriero nato che alla fine, arrivato al vertice politico, riesce a superare le vittorie dell’avo Marlborogh.

Mers-el-Kebir fu la possente e feroce consacrazione del Churchill guerriero. Tuttavia fu un’infamia in ultima analisi inutile. Alla guerra che egli volle fortissimamente non sopravvissero né l’impero né la grandezza nazionale. Per alcuni anni fu estromesso dal potere, per poi ritornarvi per cedere il passo a Eden. Nel settantennio seguito alla grande vittoria sulla Germania, la Gran Bretagna non ha fatto che decadere da grande potenza e ridurre l’arsenale bellico. In particolare la Royal Navy non è che un pallido ricordo della possente forza di prima del 1939 e di Mers-el-Kebir. David Cameron, come gli altri Premier conservatori, Thatcher compresa, non hanno fatto che adeguare la politica internazionale e l’apparato militare alle ridotte possibilità della potenza media, forse medio-leggera, che è oggi il Regno Unito.

La tempra guerriera di Winston Churchill è stata leonina, ma il suo effetto netto è stato l’arretramento grave della nazione. L’illustre antenato Marborough, discusso come lui, non perdette mai una battaglia o una guerra, laddove Sir Winston ha cancellato la grandezza della patria. Sir Winston sarebbe costato assai meno al suo paese, fosse stato uomo di pace, mite come una colomba, invece che quasi-dio del combattimento.

A.M.C.

LE NOSTRE OPZIONI: DRACONE (NON RENZI), LA PALUDE CIOE’ I LADRI, POI SALAZAR

I benpensanti/legittimisti temono l’antipolitica come fosse la calata degli Unni (Attila ne divenne il capo assassinando il fratello Bleda). Ma i benpensanti/legittimisti sbagliano. Lo Stivale non avrà salvezza se le Istituzioni della malarepubblica non crolleranno come le mura di Gerico.

Coi suoi difetti, Matteo Renzi è l’unica chance di qualsivoglia prospettiva di semiriformismo gradualista e legalitario. Ma egli sarà sconfitto: dalla palude, dalle sabbie mobili, dalla sua stessa furbizia, dal proprio atlantismo. Non dai lillipuziani che lo combattono. Quando egli cadrà, quel po’ di iniziativa che aveva suscitato si spegnerà e il gioco tornerà al doroteismo deteriore. Dietro la facciata forse perbene di uno o più Mattarellidi, governerà un malaffare reso più imbattibile dal fatto di allearsi con spezzoni liberi di nuovismo 5Stelle, di Podemos e simili,

Per i cambiamenti veri ma indolori non esiste alcuna possibilità. Si prenda, per dirne una, la burocrazia medio-alta che fa cerniera coi cleptocrati del potere. Quando tradisce -lo fa spesso- essa è lercia quanto la nostra politica. Ma, blindata dai diritti acquisiti, dai Tar, dai sindacati, dalle prassi, solo un Terrore alla 1793 (o alla bolscevica o alla purga staliniana) potrà sgominarla. Ora si è messa a proteggerla anche la Corte costituzionale: solo per il suo ingiungere allo Stato di fare bancarotta in pro dei burocrati la Corte andrebbe abolita; ma c’è tanto altro a suo carico. La repubblica del Malaugurio non sarebbe tanto pessima se a farla oppressiva non ci fosse la Carta stesa dai giuristi del padronato partitico. Il Quirinale poi non scherza come bastione della Casta. Mattarella si ricordi: presiede uno Stato-canaglia. Potrà costringersi a restare personalmente integerrimo: ma è proprio di un prestanome integerrimo che il Milieu marsigliese ha bisogno.

La Carta dell’impostura recita che la repubblica è fondata sul lavoro. Menzogna, è fondata sulle tangenti e sulla rapina, gestita da un monopartito di regime che, parafrasando la formula del giornalista Fabio Martini, va chiamato Partito Nazionale Unico del Furto (PNF). Ormai è dimostrato che il Settantennio ha un solo vanto rispetto al Ventennio: non muove guerre di conquista o di follia (come quella dichiarata 75 anni fa, questi giorni di giugno). Non si spinge oltre il militarismo mercenario al servizio del Pentagono. Non delinque oltre la servilità atlantista. Per tutto il resto occorre la lente d’ingrandimento, anzi il microscopio elettronico, per individuare una superiorità rispetto all’andazzo sotto Mussolini. Potevamo risparmiarci gli eroismi e gli assassinii della Guerra civile.

Questa repubblica è un organismo che non ha più anticorpi contro la corruzione. E’ come uno Zarevic emofiliaco: la Zarina può sperare solo nel fosco monaco Rasputin. Di qui la convinzione di molti: ci avviciniamo al limite estremo del declino politico. Basterà che le voci di ripresa si dimostrino fandonie perché un uomo di fegato più coerente e più duro di Renzi si faccia il nuovo Salazar: lo Stivale acclamerà, persino più che il Portogallo del 1933. Quel regime finì solo quarantuno anni dopo, e lo abbatté una congiura di ufficiali al comando effettivo di unità armate. Peggio per Renzi se non studierà il metodo Salazar.

Chi abbia orrore dei rimedi poco liberali -sennò non sarebbero giustizialisti- alle malattie dell’Italia, si convinca che le riforme allegrone di Renzi sono asini che volano. La sola alternativa al giustizialismo per le spicce è, non proprio Pol Pot ma Dracone, il governante che nel VII secolo a.C. aprì la strada alla legislazione razionalizzatrice di Clistene, l’alcmeonide che precedette il grande parente Pericle. Dracone rappresentò l’uomo della severità implacabile. Oggi Egli cancellerebbe in toto ciò che ci affligge, cominciando dal mestiere del politico, dalle assemblee elettive, dalle elezioni che confermano al potere il Partito Unico Nazionale del Furto.

