FRAGA IRIBARNE MANCO’ ALLA PROMESSA DI AVVICINARE L’UTOPIA

Appariva seppellita, la “teoria del Capo” (in dottrina si chiamava così). La leadership d’oggi sembrava accertata come tipica funzione collettiva, dei circoli dirigenti nel loro assieme, più o meno ordinati in gerarchia. Magari è proprio così. Ma funzionano così male i congegni della collegialità oligarchica che occorrerà spuntarcela con lo sforzo verso la democrazia semidiretta, in forme spregiudicate. E poiché da sola tale democrazia sarebbe fragile, bisognerà valorizzare il ruolo del Capo, del monarca non ereditario. Del comandante della nave.

In teoria è vano scrutare l’orizzonte per attendere l’Unto del Signore. In teoria, è il più irrazionale degli Avventi. Ma così sgradevole, la democrazia partitico-professionale, non se l’immaginavano nemmeno le tante generazioni di odiatori della rappresentanza, del parlamentarismo. Sgradevole perché scosciata e inetta, turpe ma neghittosa e quasi sempre depressa, Passi che è tanto poco armoniosa. Ma così inefficiente e corrotta, perché? La democrazia degli uguali dovrebbe essere trionfo del senso comune. Dovrà contentarsi di così poco e così scadente, il senso comune?

Allora non faceva lirica F.T. Marinetti, bensì predicava un saggezza superiore, quando respingeva tutti insieme i secoli del demo-liberalismo, delle novene costituzionali, dell’afflato delle urne. Dopo millenni di dominio dei vecchi alla guida di tribù e di regni, Filippo Tommaso proponeva: ” Invece di un Parlamento di oratori incompetenti e di dotti invalidi, ‘moderato’ da un Senato inutile, avremo un governo di 20 tecnici, non moderato bensì eccitato da una schiera di giovani non ancora trentenni”. Pensava a giovani diversi, si sa; avesse immaginato questi nostri vecchissimi contestatori gauchisti d’oggi, si sarebbe rassegnato al suo ‘Senato di moribondi, moderatore delle 508 incompetenze di Montecitorio’. Scriveva ancora: “Le Assemblee degli eletti non sono quelle indomite cavalle che la retorica dei nostri padri (dei nostri bisnonni- N.d.r.) amava immaginarsi. Fanno un po’ di chiasso, si abbandonano ai tumulti tanto da far strillare agli strilloni dei giornali, ma poi, quando si tratta di far sul serio, sistematicamente si addormentano”.

Neanche i tumulti fanno più, le nostre legislature. Un’infingardaggine fino allo stremo. Un interminabile corteggio di silenzi complici, assordanti, deafening come tutti i silenzi senza costrutto. A compenso di tanto nullismo centomila riunioni, vertici e tavoli all’anno: esecutivi, direttivi, comitati, tavole rotonde, panels, conferenze stampa, consulenti, esperti, capicorrente, capi relatori. L’apoteosi dei tangheri. E’ un po’ tutto Italia, l’Occidente del 2020. Tedioso, sconclusionato, egemonizzato dalle mezze calzette, fondatori di un’Europa gassosa. A dissestare la nostra ed altre repubbliche, basta una lega tra sindacati, manager di imprese morenti e politicanti ladri delle ‘forze che si ispirano agli ideali della Resistenza’. E’ da 25 e più secoli che l’Occidente tenta di far funzionare la democrazia dei maggiorenti: in questo Atene ‘coronata di viole’ non era molto meglio della Terza, Quarta o Quinta repubblica di Francia. Di Draconi non ce ne fu che uno, e non durò abbastanza.

Siamo qui, a Roma come a Glasgow, all’Aja e a New York, vuoti di convinzioni e di impulsi, posseduti da un cinismo e da uno sfinimento tali che fra un tot -questo sentiamo come una legge della natura e della vita- torneremo alle passioni, ai progetti e alle chimere. L’Occidente condannato dalle radiografie e dagli esami istologici, l’Occidente che si sapeva estenuato, si scoprirà vitale, malato solo di troppe tossine e troppo decubito. Infatti l’Europa non si unisce, la Gran Bretagna affonda nella senescenza, gli Usa si svenano per difendersi da nemici immaginati solo dal Pentagono e dai think tanks delle industrie belliche. La Cina va per la sua strada: niente sentimentalismi, niente fideismi, scherno per le convenzioni, per le buone maniere e per i ‘diritti’. Da noi abbiamo un congegno politico che di solito è il governo dei peggiori: compresi, lo scorso secolo, i comunisti che, comicamente, si credevano diversi. Le volte che la Repubblica nata dalla Resistenza non è malgoverno, è merito di impolitici e di ‘grands commis’, sempre che non rubino e sappiano il loro mestiere. I politici della partitocrazia non sono che appaltatori di chiacchiere e avvocaticchi. Peggio di loro ci sono solo gli opinionisti che esaltano la ‘più bella delle Costituzioni’: un giorno applaudiranno ai cestinatori della ‘Più Bella’.

Forse l’insurrezione contro gli usurpatori sarà un fatto spontaneo, corale. Forse invece verrà un Ulisse sterminatore dei Proci. O un Dracone giustiziere. Meglio se sarà un maestro e un condottiero, un Maometto o un Lutero, capace di mobilitare i cuori e le coscienze, non solo di mettere a punto dottrine politiche. I fossi del mondo sono colmi di politologi ed essi hanno da darci solo la loro sapienza di malaugurio: che viviamo un tempo di disgusti. Poveri diavoli, i politologi, non è colpa loro se il giro intero dell’orizzonte è quali i popoli non lo vorrebbero. Il capitalismo e la democrazia si macerano nella palude. Dal Terzo Mondo sventurato e senza un barlume di creatività politica, non viene un’idea. E’ la realtà che i politologi descrivono. Un’altra e migliore non sanno nemmeno desiderarla. Il più moderno e immaginoso tra loro non andrà oltre il rispetto per la contestazione trasgressiva; non oltre la demolizione dell’etica antica, quella che ancora vale o comunque è cara ai popoli. I politologi consegnano il futuro ai terroristi, ai demagoghi del consenso, agli Spartachi ribelli. Alle maniere vecchie di pensare il futuro. Non avendo la forza per sognare il Nuovo Ordine, legittimano il Non-Ordine. Non ammettendo il pensiero politico come profezia e come visione, i politologi annunciano un futuro il quale non è che il passato impoverito della storia.

Il tumore dell’Occidente è di credere in valori senili, e lo fa per cinismo. Dal cinismo deriva sul piano civile di lasciarsi governare dai peggiori, dalla partitocrazia, dalla prepotenza sindacale, dagli evasori fiscali, dai rivenditori dell’impostura: sull’intesa che nessuno dei decisori vorrà o saprà cambiare le cose. Se il cambiamento ci fosse, nessun prezzo sarebbe troppo alto. I vecchi padroni della società hanno fatto posto a tavola per i professionisti delle urne. Il regno del privilegio resta, perenne come il bronzo. Peraltro certi paesi sono meno ammalati degli altri. La Francia trovò un Capo che assestò colpi di clava sul partitismo: è tutta qui la differenza tra la repubblica di de Gaulle e la Quarta: il Parlamento, com’è giusto, conta quasi niente. E’ stato ridimensionato alle sue mansioni naturali: ua camera di registrazione, una sede di obiezioni e di sofismi, quasi una Onu casalinga o screditata. Tutto ciò ha colpito sodo su notabili e su capicorrente.

