A MEDITERRANEAN RESURRECTION

Are the countries on the southern shores of the vast sea the Romans called Mare Nostrum going to rise again? For centuries those countries have stayed demoted to semicolonial status, subjected to Turkey first, to Spain France Britain Italy later. Today portents of revival are multiplying. Tunisia’s and Morocco’s economies are developing in a way resembling the Italian one in the wonder years of the ’50s, when Italy started growing at a relentless speed. The performance of the Maghreb agro-industry is seriously menacing the market positions of the southern regions of Italy, France, Spain and Greece. A few years ago, a leading exponent of the Sicilian fruit industry remarked recently, a man who owned a 4-hectare (10-acre) citrus orchard was a prosperous farmer. Today, because of the Moroccon (and Spanish) competition, he is struggling and may go bankrupt.

In the eastern reaches of the Mediterranean Sea Turkey is going back to the giant status of three centuries ago. Over a quinquennium she has been developing 6% a year. An omen of a strong future is the fact that the Ankara government opened 30 new embassies in Africa and Latin America over a dozen months.

It’s the phenomenon of a neo-Ottomanism which does not rely on military conquests but on economic, diplomatic, cultural, religious ones. A few months ago a pact was signed by Turkey, Syria and Lebanon to create a free-trade zone. The nation that was the brain, heart and powerful arm of an empire stretching from the outskirts of Vienna to the Atlantic Ocean and to the Persian Gulf is now conscious as never was in the last two centuries that the imperial heritage of the Ottomans is a large asset in modern geopolitical terms.

Possibly the lines of expansionist assertion are not predominantly oriented toward the Maghreb; rather to the East and beyond the Black Sea, toward the regions whose populations share a Turki, or Turkic, language- the Osmanlis in Europe, the Seljuks, Uzbeks, Turkomans, Tatars and Uigurs in Asia. Central Asia is the ancestral homeland of the Turks. But the southern, formerly Ottoman shores of Mare Nostrum, too have important prospects. They are nearer to and more connected with Europe, so possibly will play an increasing role in the dilatation of Ankara’s sphere, even should Turkey miss admission to the European Union.
I have mentioned the present growth of Tunisia and Morocco, but no reason exists why Algeria and Egypt should not acquire additional weight. Syria, bordering Turkey to the south, adds to her own national potential the outlook of reclaiming the vocation as the maritime component of a Mediterranean-Mesopotamian-Persian context.

Once upon a time Turkey was ‘the sick man of Europe’ and Anatolia was backward. Today the country which Kemal Ataturk modernized is a powerhouse. It’s not totally sure that the future of Turkey will look much better than today if or when she will be accepted into Europe. Other, perhaps more gratifying, options and horizons are open to the heirs of the Ottomans. The Mediterranean promises are richer than those of the comparatively irrelevant Baltic or North Seas. It’s not without significance the astonishing success of the Islamist-religious-cultural Gulen movement started a few years ago by Fethullah Gulen, a Turkish imam. The Gulen-affiliated schools are approximately one thousand in 100 countries, offering a mix of faith, Western education and Turkish pride.

A.M.C., Daily Babel

UNKNOWN ARABIA

Recently the Saudi government in Riyad placed an order for planes, helicopters and other weapons which possibly was the largest single war contract in peacetime. A shame indeed, when the Saudi armed forces are already well equipped for killing purposes beyond any probable need. That government has enemies, yes, beginning with Al Qaeda. But the latter are enemies that conventional warfare does not destroy nor deter. Certainly you and I would think of different, more civilized ways to spend the dollars coming from oilfields which represent 25% of all known reserves of the planet.

Anyway our present theme is not moralizing about the ethical choices of Riyad. Our theme is some strangely unknown features of the Arabian modern reality. We now find it natural that the Arab monarchies are very rich. But as recently as the Thirties of last century the major wealth of the Saudi economy was fishing natural pearls; and the largest receipt of the Riyad treasury was the taxes pilgrims paid to enter Mecca and Medina. Pearl fishing was cruel- most persons engaged in it died younger because of the stress of diving for natural pearls. Today the Saudi king collects enormous royalties and fees from the oil/gas industry.

The predominantly arid peninsula is now inhabited by more than 60 million people. Qatar, 1,4 millions, numbered 30,000 sixty years ago. This means that oil and a thunderous modernization has attracted so many immigrants as to provoke imbalances and distortions. Gulf emirates whose populations were tiny, today may have non-native majorities. Societies have formed where at bottom Indians and Sri Lankans are house servants and manual laborers; above them a middle class of educated Indians and Arabs works in offices and technical jobs. The top stratum of foreigners is made of Palestinians, Lebaneses and Western expatriates. The native Arabs share the oil bonanza in a number of ways: they do not pay taxes, are compensated by foreigners to act as their partners or legal ‘sponsors’ -foreigners are not allowed to own firms and houses. In addition there are jobs, state loans and outright gifts which can only go to natives. Many young Arabs do not feel compelled to find employment.

The sudden wealth and some over-ambitious modernization programs have generated mistakes. In Dubai, formerly a small gulf port, oilfields are now empty, so the emirate had converted into a giant financial and tourist center. In 2009 the international crisis and the consequences of a property bubble forced Dubai to ask the help of Abu Dhabi, where modernization had been wiser.

Oil was discovered in Saudi Arabia in 1932, the year when the kingdom came into existance. We know that before oil the Arab peninsula was poor. It wasn’t always so in the remote past. Kingdoms and principalities of the South were the legendary producers of spices: aromatic, very valued vegetable productions used in religious rites, cookery, medicine. In the south-western hill country native plants grow whose resins give frankincense and myrrh. The local princes (one of them was the Queen of Sheba of the Bible) also monopolized the trade from India and other Asian spice-producing countries to the Mediterranean.

Out of the three historical great sections of the 3 million sq.km. Peninsula -Arabia Petrea to the North, Desert Arabia in the center, Arabia Felix in the South- the third one was (comparatively) green and fertile in spices. Now divided in two states, Yemen ( including Hadramouth) and Oman, Arabia Felix saw around 500 a.C. an episode of Christian domination (of the Abyssinians from Axum) and another one of Hebrew influence. Central Arabia was of course the origin and nucleus of Islam: from there Mohammed preached and acted to create a world faith and a great empire. Internecine conflict soon erupted between factions, so the highest authority of Islam abandoned Mecca, the birthplace of Mohammed. The caliphs of Damascus and Bagdhad plus other leaders competed to guide Islam. In 1517 the whole of Arabia fell to the Ottomans. Three centuries later Great Britain conquered Aden and most coastal territories; only Yemen remained independent.

Today the king in Riyad, while remaining a feudal sovereign, is the foremost protagonist both in the modernization of the peninsular society and in repelling the political/terrorist attack of adversaries such as Al Qaeda. The latter is said to maintain an operational basis in Yemen.

Why have we dealt with Arabia, a small ‘continent’ which is usually ignored when oil is not involved? Because long depressed Arabia might find a role in the geopolitics and, more importantly, in the future evolution of wide sections of the globe. An experiment is going on in the peninsula, one that may both fail and succeed: grafting an almost futuristic modernity into a very old tree. Some traits of modernization are frightful, such as the golden sanitaries and precious plumbings of the seven star hotel in Dubai, the yachts as big as ships, other marks of unbridled consumerism of many former dromedary and goat shepherds.

However, who can say? With her northern shores on the Mediterranean, Arabia is the homeland of the entire race of the descendants of Shem, now chiefly represented by Jews and Arabs, but in ancient times including the Babylonians, Assyrians, Phoenicians, et cet. Arabia generated, in addition to three world religions and unsurpassed civilizations, a large empire. Notwithstanding present deformed, adulterated cultural circumstances, Arabia could possibly go back to enriching the Family of Man.

A.M.C., Daily Babel

ISLAM IN CRISIS: THE MULTICULTURAL LITMUS TEST

Germany has been rocked in recent weeks by questions about its “multicultural” society, and in particular about whether it will ever be able to integrate its 4 million Muslims, mostly of Turkish origin. Chancellor Angela Merkel’s recent addition to the controversy, saying that “multiculturalism has utterly failed,” while undoubtedly a political move to win over some of the 66% of voters who are disenchanted with Germany’s Turkish Muslims, merely ratchets up the heat without providing much light on the subject. But there is an irony here that no one seems to have seen: Islam is itself monocultural, with very few exceptions. There’s the Islamic way and no other way. Islam, so Muslims believe, is not a world religion but the world’s one true religion. Everyone else is an “infidel,” even so-called brothers of “The Book”, Jews and Christians.

In Turkey the irony of its Muslims being upset with Germany’s disenchantment with multiculturalism is even greater: in 1900, in Istanbul, there were over 500,000 Christians (500 years earlier, of course, its many millions were all Christians, as Constantinople (modern day Istanbul) was the Christian Church’s Eastern center). Now, however, only a few Christians remain (and these are mostly “religious”), the rest having been oppressed, persecuted, killed, or taxed out of existence. And let us also not forget, less than 100 years ago Turkey committed the first modern holocaust, against a million and a half Armenian Christians, men, women, and children—which ethnic and religious “cleansing” Turkey to this day refuses to accept responsibility for! Indeed, even to mention it in Turkey is a crime against the state! (This holocaust, incidentally, would later give Hitler the idea of doing something similar to the Jews of Germany and Europe.)