Quanto ai burocrati, così facili a tradire la collettività che dovrebbero servire, per loro ci vorrà un’incruenta decimazione: uno ogni dieci, scelto dal sorteggio, vada senza processo destituito ed espropriato di quanto possiede. Così gli altri capiranno. Sarà riabilitato solo in caso di eventuale assoluzione definitiva in un processo tassativamente successivo alla decimazione. Ricorsi sabotatori al Tar o altrove, zero.

Il fatale Dracone non avrà speranze se non farà la mezza rivoluzione cui è tenuto: niente Consulta, niente Carta usbergo della cleptocrazia, niente garantismi. Non volendo Dracone tenetevi la palude, infestata dai coccodrilli e dai ranocchi della democrazia rappresentativa: Scalfari, Rodotà, Rosy Bindi, persino quel tot bamba dei 5Stelle che punta quasi tutto sul parlamento; su una legalità repubblicana che sarebbe molto piaciuta a quel nostro compaesano, Al Capone.

A.M.Calderazzi

QUANDO L’AMERICA ERA LA FIDANZATA DEL MONDO

Fino a Franklin Delano Roosevelt, il guerrafondaio che mediante l’intransigenza del negoziato con Tokyo ottenne a Pearl Harbor di arruolare il paese a difesa dell’ordine plutocratico, l’America era la fidanzata del mondo. Non si poteva non amarla, e questo in ogni caso ingiungeva Hollywood.

Oggi che l’America assomma da sola tutti i guasti delle società ricche, anziane ed egoiste, è struggente leggere certe premonizioni degli anni Ottanta di due secoli fa. “Comincia a morire la fase migliore dell’America” scrisse nel 1889 Theodore Roosevelt nel libro ‘Ranch Life’. A differenza del giovane parente che trionferà con le menzogne e le Fortezze Volanti, il primo Roosevelt era un uomo di principii. Per due anni, futuro presidente degli Stati Uniti, aveva fatto l’allevatore nel Dakota. Il suo libro additò nel cow boy il campione spavaldo e ammirevole della stirpe dominatrice del Nuovo Mondo. Chi non ne sentiva il fascino, anzi il carisma?

Nell’inverno 1886-87, mentre gli intellettuali di Londra, Parigi, Vienna (e perché no. Boston) si limavano le unghie letterarie, le tormente del West decimavano le mandrie bovine e mettevano in risalto la tempra dell’America. Era la sola giovane e vergine tra le nazioni: la Gran Bretagna troppo materialista e padrona, la Francia “corrotta fino al disgusto” secondo Henry Adams, uno Scipione del Massachusetts (pronipote del primo successore di George Washington, nipote di John Quincy Adams, presidente dopo Monroe). Contrapporre l’adolescenza americana al cinismo e alla stanchezza del Vecchio Mondo era il protoconcetto dell’identità nazionale, la ragion d’essere della Repubblica delle praterie e delle foreste.

Il presentimento dello spegnersi della virtù sorse prima del volgere del secolo della Frontiera, il diciannovesimo. Le macerie e gli strazi della Guerra di Secessione, l’eroismo della Frontiera, furono seguiti da un’età di ricchezze facili, di speculazioni gigantesche, dei fatti di corruttela della società che diventava urbana sotto il pastrano glorioso del presidente Ulysses S. Grant, il generale che aveva condotto alla vittoria l’esercito nordista. Cominciò W.D.Howells, caposcuola del realismo letterario, a lamentare la carie che coll’allargarsi della ricchezza svuotava i valori dell’America. Ciononostante scriveva da Venezia (1862): “La mia preghiera più fervida è che l’America assomigli sempre meno all’Europa, sempre più all’anima dell’Oregon”.

L’Oregon era “la foresta primigenia su cui aleggiava lo spirito dell’America”. I cacciatori e i boscaioli che si erano spinti il più lontano possibile dalle città sull’Atlantico erano gli eroi

eponimi di una stirpe pioniera che nessun Tocqueville, la mente occupata dalle illusioni della democrazia addomesticata e borghese, aveva saputo raccontare. Washington Irving, primo cantore della selva americana, incrinò le certezze intellettuali del pensiero europeo: solo la foresta americana era libera e nobile, non minacciata dai soprusi del denaro. I settlers della regione delle sorgenti dell’Ohio tentarono di chiamare Westsylvania il loro Stato che nasceva. Ci si può chiedere perché nessuno abbia pensato di dare alla nazione il nome ‘United Forests of America’.

A due secoli interi da quel tempo favoloso, lo spiritualismo che contro le apparenze acquisitive era l’essenza del messaggio americano si è completamente essiccato, anzi spento. Il Nuovo Mondo non suscita più pensieri adolescenti. Ha ripudiato l’iunnocenza: sarebbe grottesco se qualcuno sul Potomac la vagheggiasse ancora. Ciò che restava dello Spirito Americano è finito come una medusa lasciata sulla sabbia, anzi come una balena spiaggiata. Le genti che amarono la patria di Washington Irving sanno di dover guardare verso altri astri.

L’America straricca e devastata da militarismo e consumismo è talmente senile da non essere più nemmeno idonea al ruolo di Santa Alleanza voluto da George W. Bush. Non riesce più a mandare spedizioni militari che competano coll’efficienza dell’esercito dei Figli di San Luigi: lo mandò il re di Francia a reprimere i patrioti spagnoli che nel 1812 da Cadice avevano additato l’orizzonte delle libertà costituzionali. Troppo senile l’America di Obama per saper capeggiare i reazionari del pianeta. Dovranno cercarsi un altro Metternich.

E più gli States generano ricchezza e dilatano a dimensioni di firmamento gli arsenali bellici, più si fanno tutt’uno con la vecchiaia del creato. Più di ogni altra grande civiltà, l’America avrà bisogno di un big bang che ne sconvolga l’anima: come accadde all’Arabia beduina quando Maometto prese a predicare.