Il Dracone o il Lutero che attendiamo dovrà essere, oltre che signore dell’azione, anche maestro e guida spirituale. Dovrà ispirare aneliti, suscitare visioni: questo fecero Maometto e Lutero, non i tanti dittatori della storia . Dovrà far lievitare idee attorno a lui. In Spagna sembrò levarsi uno statista con le risorse culturali, il carisma e il nerbo per deviare la corrente: Manuel Fraga Iribarne, l’uomo che aveva forzato da ministro il regime franchista a cambiare. Pervenne ad essere considerato, soprattutto all’estero, credibile successore del Caudillo, erede del potere senza far scorrere il sangue e senza riempire le carceri di oppositori. Apparve idoneo a creare un modello politico nuovo. In Fraga la sapienza specifica del cattedratico aveva il supporto di una natura imperiosa e di una prontezza selvatica all’azione. Un uomo così sembrava fatto di una delle leghe più rare: la lega tra il filosofo, il capo e l’ingegnere sociale. Chiudeva spesso i suoi ragionamenti con “Y Dios con todos“. Alcuni tratti del suo progetto erano avvincenti: la cogestione dell’impresa, quale momento del passaggio dal sistema delle élites alla partecipazione e ‘perché non suonino le trombe di Gerico’. La rigenerazione del capitalismo (‘la Borsa non ha saputo sostituirsi al Santo Graal’). L’integrazione dei ceti per fondere la dos ciudades‘ e far avanzare l’uguaglianza. La riscoperta della carità, perché ‘c’è più senso della realtà nel Discorso delle Beatitudini che in tutti gli scritti di Lenin, come purtroppo sa chi è povero in Urss’. Il riscatto della mansuetudine contro la truce grandezza dei Conquistadores. L’invocazione di un cristianesimo più puro, in un paese come la Spagna ‘dove tanti peccati si perdonarono alla Chiesa storica’. La severità contro la violenza rivoluzionaria, tollerata per vigliaccheria dai borghesi di mala coscienza. L’esaltazione del lavoro contro l’eroismo ‘inutile’ del matador e contro la maschia ferocia della guerra civile. L’ottimismo di cambiare in meglio la Spagna, ‘non in quanto nazione (il nazionalismo è morto), ma in quanto parte dell’Occidente dove l’immobilismo imprigiona tutti noi’.

Manuel Fraga Iribarne prometteva di avvicinare l’utopia. Di chiudere sì a doppia mandata il sepolcro del Cid, come invocò Joaquin Costa. Ma anche di tener viva la tensione morale ‘che fu la chiave della nostra grandezza, miseria e anche follia’. Dalla ‘altra Spagna’ di Lope de Vega, di Calderon de la Barca e di Fraga Iribarne l’Occidente si attendeva la trasfigurazione nelle opere dell’eroico quotidiano e nell’euforia della liberazione. Fraga aveva scritto: “A Jerez de la Frontera, nel tempo imperiale di Carlo V, gli uomini non avevano da mangiare. Si mangiarono, letteralmente, tra loro”. Ma quando arrivò il momento Fraga mancò alla promessa di rigenerare. Fondò un partito come gli altri. L’uomo dell’esplorazione del futuro si fece sedurre dalla Tradizione liberal-costituzionale e monarchica della Derecha, dalle eleganze concettuali della Restaurazione di Canovas del Castillo e di Sagasta. Avrebbe dovuto tentare di liberare dalla Vecchia Politica quello che fu un grande paese. Invece mise insieme un partito degli imprenditori e delle duchesse. Dai vaticinii e dai presagi di Fraga l’Occidente aveva il diritto di attendere l’esperimento del Buongoverno senza le frodi delle urne, senza le lebbre della demoplutocrazia.

Antonio Massimo Calderazzi

SE LA CINA FARA’ GRANDE L’AFRICA EBBE RAGIONE LINCOLN: BACK TO AFRICA

Si usa dire che Pechino si impadronisce dell’Africa, ‘suo secondo Continente’. Si vedrà: gli inizi ci sono: 146 miliardi di dollari prestati nell’ultimo decennio a 56 paesi che non potranno restituire; cantieri imponenti già avviati. Se continuerà così, l’Africa diverrà un’altra cosa, diverrà uno dei motori del mondo. Allora ha senso quanto qui di seguito scriviamo su un profetico pensiero di Abramo Lincoln: la vera prospettiva per gli schiavi liberati dalla Guerra di secessione avrebbe dovuto essere ‘Return to Africa’.
Il presidente non fu solo a concepire il rimpatrio degli ex schiavi.
Da quando aveva abolito la schiavitù, ai primi dell’Ottocento, la Gran Bretagna aveva appoggiato alcune iniziative umanitarie.
Le quattro colonie facenti parte dell’Africa occidentale britannica -Nigeria, Costa d’Oro, Sierra Leone, Gambia- ricevettero presto esigui contingenti di affrancati. Ci furono rimpatri in altri territori del Continente nero, poi divenuti repubbliche. Se non fosse stato assassinato meno di una settimana dopo la resa dell’esercito del Sud ad Appomattox, è verosimile che il vincitore della Guerra di secessione avrebbe realizzato un esodo di ex schiavi ben più consistente di quello realizzato nel 1847 dall’American Colonization Society con la creazione della repubblica di Liberia.
All’epoca, non più di dodicimila liberiani vantarono l’appartenenza legale al piccolo paese satellite degli Stati Uniti.

Senza dubbio, finora i neri americani non hanno mai rimpianto di non essere liberiani. Questa che era nata come terra promessa degli schiavi, creata prima della Guerra di secessione da americani filantropi, è oggi una piccola repubblica -99069 kmq, anzi 111369 con le acque interne, meno di due milioni di abitanti- una nazione povera come tante altre, e dalla storia travagliata (due dittature, altrettante guerre civili, molti delitti politici). Peraltro è stato ed è uno dei massimi produttori di caucciù al mondo, con imponenti piantagioni dell’americana Firestone. Così come va l’Africa, i suoi cittadini non sono da compiangere più di altri, anche perché si permettono l’orgoglio della nazionalità. I raffronti non vanno fatti con quei neri d’alto bordo d’America che, discendenti di schiavi, superano per reddito e prestigio la maggior parte dei bianchi degli USA e del pianeta; ma con la massa dei quartieri neri, degli slums e dei villaggi miserabili USA.
In Liberia i discendenti dei trasferiti dall’African Colonization Society costituiscono un segmento privilegiato rispetto ai membri di varie etnie locali. I raffronti vanno fatti anche con quella che sarebbe divenuta la nazione degli ex schiavi se fosse stata istituita da Lincoln.
Il vincitore dell’aspra Guerra di secessione -non meno di 620 mila caduti- era uno statista di tempra e carisma eccezionali: altrimenti non avrebbe salvato l’Unione. Se fosse vissuto, e se avesse tenuto fede al proprio giudizio sul futuro della questione razziale, avrebbe realizzato ben altro che l’esperimento liberiano.

Il movimento del Return to Africa non scomparve con la nascita della Liberia. Al contrario, ai primi del Novecento la crociata Back to Africa apparve in considerevole crescita, con alcuni esponenti di statura internazionale come William E.B. Du Bois, professore alla Atlanta Univ., e come Booker T. Washington, che il presidente Theodore Roosevelt onorò alla Casa Bianca. Addirittura l’insuperabile attivista Marcus Garvey si qualificò come un Mosè dei proletari neri d’America. Arrivò a comprare tre navi e a preparare la partenza per la Terra Promessa di ventimila neri.
Fu abbattuto dalle inchieste sull’impiego dei fondi raccolti.
Finì in prigione e fu espulso dagli USA.

I tempi sono cambiati e forse la Cina farà grandi cose nel Continente, staremo a vedere. Quanto all’America, l’integrazione dei neri resta impossibile, quali che siano le menzogne del politically correct.
Essi sono una componente massiccia (13%) della popolazione (gli inglesi, che più di altri inventarono le Tredici Colonie, non superano il 7%), ma per un bianco abitare in un quartiere nero è inconcepibile. Un mezzo keniota è arrivato alla Casa Bianca, però il ‘sogno americano’ non contempla la chimera dell’uguaglianza. Forse molte cose cambieranno se la Cina, ferro di lancia delle conquiste vere, dovesse realizzare l’epocale Metamorfosi dell’Africa.