This, then, is a parable of how Islam treats non-Islamic cultures. To say that Islam is against multiculturalism is but to speak in gross understatement. Non-Muslims are not, and perhaps never will be integrated into Muslim societies. Even today, for example, it is not safe to be an open Christian in most Islamic countries, and one may not proselytize one’s Christian faith, on pain of death—and to convert from Islam to Christianity brings an automatic repudiation by one’s family and, in many Islamic countries, an automatic death sentence as well! So much for Islamic tolerance and “multiculturalism.”

The crisis in Islam, then, is precisely this: How can it continue to complain about western countries’ treatment of Muslims while it itself oppresses and persecutes, and refuses to integrate and accept its own non-Muslims? Indeed, Islam even persecutes, and kills, its fellow Muslims if they are members of a different Islamic sect! The hypocrisy of Muslims, then, complaining about non-tolerance of its own religion in western countries is both irrational and truly maddening.

Indeed, even after 1400 years, since the rise of Islam, Muslims have yet to allow non-Muslims to be fully integrated into their society, or even to live normal lives. For example, as recently as the 1967 Arab-Israeli war, Christian churches in Muslim-controlled Palestine were not permitted to be renovated! Only after Israel had won the war, and taken control of part of the territory, could Christians carry out long-needed repairs to their churches. (But the persecution of Christians in Muslim-controlled Palestine has continued unabated, with some towns, like Bethlehem, losing almost all of its Christians.) And in all Muslim lands, the building of new churches is either strictly forbidden or sharply curtailed. And there are few signs of anything changing in the long term, much less the short term.

Westerners—including Germans—aren’t blind. They see these things, and it worries them. For once a population of Muslims achieves a certain degree of numerical power, as in Lebanon, then Christianity (or any other non-Muslim religion) is forced onto the defensive, since Islam is strictly “monocultural.” There is simply no such thing as Islamic tolerance, let alone full, complete and permanent acceptance, equality, and integration of non-Muslims. No Muslim country, for example, has a “bill of rights”(both de jure and de facto) to protect its non-Muslims and to guarantee them full equality and acceptance; and no Muslim country is multicultural in the same way that almost all Western countries are. This rightfully worries countries with growing Muslim populations.

Moreover, It is not even certain that most Muslims wish to be fully integrated since there are so many professions Muslims refuse to enter, and academic subjects they refuse to study, let alone obtain a degree in—fields such as world history, philosophy, world religions, the philosophy of religion, Christian theology, a history of the Church, biblical studies (not to mention Judaic, Hindu, Buddhist, Confucian, Taoist studies, or the study of primitive and prehistoric religions ), inter alia, let alone verboten subjects like the fine arts. When I was studying in Germany, in my classes I met and befriended a Turkish lawyer and his lawyer wife. They spent almost every weekend for several months meeting with young Turks in Berlin, trying to persuade them to study, stay in school, integrate, become part of their new society. But they were unsuccessful in their appeals—and this was nearly 10 years ago. Evidently little has changed since then.

Should we ourselves in the West, then, be multicultural? Should we accept Muslims since they in their own countries don’t accept us? By all means. That’s what’s so important about the Judaeo-Christian western culture: from Christ comes the commandment to love and to serve others—Muslims included! These commandments are what make western culture so vital, open, flexible, dynamic, and creative. But on the other hand, Muslims who “become westernized”—i.e., those who come to the West to live—must then adopt their host country’s laws, due process, constitutional rights, and western ways of approaching life—which many still refuse to do. (“Honor” killings, the treatment of women and children, and bigamy are but three examples of their refusal to adapt to their new country’s different laws and mores.)

If Muslims wish to be fully integrated, then the challenge is for them, too, to be open and tolerant and accepting in their own cultures—i.e., to be “multicultural” even as they expect the same treatment from western countries. But this must mean, first and foremost, to lay aside permanently their eternal war with so-called “infidels,” including those people they deem to have been disrespectful of Allah or Mohammed, and therefore must be “punished.” Not to do so opens them to the crippling charge of hypocrisy, and puts at risk their lasting acceptance, and final integration, into Western societies, to which they have come voluntarily seeking a better, more open, more dynamic, and more secure way of life.

We in the West have no stomach for their religious fratricide or wars against “infidels” (ours ended for the most part well over 200 years ago—and was in any event a negation, not an affirmation, of Christianity!). The beauty and wisdom of Christianity lies precisely in its counsels to love, to serve, and to forgive—and to seek genuine and lasting peace among all men.

We do not wish, as a culture, to give up these precious ideals, and to substitute for them instead endless warfare with and hatred of “infidels”. History has moved on—in the West—beyond such insanity and sacrilege; there can be no going back now to that earlier, barbaric, less tolerant way of life without also destroying everything good that we presently enjoy in western culture.

Islam, then, is in crisis: It may stay where it is and risk rejection from the West—or it can adopt tolerance and acceptance as its twin modes of being, and be at peace with both itself and the world—and therewith become a vital, vibrant and contributing part of the world community. Let us hope it has enough wisdom to choose the right path—for its own sake, as well as for the peace, security, and happiness of the whole world.

Len Sive, Daily Babel

Korea: Between Life And Death

Nothing is stranger than war. Or more disturbing. It reveals graphically, and tragically, how fragile the flower of life really is. One minute there is peace, and things are settled, certain. The next minute war—and nothing is certain, except that life is all too brief.

We Americans are not used to knowing the dangers of war at first-hand—hence our collective shock at 9/11. Rather, we are used to bringing war to others: Viet Nam, Cambodia, Panama, the Balkans, Kuwait, Iraq, Afghanistan. Then (so we supposed) we were in control. War was terrible—but from the safe distance of TV and the Internet (excepting the battle-line soldiers and their families, of course). And our lives went on as usual.

In South Korea, where 25,000 US soldiers are based, and where (like myself) thousands of teachers are working, war threatens at any moment. And like last week, sometimes strikes. War is only a few miles away at any given moment: within the easy range of an artillery shell, seen graphically last week when N Korea shelled a disputed, inhabited island, killing four and wounding many. It was the third attack on this island in a little over a decade. Koreans have lived with the possibility of war since the cessation—without a treaty—of the hostilities that marked the end of major fighting in the Korean War. Since then war has always hovered in the air as a possibility, even a probability.

Kim Jong-Il, the North Korean communist dictator, like his father before him, plays a high-stakes craps game with the South, stirring up shadows of war in order to blackmail the South into giving aid and food to a starving N Korea, whose government spends all its monies on the military and nuclear weapons and so has nothing left over for its own people. It banks on South Korea’s indulgence and pacific ways, and its fear of war, which would be much more devastating for a developed South than an undeveloped North. But one day the North may well push too hard. China indulges the North for fear of having a united Korea, and US ally, at its border—but in doing so, she risks North Korea getting out of control and a war enveloping all of Asia.

I was teaching when the shelling started. My students were terrified. Two girls in the front row held hands; one was near tears. An unnatural silence hovered about us. I did my best to be calm and reassuring, but as a foreigner unused to the proximity of war it was a difficult role for me. Evil men are by definition irrational. Hitler at the end ordered the army to destroy Germany! Such men act unpredictably and without regard to consequences. JFK felt pressure from the military to start a nuclear war with the Soviet Union during the missile crisis, but resisted heroically, thus saving civilization from utter annihilation. (Interestingly, Khrushchev, the Soviet leader, joined JFK in resisting his own military too, and paid a high price for it: JFK was later assassinated, and Khrushchev was deposed less than two years later.) JFK had reason, and was a man of deep faith. Kim Jong-Il evidences neither reason nor faith.

Koreans have lived with the specter of war for over 60 years; for the most part they are stoical—though there is a certain “live for the moment” attitude in South Korea as a result, a kind of “eat, drink, and be happy now” attitude—paradoxically admixed with a severe work and study ethic—that permeates all of society.

One day Kim Jong-Il’s high stakes game of craps will fail, and the South’s military will feel compelled to respond aggressively, not just defensively. Then millions will die a senseless death brought on by the unreason and atheism of N Korea’s leader, leading both countries back into the dark ages.

All of which reminds me of the essential helplessness of the human condition. Against the Enlightenment, we are not, and never have been, the captains of our fate—though we are, for good or ill, stuck in one big boat together.

The words of Jesus—“Blessed be the peacemakers”—have taken on a much more personal meaning for me now. Life is sacred, and peace is blessed.

Len Sive Jr, Daily Babel

OVEROPTIMISM DOES NOT SUIT INDIA

It’s excessive or faulty that Brazil and India are now currently described as vibrant, surging economies and societies. Two affluent friends, here in Milan, are busy every day collecting small donations in favor od Brazilian meninhos : abandoned, orphaned or very destitute children who do not eat regularly. The expectations about the sudden modernization of Brazil are too high. The same applies to India, where efforts to lift up the very poor cannot claim enough successes.