L’Islam, l’arcinemico odierno dell’ordine americano, aiuterà di fatto a rigenerare menti e cuori dell’America?

A.M.Calderazzi

LETTERA AD ALDO CHE ANNUNCIA IL RIMPATRIO DAGLI STATES

Oh commensale degli Dei,

mi avessero letto il tuo fax di ieri mentre ero al volante, per la felicità avrei perso il controllo del veicolo ex-US Army, sarei precipitato; mentre facevo il cardiochirurgo, mi sarei confuso al punto di amputare un braccio; mentre rubavo e mentivo (essendo un politico italiano), tramortito dalla Grazia sarei diventato onesto! Altri prodigi sarebbero stati operati da un fax così somigliante a un fiat di Jahvé!

Mettiti nei miei panni: non ti avrebbe inebriato quell’elogio ‘Vogel Prophet’, tu che nella Sala da Musica cadevi in trance ai gorgheggi dell’omonimo uccello schumaniano? E non ti travolgerebbe l’orgoglio, a venire assimilato a un ‘oscuro agente del Destino’? Peggio peggissimo, non sbigottiresti se ti dessero del vate, sia pure per scherzo? Grazie comunque per avermi riammesso, dopo decenni di cittadinanza USA, ai tuoi giochi mentali. Il senso ludico è un dono di Prometeo -il partigiano degli uomini contro gli Dei- più prezioso del fuoco che egli ci donò.

Ciò che da ieri essi Dei beati ci promettono, prima di chiamarci al tavolo del loro tressette senza fine, è di avvicinarci di più di un oceano, in modo da vivere gli ultimi (parecchi) decenni in un interminabile dialogare, Laelius de amicitia, mangiando cicerifritti. Dipenderà da te, tanto più transcontinentale di me, tanto più ammantato di credit cards, tanto più agiato grazie alle annuities di un ricco fondo dell’American Medical Association! Promettimi, per essermi più vicino, di stabilirti nel Vorarlberg, o a Danzica, o ancor meglio nella rossa Albi sul fiume Tarn, non lontano da Prades dove regnò il violoncello di Pablo Casals. Io ti visiterei spesso spessissimo, una settimana sì una no, con le bisacce colme di cacioricotte, pago strafelice di un tavolato 3×6 piedi per il mio sleeping bag.

Lo uso da innumerevoli estati, pellegrino attraverso l’Europa. Alla sera dormiamo nei caravanserragli, oggi chiamati camping. Le migliori dormite: voivodati polacchi, Aquitanie, quasi sangiaccati. Quando eravamo farmer su una sponda dell’Ontario imparammo la superfluità di quasi tutto vada oltre il più stretto francescano; oltre la botte e la ciotola di Diogene il Cinico.

Non ti rimprovero di abitare una casa hollywoodiana; ti ricordo solo che il puro indispensabile costa un trentesimo di quanto esige la benpensanza; e che nulla macht frei quanto la miniaturizzazione dei bisogni. In un villaggio moravo dove ti troverei casa vivresti delle sole royalties delle prolusioni accademiche. Quasi tutti i contorni del vivere, cominciando dai pomeriggi del fauno debussiano, sarebbero amabili nelle contrade nascoste dove converremmo spesso.

La posta ti consegnerà a giorni uno scrittarello dove cerco di annunciare, come tu dici per scherzo, un evo metapolitico. Com’è inetta e fraudolenta questa democrazia. Nulla potranno gli uomini senza un ritorno del Numinoso! Può darsi, oh sodale e condomino di Apollo, che litigheremo paonazzi sulla fallita democrazia e sul richiamo in trono del dio-re Saturno. Ma ci divertiremo, e in più ci salveremo dai principi mefitici delle Nazioni Unite, brainchild di quel patrizio briccone di Franklin Delano. Evviva quel suo cugino Theodore (anche su questo sbraiteremo, centellinando vino primitivo).

Per tua curiosità: ho tentato senza il menomo successo di congetturare che l’Occidente dovrà, nel terzo ventennio del secolo, cancellare il sistema rappresentativo, dunque le elezioni. La delega ai politici va revocata per sempre. Le differenze tra loro e tra i partiti sono imposture. Troppi i misfatti del suffragio universale. Finisca male, come a Itaca, il banchetto dei Proci. Vada al potere il Pericle elettronico.

Un computer collettivo scelga a sorte i membri pro tempore (pochi mesi) di una piccola Polis dei migliori, metti 500.000 supercittadini. Non nomi qualsiasi dell’anagrafe, sul presupposto dell’eguale e falso diritto di tutti. Al contrario, si escluda dal sorteggio chi non rappresenta niente; si ammetta solo chi ha vanti autentici: volontariato, esperienza lavorativa, cultura molto qualificata e simili. Solo tra costoro il computer sovrano estragga i supercittadini trimestrali o quadrimestrali, e tra loro sorteggi in secondo terzo quarto grado i gestori a turno del popolo. I quali governino sotto la minaccia della spada collerica di Dracone.

Ne discuteremo in Moravia. O ad Albi, all’ombra della Cathédrale fortifiée.

Tuo Massimo, arconte per un giorno

OBAMA E WILSON DUE STRANI PREMI NOBEL

Tutti sanno che l’invenzione del Regno degli Slavi del Sud -primo nome della Jugoslavia, nazione mai esistita prima e condannata ad esplodere- fu, nel 1918-20, uno degli infortuni gravi del presidente Woodrow Wilson, male imboccato dal Quai d’Orsay. Wilson fece a lungo l’astratto accademico (nel 1902 divenne rettore di Princeton) prima di diventare governatore del New Jersey e poi (1912-20) presidente degli Stati Uniti. Volle l’intervento statunitense nella Grande Guerra: e questo gli andò benissimo. Impostò la trasformazione degli USA nella prima potenza del pianeta.