Antonio Massimo Calderazzi

BUONISMO E ALTRE VIE DI FUGA

A un mio nipote fu dato il nome Elia. Ma questo primo tra i profeti, era buono? A quel che si dice fece morire tanti che si erano allontanati dallo stretto rigore monoteista, o lo avevano contaminato con pratiche del culto di Baal, o Baal-Melkart. Forse perirono tutti gli 850 che Elia tacciò di idolatria. Eppure questo protofondamentalista del popolo eletto salì in cielo su un carro di fuoco, e questa storia la racconta un altorilievo esterno della cattedrale di Fidenza, e chissà quante altre chiese e templi.
Nella Trasfigurazione sul monte Tabor Elia appare a fianco di Cristo.
Fu fatto santo. A proposito di un altro santo di rango: trovandovi a Logrogno in Castiglia è bene sostare di fronte a un ennesimo altorilievo di chiesa: c’è un gran vescovo a cavallo, con spada nella destra, e gli zoccoli del destriero schiacciano un terreno compattamente coperto delle teste di Mori tagliate dalla spada di Santiago, santo che ancora oggi attrae innumerevoli i fervidi pellegrini del Cammino di Compostela.

Ma c’è bisogno di richiamare queste contraddizioni notissime della bontà? Naturalmente no. Quale condottiero di guerre ha mai esitato a sacrificare le vite dei propri soldati? Quando la flotta nipponica del Pacifico salpò per assaltare Pearl Harbor, aveva l’ordine di affondare all’istante qualunque naviglio incontrasse, anche se peschereccio, anche se giapponese (non dovevano partire marconigrammi annuncianti l’avvistamento della possente squadra). Cosa contavano le vite e i pescherecci, a confronto dello storico attacco a Pearl Harbor?
“Vorrete vivere in eterno?” così il grande Federico II di Prussia apostrofò certi suoi granatieri che titubavano. Coloro che scagliarono jets contro le Twin Towers a New York e contro il Pentagono sul Potomac non titubarono.

Tempo fa accaddero cose bizzarre: un presidente del Consiglio dilaniato dagli avversari per avere ingenuamente dichiarato ciò che essi stessi pensavano, essere la civiltà occidentale superiore a quella del continente nero; i dignitari della nomenklatura d’opposizione che ci volevano partecipi a una crociata di Bush il Giovane, Condoleezza Rice & Berlusconi; la figlia petulante di Fosco Maraini brillante orientalista, la quale ancora singhiozzava sul velo e sull’infibulazione delle musulmane; falangi di opinionisti democratici inneggiarono alla diversità, purché eretta sui nostri postulati; e così via.

In proposito il prof. Umberto Eco scrisse cose scandalose, dunque sacrosante: ‘Sulle ragazze che vanno a scuola col chador non vedo perché fare tragedie se a loro piace così; sull’infibulazione il dibattito è invece aperto (c’è persino chi è così tollerante da suggerire di farla praticare dalle Unità sanitarie locali, così l’igiene è salva)”. Ultima enunciazione, fondata e molto colta, dello scritto di Eco: “I più seri dei pensatori della tradizione si sono sempre rivolti, oltre che a riti e miti dei popoli primitivi, o alla lezione buddista, proprio all’Islam, come fonte ancora attuale di spiritualità alternativa. Sono stati sempre lì a ricordarci che noi non siamo superiori, bensì inariditi dall’ideologia del progresso, e che la verità dobbiamo andare a cercarla negli scaffali giusti”. Spiritualità alternativa: l’ha detto Eco, non io. Io ho sempre pensato, e ribadisco, che sarebbe giusto un contrattacco veemente dell’Islam contro il Pensiero unico della modernità, cioè dell’Occidente iperliberato, iperlaico, eccetera.
L’Islam in quanto sola grande forza ideale che abbia conservato identità, nerbo, ranghi serrati. L’Occidente intero, da Seattle a Varsavia a Voghera, paghi un prezzo per i suoi errori. Il Presente che abbiamo a Ovest è abbastanza buio, ci aiuti il Passato, nella fattispecie l’Islam, a fare migliore il Futuro.

Forse i missili del Pentagono ricacceranno un giorno la Jihad. Ma forse no, e la Crociata della modernità farà la fine di altre crociate. “Morto bin Laden, ebbe a dire il prof. Cacciari, ne sorgeranno 100”. Se così andasse, allora le Twin Towers e le stragi alla Bataclan non sarebbero episodi delinquenziali, come giudica la bempensanza democratica, bensì una dichiarazione di guerra santa. Se i missili Nato, con le loro stragi d’accompagnamento, non daranno la vittoria alla Modernità, che dovrebbe essa fare per ‘fermare il terrorismo’, per ‘salvare San Pietro, il Beaubourg, il Guggenheim, il Bataclan e altri templi’, infine per battere l’infibulazione? Non certo andare avanti a esaltare la nostra ‘superiorità’, a belare sul multiculturalismo, sull’integrazione, sui diritti delle donne e dei devianti. Occorre altro.
Il prossimo Inquilino della Casa Bianca, più il prossimo Papa, più un capoinfluencer della Modernità, si chiudano un mese in un convento di Monte Athos e di lì annuncino “Abbiamo sbagliato tutto. Le spiritualità alternative contribuiranno a salvarci. Espieremo destinando un decimo della nostra ricchezza a combattere la miseria dovunque resiste: beninteso non rispetteremo bensì ignoreremo la sovranità dei governi che opprimono e derubano i miseri. Coll’aiuto dell’Islam e di altre spiritualità alternative cercheremo di costruire un Nuovo Ordine e un Nuovo Pensiero, entrambi basati ‘anche’ su alcuni valori del passato. Il passato siamo noi miliardi di viventi più i miliardi che vissero: non alcunché da deridere, esorcizzare, dimenticare.

Antonio Massimo Calderazzi

AVVENNE SOPRATTUTTO SOTTO FRANCO IL MIRACOLO ECONOMICO SPAGNOLO

Qualche settimana fa i grandi giornali internazionali hanno enfatizzato che la macchina produttiva della Spagna ‘ha superato’ quella italiana.
Il “Financial Times” ha precisato che tra due anni il vantaggio di Madrid su Roma raggiungerà il 7%. Centoventi anni fa il Regeneracionismo e la Generazione del ’98 -le due espressioni più alte del pensiero spagnolo moderno- avrebbero giudicato folle e scervellato pensare un’economia nazionale che non diciamo superasse altri apparati produttivi d’Europa, ma semplicemente fosse considerabile parte d’Europa.
Le menti creative di quella che fu la fase più vivida dell’intelligenza iberica del nostro evo concordavano nello sconforto: l’Europa finiva ai Pirenei; la Spagna era Africa; uno spagnolo ricco, meditava Angel Ganivet, era disgustoso; chiudere a sette mandate il sepolcro del Cid; al potere gli ingegneri e gli agronomi. Insomma, a quel tempo un ‘milagro espagnol’ era inconcepibile: si ipotizzava che la mente della maggior parte degli iberici mancasse dei meandri del pensare economico e del praticare l’impresa.