The most extreme forms of discontent ravage several provinces. Some areas of Central India must be described as insurrected: armed rebellion is intermittently the winner. The rebellion, started in the district of Chhattisgarh in 1967 and apparently invincible, is a local version of revolutionary Maoism. The insurgents, here called Naxals, do not dominate more than 4,000 sq.kms. (total India is 3.3 million sq.kms), but the local geography (terrain, forests) and popular support, both willing and forced by terror, are such that a few thousand guerrillas are able to disrupt, often cancel, the government operations. Somewhat less than half a century of military efforts did not eradicate rebellion.

Territorially isolated as they are, Naxals can only wage a primitive warfare. They even implement their weapons with bows and arrows. The explosives they use are prevalently obtained by attacking police and security forces. Their operation is too far from foreign sorces of supplies. They are described as Maoists, even as China has not been exporting subversion any more. Still, a few months ago the Delhi government was forced to allocate funds for new battalions of armed militia, for additional helicopters and counterinsurgency training centers.

India is a giant well accostumed to take tough measures against her enemies, but past efforts against Naxals did not succeed. Recently prime minister Manmohan Singh described those rebels “the single biggest internal security challenge ever faced by India”. But he also admitted “the chronic poverty, mass ignorance and desease”. In the last four years a thousand people died each year violently
India is seen abroad as a nation on the move, however the durability of the insurgence is bewildering. In addition to general factors, the tribal conditions of many Central Indian villages easily explain poverty. Minerals have been found, but the new jobs are few and low-paid. Terrorism in one third of the Indian districts discourages investments.

At the root of the political problem is the failure of the democratic institutions to operate in conformity with the lofty ideals and easy promises. Once upon a time India appeared a young nation which would conform to the noble precepts of Mahatma Gandhi, thanks among other things to the collective enthusiasm of hundred millions voting citizens. Reality is different. The governing classes were soon spending on aircraft carriers, nuclear weapons and Rolls-Royces for ambassadors, well in advance of present economic development, rather than on adequate social programs. Today huge wealth is being created in some segments, but it doesn’t reach the low classes. Gandhian idealism has been operating only nominally and sporadically, while graft and egoism have increased.

A.M.C., Daily Babel

Corruzione nell’Europa occidentale e in Italia

…ma non siamo il fanalino.

Corruzione male europeo,o meglio paneuropeo, non c’è dubbio. Lo comprova l’abbondanza di strumenti per combatterla messi in campo negli ultimi decenni dalle maggiori organizzazioni continentali: due convenzioni del Consiglio d’Europa (1999), due dell’Unione europea (1995, 1997) più una specifica direttiva di Bruxelles (2003), una convenzione dell’OCSE (formata in maggioranza da paesi europei) del 1997 e sottoscritta finora da 38 Stati membri, e altre ancora. Senza contare quella dell’ONU, aggiuntasi nel 2003 ad una precedente delle stesse Nazioni Unite per la lotta contro la criminalità organizzata internazionale (Palermo, 2000). L’apprestamento e l’attivazione, inevitabilmente laboriosi, di un simile dispositivo hanno dato risultati in qualche caso apprezzabili ma complessivamente non ancora soddisfacenti e tanto meno definitivi. Resta comunque acquisito il significato di un impegno collettivo eloquente riguardo alla sua motivazione.

Il male, tuttavia, non è equamente distribuito nel vecchio continente. Ne sono particolarmente flagellate la Russia post-sovietica e il resto dell’Europa ex comunista, sulle quali ci siamo già soffermati negli scorsi mesi. Al di qua dell’ex cortina di ferro le cose vanno nell’insieme alquanto meglio ma la situazione si presenta ugualmente seria, in parte anche grave e semmai in via di peggioramento. Ne fanno fede le ormai ben note classifiche annuali di Transparency International, tuttora preziose benché la loro assoluta attendibilità venga oggi messa in discussione e si cerchino strumenti alternativi di indagine e valutazione di un fenomeno dalle molte facce e con aspetti spesso inediti.

Anche i dati più recenti di TI confermano la superiore virtuosità dell’area nordica dell’Europa occidentale, i cui paesi si collocano in blocco nei primi dieci-dodici posti della graduatoria mondiale con voti intorno a 9 su 10. In loro compagnia si trovano Svizzera e Olanda, mentre un po’ più giù nella scala, con voti intorno a 7-8, si situa il grosso dei paesi della fascia centrale con in testa i maggiori (Germania, Gran Bretagna e Francia, in posizioni vicine a quella degli Stati Uniti). Più giù ancora non solo geograficamente troviamo l’area mediterranea, con Spagna e Portogallo intorno ad una stentata sufficienza e Italia e Grecia, invece, molto al di sotto di essa.

Ma c’è anche una differenza di qualità. A sud la corruzione si presenta più o meno diffusa in ogni settore, benché non paragonabile a quella dilagante, ad esempio, in Russia, come abbiamo visto. Nel centro-nord, invece, predomina un settore specifico che è quello dei rapporti tra imprese esportatrici o investitrici ed enti finanziatori, pubblici e privati, da un lato, e mercati esteri, in particolare del mondo sottosviluppato, e relativi governi e altri organismi pubblici dall’altro. In questo campo, quanto meno, si sono registrati negli ultimi anni gli scandali più clamorosi e comunque di più rilevante entità. Che poi si tratti di un aspetto minore della corruzione rispetto agli altri dipende dai punti di vista. Sembra però che stia perdendo quota la teoria del “when in Rome”, cioè la tendenza ad assolvere quanti si comportano male per un necessario adeguamento ad usi e costumi locali.

Lo si potrebbe spiegare anche col fatto che le infrazioni delle regole vigenti, quando sono punite, provocano esborsi decisamente cospicui. E’ accaduto a grossi nomi dell’industria tedesca e britannica come Siemens (multata per 1,6 miliardi di dollari in Germania e Stati Uniti), Daimler (185 milioni) e BAE Systems (400 milioni), quest’ultima per vendite di armi all’Arabia Saudita. Tra le società programmaticamente impegnate a combattere la corruzione brilla invece la svedese Ikea, che ha adottato severe misure per mantenere pulite le proprie attività su un mercato scabroso come quello russo, rivaleggiando quindi con il comportamento esemplare che viene attribuito all’americana Texaco (oggi integrata nella Chevron) in Africa.

Condanne a pene carcerarie sono toccate a vari politici francesi di spicco per forniture militari all’Angola negli anni ’90 in violazione dell’embargo decretato dall’ONU. Ancora più di recente sono venuti alla luce abusi ed illeciti connessi ad analoghe forniture della Francia al Pakistan. Traffici di armi e altro con paesi dell’ex Jugoslavia durante e dopo la guerra civile hanno inoltre fatto dapprima la fortuna e provocato poi il crollo di una banca austriaca, il Hypo Group Alpe-Adria, vicina al ben noto quanto controverso leader carinziano Joerg Haider e infine nazionalizzata. Ciò non impedisce all’Austria di figurare tra i paesi relativamente virtuosi nonostante qualche altro trascorso non edificante in fatto di collusioni tra politica e affari.

Non così, invece, la Spagna, teatro fra l’altro di uno scandalo di colossali proporzioni che anche per la sistematicità e la durata delle pratiche corruttive ricorda da vicino vecchi e nuovi casi nostrani. Si tratta in particolare delle isole Baleari, dove, con l’apparente favore del regime di “comunità autonoma” vigente nell’arcipelago, ha imperversato per un trentennio quello che è stato definito un “laboratorio della corruzione politica in Europa” (“Le Monde diplomatique”, giugno 2010), fondato su una selvaggia speculazione immobiliare e tradottosi nel saccheggio delle casse pubbliche a vantaggio dei partiti. Centrale, tra questi, il ruolo di una piccola formazione locale a base clientelare alleata però a periodi alterni con i socialisti (PSOE) e con i popolari di destra.

La Spagna, ciò nonostante, ha conservato una quotazione, se non brillante come già accennato, almeno sensibilmente migliore di quella dell’Italia. Alla quale dedichiamo qui, per ora, solo un breve cenno, partendo dall’amara constatazione che per il nostro paese non sembra esserci limite al peggio. Anche nel 2009, infatti, è proseguito un trend negativo che dura da numerosi anni. Come la stampa quotidiana e periodica ha ampiamente riferito e più o meno adeguatamente commentato nello scorso ottobre, la graduatoria di IT ci colloca al 67° posto nel mondo, tra Ruanda e Georgia, dopo il 63° del 2008, con una riduzione del voto da 4,3 a 3,9.

Tra i commenti merita rilievo quello dell’on. Osvaldo Napoli, vice presidente dei deputati PDL, apparentemente dimentico che già la Corte dei conti aveva reso noto in febbraio che i casi di corruzione erano aumentati rispetto all’anno precedente del 229% e quelli di concussione del 153%. Secondo l’autorevole parlamentare la situazione nella pubblica amministrazione è migliorata, ci possiamo consolare perché non siamo il fanalino di coda nell’Europa occidentale (alle nostre spalle resta infatti la Grecia) e, comunque, il disegno di legge anti-corruzione approvato nello scorso marzo dal governo consentirà di risolvere definitivamente il fastidioso problema. Come quello dei rifiuti di Napoli, è da presumere.

