THE SHAME OF AMERICA

Over Spring Break in Florida, a young college co-ed lay unconscious on the beach. She was then gang raped in broad daylight, watched by hundreds of male and female college students—who did absolutely nothing to help this defenseless young lady. Not a single college student even called the police. This is an atrocity—and every observer that day participated in it. It is a shame they must live with for the rest of their lives. And it is a shame America must live with as well..

This is a parable about what happens when sexual mores are thrown to the wind, and sex ceases to be a sacred act between a husband and wife; when faith lapses; when Judaeo-Christian morality is dispensed with. Then the unthinkable occurs. Sodom and Gomorrah rise from the ashes and pollute man, woman, and city . That this publically sanctioned rape occurred in the Bible Belt testifies to the ineffectuality, if not the demise, of Christianity.

What has happened is that we have placed a premium on Movies, Internet, Cell Phones, Sports, Reality TV, boxing, wrestling, and Mixed Martial Arts, while at the same time allowing the Judaeo-Christian faith to take a back seat. How many Christian families do you know that read Scripture together and pray together? I don’t know any. The number of skeptics (19%) now equals the number of people who pray four or more times a week. That bodes ill for our future. Our faith, which has helped make western culture the envy of the world, is now imperiled. And the US is among the most “religious” of nations, too.

There are many reasons why Christianity no longer influences: corporations are open seven days a week; the hypocrisy of right-wing “Christian” Republicans, who care more about profit than about people; the lack of study of the Bible in school; the absurdity of the fundamentalist’s anti-science campaign; the sway of the MI-Complex; a general lack of literacy; the arrogance of youth; a sensationalist, often anti-Christian bias in the media (Huffington, for example); a church generally anti-intellectual; et al.

For all these reasons and more, our culture has lost its moral compass and its spiritual ties to God. Daily we witness unthinkably horrible crimes unheard of a generation ago. Families are being rent apart by poverty amidst class oppression, intolerance, and prejudice. Police brutality and racism are commonplace. The black family today is virtually non-existent. 79% of juveniles in prison now are young black men. Civility is only a memory. The people à la Lincoln no longer rule, but the richest 1%, who care only about enriching themselves. Instead of JFK’s “What can you do for your country”, we have the Hobbesian “every man against his brother”—the natural

result of abandoning Christianity and worshipping Mammon, sensuality, power, looks, and fame.

Long ago this decline was predicted—eg, by Toynbee and Spengler and Sorokin. Toynbee and Sorokin wrote about this 50 years ago or more. They believe that only a religious awakening can halt our cultural degeneration and promote reason, goodness, and a love of truth. The time is ripe for it, but who is there today who can start a culturally effective Awakening, which at the same time emphasizes and utilizes reason and science? For the sake of our culture, he or she had better step forward soon. Our nation has entered into another Civil War—and our nation’s future hangs in the balance.

Len Sive Jr.

SEX IN THE TWENTY-FIRST CENTURY

My hypothesis has proven true.

The wrenching of sex out of its life- and biblical-context, as conservative as that may sound, is, I believe, nevertheless the correct view in the diagnosis and therapy of our culture’s obsession with sex. Our cultural separation of sex from its natural context of marriage has weakened our culture intellectually and spiritually. The violation of this God-given understanding of the nature and reality of sex has caused untold damage to countless numbers of people, has fueled a sex trade and sex-slavery, driven the divorce rate sky-high, led to an epidemic of college and high school rapes, including by teachers both male and female, left countless numbers of people dissatisfied sexually, and cheapened an inestimably valuable gift from God which ought to bring two people together in rarified physical intimacy. And—it is the means by which we establish a family, which is, or ought to be, the most valued aspect of our sensate Life.

In my research, I focused on two questions: How does the Internet contribute to our sexual malaise? and Is there a remedy for our sexual malaise?

The first question, for me, has a clear answer: the Internet promotes sexuality apart from marriage simply by offering a surfer an infinite number of sex websites, which are predicated upon separating flesh from spirit, pleasure from commitment, and the “I” from the “We” in marriage. Through video and photo, sex is treated as a thing-in-itself rather than as an act embedded in an emotional and spiritual context apart from which sex becomes superficial, obsessive, and tragic in its manifestations. But the media too—all of which maintain an Internet presence—are obsessed with sex and the body. It is impossible today to find media which refuse to cater to sexuality. As a consequence, kids are caught up in sex in a deeply harmful way. It is this omnipresent sexuality in our culture that fuels child porn, sex-slavery, inappropriate teacher-student relationships, and a general confusion today about what the function of sex is in human society.

This trend began more visibly with Kinsey in the 50’s, the women’s movement in the 60’s, the hippie/counterculture in the 60’s and 70’s, the cultural acceptance of a couple living together unmarried from the 60’s, the sexualization of the media (talk shows, reality TV, etc) from the late 70’s, the gay/lesbian revolution in the late 20th and the beginning of the 21st centuries, the ordination of clergy who are not celibate (if single) in the 90’s, and a general hyper-sexualized social media-aided culture created, and fed, by the Internet since its inception.

I wrote an article last year about how even in some elementary schools inappropriate discussions of a person’s sexuality have entered into their education. (For example, asking a student in class what kind of sex he or she has engaged in.) Indeed, sex is now so generally pervasive in society, and so ubiquitous in all the media, that one hardly questions its presence.

Sex in context is, as I see it, so clearly the issue that I am in wonder that this fact hasn’t completely permeated society. In my researches, the lack of context meant that the couple could not truly appreciate the sex act. What are some of the factors that make up context? Age, marital status, personality, and religion.

Age: Sex in the modern world is not meant for young people. Marital status: Sex is meant for people who are married, i.e., are in a committed, life-long relationship. Personality: Sex depends on people who are mature; who are sensitive, caring, and giving. Sex is meant to be one of many factors in our development as a human being. The sexual act is meant to be the cement to bind the two more closely together. It was never meant to be the essence, or the entirety, of the relationship; it only assists the relationship. All true relationships are founded on depth of personality, including depth of intellect—something our culture despises. Religion: It ought to sanctify sex rather than, so often, condemn it. God created us as (inter alia) sexual beings. But—in context, as only one factor in human life and personality.

This in-context is particularly important in the black community, where single-parent households are the overwhelming parental model. It is an issue the black community continues to ignore, with tragic results. One-third of all black men will have spent time in jail during their lifetime; 58% of juveniles sentenced to prison are black. That this isn’t taken up as a crusade by the black church is simply incomprehensible.

Ironically, blacks are willfully doing to their culture what Southern slave owners did. In the 1800’s in the South, relationships were interfered with on a massive scale, by owners raping their female slaves, having mistresses, or just breaking up the family and/or relationships for economic or punitive reasons.

There is so much domestic violence in society in part because of our emphasis on sexuality. People come together for sex rather than out of an interest in personality. Hence the relationship lacks one or more of the key factors mentioned above. But without these factors the relationship can’t be put on a mature footing. A major reason I undertook to research and write this article is because I feel that an easy attitude towards sex also makes violence more prevalent, a hypothesis I can’t, however, prove. Still. Statistics can be compelling. 1 in 10 men and 3 in 10 women were raped last year. 1 in 3 female homicides are by a current or former partner. Children who come from families where there is violence suffer abuse or neglect at high rates (30-60%). Boys who witness or themselves have suffered from violence become abusers themselves. Half of all men and women have experienced psychological aggression. Parents and relatives are hurting our young today, scaring them physically, mentally, and emotionally, because the parent(s) should never have had a child in the first place. The low graduation rates from high school, let alone college, also contribute to this malaise of emotionally scarred/immature kids having kids, whom they in turn scar. It is a serious social problem. Can we fix it?

Most people who read this article will be scornful—and dismissive— of my conclusions. Some may even say “It isn’t possible to be celibate before marriage; it’s not part of human nature.” But if one’s faith is sincere, if one wants to change one’s behavior, and if one believes that chastity before marriage is vitally important both for the couple and for society-at-large, then I believe one will be enabled to be chaste.

Unfortunately, our society no longer values marriage, fidelity, chastity, purity of heart and mind, or the intellectual or cultural life—and yet these factors are absolutely essential, in my opinion, to having a happy, fulfilled, committed marital relationship. In vain will one search for these things on TV or in the movies. All one has to do is turn to Fox or Huffington or

“celebrity” web-sites to see how cheapened sex has become (along with the news, one might add). They can’t let a single day go by without bringing in sex somehow. “Sex sells.” Yes, unfortunately it does, to the detriment of society.

God created sex to be part of a life-long, committed relationship, which is meant to be mature, giving, and forgiving. The relationship ideally should also have an intellectual component (since only humans have reason in the degree that we do); this strengthens the relationship, deepens it, and provides different venues for conversation. It is a component which our society never mentions, even though it is one of the strongest ties binding two people together. Ideas matter. Period.

The only way that I see for society to move beyond its sex obsession as well as its penchant for domestic violence is for a return to (intelligent, compassionate, wise) religion. This will not strike many people as very progressive, I’m afraid. It is, however—like it or not—the foundation of our western morality. It is also the only thing which I am aware of that can make us alter our life’s path, and bring to our souls the depth and height of God’s love by which lives are changed.

Christ promised those who believed in his name that we can become new creatures. If our society is to be redeemed—to reduce rape, sexual slavery, promiscuity, not to mention aggression (physical and psychological), domestic violence, crime, etc.,–I believe that only the fullness of religious conversion can remake us in His image. With God, all things are possible. Man sins, but God redeems, and glorifies.