Oggi che il ‘milagro’ è una certezza da decenni occorre avvertire che mai esso ci sarebbe stato se tre governanti spagnoli non avessero salvato il Paese da altrettante guerre. Furono Eduardo Dato, Miguel Primo de Rivera e il caudillo Francisco Franco. Nel 1914 il presidente del governo, Dato, sbaragliò i conati dell’ultradestra per intervenire a fianco degli Imperi Centrali; più ancora sventò i tentativi dei gruppi di sinistra di coinvolgere la Spagna a fianco di Francia, Gran Bretagna (perché ‘democratiche’) e Russia. Nel 1921 Dato fu assassinato da un commando di anarchici. Primo de Rivera volle l’abbandono del colonialismo in Marocco (in ciò si scontrò con Francisco Franco, il più prestigioso degli ‘africanisti’).
Ben maggiori furono i meriti del Dictador del 1923-30: egli gettò le fondamenta del Welfare State, aiutò i ceti più umili e favorì al massimo il Partito socialista, unica sinistra legale dell’epoca (gli anarchici sapevano solo sobillare e ammazzare). Il terzo benemerito della pace fu Francisco Franco: nel 1940 a Hendaye resisté al disegno di Hitler di arruolare la Spagna nel secondo conflitto mondiale. E’ vero, il Caudillo mandò una “divisione Azzurra” a farsi maciullare in Russia: ma fu uno sforzo circoscritto, in ogni caso un simbolico ricambiare l’aiuto ricevuto da Franco per vincere la Guerra Civile.

La neutralità arricchì la Spagna nella Grande Guerra perchè tutti i belligeranti avevano necessità di comprare dal regno allora borbonico. Quando il conflitto finì, l’export spagnolo precipitò. La guerra coloniale in Africa contrastata da Primo de Rivera era stata meno luttuosa, ma aveva imposto dolori e ingiustizie (i maschi agiati si risparmiavano la leva e la destinazione in Africa pagando allo Stato una somma per essi modica). Vedremo che il Paese ha ben altri debiti di riconoscenza verso Primo. Quanto a Franco, chi si sentirebbe di negare il suo merito, quando a Hendaye ebbe la forza di dire no al Fuehrer? Il no di Hendaye gli rese possibile di avvicinarsi cautamente agli Alleati man mano che coll’inverno 1942 il Reich cominciò a perdere la guerra. Probabilmente il no di Hendaye ebbe un ruolo anche nella decisione dell’Occidente di respingere nell’autunno 1944 l’assurdo tentativo della Resistencia Armada di abbattere il franchismo coi metodi partigiani: attentati, assassinii, esecuzioni.
Gli sparuti episodi guerriglieri e nel 1944 la declamata ‘invasione’ della valle pirenaica di Aran ( facilmente sventata dal regime) furono drammaticamente vani. Lungi dal suscitare l’insurrezione delle masse popolari, il conato partigiano confermò che i lavoratori volevano la pace, dopo le tragedie della Guerra Civile. Furono pochi i proletari che non aiutarono con le ‘contrapartidas’ (reparti misti di civili e di repressori militari o polizieschi) lo spietato sterminio dei partigiani comunisti. I quali per nutrirsi alla macchia non potevano che rapinare i contadini. Assassinarono anche per procurarsi un singolo schioppo.

Tutto ciò premesso, sbagliano in pieno quanti credono che il quarantennio franchista fu solo autoritarismo fascista. Fu un autoritarismo poco fascista, specie a guerra mondiale finita. Franco godé di un consenso popolare pari a quello che tra il 1922 e la conquista dell’Etiopia tolse il senno al Duce.
Il Caudillo, uomo prudente, non perse mai il senno: con gli anni Cinquanta si votò alla crescita economica. In ogni caso sia chiaro che l’attuale rigoglio produttivo della Spagna non risale alla fine del franchismo (1975). Se fino al 1950 il Caudillo si era soprattutto impegnato a far sopravvivere il regime, il 1951 fu un tornante decisivo. La dedizione di Franco passò alla costruzione economica. Già nel 1939, nel ribadire che scioperi e sindacalismo di lotta erano reati, Franco rivendicò di avere istituito sussidi di disoccupazione e malattia, assegni familiari, il Patronato Antitubercolare, la Fiscalìa de la Vivienda (alloggi popolari). Già nel 1939 nacque l’Instituto Nacional de Colonizacion (creava piccoli poderi). La Magistratura de Trabajo prese ad arbitrare nei conflitti tra datori di lavoro e dipendenti. Fu reso molto più difficile licenziare questi ultimi. Crebbero le pensioni di vecchiaia e di invalidità, il Seguro Obligatorio de Enfermedad e altre provvidenze istituite o almeno avviate tra il 1923 e il 1930 dalla Dictadura di Primo de Rivera.

Quelle di Franco erano anche misure propagandistiche, i cui benefici andavano valutati sui dati oggettivi. Sta di fatto che alla fine del 1950 il regime poté vantare realizzazioni concrete: 70 centrali tra idroelettriche e termiche, alcuni impianti che lavoravano l’alluminio, fabbriche chimiche, farmaceutiche, di concimi, automobilistiche (Pegasus), arsenali navali, raffinerie di petrolio; in più si era operato alla ricostruzione delle regioni che avevano combattuto la Guerra Civile. Non poche iniziative manufatturiere ebbero risultati economici scadenti e soffrirono di impostazioni autarchiche. Solo nel 1953 il reddito pro capite raggiunse il livello ante Guerra Civile. Entro il 1955 si avviarono programmi prioritari di sviluppo, con liberalizzazioni, indebolimenti dell’autarchia, impulsi alle importazioni, crediti alle iniziative private. Sorsero nuovi impianti siderurgici e la fabbrica delle auto Seat. Il Piano Badajoz avviò la trasformazione irrigua di 100 mila ettari, si realizzarono nuovi invasi con impianti idroelettrici. I risultati non furono pronti: nel 1960 la Spagna era, col Portogallo, il paese più povero d’Europa. Peraltro i livelli di vita migliorarono, anche se nel 1950 solo un terzo degli alloggi avevano l’acqua corrente. Le cose migliorarono sensibilmente solo negli anni Sessanta, anche per l’emigrazione e per l’auge del turismo (nel 1960, 6 milioni di visitatori, il doppio che due anni prima). Alla fine degli anni Sessanta si poteva parlare di concreta liberalizzazione. nonchè di stabilizzazione, con forti realtà innovative. Lo sviluppo e il benessere (=più consumi) erano ormai al centro di tutta la politica economica. Già all’inizio del 1962 la Banca Mondiale valutava che il buono stato delle riserve legittimasse ulteriori sforzi per lo sviluppo.

Nel quinquennio 1961-64 l’economia spagnola crebbe di oltre l’8% l’anno. La produzione di elettricità passò dai 18,6 milioni di kwh del 1960 a 31,6 milioni, quella di acciaio da 1,9 a 3,5 milioni di ton., le nuove auto da circa 40 mila a 112 mila, l’import si triplicò, l’export raddoppiò. Nel 1965 vennero 14 milioni di turisti, che abbastanza presto divennero 24 milioni. Gli ultimi tre lustri del franchismo confermarono lo sviluppo come l’opera centrale del regime, accreditata soprattutto ai ministri e consiglieri ‘tecnocratici’ (piuttosto che ‘falangisti’) come Lopez Rodò e come l’ammiraglio Carrero Blanco, fidatissimo di Franco, destinato ad ascendere a capo del governo e ad essere assassinato dai terroristi del separatismo basco. La radicale trasformazione dell’economia e l’aumento del benessere divennero i massimi vanti del franchismo. I fatti confermarono: crescita 5,6% sul decennio dei Sessanta; l’output elettrico si avvicinò ai 57 milioni di kwh annui, quello dell’acciaio a 7 milioni di tonn., le auto a 450 mila unità.
Nel decennio dei Sessanta 4 milioni di spagnoli abbandonarono l’agricoltura, per la metà emigrando in Europa.