Franco Soglian

TEDESCHI CONTRO IL PIL

Crescono non solo in Germania i fautori della crescita zero.

Può darsi che sia solo un’utopia, un miraggio, persino un errore. Molti però ci credono, e non da oggi. Sono anzi sempre più numerosi, sia in campo scientifico sia nel mondo politico e in quello economico, quanti propugnano o per lo meno considerano seriamente l’ipotesi di una crescita zero o comunque diversa. E non manca neppure chi l’ha già risolutamente abbracciata, come un grosso imprenditore di Brema che la applica con audacia anseatica e teutonico rigore nella propria azienda. Dalla sua esperienza trae spunto un lungo articolo del settimanale “Die Zeit”, uno dei più prestigiosi in Europa e nel mondo, del quale riportiamo qui ampi stralci.

Più di due terzi dei tedeschi ormai dubitano che la qualità della loro vita migliori se l’economia cresce. Interi gruppi sociali sperimentano già da tempo cosa significhi essere tagliati fuori dal benessere. Ad altri la crisi finanziaria ha mostrato quanto possa essere pericoloso puntare tutto sulla crescita come fanno banchieri, imprenditori e anche politici. Le molteplici catastrofi naturali non costituiscono forse il monito più pressante di dove potrebbe portare in ultima analisi lo sfruttamento del pianeta sospinto dalla crescita, cioè direttamente alla catastrofe climatica?

La sensazione che i cittadini avvertono è stata a lungo espressa in modo articolato solo da alcuni outsider. Criticare la crescita era quasi un tabù per la scienza ufficiale…Ma ormai il dibattito sul modello tradizionale del benessere è divampato anche nelle sedi istituzionali, associazioni, partiti e persino nella sfera economica, tradizionalmente molto conservatrice. Anche lì i promotori del ripensamento parlano sempre più chiaramente: in prospettiva è necessario liberarsi dalla fede tradizionale nella crescita perché essa trascina il mondo in un vicolo cieco.

Il capofila degli industriali Hans-Peter Keitel sostiene pubblicamente la necessità di una crescita sostenibile. E l’industria farmaceutica invita cattolici e protestanti ad un seminario intitolato “Di meno è (talvolta) di più”. Perfino la socialdemocrazia si è risvegliata…perché il tema interessa non soltanto il ceto medio attirato dai Verdi ma anche i lavoratori. Dopotutto le due categorie sono accomunate dallo scetticismo sul modello dominante, che per gli uni distrugge l’ambiente e agli altri, per la loro specifica esperienza, non assicura più benessere e qualità della vita in misura sufficiente.

Socialdemocratici e Verdi [tedeschi] sono in buona compagnia. In Francia cresce il movimento per la decroissance, che dice no alla crescita. In Austria il ministero degli Esteri cerca vie che portino ad una “economia di mercato umana”. In Gran Bretagna, l’anno scorso, l’economista e consulente del governo Tim Jackson ha fatto scalpore chiedendo ai politici un “benessere senza crescita”. Subito dopo è entrato a Downing Street un premier, David Cameron, che intende misurare il benessere della nazione non soltanto con la crescita ma anche con la soddisfazione degli uomini, ovvero con un indice della felicità appositamente creato. Persino l’OCDE, organizzazione dei paesi industriali tradizionalmente tutt’altro che ostile alla crescita, guarda ora all’argomento con occhi diversi. Mirando, cioè, a colmare il divario tra la crescita, così com’è concepita oggi, e l’effettiva percezione del benessere da parte delle persone…

Ma sanno i politici e i dirigenti delle associazioni dove ciò li porterebbe? Un mondo senza crescita non precipiterebbe nel caos? Se l’economia ristagnasse, verrebbero meno per i politici i classici spazi di manovra per la distribuzione. Di più per alcuni significherebbe di meno per gli altri. Anche il sistema sociale si basa sul fatto che un numero sempre minore di contribuenti produce sempre di più. Senza crescita esso potrebbe crollare, e lo Stato non potrebbe più sostenere il peso dei suoi debiti. La crescita zero sarebbe insomma non un sogno ma un incubo.

Già nel 1972 un gruppo capeggiato dall’economista americano Dennis Meadows profetizzava, sulla base di modelli elaborati col computer, l’avvento di un mondo caratterizzato come segue. Se l’economia continuasse ad usare un tanto di risorse e la popolazione continuasse ad aumentare rapidamente, l’umanità rimarrebbe ancor prima del 2100 senza materie prime e la sua economia andrebbe in frantumi. Questo studio provocò uno choc nell’intero pianeta, seguito da un’ondata di rigetto ancor più forte. Tutti i problemi della società moderna possono essere superati, replicarono autorevoli economisti al dissenziente collega Meadows, proprio mediante più tecnica e più crescita.

Molti di loro si sono dimostrati preveggenti. Oltre 200 milioni di uomini sono sfuggiti alla fame, e soprattutto in Cina è avvenuto quasi un miracolo. In molti altri paesi più persone hanno più che mai da mangiare e da bere, sono più sane e istruite. Si può rimproverare alla crescita di avere dato di meno ai poveri e di più ai ricchi, ma neppure le guerre, le crisi e le recessioni hanno impedito che, globalmente, si producesse e si consumasse di più in tempi record.

E tuttavia il prezzo del benessere è elevato. Benché la plastica venga prodotta solo da 60 anni, gigantesche concentrazioni di suoi residuati si sono formate nei mari del pianeta, la più grossa delle quali, nel Pacifico, è di dimensioni pari all’Europa centrale. Un vortice tossico in mezzo all’oceano mette in circolazione particelle ad alta concentrazione di cartocci per lo smercio, scatole di CD, spazzolini da denti, bottiglie, vasetti di yogurt, pezzi di Lego, scarpe da ginnastica e accendisigari. Da tempo i rifiuti del benessere sono entrati negli stomachi dei pesci e quindi, buon appetito!, nella catena alimentare.

Contemporaneamente, il petrolio e parecchi metalli sono diventati molto scarsi. I paesi emergenti con in testa la Cina e un nuovo ceto medio globale fanno concorrenza all’Occidente per l’accesso alle risorse. Miliardi di uomini vogliono mangiare meglio e acquistare prima o poi televisori, automobili e computer. I danni collaterali che ne derivano sono immensi. Quotidianamente scompaiono 100 specie animali, vengono distrutti 20 mila ettari di terra coltivabile e disboscati 50 mila ettari di foreste. L’acqua scarseggia in molte regioni, i mari soffrono per troppa pesca e il pianeta si riscalda a ritmo crescente.

L’organizzazione Global Footprint Network è fortemente impegnata a calcolare in che misura l’umanità produca in eccesso rispetto alle sue possibilità. Il risultato è spaventevole e ha un nome: World Overshoot Day, il giorno dell’anno a partire dal quale l’uso delle risorse supera la capacità annua della terra di rigenerare durevolmente tali risorse. Nel 1990 questo giorno è caduto il 7 dicembre. Nell’anno corrente l’Overshoot Day è sceso al 21 agosto. L’umanità, dunque, vive ecologicamente a credito già dalla tarda estate.

Ancor prima della guerra il grande economista britannico John Maynard Keynes si diceva sicuro che in un tempo prevedibile una “economia sazia” non sarebbe più cresciuta, senza per questo finire a terra. Persino il padre dell’economia sociale di mercato in Germania, Ludwig Erhard, ammoniva che nessuno doveva “cercare ancora a lungo la salvezza solo nella costante espansione dei beni materiali”.

Oggi si pronunciano ancora in questo senso solo pochi economisti. Tra essi figura Hans Christoph Binswanger dell’Università di San Gallo, padrino professionale del presidente della Deutsche Bank Josef Ackermann. Binswanger ha indagato a fondo come nessun altro su ciò che funge da motore dell’economia. “E’ il denaro”, egli afferma, che rende obbligatoria la crescita e la sospinge. Di fatto le banche possono oggi creare denaro in quantità quasi illimitata accordando ai loro clienti sempre più crediti. Per potere pagare i propri debiti i beneficiari del credito devono poi investire a scopo di profitto, devono quindi accrescere il prodotto sociale.
All’obbligo fa seguito la spinta. I soci dell’impresa si aspettano profitti il più possibile elevati. Questi possono essere perseguiti anche sul mercato azionario o attraverso speculazioni immobiliari, con la crescita sempre nel mirino. La sfida consiste oggi, secondo Binswanger, nel saper “frenare tempestivamente l’accumularsi dell’indebitamento economico ed ecologico”. Lo studioso, che per le sue idee ha ricevuto molti premi, caldeggia perciò la riforma del sistema bancario, che dovrebbe limitarsi a prestare il denaro che effettivamente possiede, rendendo così difficile l’aumento del volume del credito e la spinta incessante alla spirale della crescita.

Se l’umanità disponesse di qualcosa di diverso dal PIL ne conseguirebbero una diversa valutazione della crescita e quindi anche una politica diversa. Un esempio. Se oggi avviene un incidente, la macchina va in pezzi e il guidatore in ospedale, ma l’economia cresce benché l’accaduto danneggi la persona come pure la società. Lo stesso accade con lo sfruttamento dell’ambiente. Che le risorse vengano usate durevolmente oppure no, per il PIL è indifferente. L’ambiente può anche essere devastato, il PIL aumenta lo stesso.