Len Sive Jr.

NON AMAVA LA PSEUDODEMOCRAZIA LEE KUANYEW IL CAVOUR ASIATICO

A Lee, il padre-padrone di Singapore morto giorni fa novantaduenne, si attribuisce una formula secondo cui la democrazia non giova allo sviluppo economico. Di sviluppo Lee si intendeva, avendo inventato Singapore non solo come città-Stato insolitamente ben gestita in termini di efficienza, ma anche come turbina generatrice di reddito. E’ una delle Tigri asiatiche, seconda per reddito pro capite solo al Giappone. Tenendo anche conto che Lee era di etnia cinese, forse si può pure dire che abbia mostrato la via alla Cina, brillante operatrice di progresso produttivo senza democrazia. E’ lecito ipotizzare che mai Pechino avrebbe realizzato i suoi conseguimenti se si fosse consegnata al parlamentarismo, alla partitocrazia e ai ludi sindacali.

Il presidente Obama aveva definito Lee “una figura leggendaria nella prospettiva di due secoli”. In effetti, sulla scena asiatica era stato una specie di Camillo Benso di Cavour, il quale su una scena europea dominata da quattro grandi imperi aveva svolto un ruolo di statista ben superiore alla dimensione del regno di Sardegna.

C’è stata poca democrazia nelle opere e nei giorni di 02Lee Kuanyew. Rampollo di una famiglia cinese ricca, poi caduta in bassa fortuna, aveva avuto inizi politici difficili: per esempio era fallito un progetto per cui si era molto speso, l’integrazione tra Singapore e i paesi malaysiani. Poi aveva collezionato soprattutto successi, non solo economici. Vinse sette elezioni generali, e in quattro di esse il suo partito (PAP) ottenne tutti i seggi. Con 31 anni da Premier, il suo era stato il mandato di governo più lungo della storia. Poco dopo essersi ritirato aveva messo come primo ministro il figlio, brigadier generale Lee Hsienloong; e il figlio lo aveva proclamato ‘Minister Mentor’, in pratica Tutore del governo. Di fatto una canonizzazione moderna. E’ chiaro che avrebbe potuto farsi Re del più prospero degli Stati del Sud Est asiatico.

Caratteristico del paternalismo energico di Singapore che il codice penale contempli in grande il caning, le punizioni corporali ereditate dal regime coloniale britannico. Conosciamo il numero di esse eseguite in un anno recente (quasi 6500). Come negare la logica della punizione corporale -in gioventù sofferta senza drammi dallo stesso Padre della patria- quando esse scongiurano la detenzione: lunga, costosa e devastatrice?

Il pensiero politico-economico di Lee, oggi impartito anche oltreconfine da un’apposita fondazione e Scuola superiore, è di fatto un maoismo nazional-liberista, i cui insegnamenti sono stati senza dubbio più efficaci dei precetti del Grande Timoniere. Si ripropone così l’interrogativo: la Cina sarebbe diventata la maggiore economia del pianeta se Deng

Xiaoping, oltre a ripudiare la rivoluzione permanente e culturale di Mao, avesse introdotto nell’Impero di Mezzo la plutodemocrazia all’occidentale, partiti elettoralismo diritti tangenti? E la Spagna avrebbe avuto la modernizzazione degli anni Venti -case popolari, un inizio di Welfare (strade, canali, Paradores, industrie)- se Miguel Primo de Rivera non fosse stato Dictador filosocialista fino al 1930?

Anthony Cobeinsy

PUTIN’S EVIL AND THE COMPLICITY OF THE CHURCH

“No man can serve two masters. Either you will hate the one and love the other, or you will be devoted to the one and despise the other.” (Mt. 6:24)

Putin ordered the hit on Nemtsov as he has done on seven others: Paul Khlebnikov, Alexander Litvinenko, Boris Berezovsky, Anna Politkovskaya, Natalya Estemirova, Anastasiya Baburova, Stanislav Markelov. Putin, the leader of one of the most powerful nations in the world, is nothing but a serial killer. He would have done Stalin proud as a KGB-politician where reason, commonsense, honesty, incorruptibility and freedom of speech are eschewed for the more brutal political arts of deception, corruption, dishonesty, propaganda, and murder. It is baggage Russians just can’t seem to get rid of. From its founding under Peter the Great to the present day, Christian morality has had little or nothing to do with Russian governance. Power alone is worshipped. Truth, Goodness, Wisdom, Temperance, Simplicity—these have had no influence on Russian life whatsoever. The only honest leader Russia has seen in many centuries was himself a victim of these evil forces—Mikhail Gorbachev.

The root problem is the Orthodox Church. Historically, it has made a pact with the devil. The Kremlin says “Don’t enter politics, and as a reward we’ll let you continue to hold your (poorly) attended services. Just don’t mix politics and religion—and your future will be secure .” To which the hierarchy of the Russian Orthodox Church, historically, has willingly and obediently responded with an enthusiastic Yes! And so, in exchange for a bit of earthly power, the Russian Orthodox Church has closed its eyes to oppression, corruption, cruelty, dishonesty, and murderous domestic and foreign policies. Instead of allowing religion to change the hearts of men, so that a new society can emerge, one devoted to the entire nation’s spiritual and material well-being, it has allowed evil to flourish, mistakenly thinking that its true power comes from man and not from God.

Without strict morality, no government—or church—can lead its people well and truly. We in America like to point fingers at other countries or leaders while ignoring the overwhelming stench of corruption everywhere present. The Republican Party, for example, is brazenly corrupt, being nothing but the hand-maiden of the 1% richest in the land. (As one example, it has sided with Corporate America in its campaign against the idea of climate change, so corporations won’t have to spend money to eliminate pollution. The welfare of the US and the world counts for nothing here. Naturally the biggest polluters reward their servants handsomely come re-election time. And so it goes in American politics.) Moreover, the only religion that seems to gain adherents today in America is the religion of complicity with evil, the religion of gross ignorance, and the religion that talks of Christ but in practice embraces the (d)evil in the guise of Avarice, which issues into mere Power—power to serve the richest 1%.

Russia, situated as she is between the East and West, could have proved to be inestimably powerful in a good way as a mediating force between two different, and often competing, world-views. Instead, her rulers—evil almost to a man (or woman)—have thought only in terms of increasing their own mundane power and wealth. Sadly, the Russian Orthodox Church could have played a world-historic role in Russia as the guarantor of Virtue and Wisdom, with all that that implies politically. Instead, it sold its soul to the devil for a handshake and little more.

Len Sive Jr.

CORE REPUBLICAN PARTY VALUES: RACISM, ENVIRONMENTAL DISASTER, AND CORRUPTION

No one has asked the obvious question about the fraternity at U of Oklahoma. And that is: What are these fraternity boys’ parents’ political affiliation? I would bet that the overwhelming percentage are Republican, perhaps even all of them.

We have seen in the rise of extreme right-wing Republicanism a racism, a cultural insensitivity, a boorishness, an anti-intellectualism, a shameful dishonesty, and moral turpitude that I have not seen in my life-time. This fraternity, Sigma Alpha Epsilon, was displaying (proudly until caught) the same ignominious behavior they have always shown. What’s shocking is the fraternity’s feigned “ shock” as well as that of their parents. Ask how many blacks are in SAE.

The Republican Party is the reversal of the party’s Civil War heritage, when it was the Democratic Party that was racist. But given that change of party stance, the racism of 1861 hasn’t changed from that day to this. Even the selling of firearms has a racist element—to protect oneself from the black man, just like in the 1800’s.

47 Republican Senators wrote a letter blatantly interfering with US foreign policy, the Obama Administration’s sensitive nuclear negotiations with Iran—an unprecedented interference! These shameless morons are like the neighborhood bully, picking fights with whomever, and wherever, they want. Republicans are far-left radicals in that they are heedless of tradition, commonsense, reason, and protocol. Like SAE, these senators believe they have the right to do whatever they wish. It is what I call the 1% hubris factor. The richest 1% in the country think that they control Everything….And they just about do.

The same obtuseness, intellectual and moral, can be seen in the 1%ers denying climate change, or severe and lasting ecological damage through fracking et. al. oil/gas production methods and delivery systems. Is it just a coincidence that OK is a big oil producing state?

Just as in almost every other country historically, today we exhibit an “optimates” vs “Populares” division in society. Class divisions and antagonisms were some of the reasons Rome fell. The Republican Party, on all fronts, is leading America to outer ruin as well, through class divisions, the death of the middle class, through ceaseless wars that only enrich the 1% (Military-Industrial Complex) and through inner dissolution from corruption, graft, and favoritism, along with a shameless anti-intellectualism and a massive racism. As I have written many times before, this is our New Civil War. But this time there’s no Lincoln to rely upon to guide us through.

Len Sive Jr,

Prospettiva Nevskij

E cosi, mentre il vento, come ai tempi di Battiato, continua a soffiare a 30 gradi sotto zero, incontrastato sulle piazze vuote e contro i campanili, passeggio sulla prospettiva Nevskij; ma invece di Igor Stravinskij per caso incontro un uomo russo in tuta mimetica militare che mi porge un foglietto bianco e mi dice con aria energica: “Aiuta la nuova Russia!”. Avendogli chiesto ulteriori dettagli, per prima cosa insiste perché ci presentiamo l’uno all’altro. Sergej comincia a spiegarmi che in Ucraina gli americani hanno organizzato un ennesimo colpo di stato e che è diritto della Russia di riprendersi i suoi territori, popolati da russi: la nuova Russia, comincio a capire, non è affatto in territorio russo. Lo ascolto.