Scrive Juan Pablo Fusi, cattedratico alla Complutense di Madrid e uno dei principali storici del postfranchismo: “In questo periodo la Spagna aveva superato la barriera del sottosviluppo. Non era più un paese rurale, era una società industriale, urbanizzata e moderna, con alti livelli di benessere e di consumo. L’esportazione di navi divenne la prima voce dell’export, al posto dei tradizionali agrumi, olio e vino. Lo sviluppo dilatò il vasto consenso al regime (…) Franco dichiarava di avere dalla sua il 90% della nazione”. Nell’anno della sua morte il Pil procapite raggiunse 2,486 dollari; la popolazione che viveva in città oltre i centomila abitanti sfiorava il 75%.
Il 40% delle famiglie possedeva l’auto, l’85% aveva la televisione”.
Nella tarda estate 1969 esplose lo scandalo Matesa (utilizzazione indebita di 10 miliardi di Pesetas stanziati per favorire l’esportazione di macchinari tessili): la conferma di un serio problema di corruzione imbarazzò il regime, ma le conseguenze politiche furono trascurabili. Lo ‘sviluppismo’ dei tecnocrati e di Carrero Blanco continuò. Il Pil crebbe del 4,1% nel 1970, del 4,9 nel 1971, dell’8 nel ’72, del 7,8 nel ’73. I problemi di una società prospera -corruzione, terrorismo separatista- restarono in tutta la loro gravità. Conclusione obbligata: il grosso della crescita avvenne sotto Francisco Franco.

Antonio Massimo Calderazzi

IL BELLICISMO SPINTO DI F.D. ROOSEVELT SECONDO DUE AMERICANI DI RANGO

Charles A. Beard, storico della Columbia University, fu uno degli innovatori del pensiero americano nella fase che precedette il New Deal e gli dette forma teorica. Gli altri innovatori ( sostiene Morton White di Harvard in “La rivolta contro il formalismo”) -furono il filosofo John Deway, il giurista Oliver Wendell Holmes, lo storico- divulgatore James Harvey Robinson, e l’economista e sociologo Thorstein Veblen.
Quando scrisse il suo importante saggio “American Foreign Policy in the Making” (nel 1948 pubblicato in italiano da Longanesi, col titolo “Storia delle Responsabilità”), Beard si impegnò in particolare a scandagliare equivoci e mistificazioni della dialettica tra isolazionisti e interventisti Usa tra le due guerre mondiali. Mise soprattutto in risalto, nelle elezioni presidenziali del novembre 1940, la singolare ma ingannevole affinità delle posizioni programmatiche dei due candidati alla Casa Bianca, Franklin D. Roosevelt (uscente) e Wendell Willkie (repubblicano).

Entrambi i candidati proclamavano di voler tenere gli Stati Uniti fuori del secondo conflitto mondiale. Entrambi garantivano che, se eletti, mai avrebbero mandato gli americani a combattere oltremare. Nella realtà Willkie ribadiva la linea neutralista del suo partito (GOP), che rispecchiava il sentimento allora isolazionista della netta maggioranza degli americani. Invece Roosevelt, che voleva il terzo mandato presidenziale e che parteggiava per la Gran Bretagna -dopo avere parteggiato per la sconfitta Francia- si costringeva a promettere agli americani la stessa pace di Willkie, nei fatti attuando però la linea ‘internazionalista’ del presidente Wilson, linea che nel 1917 aveva portato all’intervento degli Stati Uniti nella Grande Guerra. Nell’Amministrazione Wilson il trentunenne Roosevelt era stato segretario alla Marina, realizzando la forte espansione della flotta.
Nel 1914 aveva tentato di proporre l’immediato intervento in guerra dell’America: Wilson aveva dichiarato quest’ultimo prematuro: non siamo pronti.

Che nel 1940 il pacifismo del presidente ‘incumbent‘ fosse menzognero risultava dalla sua generale solidarietà con la crociata delle democrazie contro i regimi totalitari. Nell’estate aveva già ceduto alla Gran Bretagna, duramente impegnata sui mari, 50 cacciatorpediniere della flotta USA, giustificando la violazione della neutralità ufficiale col vantaggio di acquisire da Londra, per 99 anni, una serie di basi nel Nuovo Continente. Roosevelt aveva preso ad aggirare la neutralità in altri modi pseudo-legali. Presto, con un autentico atto di guerra, avrebbe ordinato alla flotta statunitense di scortare i convogli britannici nell’Atlantico, se necessario attaccando i sottomarini tedeschi (e alcuni italiani) che mettevano a repentaglio i rifornimenti alla Gran Bretagna. E’ noto che il Führer proibì ai comandanti degli U-Boote di rispondere agli attacchi statunitensi. Nell’agosto 1941, ben prima di Pearl Harbor, sarebbe venuta la firma con Churchill, su una corazzata britannica al largo del Newfoundland, della Carta Atlantica, vero documento dell’alleanza di guerra con Londra.

Dunque nell’anno elettorale 1940 Franklin Delano Roosevelt era costretto a mentire: avrebbe tenuto gli Stati Uniti fuori del conflitto, specificamente insistè sull’impegno a non mandare i giovani a combattere all’estero. Sarà Pearl Harbor a provocare la resa del Congresso: gli USA sarebbero entrati in guerra. Ma oggi gli storici non hanno dubbi: furono Roosevelt e il segretario di Stato Cordell Hull a provocare l’attacco alle Hawaii con la loro intransigenza assoluta nello sterile negoziato sul futuro dell’Asia.
Ci sono testimonianze che il presidente non manifestò emozione nell’apprendere dell’attacco nipponico (e che Churchill non nascose gioia per la raggiunta certezza dell’intervento USA). Lo storico Charles A. Beard avrebbe confermato col libro summenzionato e in molte altre pubblicazioni (morì nel 1948) i duri giudizi sul bellicismo di Roosevelt.

Herbert Hoover, il 31° presidente degli Stati Uniti, dedicò gli ultimi tre decenni di vita a denunciare i “tradimenti” (nei confronti dell’America) del suo successore immediato. Nelle definizioni di Hoover, Roosevelt era stato un guerrafondaio spinto, un mentitore senza vergogna, un violatore del retaggio democratico e di una storica consegna di George Washington, un sopraffattore della volontà di pace del popolo. In quanto salvatore dell’Urss -con i giganteschi aiuti che nel 1942, secondo la valutazione del presidente Harry Truman, scongiurarono il sicuro crollo sovietico- Roosevelt, sempre a detta di Hoover, aggiunse a Yalta un altro misfatto: la sua intesa con Stalin condannò i paesi sottoposti all’Armata rossa ai decenni dell’oppressione stalinista/comunista.

A lumeggiare la dedizione di Herbert Hoover a demolire la gloria di Roosevelt esiste un’intera letteratura statunitense, fatta anche di scritti diretti del trentunesimo presidente. Letteratura che attesta la forza dello schieramento isolazionista americano contro le guerre mondiali di Woodrow Wilson e di F.D.Roosevelt: insieme i Due ammantati di democrazia fondarono l’impero planetario degli Stati Uniti, cui il Padre della Patria George Washington aveva lasciato la consegna di rifiutare per sempre i conflitti tra europei. Il secondo, l’uomo del New Deal, fece peggio che un intervento bellico sia pur gigantesco. Deformò lo Spirito americano fino a fare stabilmente degli USA il paese più militarista della storia.

Antonio Massimo Calderazzi

EROICHE MA SENZA FUTURO COME PEARL HARBOR LE PRODEZZE ANTISISMICHE DI TOKYO?

Sono talmente impavidi, i giapponesi, nel prepararsi ad affrontare il rischio lontano di un terremoto catastrofico nell’area allargata della capitale (38 o 40 milioni di abitanti), da costringerci a pensare che essi stiano vivendo il quinto zenit assoluto della loro storia millenaria: un ottantennio dopo che il loro ferreo arcipelago attaccò il colosso americano nelle Hawai semiaffondandone la flotta, egemone del Pacifico. O come centocinquanta anni fa, quando l’imperatore Mutsuhito mise fine ai molti secoli di potere delle dinastie degli ‘shogun’ e aprì l’era delle riforme Meiji, la modernizzazione più vittoriosa della storia. Subito dopo la quale il Sol Levante sconfisse l’esercito dell’Impero cinese e, soprattutto, nel 1904, annientò a Tsushima la flotta russa accorsa dal Baltico per sostenere, con un viaggio di vari mesi, le aspirazioni asiatiche dell’impero zarista.