Molti, tra cui l’arguto e sapiente professore Vittorio Mathieu, sostennero che quando intraprese a riformare l’Europa e il mondo Wilson fosse già sull’orlo della pazzia. Ma non era diventato pazzo: aveva sofferto un duro colpo apoplettico nel settembre 1920, quando tentava di piazzare agli americani un trattato di Versailles e una Lega delle Nazioni perfettamente contrari alla tradizione della Dottrina Monroe (=l’emisfero occidentale ai suoi popoli e gli americani a casa loro). Soprattutto gli stati del West erano accanitamente isolazionisti; le tensioni cui il presidente si sottopose nello sforzo di guadagnarli all’internazionalismo gli furono fatali. Wilson portò a termine il suo secondo mandato, ma da invalido. Di fatto governarono la seconda moglie, sposata di recente, e il colonnello Edward House, il più fidato dei confidenti presidenziali.

Parliamo di Wilson perché grazie alla sua guerra ammantata di idealismo sorse l’impero americano, e sorse sotto le apparenze di una gigantesca missione di pace. Apparenze irresistibili: quando la Germania guglielmina decise di arrendersi, nella tarda estate 1918, invocò i Quattordici Punti di Wilson. Il premio Nobel per la pace assegnato al presidente nel l919 fu indubbiamente meno bizzarro di quello elargito (pochi ricordano perché) a un Barack Obama da poco insediato alla Casa Bianca. Predicando incessantemente la fratellanza delle nazioni, in realtà mandando a combattere in Europa 29 divisioni, oltre due milioni di uomini, il celebrato rettore di Princeton avviò l’opera che ventotto anni dopo dette il trionfo al bellicismo di F.D.Roosevelt. Questo sarà ripreso da altri due presidenti democratici, Kennedy e Johnson, infine dai guerrafondai repubblicani di nome Bush.

Gli altri scacchi di Wilson furono il fiasco della Lega delle Nazioni -in seguito corroborato da quello, più grave, delle Nazioni Unite- e, oltre alla frantumazione della Jugoslavia, il naufragio della Cecoslovacchia e l’eccessivo ingrossamento della Polonia 1919. Infine, e soprattutto, fallì Weimar, che non fu una creazione di Wilson ma si raccordò all’assetto wilsoniano dell’Europa.

Si può sostenere che gli insuccessi del Nobel oggi a capo del sistema occidentale sono stati meno eclatanti di quelli di Wilson; e che il politico professionale portato sugli scudi dai neri di Chicago si è dimostrato molto più realista del professore consacrato dalle glorie di Princeton. Tuttavia resta il profondo iato tra i propositi idealistici dei due presidenti progressisti e le loro pratiche di governo.

Il presidente semi-nero dei nostri giorni ha ancora più di un anno per cercare di aggiungere qualche vittoria al suo palmarès. I limiti di Woodrow Wilson furono messi a nudo proprio da quella cessazione della Grande Guerra per la quale si era adoperato. Nel primo dopoguerra gli Stati Uniti si impadronirono del primato mondiale in contemporanea con la dimostrazione della loro immaturità o inanità a esercitare l’egemonia. Le contingenze storiche di un mondo che si fa multipolare stanno negando a Washington le opportunità che le si offrirono invano nel 1919. Le sfide dell’impero sono più ardue per Obama che per Wilson.

Tuttavia gli sbagli di Barack sono stati meno fatali. Egli sta cavandosela, nonostante non abbia saputo far fruttare i talenti a lui affidati. Woodrow Wilson stroncato dall’apoplessia

(e per questo crudamente deriso da d’Annunzio, che a Fiume sfidò l’infatuazione jugoslava del presidente) non poté compiere la sua opera: però il suo paese accelerò la corsa e sotto il guerrafondaio F.D.Roosevelt, discepolo e continuatore dell’uomo di Princeton, la portò al traguardo diciamo così in bellezza.

A.M.Calderazzi

LA RESISTENZA COME LA GRANDE GUERRA GLORIE PER SOLI PATRIOTTARDI E SETTARI

Non poteva che andare così: le azioni partigiane che provocarono rappresaglie appaiono gloriose ai fautori della Resistenza; sono giudicate spietate e infami dalle popolazioni che subirono le vendette, nonché dagli avversari della Resistenza (sono assai più numerosi di quel che ci eravamo abituati a pensare). Tutto ciò è addirittura banale; merita solo qua e là dei distinguo. Per esempio non è stato detto abbastanza chiaro che a volte i capi comunisti non approvarono l’assassinio quale strumento principe della resistenza: anche per l’esiguità degli apporti di tutti i Maquis alla sconfitta del Reich. Vedremo un eccidio ‘proletario’ che Palmiro Togliatti disapprovò.

Forse, non sempre, le ricerche degli storici stranieri sono alquanto meno segnate dalle posizioni ideologiche. Uno di essi, Michael Foot docente all’University College di Londra, pubblicò nel 2009 un libro Divided Country (“Fratture d’Italia” nella traduzione italiana) specificamente concentrato sulla memoria divisa, cioè sulle contrapposizioni della memoria “da Caporetto al G8 di Genova”. Una delle idee-forza del libro è: “Molti di quanti per le rappresaglie persero parenti o amici accusano i partigiani di avere provocato i massacri, di non essere stati in grado di proteggere le popolazioni, di non essersi consegnati per risparmiare queste ultime. Pertanto la responsabilità delle stragi, benché perpetrate da truppe tedesche, era dei partigiani che avevano compiuto attacchi inutili e scriteriati, lasciando i civili indifesi e scatenando la ferocia dei tedeschi. Queste ‘scandalose’ narrazioni si scagliano contro i tradizionali discorsi di sinistra sulla resistenza”.