 

LA NATO

Qui in Russia le idee sono chiare: gli americani cercano di estendere il loro dominio del mondo attraverso la NATO. Dopo la promessa fatta alla Russia agli inizi degli anni 90, di non allagare l’alleanza atlantica al vecchio blocco sovietico, la NATO ha ingoiato Repubblica ceca Ungheria e Polonia nel ’99, nel 2004 è la volta di Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovenia e Slovacchia, nel 2009 di Albania e Croazia. Georgia e Ukraina, teatri delle cosiddette rivoluzioni colorate sono le prossime nella lista. La giusta obiezione che si può fare è che ogni stato libero è libero di aderire a qualsivoglia organizzazione. In principio è un discorso giustissimo, ma per accedere alla NATO bisogna essere invitati dalla NATO. L’iniziativa dello stato aderente non compare proprio nella procedura se non in senso negativo, per un possibile(?) rifiuto ad aderire. L’articolo 10 del Trattato nato dice :”The Parties may, by unanimous agreement, invite any other European State in a position to further the principles of this Treaty and to contribute to the security of the North Atlantic area to accede to this Treaty. Any State so invited may become a Party to the Treaty by depositing its instrument of accession with the Government of the United States of America. The Government of the United States of America will inform each of the Parties of the deposit of each such instrument of accession.”

La NATO, attraverso il diretto patrocinio del Governo degli USA, sceglie con cura chi conviene o non conviene avere come membro in un determinato momento.  Si noti poi che la volontà popolare non è affatto chiamata in causa, attraverso un referendum per esempio. Ebbene la versione russa, che Sergej ormai mi racconta infervorato, è che Yanukovich, ex presidente ucraino filorusso, sia stato scalzato da una piazza finanziata dagli americani, proprio perché non ha accettato l’invito americano di avvicinarsi, tramite l’UE, all’Alleanza Atlantica. Questa versione, che vorrebbe lo zampino americano dietro ogni avvenimento in territorio ex-sovietico è un po’ troppo azzardata? Probabilmente si. E’ però un fatto abbastanza singolare che l’Ucraina abbia, dopo la protesta di piazza Maidan e il rovesciamento di Yanukovich, un ministro delle finanze americano di (lontane) origini ucraine. Nata e cresciuta in America, con master ad Harvard e una carriera al Dipartimento di Stato, si chiama Natalie Jaresko.

 

Il kosovo

Dopodiché, da buon russo patriota qual è, Sergei tira fuori il Kosovo. Come si sa il Kosovo, provincia autonoma, parte della Serbia durante l’epoca comunista iugoslava, a maggioranza albanese, è stata la miccia delle guerre balcaniche. Milosevic, leader del partito comunista serbo, usa la leva etnica della protezione della minoranza serba per far crollare il castello di carte iugoslavo. La NATO si precipita a difendere il Kosovo attaccato dalla Serbia. Bombe su Belgrado. La risoluzione 1244 dell’ONU ne delimita i confini politici: il Kosovo resta parte delle nuova Serbia, ma protetta da forze NATO che ne garantiscono la sicurezza. La neutralità del Kosovo piacque alla Russia che firmo e avvallo la risoluzione ma non all’America che ha sempre sostenuto l’indipendenza del Kosovo; l’ingresso del Kosovo nella NATO è stato più volte caldeggiato, negli ultimi anni, da Hillary Clinton. E’ bene sapere poi che il neutro Kosovo, salvato dalle bombe NATO ospita ora la più grande base militare americana in Europa, Camp Bondsteel, strategicamente posizionata tra baltici e medio oriente. Si legga più approfonditamente l’analisi dell’istituto canadese Global Research[1]. Chissà che la Crimea, una volta salvata dalle bombe NATO dall’aggressione russa, non possa ospitare una base ancora più grande e ancora più strategicamente piazzata? Sergej non ha dubbi. “Vogliono metterci i tank  e i missili alle porte di casa”

 

Non contro l’Europa ma contro l’America

“L’orso russo non disturba nessuno: si difende” Sergei cita il suo presidente con aria ossequiosa. Putin ama parlare dell’orso russo, pacifico ma forte, padrone indiscusso della sua taiga, attaccato da tutti. “La NATO vuole incatenare l’orsetto e poi strappargli i denti, e gli artigli” continua.

Nonostante la metafora dell’orsetto, viste le mie resistenze a fornire direttamente denaro agli “eroi” di Donbass, Sergei con tono sempre più amichevole mi fa vedere che sul foglietto ci sono dei siti internet, dove posso leggere e capire meglio. Gli prometto che darò un’occhiata. Lui raggiante di aver chiacchierato con un europeo, mi regala due bustine di te.

Questo è quello che ho scoperto: sul sito interbrigada.org, qualsiasi utente russo può donare somme di denaro con Paypal, o carte di credito alle milizie della repubblica autonoma di Donbass, che combattono contro il governo di Kiev. Vi si trova inoltre un’intera lista di cose che possono venire imballate e spedite. Chissà perché c’è subito un’indicazione “non ci serve lo zucchero”. Segue poi un’intera lista, dai medicinali agli stivali alle vitamine B1 e B6 in fiale. Ma forse ancora più utile per toccare con mano il profondo livello di coinvolgimento è la pagina di Vkontakte ( il facebook russo) https://vk.com/spb_helpdonbass. Si evince chiaramente che il gusto, a tratti kitsch, per i carri armati e le bombe regna sovrano. Come altro si spiega la foto di un militare che tiene in braccio un missile con scritto sopra, “Per Kiev. Dalla russa con amore”.  O la foto un babbo natale a cavalcioni di un tank, che armeggia uno strano bastone tipo spada laser di Star Wars e augura a tutti un buon 2015? Ci sono poi provocatorie immagini di un edificio ucraino in fiamme e la scritta “Where is Charlie?”, un forte atto di accusa al mondo occidentale di fare terrorismi di serie A e di serie B. Insomma, tra cattivo gusto, propaganda e accenni filosofici, il sito ha più di mille utenti solo a san Pietroburgo, città russa-europea per antonomasia. E ci sono foto di scatoloni arrivati a destinazione accompagnati da facce sorridenti e scritte patriottiche per un ucraina libera dai “fascisti”. A leggere questa propaganda viene da pensare che la Russia e gli USA stiano facendo un vero braccio di ferro sulle ossa degli ucraini. E gli accordi di Minsk di pochi giorni fa, non sembrano aver cambiato molto la cornice del conflitto. Se l’Europa non fosse cosi totalmente nella sfera americana sarebbe un buon compromesso per l’Ucraina farvi parte. La Russia, in maniera meno chiassosa dell’America, (nessuno sembra  aver  proposto a Putin il Nobel per la pace) non nasconde i suoi interessi pseudo imperiali. E se gli Ucraini sono in fondo Russi, non lo sono i Lituani, gli Estoni e i Polacchi. L’Europa, pertanto, è un buon compromesso, per questo caso complicato. Volontà popolare o no e forse qualche perdita territoriale da tenere in conto, forse un libero stato Ucraino in Europa non sarebbe una cattiva idea. Ma appunto in europa, non nella NATO, come mi diceva Sergej. L’Europa non offre garanze di indipendenza dall’America. E finché sarà cosi, bypassando la retorica della taiga e dell’orsetto pacifico, è comprensibile che la Russia si difenda.

Raimondo Lanza di Trabia

[1] (http://www.globalresearch.ca/kosovo-s-mafia-state-and-camp-bondsteel-towards-a-permanent-us-military-presence-in-southeast-europe/30262).

AIUTI ALLO SVILUPPO NON STANZIAMENTI BELLICI FRONTEGGERANNO LA MINACCIA ISLAMICA

Per la sfida del terrorismo odierno, assai più estesa e più minacciosa che prima delle possenti spedizioni crociate di G W Bush, “esiste una sola soluzione definitiva. Se si destineranno agli aiuti per lo sviluppo buona parte delle spese militari del mondo industrializzato, i popoli poveri ripudieranno l’estremismo, ameranno gli americani e i loro scudieri”. Questa soluzione additata da Internauta sotto il titolo La guerra obbligatoria non esiste più potrà apparire apodittica.

Allora la dimostrazione dialettica cerchiamola in uno scritto di Emanuele Severino (Corriere della Sera, “Ma l’Occidente non ha perso”, 10 gennaio): “Al centro dei fenomeni del nostro tempo c’è la fame. Fortemente cresciuta rispetto al passato: sia per il modo in cui viene distribuita la ricchezza prodotta, sia per la crescita smisurata della popolazione mondiale. Inevitabile quindi la pressione degli affamati su chi riesce a sopravvivere. Inevitabile, anche, che si facciano avanti le forze che progettano di sfruttare a proprio vantaggio la volontà degli affamati di godere anch’essi dei beni esistenti sulla terra. Ieri la maggiore di queste forze era l’Unione Sovietica. Quel progetto è stato ereditato dall’Islam, che vede nel capitalismo e nella cultura dell’Occidente il male assoluto”.