Oggi il pericolo di un futuro sisma epocale sovrasta il Giappone come minacciava nel 1274 la flotta d’invasione di Qublai Khan, imperatore della Cina. Erano 900 navi e 40 mila guerrieri, ma non riuscirono a sbarcare. Ritornarono sette anni dopo con 4400 navi e 140 mila uomini. Quasi tutti sanno che un tifone -chiamato ‘vento degli Dei’)- annientò gli invasori.
Se nel lontano secolo XIII il popolo nipponico riconobbe che la salvezza era venuta dagli dei, la grande svolta della seconda metà del Novecento -l’esplosione modernizzatrice che immise il Giappone nell’era industriale – coinvolse direttamente le condizioni di lavoro, di vita e di anima della nazione. Una stirpe tanto imbevuta delle glorie della Patria non avrebbe potuto sottrarsi. La modernizzazione ebbe un successo stupefacente.

Il multisecolare isolamento dell’arcipelago finì quasi di colpo nel 1853 quando il commodoro Perry, al comando di una piccola squadra navale americana, si presentò nella baia di Tokyo latore di un messaggio del presidente Usa, accompagnato dalla minaccia di imporre coi cannoni l’apertura di alcuni porti alle navi e al commercio dell’Occidente.
Il governo dello Shogun tentò qualche resistenza, ma presto cedette.
Una reazione patriottica espresse un breve moto di xenofobia, che di fatto non ostacolò ma favorì la completa, entusiastica apertura alle influenze esterne. Risultarono sviluppi fulminei. Salito al trono nel 1867 l’imperatore Mutsuhito, passato alla storia col nome di Meiji, esercitò i poteri che aveva tolto alla dinastia shogunale e riuscì a galvanizzare tutte le forze morali ed economiche. In un tempo incredibilmente breve il Giappone si dette una cultura industriale e il necessario patrimonio di tecniche avanzate.
Mai nel mondo una trasformazione profonda era stata così trionfale.
Sorse una potenza manufatturiera, temibile anche sul piano militare.
Gli allievi avrebbero superato i maestri.

L’8-9 febbraio 1904 una modernissima marina nipponica stupì il mondo con la strepitosa vittoria sulla squadra russa a Tsushima. Per farsi una Marina possente Tokyo aveva puntato sul know-how della Gran Bretagna; per le forze di terra aveva adottato i metodi e le tecniche della Prussia, che nel 1870 aveva sbaragliato la Francia del Secondo Impero. Il vincitore di Tsushima, ammiraglio Heihashiro Togo, si rivelò uno dei maggiori uomini di guerra al mondo. Trentasei anni anni dopo, 7 dicembre 1941, Pearl Harbor fu la più fatale delle sfide della storia nipponica.

Da quasi mezzo secolo l’Impero del Sol Levante non faceva che vincere guerre. Aveva battuto la Cina, ponendo le premesse per la conquista del regno di Corea (oggi diremmo ‘le due Coree’). Aveva sconfitto e umiliato il colosso russo. Negli anni Trenta del Novecento i nipponici avevano conquistato la Manciuria e avevano resistito alle ripetute intimazioni di Washington. Quando, alla fine di uno sterile negoziato diplomatico, il presidente F.D.Roosevelt compì la provocazione bellicista finale decretando l’embargo sulle forniture strategiche al Giappone (prima di tutto quelle petrolifere), i giapponesi sentirono arrivata l’ora suprema: o l’Impero si sottometteva all’egemonia degli USA nel Pacifico, o sfidava il destino. Scelsero il rischio finale: attaccarono Pearl Harbor. Forse sapevano, forse no, che Washington avrebbe stravinto il secondo conflitto mondiale, anche grazie all’arma atomica: sta di fatto che accettarono la prospettiva della catastrofe nazionale. La quale venne. Un ventennio dopo il Paese rinacque prodigiosamente, facendosi leader della competizione tecnologica globale.

Oggi gli ingegneri, gli architetti, i governanti che a Tokyo vogliono abbattere il nemico finale, il Grande Sisma, sono gli stessi lottatori che ottant’anni fa affrontarono il Titano statunitense. Vincere contro la geologia è altrettanto temerario quanto tramortire gli USA nel 1941 e spazzare l’anno dopo dall’Asia il colonialismo europeo. Trionfare nelle prime fasi della crociata antisismica sarà possibile, così come furono possibili le vittorie dell’era Meiji e le smaglianti conquiste del 1941-42.
Ma nessuno sa se i successi iniziali sul terremoto basteranno: i costi materiali e quelli umani saranno proibitivi. E’ verosimile che i progettisti del Sol Levante realizzino le tecniche per fare antisismici i nuovi grattacieli e i nuovi megaedifici; e i vecchi? gli interventi strutturali che consentiranno alle grandi costruzioni di ondeggiare senza crollare saranno più ardui e più costosi che riedificare da zero. Potrebbero venire a mancare sia le ricchezze, sia le volontà.

Nel dicembre 1941 saggezza avrebbe voluto che Tokyo si piegasse ai ricatti di Franklin Delano Roosevelt e del segretario di Stato Cordell Hull.
Fu preferito l’eroismo. Non è certo che contro la Natura l’eroismo basterà. Sarà certa l’ammirazione del mondo.

Antonio Massimo Calderazzi

QUANDO LE POTENZE SI ACCINGEVANO A SPARTIRSI LA CINA

Negli ultimi anni dell’Ottocento sembrava suonata l’ora della fine per l’Impero di Mezzo. Per cominciare, la Gran Bretagna ne dominava l’economia -quasi i tre quarti del commercio e della navigazione- e si era insignorita di regni che erano stati satelliti di Pechino: il Tibet, sottomesso alla Cina nel 1751, e la Birmania. Londra cominciò a prendere quest’ultima nel 1853: la aggiunse al proprio impero nel 1886. Nel 1897 gli inglesi ottennero la rettifica che chiedevano alla frontiera birmana, come pure il diritto di estendere le ferrovie fino allo Yunnan cinese ‘quando fosse arrivato il momento opportuno’. Vincendo due ‘guerre dell’oppio’ la Gran Bretagna umiliò duramente l’Impero Celeste, aprendo una lunga fase di trattati ineguali per i quali i cinesi subivano vari soprusi.

La Francia completava l’impossessamento dei regni dipendenti d’Indocina (Vietnam, Laos, Cambogia); anche se, come scrive lo storico di Harvard, William L. Langer, “sarebbe ingiusto imputare ai francesi di aver dato l’esempio per lo smembramento della Cina (…) Peraltro furono in testa nello strappare concessioni”.

La Russia zarista mirava tra l’altro a costruire un grande porto sul Pacifico, da raggiungere con una ferrovia attraverso Manciuria e altre regioni cinesi. In più aveva l’ambizione di scalzare la Gran Bretagna dal controllo delle risorse economiche dell’Impero Celeste. Nel 1689 Pechino era riuscita a contenere l’aggressività dei russi estromettendoli dal bacino dell’Amur (Heilong Jiang in Cinese, река Амур in Russo).
Il Giappone aveva da poco sgominato la Cina con una guerra per preparare l’impossessamento del regno di Corea, satellite della Cina. L’impossessamento riuscì; Pechino dovette pagare un pesante risarcimento bellico. Il trattato di Shimonoseki decretò il distacco immediato della Corea dalla Cina; in più quest’ultima cedette al Giappone la penisola di Liaotung (Liaodong), la grande isola di Formosa e le Pescadores (Penghu). Conclamata la debolezza della Cina, la Russia ottenne diritti ferroviari in Manciuria; la Germania si assicurò il possesso di Kiaochow (Jiaozhou); la Francia guadagnò Kwan-Chow Wan (Guangzhouwan); la Gran Bretagna si assicurò l’affitto di Weihaiwei (Weihai) e l’allargamento della colonia di Hong Kong.