Uomini e società non traggono alcun beneficio automatico dalla crescita economica, come dimostrano le ricerche su economia e felicità. Nei paesi poveri aumenta indubbiamente la soddisfazione quando il PIL finalmente cresce. Ma nelle società ricche essa può persino diminuire se contemporaneamente l’ambiente viene maltrattato e i ceti meno abbienti non hanno la possibilità di migliorare.

Tendono allora l’orecchio anche socialdemocratici e conservatori. Distruggendo la natura senza neppure accontentare la gente dove si va a finire? La combinazione tra ricerca su felicità e ambiente favorisce così la nascita di nuove alleanze. Dal dibattito su una rinuncia alla crescita si passa a quello su una crescita diversa…Nessuna rinuncia, ma ricerca di un’altra crescita, nelle speranze trasversali ai partiti, una crescita più ecosostenibile e più giusta. Si potrà salvare il pianeta con una tecnica nuova e più accorta, con consumatori più attenti e politici migliori. In effetti simili speranze sono alimentate da analisi comparative internazionali, secondo cui l’impiego di materie prime e materiali può essere teoricamente scisso dalla crescita economica.

Dopotutto, il mondo potrebbe produrre nel 2007 quanto produceva nel 1980 usando un quarto di materiali in meno. Attualmente un’intera armata di esperti è impegnata a sganciare la crescita dallo sfruttamento dell’ambiente. Il messaggio comune di tutti questi apostoli dell’efficienza è che il benessere può essere assicurato anche solo con un quinto e forse persino un decimo degli attuali consumi. La strada da percorrere è tuttavia impervia.

L’ostacolo maggiore non è l’inadeguatezza tecnica bensì la politica fiscale. Il fisco tedesco si nutre soprattutto di prelievi sul lavoro. Per contro l’utilizzo della natura non viene tassato, e su ciò influisce poco in Germania anche la modesta imposta ecologica. Oggi come in passato mancano perciò gli incentivi ad usare i materiali in modo intelligente ed economico…Se però un giorno responsabili del fisco e innovatori industriali, economisti di punta e la massa dei consumatori facessero causa comune, una crescita verde potrebbe forse diventare realtà in questo paese.

Da un punto di vista globale non ci aiuta al riguardo neanche la natura, ovunque strapazzata più che mai. In Germania, per la verità, la sua depauperazione ristagna intorno alle 50 tonnellate annue pro capite, per cui l’ambiente nazionale risulta meno maltrattato di prima. Molte fabbriche nemiche dell’ambiente hanno tuttavia traslocato in paesi stranieri poveri. E’una tendenza che accomuna tutte le potenze industriali, che importano sempre più dall’estero prodotti nocivi, come rende noto uno studio dell’Ufficio federale per l’ambiente. Non c’è perciò da meravigliarsi che il consumo mondiale di materie prime sia aumentato del 62% dal 1980, con buona pace di tutte le nuove tecniche.

Di fatto, nella gara tra efficienza e crescita l’efficienza, almeno finora, è arrivata per lo più solo seconda. Le automobili consumano meno carburante, ma sono aumentate di peso e potenza. Le abitazioni richiedono meno riscaldamento per metro quadrato, ma la loro superficie pro capite è cresciuta. Malgrado il mitico successo dell’energia eolica e solare il sistema energetico tedesco ha sfornato nel 2008 quasi altrettanto gas nocivo quanto nel 1995.

Oggi le cose diventano difficili per i politici che sbandierano l’idea della “nuova crescita”. Confessare o no che neanch’essa risolve tutti i problemi? Rassegnarsi o no ad avviare il dibattito sulla “crescita zero”? Se sì, come risolvere i problemi finora fronteggiati mediante la crescita, cioè il finanziamento della sicurezza sociale, l’abbattimento del debito statale, la lotta contro la disoccupazione? L’imprenditore di Brema Harald Rossol conosce bene questi problemi. Egli crede tuttavia che la rinuncia alla crescita sia “l’unica via per salvare il nostro mondo”. Ma cosa succederebbe se molti, o alla fine tutti, si comportassero come lui? Se l’economia senza crescita improvvisamente nascesse? Neppure Rossol saprebbe rispondere, ed è tuttavia convinto che ce la potremmo fare, in quanto “a risolvere un problema si comincia prendendo atto che esso esiste”.

Licio Serafini

Il Disegno Neo-Ottomano Della Turchia

Mentre per l’Occidente la data del giro di boa nella vita politica è generalmente indicata nel 1989, per la Turchia l’inizio di una lunghissima e non ancora conclusa transizione risale al 1980, data dell’ultimo colpo di stato militare, il terzo dal 1960. Fu quello l’ultimo tentativo dell’establishment militare di fede kemalista di costringere ad una modernità di tipo occidentale un paese la cui anima profonda evidentemente era e resta intimamente legata ad una propria forte individualità, nella quale l’aspetto religioso conserva un ruolo primario anche se non esclusivo. Un’individualità religiosa sì ma soprattutto ottomana; proprio questa, al di là delle apparenze, ieri costituiva il substrato su cui si sviluppava il disegno politico del laico Mustafà Kemal Ataturk, e oggi anima l’azione dell’attuale classe dirigente, non per nulla definita neo-ottomana. Accanto alla propria rivendicata identità islamica, gli attuali dirigenti perseguono con lucidità un disegno di riscatto economico e sociale all’interno e un ruolo internazionale non più limitato a quello di avamposto dell’Occidente in Medio Oriente, tracciando il profilo di una dinamica potenza regionale, portatrice di istanze e ambizioni proprie.

Paradossalmente l’esercito – rimandato abbastanza ruvidamente nelle caserme ( recentemente una quarantina di alti ufficiali è stata arrestata con l’accusa di tramare per il rovesciamento del governo, mentre il referendum costituzionale vinto dal governo il 12 settembre ne ha sostanzialmente ridotto le funzioni e l’autonomia) ha avuto un ruolo non secondario in questa evoluzione. Col colpo di stato del 1980 i militari del generale Evren ritennero di poter liberare una volta e per sempre il paese dalle forze politiche che nei decenni precedenti avevano insidiato la cosiddetta “ rivoluzione kemalista” laica, occidentalizzante e nazionalista.

Sciolsero i partiti, ne vietarono la ricostituzione e colpirono con l’interdizione a partecipare alla vita pubblica per dieci anni gli esponenti politici attivi al momento del loro intervento. Contemporaneamente però, sulla scorta dell’esperienza di oltre mezzo secolo, ritennero di dover concedere qualcosa alla “Turchia profonda” ( cioè religiosa), il che si tradusse essenzialmente in un allentamento del rigido laicismo perseguito fino a quel momento. Fu revocato il divieto di istituire scuole religiose, si permise l’avvento al potere di personalità dichiaratamente “pie” come, per fare un solo nome, il defunto primo ministro Turgut Ozal (dal 1982, poi successore dello stesso Evren alla presidenza della Repubblica). Da allora in Turchia la religione ha progressivamente guadagnato spazi nella vita pubblica, pur senza assumere i caratteri dell’integralismo.

Ciò ha avuto conseguenze importanti sia sullo sviluppo economico sia sul posizionamento internazionale del paese. Il “ritorno all’Islam”, per quanto limitato per il momento, ha comportato un’attenuazione della tradizionale diffidenza dei vicini paesi musulmani verso quello che, oltre ad averli dominati al tempo del califfato, si distingueva per i suoi rapporti di amicizia nei confronti dell’Occidente e di Israele. Ricordiamo che la Turchia è stata, insieme all’URSS, il primo paese a riconoscere lo Stato ebraico, con il quale ha intrattenuto da allora importanti rapporti economici, estesi perfino al settore delle forniture militari).

Questa evoluzione ha avuto come conseguenza importante che, mentre le istituzioni economiche internazionali lesinavano i propri aiuti alla Turchia, questa otteneva finanziamenti e cooperazione dai paesi islamici, in particolare dall’Arabia Saudita: oggi le gravi difficoltà economiche dei decenni scorsi sembrano superate e la Turchia vive una promettente fase di sviluppo, sostenuta, tra l’altro, dall’affermarsi di una nuova classe media, dinamica e consapevole.

Le relazioni di Ankara con Damasco -dove le ragazze collezionano le foto di Erdogan e si moltiplicano i corsi di lingua turca- Baghad, Riad e perfino Teheran sono migliorate progressivamente, mentre peggioravano quelle con Tel Aviv. Dopo il clamoroso scontro tra Erdogan e Simon Peres a Davos (2009), ed altri momenti di tensione diplomatica, i rapporti turco-israeliani hanno toccato il punto più basso in seguito all’incidente della Mavi Marmara, la nave attaccata dalle forze israeliane mentre viaggiava verso Gaza con un convoglio destinato a portare aiuti umanitari all’enclave palestinese, tentando di forzare il blocco imposto da Israele.