Se il nostro filosofo ha ragione, se al centro di tutto c’è la fame, ecco argomentata la tesi di Internauta: non le guerre di G W Bush e di Obama, né quelle da ridere della ministra Pinotti, ci difenderanno dalla minaccia terroristica. E qui avanziamo un’altra asserzione apodittica: la crociata vagheggiata dalla politicante ligure (una ‘signora delle tessere’ che l’Imperioso fiorentino ha voluto al comando delle nostre temibili armate) sarebbe non più ma meno ridicola da quella che i giornalisti d’attacco esigerebbero da Obama. Infatti le guerre irakene e afghane hanno mostrato che l’Iperpotenza planetaria può fare sciocchezze tali da riabilitare un po’ una colonnella del Pd. La Casa Bianca, pur avendo ben altre responsabilità e ben altri doveri che la Pinotti, e pur avendo assai più da perdere, non fa che sbagliare dal tempo della guerra di Corea, 65 anni fa, quando cominciò a fidarsi troppo dei suoi arsenali bellici. Oggi le spedizioni di conquista USA, disumanità a parte, fanno ridere come la Pinotti non riuscirebbe.

Gli oneri, innanzitutto economici, di contrastare il terrorismo erede del ruolo antagonistico che fu dell’Urss, sono incalcolabili. I costi di capovolgere la nostra strategia, di spendere in assistenza allo sviluppo invece che in cannoni, sono invece facilmente calcolabili. Vanno conteggiati algebricamente, al netto dei lutti, dei rimorsi e degli spasmodici apprestamenti difensivi che l’Occidente ricerca di continuo, sempre più futilmente.

I combattenti fondamentalisti sono spesso feroci e anche, a volte, sprezzanti della loro stessa vita. Quanti di loro direbbero no non solo a un reddito pacifico, anche alla soddisfazione di avere costretto l’Occidente a ripudiare le Crociate?

Le migliaia di miliardi che si distogliessero dai nuovi armamenti farebbero, grazie alle tecnologie più avanzate, verdeggiare i deserti che predominano nei paesi africani ed asiatici, i paesi dell’Islam. Chi di noi saprebbe dimostrare che gli attuali nostri arsenali bellici -già costruiti, già pagati, sempre utilizzabili- sarebbero inadeguati a difenderci dai più allucinati tra gli estremisti, pratici di coltellacci e di semplici mitra, non di grandi armamenti che esigano contro-panoplie atlantiche o statunitensi sempre più costose?

A.M.C.

UCRAINA: HA UN GROTTESCO NOBEL PER LA PACE IL PIU’ GUERRAFONDAIO DI TUTTI

Con una parte delle sue azioni l’Urss meritò ampiamente di sfasciarsi alla fine del comunismo. Da quel momento l’Occidente vittorioso  fu di fatto legittimato a impadronirsi di pezzi dell’eredità sovietica. Hanno fatto così tutti gli imperi della storia.

Tuttavia c’è un carattere sinistro,  e al tempo stesso grossolano, nel tentativo di Obama di tenersi l’Ucraina, la preda più recente, grazie all’inverosimile minaccia della  terza guerra mondiale.  Washington può fare molte cose terribilmente pericolose. Non una spedizione contro la Russia. Si sa che fallirebbe come fallirono Bonaparte e Hitler. E’ finita male ogni  guerra di conquista statunitense dal conflitto di Corea in poi. Per affrontare le armate e l’arsenale nucleare di Mosca la nazione americana dovrebbe possedere lo sprezzo della vita dei kamikaze nipponici, il sinistro eroismo di quelli islamici estremi.

All’occorrenza gli americani sterminano: cominciarono a farlo in grande in Vietnam, Laos e Cambogia. Ma non sono veri duri. Nel 2013 si sono suicidati 259 militari americani in servizio. Non sono felici: un quarto dei detenuti del mondo sono nelle carceri degli USA (che fanno solo il 5% della popolazione del pianeta). E oltre certi limiti stanno attenti al loro denaro (le imprese irakena e afghana sono loro già costate 6 trilioni di dollari). Le loro installazioni atomiche hanno divorato 40.544 kmq, ma il congegno di gestione dell’Armageddon finale è temerario: per autorizzare un attacco nucleare statunitense sono sufficienti due persone.

Stando così le cose, Obama sta solo bluffando sull’Ucraina. Però non sembra avere la saggezza di dare ascolto al vecchio Henry Kissinger, che da segretario di Stato sapeva essere falco. Kissinger giudicò una scempiaggine circondare di rampe di lancio i confini europei della Russia (la scempiaggine Obama la fa, ma non l’ha avviata lui). E’ che, essendosi volontariamente condannata a caricarsi di un apparato bellico mostruoso, dimensionato sulle evenienze più inverosimili, l’America è stabilmente condizionata a cercare qualche utilizzazione per le sue forze armate. E poiché la creazione artificiale di necessità militari risulta spesso controproducente, Washington ricorre più spesso di prima alle covert operations  e alla sobillazione politica.

Ecco nello scacchiere est-europeo il susseguirsi delle Color Revolutions “per amore della libertà” (e del consumismo), tutte suscitate o fomentate da centrali quali la CIA. Hanno portato al potere numerosi fautori dell’allineamento agli USA e alla Nato. La prima di queste rivoluzioni ‘color’ abbatté in Serbia, nel 2000,  Slobodan Milosevic (per la verità non uno stinco di santo). Tre anni dopo fu la volta della rivoluzione “delle Rose” in Georgia; nel 2005 quella delle Arance in Kirghisistan (il nome si confonde con quella Arancione, tanto più importante in quanto ha dilaniato l’Ucraina).

Nella logica della nuova Guerra Fredda, tutto ciò è naturale. Ma è una logica canagliesca, sfrontatamente provocatoria. Sembrava che oltre mezzo secolo di distensione Est-Ovest avesse prodotto un gentlemen’s agreement: ciascuna superpotenza non doveva invadere la sfera storica dell’altra. Quindi, p.es. l’antica Urss non doveva seminare mine di sovversione comunista in Messico. Invece Washington,  dopo avere satellizzato gli Stati ex socialisti d’Europa e varie repubbliche asiatiche che avevano fatto parte dell’Urss, ha intrapreso la conquista dell’Ucraina, che è culla e madre della nazione russa: quanto meno dal 988, quando Vladimir il santo, ‘gran principe’ sovrano di Kiev, si fece cristiano e presto Kiev si confermò capitale di tutti i principati dell’area russo-meridionale. Vladimir fu canonizzato nel XIII secolo, ma da pagano aveva avuto varie mogli e concubine.

Washington sta semplicemente cercando di sventare il sogno di molti, di una rinascita della Russia dopo le umiliazioni di venticinque anni fa. Non che meritino ammirazione e solidarietà tutti i secoli dell’egemonia russa sugli Slavi. Una delle decisioni più criminali della storia universale fu, nel 1914, l’ordine dello zar Nicola II, plagiato dal ministro degli Esteri Sazonov, di mobilitazione generale contro Vienna e Berlino. Provocò -soprattutto in conbutta col revanscismo del francese Poincaré- due conflitti mondiali concatenati, molte decine di milioni di morti, varie grandi rivoluzioni, un susseguirsi di sismi sociali (e lo sterminio della famiglia imperiale, cominciando da Nicola).

Tuttavia la Russia è troppo centrale alla storia e alla civiltà di due continenti per non avere diritto ad asserirsi di nuovo, a 98 anni dall’avvio della fosca esperienza leninista-stalinista.

Anthony Cobeinsy

PARTITO COMUNISTA BRITANNICO: QUASI UN SECOLO DI DISFATTE DA SETTARISMO

Nessuno ovviamente si cura dei comunisti inglesi, nati nel 1920 (un anno prima di quelli italiani) come aspiranti bolscevichi e mai aggiornati. Se ne parliamo è perchè la stessa fine hanno fatto  i comunisti italiani, che pure al loro confronto sono stati dei trionfatori. Muovendo dagli eroismi partigiani e dagli assassinii gappisti, i nostri raggiunsero tutti i possibili vertici del potere, pagando però i prezzi del successo, compresa l’abiura dei suoi capi, compreso l’asservimento alla Nato. Oggi sono una ‘Ditta’ fallita, gestita nella sua grossa componente prospera, da ex democristiani.

Nella guerra civile di Spagna i comunisti britannici dettero l’impressione di fare quasi tutto loro. Nel 1920 era stato fiducioso il giudizio di Mosca sulle possibilità d’azione del marxismo in Gran Bretagna, allora il capofila mondiale del capitalismo imperialista. Nell’estate di quell’anno il primo ministro Lloyd George si diceva preparato ad affrontare nel suo paese conati di rivoluzione. Ministro della Guerra era il giovane Winston Churchill, regista e condottiero dell’intervento alleato contro i bolscevichi. Egli non faceva mistero dei suoi calcoli: si augurava che l’estrema sinistra inglese uscisse allo scoperto, così i suoi reggimenti avrebbero dissolto le illusioni di Lenin.

Se molti nelle classi dirigenti inglesi si disponevano a sostenere l’assalto sovversivo, nessuno dubitava che esso sarebbe stato respinto dal fermo consenso degli inglesi sull’assetto della loro società. Non si dimentichi che l’Impero era intatto, anzi la vittoria del 1918 l’aveva appena ingrossato con le prede coloniali strappate alla Germania e alla Turchia. In questo senso l’Establishment conosceva gli inglesi ben meglio del geniale Lenin.

E’ vero, la vittoria  era stata presto seguita da disoccupazione in massa e da recessione;  già nel 1917 si erano manifestati scoramento, segni di disfattismo, episodiche rivolte nell’Esercito, agitazioni violente nei cantieri navali della Clyde, persino uno sciopero nazionale della polizia. Un morto durante gli scontri di Liverpool aveva fatto un’impressione che non si capirebbe se non si tenesse conto dell’eccezionale violenza politica del momento. Nel 1919 si era ritenuto opportuno inviare alcune cannoniere nell’estuario della Mersey. Lì era più forte il risentimento dei lavoratori di sinistra per la campagna di Churchill in Russia: sia perché diretta contro i compagni bolscevichi, sia perché prolungava una guerra atroce.