La Germania fu la meno rapace tra le Potenze intente a depredare l’Impero cinese. E’ quasi certo che nelle stanze romane dove si faceva diplomazia velleitaria e si progettavano imprese coloniali, non mancarono personaggi che farneticavano di anticipare i giorni gloriosi di Tientsin (Tianjin), quando reparti scelti sabaudi avrebbero punito le aspirazioni dei rivoltosi Boxer. Tientsin, oggi vari milioni di abitanti, era il secondo porto della Cina. Fu occupata militarmente da Gran Bretagna e Francia nel 1860; successivamente vi ottennero concessioni territoriali il Giappone, la Germania, la Russia, l’Austria-Ungheria, il Belgio, persino l’Italia. Finché nel 1911-12 la dinastia mancese crollò e Sun Yat Sen (Sun Yi Xian) divenne presidente della neonata Repubblica cinese.

I piani di rapina delle Potenze non erano i mali più gravi del Paese. Esso aveva un bisogno disperato di modernizzarsi, di darsi vaste riforme di struttura (che apparivano impossibili: l’intero sistema era marcio). In più, in quegli anni di pericolo estremo infuriava la corruzione dell’alta burocrazia mandarinale e dei circoli di potere. Di Li Hung Ciang (Li Hong Zhang), una specie di vicerè o di potente maestro di palazzo, si sapeva che fosse divenuto ricchissimo -uno dei patrimoni privati più cospicui al mondo- intascando tangenti anche ai livelli sommi della politica internazionale. Era risaputo in particolare che i vertici diplomatici di San Pietroburgo avevano istituito un fondo segreto (non abbastanza segreto) per guadagnare agli interessi russi sia Li Hung Ciang, sia altri esponenti dell’alto mandarinato. In una specifica occasione i russi offrirono al reggente Li un milione e mezzo di dollari. Anche la dispotica Imperatrice-madre partecipava ai proventi della grande corruzione. Quando il Reggente fece ritorno da una fase di negoziati con le Potenze, Sua Maestà provò ad esigere la sua parte -si parlò di 800 mila dollari- delle ‘dazioni’ straniere.

Il 4 maggio 1895, poco dopo la fine della guerra sino-giapponese, il primo ministro britannico Lord Rosebery ammise in un discorso alla Royal Academy che la questione estremo-orientale, prima di tutto il destino della Cina, era talmente grave (‘troppo complessa per la nostra immaginazione’) che ‘dobbiamo ridimensionarla onde correre ai ripari’.
Il disegno londinese di usare la Cina come difesa contro le vaste ambizioni asiatiche della Russia si rivelava sbagliata. Negli anni 1896-97 San Pietroburgo raggiunse, coll’appoggio di Parigi, il massimo dell’influenza a Pechino. Nessuna potenza le stava alla pari. Dunque un secolo e mezzo fa, più o meno, era la Cina il Malato d’Asia, dal corpo quadruplo di quello del Malato del Levante su cui regnava il Sultano turco.
Le Potenze si preparavano a dividersi l’eredità.

Oggi la repubblica imperiale e ‘comunista’ di Xi è la superpotenza che compete con gli USA. Un suo dittatore ‘vero’ sarebbe onnipotente.
Come non chiederci cosa accadrebbe se uno degli spietati massacratori novecenteschi di popoli -risalendo nel tempo: Hitler, Stalin, Mussolini, i militaristi giapponesi, F.D.Roosevelt, Churchill, Raymond Poincaré che più di ogni altro volle la Grande Guerra, Clemenceau che la allungò di un anno, i pessimi consiglieri dello zar Nicola, i nanogovernanti della Serbia, gli arciduchi e i diplomatici viennesi, gli altri- cosa accadrebbe se uno dei mostri qui elencati risorgesse a Pechino invece che altrove?

A.M.Calderazzi

RIGENERO’ LA RIFORMA LUTERANA IL PIETISMO TEDESCO

Col Concilio di Trento, con la militanza della Compagnia di Gesù, con una successione di encicliche, col lancio di nuovi ordini religiosi, con la proclamazione di altri dogmi, la Chiesa cattolica fece mostra d’essere compatta e maestra: ma è in ritirata da alcuni secoli. Anche la Riforma luterana si trovò di fronte a problemi di armonia interna. Tra le Chiese riformate d’Europa quella d’Inghilterra fu prima a subire un’insurrezione: fu il nascere nello scorcio del secolo XVII del metodismo ad opera di John Wesley e del fratello Charles.

Nella Germania di Lutero il soprassalto delle coscienze si profilò alcuni decenni più tardi. Nel 1660, quasi un secolo e mezzo dopo le 95 tesi affisse dall’agostiniano Martino alla porta della chiesa del castello di Wittenberg, il pastore e teologo Phillip Jakop Spener pubblicò un’opera a carattere utopico intitolata “Pia Desideria” per contestare la dottrina ufficiale del luteranesimo istituzionale, ormai ossificato negli schemi e nelle prassi della confessione di Stato. Le asserzioni teologiche sovrastavano sugli aneliti individuali, dei semplici fedeli come dei pensatori.

I Pia Desideria del pastore Spener invocavano un’esperienza di fede vivificata dalla commozione dell’incontro personale con la Bibbia e con Dio. Fu l’annuncio di una purificazione del luteranesimo, sempre nello spirito della rivolta antiromana del monaco Martino, ma con inclinazioni nuove, meno confessionali/settarie. Comune alle varie correnti del primo Pietismo furono l’enfasi sulla religiosità interiore e mistica, sulla lettura della Bibbia al di là di ogni filtro storico-critico, più ancora sul sentimento del rapporto diretto con Dio.

Il puritanesimo inglese si confrontò con la deviazione innovatrice di William Perkins, in qualche misura assimilabile al Pietismo. Il calvinismo olandese si misurò con le proposte di Willem Teelink. I territori di propagazione del Pietismo furono il Braunschweig, con Johann Arndt (il quale si concentrò a sviluppare le componenti mistiche del messaggio di Lutero, anche richiamandosi ai mistici del Medioevo germanico, a San Bernardo, ad altri mistici cattolici); la città universitaria di Halle, con August Hermann Francke; Francoforte con Ph.J.Spener.

Dalla Germania il Pietismo si diffuse in Svizzera e in Danimarca (dove trovò il sostegno del sovrano). Nei due secoli successivi al Settecento i movimenti di risveglio religioso nel Nord America si collegarono in parte al Pietismo e al Metodismo. Tutto ciò si contrappose frontalmente all’Illuminismo, fatto di ragione e di rifiuto agli impulsi religiosi: anche se il revisionismo avviato da Spener coincideva col vittorioso pensiero venuto dalla Francia (dominò anche il Settecento tedesco) per quel che concerneva la libertà di coscienza, la tolleranza, i diritti dell’individuo.

Va ribadito che l Pietismo si erse contro il dogmatismo della teologia luterana, ormai signora in Germania e nel Nord Europa.
La forza del messaggio di Spener fu, abbiamo visto, nell’accento sulla devozione individuale e familiare, devozione che troverà un’espressione titanica nelle 200 cantate sacre di Johann Sebastian Bach.
La larga diffusione settecentesca del Pietismo fu dovuta al vigore
delle componenti emotive nell’esperienza della fede, nonché agli impulsi contro il sostanziale autoritarismo delle istituzioni riformate e contro la compressione degli aneliti.