Così, quanto all’eccidio alle Fosse Ardeatine, “molti romani restano convinti che i partigiani, i cui attacchi provocarono la ritorsione nazista, avrebbero potuto e dovuto consegnarsi”. Invece secondo Foot “un’intera generazione fu contaminata dalla memoria antipartigiana, nonostante i partigiani non avrebbero potuto evitare la rappresaglia consegnandosi”.

Questo “nonostante non avrebbero potuto” è fondato in quanto le SS abbiano fatto la rappresaglia immediatamente dopo l’attentato. E’ perfettamente falso ove in realtà i sicari abbiano avuto il tempo di sacrificarsi al posto degli ostaggi. La giustificazione degli attentatori è che i germanici non fecero un bando minatorio, bensì scelsero i condannati a morire, li trasportarono alle Fosse Ardeatine e li uccisero. Una giustificazione grottesca: gli attentatori erano certi che la rappresaglia ci sarebbe stata, per gli spietati precedenti nell’intera Europa occupata. Anzi avevano fatto l’attentato nella speranza che Roma, colpita da una reazione germanica molto crudele, si sollevasse. Non si sollevò.

Dunque c’è solo una differenza quantitativa tra le “spallate di Cadorna”, che produssero il grosso dei morti della Grande Guerra, e le glorie partigiane. Le une come le altre furono supreme ferocie contro l’uomo. Oggi è quasi unanime l’odio per i Grandi Criminali che condannarono a morire tanti uomini che non si curavano di Trento, di Trieste, della grandezza diplomatico-militare del Regno. Perché non dovremmo odiare coloro che imposero la loro volontà assassina, immolando tanti civili che volevano vivere, non scacciare l’invasore né i suoi alleati?

Va detto che a proposito delle Fosse Ardeatine l’autore britannico accantona scopertamente lo sforzo di imparzialità che mette a proposito di altre rappresaglie. Arriva a scrivere: “La storia della mancata consegna degli attentatori faceva parte della propaganda del Vaticano, che accusava gli antifascisti delle ritorsioni tedesche”. Ammette però: “Queste falsificazioni della storia sono legate in parte anche ai dubbi sul ruolo dei partigiani stessi, dubbi ricorrenti persino nella sinistra.” Questi dubbi sono spesso conclamati dallo stesso Foot: “Come in Spagna, i comunisti non erano restii all’eliminazione fisica degli avversari (…) La storia della resistenza diventa reale quando viene raccontata nella sua interezza, con tutti i suoi vizi”.

Il capitolo ‘Resa dei conti e Memoria’ di “Fratture d’Italia” reca come epigrafe, a pag.353, il paragrafo di uno spregevole celebratore delle ferocie partigiane, Beppe Fenoglio: “Tutti, tutti li dovete ammazzare, non uno di essi merita di meno (…) Chi quel giorno non sarà sporco di sangue fino alle ascelle, non venitemi a dire che è un buon patriota”. Foot ha dedicato la sua opera a tratti settaria “a mio zio Michael Foot”: è possibile che lo zio fosse il Foot che negli anni Sessanta fu a lungo il capo della sinistra del Labour. Il Nostro rievoca alcuni fatti del regolamento dei conti tra vincitori e vinti, dopo il 25 aprile, che dovettero entusiasmare il mite Fenoglio.

Il 28 aprile quarantatre soldati della Repubblica Sociale che si erano già arresi, sventolando bandiera bianca, furono fucilati contro il muro del cimitero di Rovetta (val Seriana). Foot descrive così la modalità di un altro fatto, a Schio, anch’esso a guerra terminata: “I partigiani trovarono in un bar il direttore del carcere dov’erano rinchiusi i prigionieri. Aveva con sé le chiavi della prigione. Fucilarono una settantina di repubblichini, che stavano per essere liberati. La strage fu criticata da Togliatti e da altri comunisti. (…) Nel settembre 1945 un processo contro gli stessi uccisori si concluse con due ergastoli e tre condanne capitali (queste ultime mai eseguite). Alcuni degli accusati erano già fuggiti in Cecoslovacchia o in Jugoslavia. Un nuovo processo si tenne a Milano nel 1952, con un ergastolo e sette condanne in contumacia. Sulla scia dell’eccidio la ‘Unità’ attaccò una parte degli assassini come ‘falsi partigiani e trotzkisti’.

Ecco la nostra conclusione: è arrivato il tempo di rifiutare l’obbligo di contestualizzare la ferocia. Basta: settanta anni di verità di regime, di verità addomesticate e di verità taciute sono troppi. Nazisti e fascisti furono spietati; spietati, in nulla migliori, furono i partigiani, soprattutto quelli che condividevano principi e metodi prima leninisti-bolscevichi, poi stalinisti. E, magari volendo contestualizzare ancora, diciamo oggi ciò che un tempo era blasfemo: la Resistenza non é stata più umana e più nobile della Grande Guerra. Entrambe furono articoli di fede per gli invasati della patria e per i settari; furono una sventura, cioè un crimine, per tutti gli altri.

A.M.C.

GIUGNO 2015

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.

In INTERNAUTA, le linee politiche convivono. Leggi il nostro manifesto.

INTERNAUTA esce ogni mese.

Clicca qui per consultare l’archivio dei singoli autori.

24 MAGGIO 1915: IL CRIMINE SI RIPETERA’ SE NON RIPUDIEREMO LE PATRIE

Cento anni fa, di questi giorni, un paio di governanti sostenuti da un monarca di retaggio militarista, sobillati dal maggiore dei nostri poeti, adulati dai patrioti e pennivendoli del Palazzo, si macchiarono del delitto assoluto: l’intervento dell’Italia nella Grande Guerra. Guerra altrui: della Serbia, dell’Austria-Ungheria, del Secondo Reich, del bellicista Sazonov che seppe plagiare lo Zar, di Poincaré il presidente francese (il più guerrafondaio di tutti), della Gran Bretagna straricca di corazzate e di colonie. Guerra di tutti, fuorché dei fanti mandati a uccidere e a morire sul Carso. Propagandisti e pennivendoli del Palazzo levarono cori assordanti: coroniamo il Risorgimento! liberiamo Trento irredenta e Trieste pazza per il Tricolore! la pace è neghittosa e molle! soprattutto: dimostriamoci stirpe guerriera, cingiamo l’elmo di Scipio!