In questa fase di attesa rivoluzionaria i gruppi marxisti britannici si strinsero in unità per passare all’azione. Il I° agosto 1920 la convenzione comunista di Londra votò all’unanimità il programma massimo di instaurare in Gran Bretagna il sistema dei Soviet (dittatura del proletariato e collettivizzazioni). Scontata l’adesione alla Terza Internazionale, c’era da decidere il passo successivo:  agire nell’ambito del congegno parlamentare, a fianco del Labour opportunista e contagiato dalla democrazia borghese, oppure intraprendere il cammino della violenza. In proposito Lenin si era pronunciato con la celebre direttiva: sostenere il Labour “come la corda sostiene l’impiccato”. Col senno di poi va detto che il leader della rivoluzione mondiale non era infallibile se considerava il riformismo condannato e gli inglesi guadagnabili alla rivoluzione. In quel momento i comunisti britannici non potevano trovare facile seguire le direttive di Lenin. Egli era sì un grandissimo leader, però stava in Russia.

Un delegato alla Convenzione presentò una mozione significativa del clima che viveva l’estrema sinistra: impegnarsi nella tattica parlamentare non aveva senso, era troppo vicina la rivoluzione. Ma prevalsero punti di vista meno sconsiderati. Si ammise che abbattere il capitalismo nella sua fortezza britannica richiedeva alquanto più tempo e sforzo. Comunque la risoluzione finale della Convenzione impegnò l’esecutivo del movimento a nominare subito commissari per i viveri, gli alloggi e i combustibili nella fase rivoluzionaria.

Con scarse conseguenze. Bastarono tre mesi per dimostrare che la Gran Bretagna non era pronta per la rivoluzione. Forse, secondo una congettura fatta mezzo secolo dopo da Robin Page Arnot, uno dei leader del movimento, ‘si era perso l’autobus’. Il partito avrebbe dovuto passare all’azione immediatamente dopo l’Armistizio. Per parte sua il Labour rifiutò la parte dell’impiccato assegnatagli da Lenin. Non accettò l’affiliazione dei comunisti, e questi ultimi, impossibilitati dall’esiguità dei loro numeri ad avviare una propria azione legale, intrapresero attività più o meno clandestine che procurarono loro processi, repressioni poliziesche e la corale ostilità di stampa e opinione pubblica. I comunisti inglesi si caratterizzarono per sempre -come del resto volevano- agenti di Mosca e fautori della sovversione invece che delle riforme.

Quattro anni dopo, il governo minoritario del laburista Ramsey MacDonald perdette l’appoggio dei liberali; cadde per non avere perseguito con sufficiente rigore J.R.Campbell, direttore del foglio comunista ‘Workers’ Weekly’,  che aveva incitato i soldati a volgere le armi contro i capitalisti. La crisi portò alle elezioni generali. Quattro giorni prima del voto il quotidiano ‘Daily Mail’ pubblicò la cosiddetta ‘lettera Zinoviev’: il capo del Comintern istruiva i comunisti inglesi su come insorgere. La lettera era quasi certamente apocrifa, ma il momento era estremamente teso. I candidati comunisti furono sconfitti, a parte il seggio ai Comuni che un facoltoso oriundo indiano, Shapurji Saklatvala, riuscì a conservare ai Comuni.

Fu anche la disfatta del Labour, sospettato di indulgenza verso i rossi. Il partito conservatore andò al potere e già nell’autunno 1925 colpì duro sui comunisti, arrestandone un migliaio e sfasciandone la struttura direttiva. Tutti i candidati comunisti furono sconfitti alle elezioni politiche del 1929. Fu rafforzato il divieto di affiliazione al Labour.

Aderendo sempre più strettamente alla linea del Comintern, ormai di Stalin, i comunisti inglesi si volsero contro i “socialfascisti” del Labour. Negli anni Trenta, soprattutto dopo l’avvento di Hitler e lo scoppio della Guerra civile in Spagna, si infittirono le adesioni di manipoli intellettuali e operai; però la linea restò settaria e astratta, come settarie e astratte erano le posizioni dell’antifascismo iberico. Nessun tentativo di parlare all’uomo della strada, di assecondarlo in qualcosa pur di guadagnarlo. Alcuni decenni dopo i comunismi si sono estinti in Europa e quasi ovunque, per l’illusione d’essere migliori e più etici di tutti gli altri, più congeniali a gusti e vezzi degli intellettuali, della gente dello spettacolo, degli operai e pensionati sindacalizzati, degli studenti.

I comunisti britannici mantennero il controllo dei connazionali che combattevano in Spagna e non risulta si opponessero alle liquidazioni operate dai commissari politici. Nemmeno si dissociarono dalle purghe che in Urss decimarono i capi bolscevichi della prima ora. I due leader del Pc britannico, l’ex operaio Harry Pollitt e l’intellettuale Rajani Palme Dutt, figlio di un medico indiano e di una ricca svedese, plaudirono senza riserve ai processi e alle esecuzioni di Stalin. Tutto ciò non attenuò l’ostilità dei britannici verso un partito fanatico e asservito all’Urss. Nelle elezioni generali del 1945, nonostante la guerra vinta a fianco dei sovietici, i comunisti non ottennero che due deputati. Li persero nel voto di cinque  anni dopo.

Così accanito era lo stalinismo dei dirigenti del Pc britannico che né le rivelazioni di Krusciov al XX congresso del Pcus, né i fatti d’Ungheria determinarono un esame di coscienza. Sarà necessaria l’invasione della Cecoslovacchia perché un congresso del Pc britannico condannasse un’azione compiuta dai sovietici.

Ormai era tardi. Partiti nel 1920 nella maniera più sbagliata possibile -come movimento filobolscevico in un contesto troppo lontano da quello russo- negli anni successivi i comunisti inglesi si fecero dominare in tutto dall’Urss e persero ogni ruolo. Se qualche volta hanno potuto far sentire una propria assai fioca voce a Westminster, è stato grazie all’ereditarietà dei Lords. Lì qualche raro, eccentrico aristocratico, membro per nascita della Camera Alta, ha potuto rappresentarvi il ‘partito delle grandi masse’.

A.M.Calderazzi

IMPAZZANO GLI INNI ALL’ILLUMINISMO, SI SORVOLA SULLE GHIGLIOTTINE

Riflettendo sui fatti di Parigi il teologo Vito Mancuso ha colto l’occasione per prendere alcune distanze dal retaggio illuminista. I precetti di tale retaggio -diciamo noi-non possono essere nostri, visto che fomentarono quell’esplosione di ferocia che fu il Grande Terrore. In quei mesi, secondo Mancuso, morirono sul patibolo 200 persone al giorno.  In confronto i ‘vendicatori di Maometto’ risultano misericordiosi…

Per verificare i conteggi del prof. Mancuso andrebbe assodato che si intende per Grande Terrore. “Per vari mesi, recita un manuale di storia, è tutto uno sfilare di carrette di condannati. Il Terrore provocò in Francia 16.600 vittime; gli arrestati furono mezzo milione. 2625 ghigliottinati nella sola Parigi. A Nantes i noyades  (annegamenti) del convenzionale Carrier fecero da duemila a tremila morti; altrettanti le ‘colonne infernali’ di Turreau in Vandea; altrettanti una commissione di censimento ad Anger”.

Dopo l’estate di vittorie militari nel 1794 ci si attendeva che il Terrore avesse fine. Invece le lotte all’interno del regime rivoluzionario  fecero andare al massimo le ghigliottine. Nella mitologia repubblicana la Francia era diventata la patria della tolleranza e della fraternità. Invece la menoma discordanza di linea rispetto ai momentanei detentori di potere determinava la morte: trionfava il perfetto contrario della libertà e della democrazia richiamantesi all’Illuminismo.

Tutti sanno che la Terreur  mise a morte  la maggior parte dei distruttori dell’Ancien Régime. Il triumviro Robespierre, pontefice della religione dell’Essere supremo e temporaneo conduttore del gioco politico, fu con Saint Just tra i ghigliottinati di due giorni dopo la svolta dell’8 Termidoro. Seguirono l’11 Termidoro altri settantuno decapitati,  dodici il giorno successivo.  Tra il settembre 1793 e la caduta di Robespierre

(27 luglio 1794) furono ghigliottinati, in genere coi loro seguaci, grandi capi come Hébert, Desmoulins, Couthon (che era un paralitico), Vergniaud, Danton (sua moglie pochi giorni dopo); nonché, assieme a molti qui omessi, il Carrier degli annegamenti  a Nantes.

Si usa dire, con qualche sbavatura maccheronica, che le conquiste della Più gloriosa delle rivoluzioni furono anche conquiste dell’Illuminismo. Però quelle conquiste generarono l’estremizzazione mostruosa dello scontro politico. Non per niente in altri tempi si chiamarono “Terroristi” i protagonisti della fase del Terrore. Il terrorismo dei nostri giorni è ovviamente cosa affatto diversa dal condurre una fase rivoluzionaria secondo scelte anche le più aspre. Ma le ferocie compiute prima del sopravvento di Bonaparte non furono mai moralmente superiori ai metodi dell’estremismo islamico.