All’opposto, i rapporti della Turchia di Erdogan con l’Unione europea sono resi problematici dal deciso rifiuto di Francia e Germania di procedere verso l’integrazione a pieno titolo del paese anatolico nell’Unione europea. Questo percorso era stato virtualmente tracciato nel lontano 1963, anno del primo trattato di associazione tra Ankara e Bruxelles. Questo prevedeva lo sviluppo di una cooperazione sempre più intensa in vista di una piena adesione di Ankara alla Comunità europea (poi divenuta Unione), allora fissata nel 2000. Mano a mano che tale data si avvicinava però gli adempimenti richiesti dai partners europei si estendevano da quelli economici a quelli relativi al più difficile consolidamento delle istituzioni democratiche, al rispetto dei diritti civili e delle minoranze nei termini definiti dai trattati europei.

Nonostante gli sforzi in tali ambiti compiuti dalla Turchia e anche sotto al spinta di problemi interni all’Unione, in particolare quelli creati dall’immigrazione, Parigi e Berlino ( ma è assai probabile che le due capitali interpretino la volontà non espressa anche degli altri partners, esclusa forse la Gran Bretagna anche a questo riguardo più vicina alla posizione degli Stati Uniti) sono decise a cristallizzare i rapporti tra la Ue e la Turchia al livello di una cooperazione regolata da un buon trattato di associazione, archiviando a tempo indeterminato la questione dell’adesione e impedendo così che Ankara possa ottenere per via diplomatica quello che al Sultano fu negato a Lepanto e a Vienna.

Questo fin de non recevoir europeo ostacolerebbe il progetto più ambizioso attribuito alla politica estera turca: (ri-)conquistare una vasta area di influenza, che si estenderebbe dall’ Europa, attraverso nuovi legami con le popolazioni dei Balcani un tempo parte dell’Impero grazie alle loro componenti musulmane (albanesi, bosniaci, minoranze bulgare e macedoni), alle repubbliche turcofone dell’Asia ex sovietica, nei cui confronti Ankara è pure molto attiva, oltre, naturalmente ai vicini islamici. Osteggiato dagli europei e in qualche misura dai russi, questo disegno neo-ottomano è invece incoraggiato dagli Stati Uniti, che sperano di poter ottenere con Ankara un contrappeso credibile alla potenza iraniana e alle sue mire sull’ Asia Minore ( visita di Ahmadinejad in Libano a metà ottobre), e un’amica sicura in uno scacchiere sul quale giocano un’incerta partita.

Donatella Viti

THE BANE OF AMERICAN HAPPINESS

As politicians go, former Italian prime minister Romano Prodi is unusually familiar with the economics of the international scene. He also headed the Brussels Commission, governing body of the European Union. Beforehand he was the czar of IRI, the giant conglomerate of the largest State-owned Italian industries, from steelworks to banks to shipbuilding and much more. He is a full economics professor in the prestigious Bologna university. He is a member of an exceptionally gifted family of eight or nine tenured academics. He is presently a top consultant of the Peking government.

A few days ago I listened professor Prodi explaining why the USA has inevitably lost the absolute hegemony on the planet: . If Prodi is right, the exhorbitant investment in wars and armaments in the last 93 years, beginning with president Wilson forcing America into WW1, has actually weakened the United States. The present cost accepted in Afghanistan only is $100 billion a year, to the obvious detriment of civilian programs that would almost certainly cut the 10% American unemployment to the physiological level of 3 to 6 per cent. Of course, should Uncle Sam wind up the adventure in Afghanistan, the American war industries would suffer. But the civilian programs would in all probability determine a positive algebraic sum. It’s not sure that president Obama would have lost the midterm elections so badly, had he announced Tennessee Valley-type programs to the tune of $100 billion a year.

The abovementioned ‘law’ that Prodi the economist enunciated should probably be enlarged with a plain corollary, or additional inference: a government spends too much on arms when it is too rich. This probably means that the wondrous economic success of last three centuries is really the bane of the American happiness, while happiness loomed large in the inspiration and doctrines of the Founding Fathers. So converting to no-growth is theoretically a prerequisite to a comeback of sanity in America and elsewhere. Saudi Arabia’s recently announced buying American weapons for a volume which would be high even to the Pentagon is the very opposite of sanity. Shall Uncle Sam one day be the recipient of international aid programs of the kind of the Marshall Plan?

The mark of absolute, fashinating youth was the American newborn Republic being penniless. The US Treasury had debts rather than funds. No immediate receipt was available. A number of months elapsed before the first money came in (a custom duty levied by a law of Congress). At that point the federal bureaucracy numbered a few dozen persons. The permanent Army of the US reckoned 700 men. The nation’s richest gentleman was a farmer, president George Washington, the owner of Mount Vernon. His property was large, 8,000 tillable acres plus bush, but the product was lilliputian when seen with today’s eyes.

Adolescent America soon became the sweetheart of the world. Slimming and discarding armor is mandatory to present obese America should she try to reclaim part of her beauty and loveliness.

Anthony Cobeinsy
da Daily Babel

RIMPIAZZARE I POLITICI

Popolo contro la corruzione nell’Europa orientale

C’è solo un dato che può consolare un po’ l’Est europeo in fatto di corruzione: la gran madre Russia, tale almeno per i popoli slavi, batte, in peggio, tutti gli ex satelliti dell’URSS stando alle classifiche stilate ogni anno da Transparency International. Nei suoi paraggi si ritrovano soltanto la stretta parente bielorussa e il semiasiatico Azerbaigian. Come sappiamo (vedi l’”Internauta” di ottobre), si tratta di posizioni di coda nella graduatoria mondiale, che vede la Russia preceduta, in meglio, da un gran numero di paesi asiatici, africani e latino-americani.

Benchè ricollegabile a più o meno antichi usi e costumi nazionali, il livello di corruzione è influenzato non poco dalle circostanze prevalenti in questo o quel periodo. Come gli altri paesi ex comunisti, la Russia ha inevitabilmente risentito delle rovinose conseguenze del crollo di regimi e del mutamento di sistemi politico-economico-sociali. Le sue stesse dimensioni e la sua ricchezza di materie prime e fonti di energia la ponevano però in condizioni migliori dei suoi vicini occidentali per affrontare la sfida della transizione e anche la recente crisi dell’economia planetaria. Un vantaggio, questo, che sulla corruzione non sembra avere minimamente inciso.

Nella federazione russa, infatti, il vizio del malaffare ha continuato ad imperversare e addirittura ad aggravarsi. Nel resto del mondo ex comunista è invece prevalsa anche negli ultimi anni la tendenza ad un certo miglioramento malgrado alcuni alti e bassi. D’altronde, nonostante un paio di minacce di bancarotta (Lettonia, Ungheria), l’Europa orientale ha complessivamente resistito alla crisi meglio del previsto. Le misure di austerità più o meno pesanti resesi ovunque necessarie, quali il taglio delle retribuzioni a medici e poliziotti spinti perciò a ricadere in vecchie tentazioni, non hanno apparentemente prodotto le conseguenze paventate un anno fa da “Le Monde diplomatique” in una rassegna dedicata ai Balcani. Il che non toglie che proprio la sub-regione meridionale, sotto vari aspetti la più arretrata, sia rimasta altresì quella più flagellata da un morbo che comunque non cessa di affliggere l’intero Est europeo.

Le graduatorie vedono sempre quasi tutti i paesi della regione declassati rispetto a quasi tutti quelli dell’Europa occidentale, compreso un pezzo grosso, ma notoriamente per nulla esemplare, come l’Italia, peraltro superata in relativa virtù da almeno un paio di vicini orientali. Nel quadro generale spicca la divisione netta nord-sud in quanto nessun paese balcanico si piazza meglio di quelli dell’altra sub-regione, sempre che si consideri non balcanica bensì mittleuropea, come sembrerebbe giusto, la Slovenia (che non a caso, con un voto di abbondante sufficienza, figura come la più virtuosa di tutti insieme con l’Estonia), e invece balcanica la Moldavia, già parte in passato della Romania prima che dell’URSS e oggi, anche qui non a caso, paese più povero del vecchio continente oltre che tra i più corrotti.

I Balcani si trovano adesso sotto speciale osservazione perché un particolare sforzo domestico per combattere la corruzione viene richiesto dall’Unione europea insieme ad altre condizioni poste ai paesi dell’area in attesa di ammissione. Per la verità la stessa richiesta era stata fatta da Bruxelles a Bulgaria e Romania, che hanno finito con l’essere ammesse malgrado adempimenti per lo meno discutibili e i cui progressi in quel campo sono stati per lo meno modesti anche una volta raggiunta la meta agognata. Analogamente, non moltissimo è cambiato neppure negli Stati dell’ex Jugoslavia rispetto alla situazione che una commissione internazionale non governativa per i Balcani presieduta da Giuliano Amato dipingeva, nel 2005, in termini alquanto crudi, denunciando tra l’altro una corruzione “pervasiva”. Se non è stato questo l’ostacolo principale, è sicuramente parte integrante di un quadro complessivo che spiega il perdurante ritardo dell’ammissione nella UE di Croazia, Serbia e Macedonia dopo quella della Slovenia (accolta anche nell’Eurozona), per non parlare di entità statali precarie o dal profilo controverso sotto diversi aspetti come la Bosnia-Erzegovina, il Montenegro e il Kosovo. Minori ostacoli, almeno di natura interna, si presentano solo per l’Albania, risollevatasi in qualche modo dalla condizione totalmente catastrofica degli anni ’90.