L’anno prima molti giovani e molti intellettuali dell’Europa intera si erano inebriati della guerra, madre di eroi, vivaio di anime forti. Non il solo Gabriele d’Annunzio; innumerevoli altri spiriti invocarono il conflitto rigeneratore.

Nella Roma dell’età ferrea della Chiesa le fazioni che si contendevano il papato disseppellirono più di un pontefice defunto per processarne il cadavere, bruciarlo o farne altro scempio. Una barbarie, però non priva di moralità. Anche le spoglie di Antonio Salandra e Sidney Sonnino andrebbero riesumate e bruciate. Essi piazzarono a Londra e a Parigi i nostri morti a un prezzo (teorico) più alto di quello che il principe von Buelow, ex cancelliere germanico, era riuscito ad ottenerci da Vienna perché non entrassimo in guerra. Sarebbe giusto ci vendicassimo così anche dell’uomo del Quirinale e di Gabriele d’Annunzio (ma per quest’ultimo si può capire il perdono).

La colpa dei due ministri è invece tanto più imperdonabile in quanto dieci mesi prima il capo del governo di Madrid, Eduardo Dato, si era coperto di gloria decidendo la neutralità della Spagna. Manuel Azagna, futuro presidente della repubblica rossastra, e altri figuri del radicalismo progressista avevano tentato di compromettere il loro paese a fianco dell’Intesa: sulla menzogna che le plutodemocrazie occidentali meritassero che i fanti asturiani o andalusi morissero per loro. I conservatori di Eduardo Dato sventarono la loro trama. Col governo di Roma i truffatori anglo-francesi ebbero più fortuna. A differenza dei ministri spagnoli, sul cui impero il sole non era tramontato per secoli, i gestori del regno sabaudo erano parvenus smaniosi di ingrandimenti territoriali e di comparsate nella storia.

La guerra di Vienna e di Belgrado non avrebbe meritato di coinvolgere il mondo, Ma dietro alcune scrivanie romane si valutò che la Grande Proletaria doveva ad ogni costo farsi Potenza: guadagnando altre Alpi, conquistando sponde adriatiche di italianità inventata, più qualche scampolo di colonia in Africa, più persino un acquisto territoriale in Anatolia. Giovanni Giolitti, dominatore della politica , fece quello che poté per opporsi alla guerra, ma fu sconfitto dal Poeta soldato e mitografo, oltre che da Salandra, un Avv.Prof. nativo di Troia (Foggia), che le enciclopedie liquidano come autore di pregevoli pubblicazioni di diritto amministrativo.

Questo Carneade, prodotto di bassi giochi parlamentari, sentì di dover esaltare con una guerra gloriosa l’orgoglio dell’Italia ; cadde l’anno dopo, al primo dei rovesci militari di Cadorna (all’epoca correntemente indicato come “stratego geniale”). Quando scrisse le Memorie, Antonio Salandra non mancò di lamentare che le sue fatiche di statista non gli avessero guadagnato un titolo nobiliare. Mettetevi nei suoi panni: non vi sareste ripromessi anche voi, se aveste vinto una guerra mondiale, di disegnarvi un blasone? Fu anche per le aspirazioni nobiliari del notabile di Troia che morirono seicentomila italiani, più i corrispettivi austro-ungheresi e croati. A guerra finita le facili promesse anglo-francesi furono mantenute solo in parte. In compenso avemmo il fascismo, dunque un secondo conflitto mondiale, le città distrutte e le ferocie partigiane.

Sappiamo che gli spagnoli -con svizzeri, svedesi e norvegesi- furono pressocché soli in Europa a scampare alla Grande Guerra. Le altre nazioni, grandi o piccole, non si salvarono dall’uragano irrazionalista che uccise la pace. Alcune trovarono pretesti quasi plausibili per combattere.

Non così i grandi protagonisti, i quali furono puniti con durezza estrema. Gli imperi russo, austriaco, germanico e turco crollarono miseramente. La Gran Bretagna entrò nel conflitto come prima tra le potenze; ne uscì come seconda, destinata ad arretrare. La Francia, nel 1914 accreditata del più grosso esercito terrrestre al mondo, apparve trionfare alla Conferenza della pace; in realtà pagò con 1,5 milioni di morti (compresi africani ed asiatici), subì distruzioni gravissime e, sfinita, fu condizionata ad imporre alla Germania una pace punitiva, fatta per non durare; infatti nel maggio 1940 fu annientata dal Reich. La Francia non ritroverà più il rango di prima del 1914.

La Russia fu dilaniata dalla rivoluzione e dovè affrontare le terribili prove della WW2. Nel 1919 gli USA si trovarono primi al mondo, però inetti sia a esercitare il primato, sia a tradurre in realtà gli elementi nuovi che avrebbero potuto seguire al loro irrompere sulla scena mondiale.

Alla Grande Guerra seguì non la pace ma un malsano armistizio ventennale. Il cataclisma che verrà dopo l’armistizio porterà alle conseguenze estreme tutte le negatività scatenate nel 1914, quando il mondo egemonizzato dall’Occidente rovinò irresistibilmente. Le cause della conflagrazione sono state elencate a centinaia. Ma non si insisterà abbastanza sul prorompere degli irrazionalismi, sul tedio della pace, sulle suggestioni romantiche, sullo scontro dei patriottismi assassini. E non si insisterà abbastanza sulla rassegnazione dei popoli: accettano che i destini e le vite stesse degli uomini appartengano non agli individui ma ai governi e ad altri poteri.