Per i cantori della Democrazia, sia quella liberal-capitalista sia quella progressista, l’ultimo decennio del Secolo dei Lumi fu un tempo aurorale, un Avvento, la matrice di un’umanità migliore. Invece fu una stagione spietata, di cui nessuno meni vanto.

Tutta l’intelligenza di un’età aperta da Cartesio non seppe inventare congegni dialettici migliori degli arnesi del boia: la carretta per il patibolo, l’infallibile lama, la cesta in cui rotolavano le teste. Pochi morituri ebbero la sprezzatura elegante di Danton: “Mostra al popolo la mia testa -disse al boia salendo gli scalini- ne vale la pena”.

Nei giorni del trionfalismo républicain  –i milioni di patrioti che cantavano la Marsigliese, la vacua solidarietà dei governanti invitati, l’Occidente quasi tutto Charlie (a chiacchiere), l’apoteosi della Libertà intera, Parigi capitale del mondo, finalmente qualcosa per cui lottare- il maremoto delle fandonie è stato devastante. Solo il Maggio ’68 produsse  un’orgia di non-sense  pari all’attuale.

Repubblica, capofila del consumismo demoplutocratico, non ha esitato a scrivere a tutta pagina l’esilarante titolo “La rivolta di Parigi: Libertà”: quasi la capitale diciamo così ‘del mondo’ si fosse ribellata a re Carlo X, anzi a Napoleone guerrafondaio e distruttore di propri eserciti.

“La Francia si è risvegliata” ha scoperto un esclamativo giornalista del Corriere. “Ha ritrovato unità, passione civile, orgoglio. Ha messo nell’angolo i profeti di sventura, i teorici del declino, i predicatori dell’oscurantismo (…) I francesi, su questo terreno, sono davvero unici e impareggiabili”. Nella foga, detto giornalista si è persino permesso lo svarione di menzionare quel “No pasaran  di un’attualissima linea Maginot”; ignaro che il No Pasaran fu uno slogan madrileno della guerra civile spagnola e non c’entrava con la possente linea Maginot. Quest’ultima si rivelò perfettamente inutile, e restò simbolo di disfatta (la Wehrmacht passò!).

Presto -tempo i prossimi mesi- si confermerà che le ubriacature di retorica patriottica e politicastra portano male. Le menzogne nazionaliste apparvero funzionare nel 1914, ma costarono un milione e mezzo di morti francesi e dilazionarono di poco la fine della grandezza continentale della Francia. L’epopea antifascista del terribile Front Populaire durò pochi mesi. I gridi di battaglia del Maggio 68 sono finiti in chissà quale sciocchezzaio  o meglio dump-ground  della storia.

A.M.C.

TORTURE: IMPOLITIC, UNETHICAL, UNCHRISTIAN, AND UNAMERICAN

11“I want to shatter the CIA into a thousand pieces and scatter it to the winds.”

–President John F. Kennedy

 

The recent release of many CIA documents by the Senate Intelligence Oversight Committee detail: 1) the CIA’s secret and systematic use of torture after 9/11; 2) the CIA’s repeated denials that it was using torture; and 3) the CIA’s testimony before Congress, the Senate Intelligence Oversight Committee, and the American people that these “enhanced interrogation techniques” were highly successful in obtaining vitally important information about terrorist activity, and thus justifies its (continued) use. But there is only one problem: What the CIA said is not true! As we can now read in the newly-released documents by the Senate Intelligence Oversight Committee, torture was in fact used for many years after 9/11, though its use was a well-guarded secret; and that little valuable information was gained by means of these “enhanced  interrogation techniques.”

As if this weren’t enough—to cast further doubt on the CIA and how it operates, John Brennan, its current director, knowingly violated  the Constitution’s  separation of powers clause by having the CIA (the executive branch)  spy on the Senate Intelligence Oversight Committee  (the legislative branch) by hacking into its computers. When the committee revealed to the American people that the CIA was spying on Congress, Brennan publically and forcefully denied it. “Nothing,” he emphatically told Congress, “could be further from the truth.” “We wouldn’t do that.”  Yet it turns out that the CIA did in fact do it—and not only so, but that it was Brennan himself who ordered the hacking of the Committee’s computers in the first place!  So Brennan, it now appears, has been lying all along. He lied to Congress, he lied to the Senate Intelligence Oversight Committee, and above all he lied to the American public. To highlight his contempt for Congress, he has refused to co-operate with the Committee by turning over the names of those agents involved in the planning and execution of the break-in. Unfortunately for our country, deceit, lies, and non-compliance by the CIA are simply business as usual. One can now perhaps better appreciate Kennedy’s anger and frustration towards an agency that believes and acts as if it is above the law.

President Truman himself, who created the CIA in 1947, slowly began to worry about its focus on clandestine operations. But it was not until the assassination of JFK that he finally took steps to share his concerns openly with the American people. One month after Kennedy’s murder, Truman aired his concerns.  “For some time,” he wrote, “I have been disturbed by the way the CIA has been diverted from its original assignment [intelligence gathering and assessment]. It has become an operational and at times a policy-making arm of the Government (emphasis mine). This has led to trouble and may have compounded our difficulties in several explosive areas.” Offering the only effective remedy he could think of, Truman urged that the CIA’s “operational duties” be “terminated.” Allen Dulles, the Director of the CIA, was livid with rage. In a stormy private meeting, Dulles tried to persuade Truman to retract his statement. But Truman stood his ground. Dulles, acting with complete disregard for truth and legality, then forged a retraction by Truman and slipped it into an official file!  Luckily, Truman found out about it and wrote a second letter reiterating his concerns about the CIA. But that Dulles would forge a letter by a president of the United States, with absolute disregard for the truth—and suffer no consequences (not even losing his job)—is breath-taking in its audacity, shamefulness, and illegality. One wonders now what documents regarding the CIA are in fact genuine. How much of what they say or do can we really believe? This is but further proof that the CIA is indeed a “rogue agency,” above the law, accountable to no one.

Robert F. Kennedy, the Attorney General under his brother, President John F. Kennedy, saw first-hand that the CIA had become a rogue agency. Robert Kennedy, Jr. quoted his father Robert F Kennedy on the out-of-control CIA in an article for The Rolling Stone dated November 20, 2013, almost exactly fifty years to the day of the assassination of his uncle, President John F. Kennedy. In this article, Robert  says that

[t]he Joint Chiefs, already in open revolt against JFK for failing to unleash the dogs of war in Cuba and Laos, were unanimous in urging a massive influx of ground troops and were incensed with talk of withdrawal. The mood in Langley [the CIA headquarters in Washington, D.C.] was even uglier. Journalist Richard Starnes, filing from Vietnam, gave a stark assessment in The Washington Daily News of the CIA’s unrestrained thirst for power in Vietnam. Starnes quoted high-level U.S. officials horrified by the CIA’s role in escalating the conflict. They described an insubordinate, out-of-control agency, which one top official called a ‘malignancy.’ He doubted that ‘even the White House could control it any longer.’ Another warned, ‘If the United States ever experiences a [coup], it will come from the CIA and not from the Pentagon.’ Added another, ‘[Members of the CIA] represent tremendous power and total unaccountability to anyone.

The documents released by the Senate Intelligence Oversight Committee describe in detail these “enhanced interrogation techniques.” And they are absolutely shocking—rectal hydration, beatings, endless nights without sleep, standing for unbelievably long periods of time, being forced to live in a small coffin-like box, water-boarding (i.e., virtual drowning, endlessly repeated), hypothermia (resulting in at least one death), extreme isolation, sexual assault, threats of harm to their spouse and children, etc.  Sometimes the CIA even knew that the “terrorist” being tortured was in fact innocent (!),  yet they continued with the “interrogation” anyway!  Only an amoral person would do that. Is that the kind  of  person we entrust our security to? Do we really want amoral individuals in important and  sensitive areas of government?

Worse yet, this shameful episode in CIA history—or should I say US history?—is only  part of a larger unbroken sixty-eight-year-long chronicle of illegal and immoral activity, including: brain-washing, deception and lying, sexual entrapment, blackmail, forgery, drug-running and drug distribution, propaganda, suborning the press, planting of evidence, perjury, threats, extortion, breaking and entering, intimidation, theft, partnership with the Mafia and former Nazi SS officers, coup d’états, murder, inter alia.  Yet the most troubling aspect of all is that the CIA answers to no one, as we can see clearly  in the behavior of its  current  director,  John Brennan, and his agents.

The CIA does whatever it wants because it believes that its ends justify the means. Yet it is axiomatic: one cannot effect good ends by evil means, for the evil inevitably taints the ends themselves. No, the means must be commensurate with the ends; and the ends do not, and cannot,  justify any and all means. Terrorism, we all know, is Western civilization’s greatest threat. To combat this threat we must bring these terrorists to justice—but not by any means, and certainly not by means of torture. We must not descend into their Inferno and use their policies, their programs of hatred, or their instruments of terror. For in doing so we only become like them, and in the process sacrifice our humanity,  our legal  standing,  and our moral high ground.

Moreover, terrorism is not just “irrational violence.” Properly understood, terrorism is about competing ideas of virtue: theirs versus ours. As we know from Socrates/Plato, the path to virtue is exceptionally arduous—by turns treacherous, difficult, exasperating, painful, lonely, humbling, frustrating and not seldom dangerous, if, like Socrates, one goes against the grain of society;  which is why so many pilgrims on the road to Virtue drop out along the way.