Ciò che più di recente accomuna tuttavia i Balcani al resto dell’Europa orientale è un’inedita o quanto meno accentuata sensibilità al problema corruzione, la sua appariscente ascesa in primissimo piano con conseguenze concrete comunque rimarchevoli. Un anno fa l’“Economist” rilevava che i progressi economici compiuti in precedenza dall’intera regione (o quasi) avevano “ridotto il malcontento per i politici corrotti e i burocrati prepotenti”. Se ciò era vero, la successiva crisi, benché non micidiale, ha fatto sì che il malcontento riesplodesse a tutto campo.

Nuovi partiti, movimenti e iniziative popolari sono nati un po’ dovunque allo scopo precipuo di combattere il malaffare, ottenendo successi spesso inattesi e contribuendo a sconfitte elettorali anche impreviste di governi e partiti da tempo dominanti o comunque con seguito finora forte. Ciò era avvenuto, già lo scorso anno, in Bulgaria, con l’ingresso in parlamento e l’ascesa al potere, a spese del partito socialista, dei populisti di centro-destra guidati dal sindaco uscente di Sofia, Bojko Borisov, che ha promesso lotta senza quartiere contro corruzione e criminalità organizzata, mentre i liberali dell’ex re Simeone sono stati sloggiati da un nuovo partito specificamente indirizzato in tal senso.

Nella Repubblica ceca la scena politica è stata sconvolta nella scorsa primavera dall’irruzione di ben quattro formazioni dello stesso tipo, all’insegna di motti quali “Rimpiazzare i politici”, “Il pubblico conta” o “Defenestrazione 2010”. Una di esse è capeggiata da un ex ministro degli Esteri, epigono della dinastia principesca degli Schwarzenberg, che bolla la corruzione come un cancro e vuole impedire che la Cechia diventi una “nuova Sicilia, senza mare né aranci”. Agli ampi consensi riscossi dalla loro campagna si deve almeno in parte il cambio della guardia a Praga tra socialdemocratici e centro-destra.

Quasi contemporaneamente, in Ungheria, l’ampiamente prevista riscossa del centro-destra è giunta puntuale. I socialisti, al potere da otto anni, sono stati sbaragliati per un insieme di insolvenze comprendenti la deriva in materia di malaffare, tema su cui il premier di ritorno Viktor Orban, già pugnace sotto il regime comunista, ha battuto da par suo minacciando le misure più drastiche contro i funzionari disonesti. In Romania invece, nello scorso dicembre, il presidente della Repubblica Traian Basescu, in carica dal 2004, è riuscito a rovesciare i pronostici superando di misura l’avversario di centro-sinistra. Ora però dovrà dimostrare di saper mantenere meglio le promesse, analoghe a quelle di Orban, fatte all’inizio del primo mandato, durante il quale si è mosso piuttosto in senso contrario, ostacolando e punendo, semmai, i moralizzatori o sedicenti tali.

Sarebbe incauto, in effetti, plaudire senza riserve a tutte queste campagne più o meno trionfali e in particolare a quelle di forze e personaggi politici ovviamente alla ricerca di consensi più o meno facili. Già in Polonia nel 2005 i conservatori populisti dei gemelli Kaczynski avevano vinto le elezioni lanciando una crociata contro la corruzione che però parve ben presto strumentalizzata per regolare i conti con gli avversari oltre che viziata da eccessi ed abusi, e l’elettorato infatti non tardò a sua volta a pentirsi provocando un nuovo cambio di governo. Anche altrove il comportamento di tribunali speciali e commissioni insediati in vari paesi per fare pulizia non era stato sempre irreprensibile, tanto da giustificare talvolta dure reprimende e addirittura soppressioni da parte governativa, sia pure a loro volta inevitabilmente sospette. In altri casi, all’opposto, imponenti apparati repressivi e preventivi appositamente creati avevano brillato per la loro inerzia o inconcludenza. In Albania, poi, in occasione delle ultime elezioni parlamentari (giugno 2009), si è assistito a violente accuse reciproche di corruzione tra i due partiti maggiori, interpretabili in almeno due modi facilmente intuibili.

Oggi tuttavia ci si trova di fronte a mobilitazioni popolari apparentemente spontanee tali da modificare i termini del problema innanzitutto nel senso di smentire una generale indifferenza o rassegnata delusione dell’opinione pubblica riscontrata ad esempio dall’”Economist” a metà del 2008, paragonando tra l’altro la situazione est-europea a quella italiana. Ma anche nel senso di conferire augurabilmente maggiore credibilità a programmi e propositi delle forze politiche altrimenti non del tutto rassicuranti. Con l’aiuto, beninteso, anch’esso augurabile, dell’altra Europa, non solo attraverso le istituzioni comunitarie ma anche il buon esempio dei singoli paesi.

Franco Soglian

IMPERIAL PROSPECTS OF SOLAR POWER

A few months ago The Daily Babel gave me the opportunity to emphasize the vast potential of deserts in terms of solar power, and of course the Sahara is the king of deserts (approximately 9 million sq.km). But one eighth of Asia (with 44,4 million sq.km the largest among the seven parts of the world) is desert. The Tibetan Plateau is the highest and most extended upland of the planet. Consequently Tibet is going to result, after Sahara, a giant “deposit” of solar energy.

The Plateau’s climate is cold (with the exception of the Pomi district, which produces some bananas and grapefruit), a factor that does not favor the production of electricity. However its altitude, between 4,000 and 6,000 meter, is such that the Plateau seems to receive the strongest sunlight of any region of the planet other than Sahara. Add the aridity to altitude. Average rain on the Plateau is between 100 and 200 millimetres per year. Compare that with annual rain in the Indian state of Meghalaya: 12,000 millimetres. Extremely scanty rain means less clouds, therefore a lot of light, i.e. power.

The latitude of Tibet is not northern: a good part of it is not far from the latitudes of Baghdad, Cyprus and Tangier. China, to which Tibet belongs, will be the logical beneficiary of so much potential. It’s developing fast enough to absorb the solar power of the Plateau. Having other deserts, Gobi and Taklamakan in the first place, China shall one day be able to supply its many neighbors that today depend largely for hydro power from rivers fed by retreating glaciers. China will profit by selling solar power to Pakistan, Thailand, Bhutan, Indochina, possibly Japan too.

China is already the world’s most important maker of solar panels and photovoltaic cells. A big emitter of greenhouse gases, the largest nation of Asia has the money to free herself and her neighbors from addiction to fossil fuels. Tibet’s sun is the extraordinary resource which will mitigate the environmental menaces, in addition to give Peking another geopolitical advantage.

Territorial bigness will be decisive even when the mountains are “too many”. Theoretically technology may evolve in ways that allow solar plants on the slopes of high mountains. Even the extremely rugged country of non-flat districts of China will perhaps become prosperous thanks to the photovoltaic panels.

Vast and barren territories of the planet are more value than we used to believe. Will even the roofs of the three thousand monasteries of Tibet be called to fruition?

A.M.C.

AFGHANISTAN: When sepoys die

Every time a non-American Nato warrior is killed in Afghanistan some politicians and/or gurus in the country of the dead rinse their throats with the syllogism (sort of): casualties must be accepted so the crusade for democracy and human rights will triumph. Is it so?

Apart that most crusades in history failed, the truth is that the Nato coalition is not fighting for noble goals. It is waging another colonial conquest war of the United States, a one similar to the wars against Mexico, Spain or Iraq. All empires on Earth were more or less built through colonial wars; but in the past justifications for conquests were not needed. Today it’s different -so Obama and his advisors are in trouble.

It’s a lie, a delusion anyway, that Islamic fundamentalism will be deleted if the West quells Afghanistan. A few thousand caves can be obliterated there by drones, missiles and flamethrowers (with children killed as collateral damages), but a great many more caves exist on the planet. Terrorist can also operate where caves are lacking. Is the Nato coalition going to wage wars in each continent?

If terrorism cannot be cancelled with the tools of the Pentagon, just two justifications remain for the Afghan crusade: a) saving the face of a Nobel prizewinner (for peace!) who is also the supreme warlord on the planet; b) expanding the American possessions in Central Asia. From the colonialist viewpoint, the above justifications are perfectly legitimate. But they involve only the U.S. and those mercenary governments that have been promised tangible gains in payment of their war efforts, casualties and crimes included. Such governments supply, among other things, the sepoys general Petreus needs. The sepoy was a native East Indian employed as a soldier by Britain. Today native Britons are Obama’s best sepoys.

Rome will possibly send additional sepoys (in Italian: ascari) to serve under Petreus. What gains has been assured if Afghanistan is conquered with the help of carabinieri? A share in the government of the world? Of course not. Pentagon contracts and deals are the real prizes for Italy. So highly incongrous are the efforts to throw Italy into mourning when three-color coffins arrive from Afghanistan. The victims of that war were not heroes, as their fatherland was not imperiled. They were professionals seeking career and money. They also died for the sake of jobs and dividends for the national economy.