Ci saranno guerre finché non sarà abbattuto l’assioma che questo o quel tipo di collettività detenga ipoteca sulla vita dei cittadini, dei seguaci, di altri ostaggi. Ci saranno guerre fino a quando gli individui non si proclameranno superiori alle patrie, alle cause, alle fedi. Nel 1914 e nel secolo che è seguito la non-sovranità degli uomini sulla propria vita ha consentito a innumerevoli Salandra, Sonnino e teste coronate di esercitare il loro miserabile potere, tra le adulazioni dei giornalisti e dei pennivendoli di palazzo. Cento anni fa, da noi, si chiamarono soprattutto Luigi Albertini, Luigi Barzini, Ugo Oietti. Oggi sono le Grandi Firme che inneggiano ai Consigli supremi di difesa, che esaltano le glorie e gli Altari della patria, che vorrebbero spedizioni contro Putin e l’Islam, che vaticinano sul campo dell’atlantismo e della modernità le smaglianti fortune che additarono i loro omologhi del 1915.

Sento il dovere di precisare che venero la memoria dei combattenti sacrificati allora: cominciando da un padre capitano dei mitraglieri, tre volte ferito sul Carso. Più ancora, ammiro senza riserve il nonno di mia moglie, i cui ideali erano opposti ai miei: per coerenza di avversario del pacifismo giolittiano si dimise da prefetto e quando la guerra arrivò partì soldato semplice volontario (egli che era stato ufficiale dei bersaglieri), senza salutare moglie e figli. Morì giorni dopo in trincea.

A.M.Calderazzi

CHE FATICA COMBATTERE COPERNICO A DIFESA DEL SILVIOCENTRISMO D’ANTAN

Si consoli Angelo Panebianco: capitò anche a giganti del pensiero quali Martin Lutero (in sottordine, anche a Filippo Melantone) e a padreterni dell’astronomia come Tycho Brahe, di respingere la svolta eliocentrica di Copernico. Col tempo, e col sostegno delle conquiste di Keplero, Galileo e Newton, il grande polacco trionfò. Oggi, nel suo areòpago celeste, Copernico ha la soddisfazione di dare il suo nome a tutte le scoperte, teorie e prospettive che capovolgono ogni concezione precedente.

Non per questo Lutero e Tycho Brahe devono sentirsi umiliati per sempre. Lo stesso Panebianco non si disperi. E’ vero, a lungo ha creduto che il firmamento ruotasse attorno alla Terra, dunque attorno all’Uomo; che perciò il centro dell’universo fosse un magnate di Arcore, palazzinaro-pubblicitario prima, televisivo poi, infine statista incline alle orge con le menadi. Oggi che la comunità scientifica respinge il silviocentrismo, Panebianco sente la necessità di additare al monarca spodestato una nuova ragion d’essere. Tutto bene: però nel suo interesse si discosti dalla linea di pensiero enunciata il 13 maggio coll’editoriale cui il Corriere della Sera ha dato il titolo “Il destino bloccato di un partito”.

Panebianco esordisce con impeccabile buonsenso. “La debacle di Berlusconi nel Trentino conferma che, in assenza di un’opposizione credibile, Matteo Renzi sarà per molto tempo imbattibile. Il punto decisivo è naturalmente lo stato comatoso di Forza Italia. Un partito in cui il declino del carisma del fondatore ha aperto la strada a una miriade di conflitti tra notabili che si disputano pezzi di eredità; un partito che non è più in grado di attrarre gli elettori di centrodestra”.

Il ragionamento di Panebianco si fa meno cristallino quando afferma che Forza Italia è al momento “un partito bloccato, non può vivere né con, né senza Berlusconi. Lui è il fondatore, e solo lui può decidere se e quando tirarsi fuori. Anche perché, pur essendo la stella di Berlusconi offuscata, egli resta comunque l’unico leader che possa ancora far presa su settori dell’elettorato conservatore: qualcuno che riesca a prenderne il posto non è ancora emerso”.

Panebianco si fa ancora più tolemaico (per i giovanissimi= geocentrico ossia anticopernicano) quando statuisce: “Ma poiché Berlusconi resta nonostante tutto molte spanne al di sopra degli altri politici di centrodestra, egli sembra il solo ancora capace di intuizioni giuste”. Questo ci sembra ragionare da vecchio gregario del Cagliostro fininvest; quale è comunque l’ultima delle intuizioni fulminanti? Risposta: “dar vita a un partito repubblicano ispirato ai conservatori americani”. Ohibò.

Tuttavia il Nostro ammette che occorre anche rinnovare le idee: “Ha ragione probabilmente Antonio Martino a proporre una piattaforma centrata sulla flat tax : il prelievo fiscale dovrebbe essere una percentuale ‘x’ uguale per tutti, tolta la fascia dei più poveri, esentati dalle tasse”. Per la verità il professore nostalgico dell’arcorecentrismo riconosce: “Se fosse davvero adottata, la flat tax accentuerebbe le diseguaglianze; però innescherebbe una crescita economica vigorosa, forse anche nel tempo spettacolare”. Insomma: “C’è un ampio elettorato di centrodestra che può essere riconquistato se gli si presentano nuovi leader e nuove idee”.

E’ un paio di secoli che la ‘nuova idea’ della flat tax seduce gli zeloti del liberismo. Non è nemmeno escluso del tutto che, se la fascia degli esenti totali fosse fatta molto larga, tipo compassionate conservatism, il risultato potrebbe piacere per così dire alle masse. Però non sembra facile che Martino & Panebianco guadagnino il padronato più dinamico (=vocato agli investimenti) alla prospettiva di elargire sgravi fiscali alla plebe, pur di abolire la progressività. La rivoluzione della flat tax appare un’opera di lena abbastanza lunga da non poter beneficare né Martino né Berlusconi; laddove le geremiadi di Panebianco ineriscono all’immediato, a quella sortita dal castello assediato che salvi la guarnigione conservatrice e rimetta sul trono il deposto Silvio, prima che superi i 90 e passa.