In our Western culture the supreme virtue is Divine Love, which nourishes and sustains all the other virtues (justice, beauty, goodness, etc.); while hatred, by contrast, disrupts, degrades, and destroys everything good and beautiful in its path. The essence of being human, as God created us (in His image, let us not forget), is to love and care for one another just as He loves and cares for each of us. Community, then, is strengthened and deepened by Divine Love, but loosened and dissolved through hatred.  Terrorism, which is nothing but ideology wrapped in hatred, rejects God’s saving Love and substitutes in its stead the “negative virtues” of cruelty, evil, injustice, etc.; but this only returns mankind to an earlier, uncivilized epoch,  where barbarity, futility, and death reign undiminished and unchallenged. Like some giant black hole, religious extremism swallows up everything good, beautiful, and divine in its path. That is why we Westerners must not use torture. Torture degrades its practitioner; it separates him from the love of God; it poisons his spirituality; and it weakens his reason. Why? Because man was not made for evil. He was created by Divine Love for acts of Goodness. The strength of our cause and the cause of our strength lie in our culture’s supreme belief in the infinite worth and sanctity of every human life.  But if for any reason we undermine this noblest and most sacred principle of all—which makes Life the wonderful gift it is meant to be—which undergirds, supports, sustains, and nourishes the whole of our Western culture—then our beliefs, and our actions, become indistinguishable from the terrorists whom we oppose.

Because of its on-going malevolent history, the CIA is profoundly incompatible with who we are as a nation and with what we represent, both to ourselves and to the world. That is why it must be dismantled, and a new agency, dedicated solely to intelligence-gathering and assessment, must be erected in its place: an agency that is indisputably moral, incorruptible, and prudent, yet practical and effective; which cannot, and will not, interfere with domestic or foreign policy; and which obeys and reveres our sacred constitutional way of life.

Every generation in our nation’s history receives the inestimable gift of the constitutional rule of law, both in life and in government (a blessing which terrorists will never know or bring to their government); but it is up to each of us to safeguard it and to pass it on intact to our children and our children’s children. It is the supreme gift that any nation can bequeath to its citizens: thus it demands our unwavering obedience, our  deepest  affection,  and our  enduring  vigilance.

Len Sive Jr.

PARIGI: LA FIERA DELLE VELLEITA’

La manifestazione monstre -un paio di milioni di parigini, capeggiati da una cinquantina di statisti- è stato un evento storico? Sì, ove si faccia finta di non aver sentito e letto un alto numero di insulsaggini. Che la Francia, colpita  al cuore, s’é desta. Che siamo in guerra e combatteremo. Che la redazione di una testata satirica era un tempio della libertà e che questo tempio è stato profanato. Che i cinquanta statisti rappresentavano un’umanità che vuole lottare per l’ideale: come se obiettivo prioritario dei liberticidi di al Qaeda e di Boko Aram fosse dare una lezione a Diderot e a Condorcet,  non di regolare i conti con il colonialismo e con le crociate. Non è facile immaginare che i tagliagole del Califfato si curino davvero di istituire processi a tesi filosofiche affiorate quasi tre secoli fa.

Doveva accadere ed è accaduto: patrioti senza numero e senza paura hanno giurato in place de la Concorde a Marianne, graziosa deità laico-repubblicana in berretto frigio, che non arretreranno,  non tradiranno le conquiste della presa della Bastiglia. Però la Bastiglia non c’entra. In un certo senso non c’entra  la Francia.

Coll’attacco alle Twin Towers, il terrorismo dichiarò guerra all’egemonia planetaria degli USA, non alla Francia. Sono passati anni e la contrapposizione di valori e di civiltà è solo apparente. Lo sgozzamento di ostaggi e di prigionieri non è più ripugnante della noncuranza americana di fronte alla morte dei civili (collateral damages). C’è un’alleanza di plebi africane ed asiatiche che tentano di scalzare l’egemonia occidentale. Che esse lo facciano nel nome di Allah è quasi irrilevante. Quello che conta è la vastità geografica della sollevazione di genti prima sottomesse, oggi prigioniere della povertà, soprattutto quando vivono nelle banlieus francesi. G.W.Bush credette di poter rispondere all’ammutinamento coi metodi tradizionali dell’imperialismo: muovendo una guerra nell’Irak, poi in Afghanistan, entrambe perdute in un disonore  che prolunga quello delle spedizioni coloniali d’Indocina, prima francesi, poi americane. Preso atto delle sconfitte, oggi gli USA si arroccano nella Fortress America, e finora sono riusciti a scongiurare l’umiliazione di altre Twin Towers. Quanto al “socialista” che governa la Francia, egli è caduto nella trappola di credere di poter ereditare impunemente una parte dell’eredità americana: conduce spedizioni in Africa, capeggia operazioni convenzionali nel Vicino Oriente. Lo scontro di civiltà coll’Islam c’è ma è marginale.

Quando i milioni di manifestanti di place de la Concorde fanno mostra di volere affrontare i nemici della libertà, dei valori francesi, di Diderot, fanno del velleitarismo. La Francia potrà riuscire a proteggersi meglio contro gli assalti del terrorismo  ma sarà impotente ad agire fuori casa. Dunque i propositi bellicosi di quanti maledicono chi respinge le avventure militari, in realtà coprono la loro impotenza. Non saranno in grado  di compiere spedizioni importanti.

La Francia e l’Europa (a parte l’appendice britannica degli Stati Uniti) hanno in realtà una sola grande opzione: staccarsi dall’America,  destinare ad aiuti economici ( con occhiuti controlli, perchè non finanzino i tagliagole) le risorse finora assorbite dalle spese militari, e rispettare il diritto delle società islamiche ad evolversi in autonomia dal pensiero unico occidentale. Non è scritto che la modernità arrogante debba trionfare dovunque sull’orbe terracqueo. Dove Washington ha tentato di imporla, ha fallito. Fallirebbero la Francia e l’Europa.

I propositi manifestati a Parigi sono velleitari. E più che mai velleitari sono i piani di riscossa dell’Illuminismo: si lasci perdere Voltaire. I  gridi di battaglia levati  sotto il monumento a Marianna -fermeremo, debelleremo, i nostri valori sono più forti delle loro minacce-sono esibizioni da Luna Park. Per dirla con più delicatezza, fanno pensare a Vanity Fair. Nel Pilgrim Progress, geniale allegoria seicentesca di John Bunyan (“What Shakespeare is to English dramatists, what Milton is to English epic poets, that Bunyan is to writers of English allegory” c’è una città che si chiama Vanity. Vi si tiene una fiera che non chiude mai e dove “vanity and ostentation obtain” (si veda la sfilata degli statisti quasi tutti bugiardi). Alla fiera di Vanity si compra e si vende di tutto, tutto l’anno: le cose serie e utili come i capricci della moda (infatti oggi un’importante testata di moda si chiama Vanity Fair). A Vanity si vendono anche piani strategici per il sicuro successo della riscossa illuminista. Per il Trionfo di Marianna. Per i grandi destini dei valori républicains.

Valori necessariamente superiori : sperando che pochi ricordino. L’8 maggio 1945, mentre le piazze e le balere di Francia festeggiavano perdutamente la vittoria “francese” su Hitler, i cacciabombardieri e i cannoni francesi fecero oltre 15.000 vittime, soprattutto morti, tra gli algerini di Costantina e dintorni, che cominciavano a chiedere l’indipendenza. Anche allora, da una parte sola, si inneggiò a Marianna.

A.M.C.

I GALOPPI DEL PIL NON CANCELLANO IL DISONORE DEL BELLICISMO USA

Maurizio Molinari, corrispondente da New York de ‘La Stampa’, scrisse un libro dal titolo esopico L’aquila e la farfalla, con un sottotitolo/messaggio Perché il XXI secolo sarà ancora americano. A prendere sul serio il libro, non è una buona notizia -per chi non idolatri il Pil e i record tecnologici- che i prossimi 85 anni saranno ancora signoreggiati dal maggiore degli Stati-canaglia. Fossimo superstiziosi faremmo convinti scongiuri. Ma la superstizione è deplorevole. E poi prendere sul serio questo lavoro non è imperativo.

Per cominciare, come raccolta di corrispondenze di giornata L’aquila e la farfalla  è infarcito di storie da non considerare sub specie aeternitatis. Anche se, secondo l’Autore, la vicenda di un certo Frederic Larson, 64 anni, fotografo e padre di due figli, “è l’esempio di un’America rivoluzionaria, dove la ricchezza si condivide”. Che ha fatto Frederic Larson, ha convinto l’One Per Cent ad associarsi nella dovizia il Ninetynine%? No: per arrotondare dà in affitto la sua casa a 100 dollari per notte. In più, per quattro giorni al mese trasforma in taxi la sua Prius. ”In tal modo mette a frutto beni che possiede: è la sharing economy”. Credevamo che anche i pescatori delle isole Eolie usassero affittare ai villeggianti nella  stagione balneare; invece ciò che fa Larson “è l’espressione del maggiore laboratorio di idee del mondo (…) e di un indomito spirito creatore: l’America si sta ricostruendo (…) E’ una galassia di giganti e di imprese tecnologiche”.

Additato il pinnacolo Larson, il libro  elenca un certo numero di aspetti della grandezza americana: gli USA sfidano gli ultimi dittatori; Internet, invenzione statunitense, oltre ad essere una “formidabile fonte di ricchezza, rivitalizza i partiti e le istituzioni parlamentari”. A quest’ultimo proposito, i più pensavano il contrario; che cioè Internet fosse una sia pur fievole promessa di democrazia diretta, esatto contrario dei partiti e dei parlamenti. Ma Molinari spiega: Internet e Big Data hanno permesso a Obama di vincere la rielezione (pubblicato nel 2012, il libro non poteva coprire la successiva disfatta di Obama. E non è dimostrato il dovere di riconoscenza che il pianeta deve a Obama).