Italy should drastically cut her military budget, and the same should do all countries of the world, US included. As to Rome, her armed forces should be miniaturized to the size of auxiliaries of the civilian police. Armed forces are immorally expensive and evil.

Recently a traditionalist Italian reader asked former ambassador Sergio Romano, a foremost commentator on international affairs, the following question: the new government of Britain will significantly lower its military budget. Insn’t this going to damage London’s international role? The ambassador’s answer: Britain’s budget deficit is twice the Italian one. Now that the British might has practically disappeared, Premier David Cameron is right in cancelling 20 to 30 per cent of the military expense, and even more right in abandoning the conventional diplomatic strategy of the last 65 years. “The special partnership with Washington forced Britain into two wars which were mistaken”.

An additional appraisal of the former ambassador: “The U.S. have misused their planetary leadership and are responsible for the major crisis, especially the financial ones, of the last decade. The Afghan war has infected Pakistan and the Caucasus. So the American leadership is on the wane.”

The logical inference is that the allies of Washington should stop behaving as Sepoy States.

Jone
da Daily Babel

In quest of an anthropological mutation

Richard Sennett is a renowned American sociologist who happens to be a leftist and the heir of a number of militant Communists. In 1936 his father went to Spain to fight the Francoist insurgents against the almost Communist Republic. Recently professor Sennett gave to an Italian Communist paper an extended interview at the London School of Economics. The core was: the international crisis will worsen soon because the ‘financial capitalism’ which started it is as unwinnable as the medieval Black Death. At being asked, what would he do to fight modern day’s Black Death, Sennett answered “I would nationalize the whole banking sector”.

Now, nobody can doubt an LSE academic’s capacity to obey to at least some logic. It’s therefore clear: Sennett implies that a true revolution would be necessary so that a strong government is able to nationalize the whole financial sector. Who will ever launch said revolution, after so many centuries of unsuccessful tries at the hegemony of money? Better, one and half century after Marx’ Manifesto and almost a century after the apparent victory of Lenin’s revolution?

Nowadays (when the typical compensation of a fair-size corporation is 500 times the one of a salaryperson, and when in special cases said compensation can be many thousand times the one of the lowest-paid, the prospect of any serious mitigation of such iniquities are chimerical) is any hope chimerical?

My answer- the calls to revolution, even to reasonable changes, come from the totally wrong persons. They come from the usual leftist intellectuals, politicians, journalists, film directors and actors. History has taken almost any credibility from this sort of people. When they speak or write, they may look or sound right. They may even be right. But most people, i.e. entire societies or masses, do not set value on them.
So, a completely different race or breed of humans is needed so that a new tiding or faith is announced. Modern history forbids that a better conception of associated existence may be called socialism. A new name must be found. Let’s temporarily call it semisocialism.

A true anthropological mutation is mandatory so that a different social ideal is conceived, a mutation away from the traditional leftist-progressive type. The missionary of a better faith than capitalism will not be the professional and the ambitious; but the Idealist, the Operator of Good. Aiming at a less-capitalist society, we must look at different purveyors of models, ideas, ends and means. If we don’t do this, we’ll die the victims of hypercapitalism. Leftists are on the payroll of conservation. A surgeon for the poor, a compassionate nurse, yes. Smart lawyers, committed literati, shrewd congressmen, no.

A.M.C.
da Daily Babel

Riformismo

Per capirci meglio.

L’ex direttore dell’”Economist”, Bill Emmott, ci ha spiegato dalla prima pagina della “Stampa” come e perché il nuovo premier britannico, David Cameron, è più audacemente riformista del suo predecessore, Tony Blair, campione del New Labour e icona del socialismo moderno. Non c’è da meravigliarsi. Blair aveva certamente risollevato dalla polvere il laburismo d’oltre Manica e governato a lungo il suo paese con relativo successo, prima che i vari ripensamenti sulla guerra all’Irak e l’esplosione della crisi economico-finanziaria mondiale oscurassero il suo personale operato e screditassero il modello britannico legato al suo nome. In fondo, però, questo modello tanto esaltato altro non era che una versione un po’ edulcorata, se si vuole più “compassionevole”, come si dice da quelle parti, del conservatorismo di Margaret Thatcher.

Quanto al giovane Cameron, non c’è dubbio che il suo programma, peraltro appena varato e quindi in attesa della prova del fuoco, brilli per ambizione, ampiezza di vedute e al tempo stesso per uno spregiudicato empirismo che a Londra come si sa è di casa. Ma Cameron è pur sempre un “tory” come la Thatcher, anche se ora alleato con i liberali e benché il suo disegno di “big society” rechi un’impronta, appunto, piuttosto liberale e anzi persino tale da suscitare l’interesse di gente di sinistra. La sua comunque è solo una conferma che tutto, o quasi tutto, quanto si propone, si fa o si disfa, si tenta o si finge di fare ormai da molti anni a questa parte per riformare, innovare, cambiare, ecc. proviene da destra e non da sinistra, e quando proviene da sinistra si tratta per lo più di farina presa da sacchi altrui.

Per venire a noi, una delle poche riforme qualificanti compiute o tentate dal centro-sinistra sotto il governo Prodi furono le lenzuolate liberalizzatici di Bersani, semifallite sia per troppa timidezza sia per l’ostruzionismo dell’allora opposizione, inscenato un po’ per principio e un po’ per la solidarietà post-missina con i tassisti della Città eterna. Da annoverare altresì la riforma del Titolo V della Costituzione, attuata per accattivarsi un po’ la Lega aprendo una porta al cosiddetto federalismo. Tutto ciò non impedisce al Partito democratico di autodefinirsi preferibilmente riformista, come del resto uno dei quotidiani della sua area e come se fossimo ancora negli anni della guerra fredda quando i riformisti di sinistra si dichiaravano tali per distinguersi dai rivoluzionari, comunisti o socialisti, oggi scomparsi.

Quanto alla parte avversa, ci limitiamo a citare tre articoli della “Neue Zuercher Zeitung” pubblicati durante il periodo di (finora) più lunga permanenza al potere di Berlusconi. L’autorevole quotidiano elevetico, tanto comunista quanto può esserlo un organo vicino ai mitici “gnomi” di Zurigo, così intitolava perplesso un editoriale dell’11 giugno 2002, dopo un anno di governo del centro-destra: “Wie liberal ist die Casa della libertà?”. Il 20 gennaio 2006, avvicinandosi la scadenza della legislatura, sosteneva che Berlusconi non doveva neppure ripresentare la propria candidatura non avendo mantenuta alcuna delle sue promesse. Il 23 marzo 2006, infine, tirava le somme di quella gestione affermando che aveva apportato più Stato e meno libertà economica.

Colpa della magistratura e dei comunisti in generale? Limitiamoci, per carità di patria, a constatare che gli uni sono tuttora in debito di riforme promesse, più o meno consone alla loro etichetta ma comunque utili a migliorare un paese che ne ha bisogno più che urgente. E che gli altri devono ancora chiarire quali riforme quali che siano abbiano davvero in mente, se le hanno e ne hanno di condivise al proprio interno. Forse non è mai troppo tardi, ma forse sì.

Nemesio Morlacchi

FROM SECOND CITY TO WHITE HOUSE

The editors of l’Histoire, the Parisian specialized monthly, are much impressed, possibly mesmerized, by a single outline of the Obama phenomenon, his rather unusual relationship with Chicago. According to them, the American president owes a lot to the Second City, at the same time not being indebted to her, as he succeeded in embodying the whole nation, at least momentarily. So the line of thought of l’Histoire is that while Chicago was a major scene of the racial drama of America, Barack Obama, who triumphed there, did not offer himself as a Moses or a warrior of the black emancipation, but as a leader of the nation.

On the other hand, his rise cannot be understood without his bond with the South Side, i.e. with the ghettos on lake Michigan. Obama and the Windy City are seen in Paris as two success-stories of the same mushroomlike sort -a very quick growth, although not necessarily followed by a sudden decay.

Of course Americans know well that in less than fifty years Chicago rose from a fur- and cattle trading village to a large metropolis, a one prominently involved in the events, both political and social, of the 19th century. The place soon attracted several ethnic groups, who often had to fight for recognition. In Europe not many know that in 1886 four anarchists sentenced to be executed, died in Chicago while chanting a revolutionary song. Later the Blacks arrived and beginning from the Nineties the South and West Sides of Chicago became a, or the, capital of Black America. After the Depression and in the New Deal the Democratic party became the party of the Blacks, and locally the latter came near to dominate said party.

When Obama entered politics in Chicago, in 1985, he did not have special connections there. Rapidly he acquired them and succeeded in becoming the heir of the four or five historic leaders of the Chicago Blacks. But was also able to not identify himself as an ethnic ‘Libertador’. As he resolved not to try to become Mayor, the powerful incumbent mayor Richard J Daley was the very willing promoter of the rise of Obama. The young politician who came from Hawaii, Indonesia and Harvard accepted the help of persons and groups that controlled the not very ethical democratic machine of Illinois, but did not lose his personal reputation of honesty.

So the Obama’s masterpiece was conquering Chicago as an outsider, then projecting himself as the national leader from the Second City.

Anthony Cobeinsy
da Daily Babel