Insomma la pensata di Antonio Martino potrebbe in astratto operare un mezzo miracolo. Però suggeriamo di perdere l’abitudine di collocare l’ex-Cav “molte spanne al di sopra di altri politici di centrodestra”. Era una valutazione sbagliata, oggi fa ridere più di prima. Le Borse si impennerebbero se Silvio entrasse in convento.

Porfirio

RENZI ABBASTANZA BENE COSI’, MA TASSI DURAMENTE LE MEDIE E GRANDI EREDITA’

Premessa: quelli della sinistra Pd fanno venire l’orticaria seria. Hanno quasi tutti i difetti. Fissati con gli evanescenti ricordi dell’operaismo, però oggi fautori della conservazione e dell’ordine costituito. Onusti di glorie proletarie si sono innamorati perdutamente della plutodemocrazia liberale, e in più si abbarbicano come rampicanti alle regole del mercato. Inflessibili sui principi etici, però di fatto sono disponibili ad ogni compromesso.

Soprattutto, la loro mentalità è talmente vecchia da incartapecorire tutto ciò che toccano. Sarà salutare quando usciranno di scena. L’elettorato giovane li sta sospingendo fuori con sufficiente successo: in mancanza di fatti nuovi c’è da pensare che le nuove generazioni sempre più estrometteranno tutte le Rosy Bindi.

Tuttavia Matteo Renzi qualche atto potrebbe compierlo che ricordi l’antica milizia popolare del partito che ha fatto suo. Qualche atto che ne contrasti alquanto la mutazione genetica. La minoranza Pd fa ridere come ultima schiera di difensori del popolo. Tuttavia la questione sociale non è sparita, anche se ogni tornitore che lo voglia fa vacanze a Ibiza.

Per esempio una legge Renzi potrebbe porre limiti severi alla trasmissione ereditaria delle proprietà. Il manuale di scienza delle finanze del liberale Luigi Einaudi diceva all’incirca: “Non pervenga al nipote (oppure: al pronipote) la proprietà del nonno”. Cioè, bastino due-tre passaggi in linea diretta perché i beni possano essere avocati. Chi scrive ricorda il precetto di Luigi Einaudi, non la sua dimostrazione.

Però essa è intuitiva. Il nipote può aspirare a ereditare, oltre determinati limiti, i beni del nonno solo se abbia lavorato in posizioni di responsabilità nell’azienda dell’ascendente, contribuendo in modo significativo alla sua formazione o prosperità. Ove faccia un altro mestiere, oppure viva di rendita, la trasmissione ereditaria gratuita non si giustifica; va meritata con sforzo e con sacrificio economico. Non ha senso che persino un figlio riceva, quasi tutto gratis.

Ecco, una legge Renzi potrebbe realizzare una larga opera di giustizia, mortificando il privilegio e premiando solo quanti uniscono la propria attività lavorativa a quella del padre, del nonno e, assai meno, a quella di ascendenti più lontani. La nascita non dovrebbe privilegiare. La via maestra a questo fine è il ripristino più o meno maggiorato delle imposte di successione. Nel caso delle grandi fortune, il loro appesantimento dovrebbe essere importante.

Nella misura in cui la nostra Carta costituzionale incoraggia l’attività economica individuale (art.41:”è libera”) e la proprietà privata (art. 42: “è riconosciuta e garantita dalla legge”), la nostra Carta va emendata. Peraltro l’art.23 (“Nessuna prestazione

personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge”) chiaramente contempla, nei modi di legge, la cessione di parte del patrimonio alla collettività. Specificamente il IV comma dell’art.42 stabilisce al di là di ogni dubbio “i diritti dello Stato sulle eredità”: pertanto tali diritti possono essere aumentati, anche fortemente. Per una volta la Costituzione va rafforzata, invece che corretta.

Negli ultimi settant’anni quasi tutte le posizioni e i sentimenti di giustizia sociale sono stati sacrificati sull’altare del buon senso e delle ragioni del mercato. Pur di non pregiudicare il Pil, poco è stato fatto per raddrizzare gli equilibri. Ma oggi il Pil è meno sacro. Molte illusioni sono cadute, il fatturato non genera felicità. Non si vede perchè non potrebbe essere rallentata l’ossessiva accumulazione di ricchezza che ha caratterizzato l’ultimo settantennio.

Gli anni dopo il secondo conflitto mondiale furono contraddistinti in Gran Bretagna -il terzo dei Grandi usciti vittoriosi- dall’aggressione del Fisco sulle grandi proprietà, forse soprattutto immobiliari. E il Labour si trovò a gestire il paese, con tutte le glorie guerresche di Winston Churchill. Anche in Italia il ceto dei redditieri ebbe a lamentare brevemente che il fisco avocava le proprietà nel giro di due-tre passaggi successori. Non fu proprio così; le grandi proprietà rimasero. Tuttavia più in là il colpo di mano di un premier miliardario sulle imposte di successione dette alle classi ricche ogni possibile riparo contro un prelievo fiscale che fosse compatibile con una società tendenzialmente socialdemocratica come la nostra.

Ora i tempi maturano per un’ulteriore riduzione alla troppo generosa protezione che la politica e il diritto elargiscono al privilegio della nascita. Non ci sarebbe niente di irragionevole se una nuova legge sulle successioni fissasse un limite p.es. di 5 milioni alle eredità che si possono ricevere quasi gratis mortis causa. Un altro scaglione, magari uguale, potrebbe essere ereditato con un modesto sconto sui valori di mercato. Il resto dell’eredità andrebbe a beneficio di un fondo di perequazione a favore dei miseri, sia di casa nostra, sia di un certo numero di società povere del mondo.

amc