Ma soprattutto gli USA di Molinari hanno scoperto “una nuova versione dell’American Dream, una nuova frontiera dei diritti civili: i gay, patrimonio dell’umanità”. Non scaraventate l’Aquila e la farfalla  nel cassonetto della carta, perché esso vi dice come avverrà il mantenimento della supremazia americana su un altro secolo: “con una formula diversa da quelle finora conosciute. Non più gli eserciti tradizionali, bensì il dominio delle comunicazioni digitali, le guerre segrete, le armi invisibili (droni e molto altro). Le stesse armi nucleari saranno surclassate dalla capacità di lanciare “attacchi convenzionali superpotenti, quasi in tempo reale, anche da piattaforme nel cosmo”.

Pure da piattaforme nel cosmo. L’Autore non trattiene l’entusiasmo per tanta dilatazione  della civiltà. Anche se tutte le guerre yankee hanno attestato che i trionfi di Washington furono conseguiti su avversari deboli in partenza (gli indiani del West, il Messico nel 1845, la Spagna coi vascelli di legno nel 1898), oppure estenuati dalla mancanza di rifornimenti. Dopo il 1945 le imprese belliche degli USA sono fallite nel disonore più abietto; è necessario ricordare le statistiche delle bombe sganciate sul Vietnam per conseguire la  disfatta finale?

Gli Stati Uniti detengono  tutte le tecnologie dell’annientamento, ma da un settantennio raccolgono soprattutto insuccessi; umiliati persino dalla Somalia. In compenso essi sono al di là di ogni dubbio la nazione più malata di bellicismo della storia; nonché la più inefficiente nel rapporto tra mezzi e risultati.

Maurizio Molinari non ha difficoltà a dichiararsi ostile al pacifismo. Né ad ammettere che le spedizioni nel Golfo e in Afghanistan sono state mosse per difendere interessi americani, non questo o quell’ideale. Meno che mai ha difficoltà a riconoscere che l’immane superpotenza non ha i mezzi per mantenere o aggiornare le proprie infrastrutture civili, dai ponti troppo vecchi agli acquedotti: per riparare 240 mila punti di perdita d’acqua occorrerebbe un trilione (mille miliardi) di dollari.

In compenso l’Autore elogia la Casa Bianca per avere quintuplicato personale e risorse del Cyber Command. L’arsenale bellico, il più mostruoso da che l’uomo esiste, non fa che ingigantirsi. Il potenziale di overkill è smisurato: ma guai grossi se si riaprisse il contenzioso col Vietnam. Non è certissimo che il Pentagono vincerebbe davvero, se muovesse guerra alla Polizia Urbana di una metropoli kazaka. Però Obama ha concepito un’audace novità strategico-concettuale: non più le arcaiche imprese convenzionali del Pentagono, ma quelle innovative (e coperte) della CIA: dai superdroni e dalle navi stealth alle torture, alla capacità di non esitare di fronte all’assassinio dei civili.

A questo punto i galoppi della ripresa economica e i prodigi delle supertecnologie sono pressocché irrilevanti al fine di “mantenere americano” il XXI secolo. L’America che era la fidanzata del mondo, ora è odiata come mai lo è stato un grande impero. Quanti kamikaze hanno dato la vita per danneggiare anche lievemente gli USA? La potenza militare e quella diplomatica (p.es. fare i padroni di uno statista già comunista come Napolitano, persino dell’innovatore Matteo Renzi) sono ben poca cosa di fronte all’assieme dei valori e delle azioni  che concorrono a impregnare e dominare i secoli, cioè la civiltà. Si può impregnare e dominare se si è portatori di valori superiori. Gli USA sono il contrario.

Le ultime righe de L’aquila e la farfalla  sono lì a ribadire con forza i massimi titoli americani alla grandezza secondo il corrispondente de La Stampa: “i diritti dei gay” e “l’Italia ( e l’Europa, e l’Asia) non hanno ancora avuto leader nazionali che siano espressione delle minoranze”,

Qui Molinari ha ragione: lo Stivale, per esempio, non assurgerà mai alla gloria se non manderà al Quirinale un eritreo, o una leader lesbica dell’Arcigay. Se non esulterà per l’outing di questo o quel protagonista dello svecchiamento dei costumi. Se insisterà a riparare le strade invece che sviluppare superdroni di ultima generazione.

A.M.C.

IN VIKTOR ORBAN CAPO TRIBALE UNNO GLI UNGHERESI RITROVANO UN FIERO PASSATO

Parecchi si meravigliano che l’Ungheria si lasci governare, anche galvanizzare, da un primo ministro Orban che schernisce il politically correct e rifiuta il pensiero unico democratico-buonista.  I parecchi dimenticano, intanto, che quel paese, con un passato importante, ha vari conti da regolare col presente. Sconfitto nella Grande Guerra, fu depredato e umiliato dai vincitori  tanto quanto l’Austria, la Germania,  l’impero ottomano. Il trattato del Trianon  gli tolse tre quarti del territorio, due terzi della popolazione. Così i magiari di oggi apprezzano di disporre di una guida forte che  promette qualche riscossa.

Gli ungheresi cominciarono a vendicarsi abbattendo dopo due mesi la repubblica bolscevica proclamata  da Bela Kun e accettando invece la reggenza autoritaria dell’ammiraglio Horty, che alla fine si fece succedere come reggente da un figlio, Tramortita una seconda volta dall’occupazione sovietica, nel 1956 Budapest si illuse di potersi rivoltare.

Il Viktor Orban che oggi capeggia i magiari sembra incarnare col suo temperamento e il suo credo alcuni tratti fondanti della stirpe. Sono tratti un po’ leggendari: da più di sedici secoli, dalle selvagge scorrerie degli Unni di Attila, si pensa all’Ungheria primitiva come terra di ferocie. Gli Unni mangiavano la  carne cruda; a cavallo erano invincibili; le loro efferatezze erano reali, però ingigantite dalla fama terribile. Quando nell’anno di Cristo 453 santa Orsola e le undici monache di un monastero renano furono uccise dai predoni unni nacque la tradizione delle undici mila martiri.

Verso la fine del X secolo, Geza e santo Stefano, due successori di Arpad, il condottiero che aveva conquistato l’Ungheria, mitigarono la barbarie magiara sia convertendosi al cristianesimo, sia trasformando l’orda barbara in una forte nazione guerriera. Del re Bela III si usa dire che era già “egemone dei Balcani”: si era fatto sovrano di terre che ora sono Stati. Suo figlio Andrea II tentò persino di diventare imperatore latino a Costantinopoli.  Nel 1308, col giovane re angioino Carlo I si aprì il secolo e mezzo di potenza  e prosperità della non più primitiva monarchia ungherese. I suoi sovrani conseguirono nella Cristianità orientale un primato simile a quello dei re di Francia e di Inghilterra in Occidente.

La forza economica della nazione magiara fu accresciuta dal fatto che le sue miniere d’oro erano le più ricche dell’Europa medievale. Quando salì al trono (1342) Luigi il Grande, anch’egli di sangue angioino, il suo regno era potente al punto di realizzare un sistema egemone in Italia, nei Balcani, in Polonia. Già da tempo signoreggiavano nel nord della Bulgaria, in Croazia, Dalmazia, Bosnia e in due principati valacchi.

Col Quattrocento l’Ungheria fu investita dall’avanzata turca e prima di soccombere funzionò da baluardo dell’Europa. Mattia Corvino, re a diciotto anni, si rivelò grande principe del Rinascimento e uno dei conduttori del gioco diplomatico continentale. Era destino che l’Ungheria cadesse agli Asburgo (1699), ma si aprì presto una lunga serie di contrasti e di insurrezioni. Si placarono solo nel 1867 quando l’impero asburgico si trasformò coll’Ausgleich  in Austria-Ungheria.

Oggi Viktor Orban regge l’Ungheria con mano forte: come padre-padrone, dicono i suoi nemici. Non gli risparmiano molti altri insulti: populista, nazionalista, reazionario, illiberale, eversore dell’assetto democratico, antisemita e antirom. Invece è semplicemente fatto della tempra dei capi tribali che si impadronirono della Pannonia. Nonché della fibra degli imprenditori e uomini d’affari che dopo l’Ausgleich fecero di Budapest una Chicago danubiana, molto più pulsante e ambiziosa della Vienna che declinava  e che nel 1848 aveva dovuto schiacciare varie rivoluzioni coi cannoni.

La figura di Orban si erge orgogliosa come i palazzoni di fine Ottocento della capitale: oggi ancora segnati dal fuoco dei tank sovietici ma fieri. Alcuni degli anatemi contro il capo del governo hanno un fondamento. Però è un fatto che l’Ungheria ha un  patrimonio storico e mentale ben al di là di quanto possa vantare una repubblica di dieci milioni.  E che Orban incarna gli impulsi di dominio dei magiari di Arpad, di Geza, di Giovanni e Mattia Huniadi. Un giorno Orban cadrà, ma avrà ‘cavalcato, devastato e conquistato’ come i suoi antenati ugrofinnici e turco-iranici. Per questo, più si dice illiberale e più fa seguaci.

A.M.C.