Giustamente si rivendica che molti tedeschi illustri aderirono al pietismo , oppure ne furono influenzati o persino formati. Immanuel Kant ricevette un’educazione pietistica, soprattutto per le cure della madre. I genitori di Herman Hesse cercarono di guadagnarlo all’attivismo del movimento; che fu un genitore pietista a sorreggere il cammino spirituale del filosofo Soren Kierkegaard. Si arrivò a ipotizzare che attorno ai trent’anni Otto von Bismarck subì la suggestione, magari non abbastanza durevole, di una parente che professava il Pietismo. E’ giusto sostenere che il Pietismo fu uno dei contributi universali dell’anima tedesca alla civiltà moderna. In ogni caso i pietisti fecero avanzare l’impegno risanatore della Riforma in una congiuntura già attraversata dal sostanziale ateismo della filosofia dei lumi. Il luteranesimo, vittorioso su Roma, soffrì presto del settarismo delle controversie tra teologi. In più avevano preso ad agire i mali delle chiese territoriali, cioè la secolarizzazione indotta dalla coincidenza tra magistero religioso e autorità del principe sovrano.
Proponendo un cristianesimo fatto innanzitutto di fervore del vissuto, il Pietismo motivò quanti non si rassegnavano ai portati e ai vanti del razionalismo. In vista degli apporti e delle influenze del Pietismo su altri pensatori e creatori di terra tedesca- vanno menzionati anche Leibnitz, Lessing, Gellert, Wieland, Thomasius, Klopstock, Herder, Goethe e più ancora Hoelderlin, uno dei grandi astri del cielo poetico germanico- la revisione della svolta luterana va considerata uno dei grandi contributi tedeschi alla civiltà occidentale moderna, in una congiuntura attraversata dall’Illuminismo sostanzialmente ateo. Hoelderlin in particolare prometteva alla sua patria un lirico ritorno degli antichi Dei ellenici, una vicenda da vivere in piena coerenza alla tradizione cristiana e germanica.

L’esigenza di raddrizzare le vie della Riforma espresse, sappiamo, altri movimenti: puritanesimo, metodismo, presbiterismo. Al loro interno, i pietisti tedeschi furono sorretti dalle conquiste del sommesso misticismo medievale, che si usa riassumere nel nome del domenicano Meister Eckart. Agli albori della germanizzazione del Sacro Romano Impero la silenziosa mistica tedesca fu una premonizione di un Pietismo che avrebbe dato forma e nerbo alla letteratura tedesca fino agli esordi della ‘età di Goethe’. Anche l’empito e il canto di Hildegarde von Binden, la religiosa che riusciva a parlare all’imperatore Federico I, anticiparono l’impegno a difendere la fede dal conformismo e dalle compromissioni secolari. In terra tedesca il Pietismo realizzò completamente, come abbiamo visto, la sintesi tra la fede e le conquiste dell’Iluminismo. E il vertice assoluto della spiritualità pietistica fu la musica sacra germanica, riassunta al livello sommo nel nome di Johann Sebastian Bach.
Egli ebbe qualche precursore ma nessun continuatore a lui pari. Manifestazioni insuperate della spiritualità pietistica sono le cantate sacre, le Passioni, i corali, i mottetti, le Messe, gli oratorii di Johann Sebastian.
I titoli delle sue cantate dicono da soli l’intensità e la dolcezza della commozione cristiana. Dicono anche il doloroso rimprovero dell’anima umana nei confronti di un Dio che mancò alla promessa di cancellare il Male e di governare il Creato: alla missione d’essere il Padre. I duecento titoli delle cantate sacre bachiane esprimono sia la fiducia in Dio, sia la dolorosa contestazione di un Pietismo che non si rassegnava al razionalismo irreligioso.

Antonio Massimo Calderazzi

DOPODOMANI IMPOVERIMENTO PERO’ QUASI FELICE

“Dovremo cambiare stili di vita”. L’imperativo aleggia, come sulle acque lo spirito del Signore, nei cieli delle società industrializzate divoratrici di risorse, oltraggiatrici dell’ambiente, idolatrici costernate di uno sviluppo fuori tempo massimo. Tuttavia: non sarà tanto per le intimazioni ecologistiche che occorrerà cambiare strada, vivere in modi quasi opposti. Sarà soprattutto per le prepotenze del Mercato, ben nota Deità liberista, implacabile come, sotto la regina Vittoria, l’indifferenza degli agiati di fronte alla ‘potato famine’ degli irlandesi. Il Mercato vincerà ancora, beffardo nei confronti dei suoi adoratori delle Borse Valori.
Eppure, vedremo, sarà il mercato a rilanciare in Occidente il collettivismo parasocialista. Tutte le velleità di lotta del sinistrismo tradizionale buono- a – niente saranno schiacciate, i sindacati chiuderanno, ma i ceti privilegiati dimenticheranno la douceur de vivre.

Già trenta e più anni fa un plotone di economisti un po’ futurologi avvertivano dagli Stati Uniti che la Cina avrebbe prodotto “tutto per tutto il mondo”. Avrebbero dovuto precisare ‘non una ma molte Cine, d’Asia d’Africa d’America latina’. E’ sicuro che si ingigantirà il potenziale produttivo dei paesi di nuova o futura industrializzazione.
I dominatori delle nostre analisi congiunturali, i sapienti e gli aruspici delle macroeconomie confuteranno autorevolmente; ma molte altre Ilve spegneranno gli altiforni, altri capannoni di ex-operai in gamba marciranno, di molte boutiques e shopping centers ci libereremo.
La disoccupazione esploderà. Nello Stivale e altrove occorrerà assicurare un assegno (modesto) di sopravvivenza ad alcune decine di milioni senza reddito. Le risorse non ci saranno, le patrimoniali non basteranno: subentrerà la finanza eccezionale, da economia di guerra.

Un paese come il nostro, che nei millenni seppe essere laboratorio e opificio di innovazioni temerarie, anche scellerate, dovrà sperimentare, dare l’esempio, disobbedire in letizia all’Europa, ai Fondi monetari, alle corti planetarie di giustizia. Lo Stivale dovrà essere primo a cancellare i bilanci militari imposti dalla Nato, a umiliare le esigenze delle Istituzioni, a ridurre a quasi niente i costi della diplomazia (certificata superflua e anche un po’ comica nell’età delle avanzate prodigiose).
Il Quirinale sarà il caso limite: dovrà finire la mascalzonata di ex-regge e palazzi monumentali per i capobonzi e i simil-sommi del Vecchiume; sobrie ville un po’ così basteranno. Persino il Santo Welfare dovrà patire, persino la scuola dovrà rinunciare a conquiste come i viaggi dei liceali negli alberghi con stelle e nei treni veloci. All’educazione sessuale penserà la vita.
Le vacche grasse risulteranno finite.

Tuttavia si attuerà il paradosso: le Deità del Mercato passeranno da dispensatrici di consumi superflui e di edonismi a buon mercato ad operatrici del bene, a giustiziere amiche dei poveri, a carnefici dell’inessenziale. Il Mercato che in Occidente mutilerà l’occupazione sarà lo stesso che imperativamente ridurrà i divari sociali, accorcerà le smisurate distanze tra i redditi e le condizioni. Il Mercato farà ciò cui le varie sinistre hanno mancato, tanto sono state e resteranno irrilevanti.
Se una società come la nostra non accetterà la cancellazione attraverso il fisco dei beni e dei privilegi ereditati, se non avocherà la ricchezza non guadagnata o guadagnata male, essa società non sfamerà le moltitudini che non saprà condannare a perire. La ricchezza sarà colpita dove è raggiungibile, nelle classi alte. Esse cercheranno certamente di opporsi espatriando i capitali e le persone, ingaggiando gli avvocati più iniqui, manovrando tra Borse e pozzanghere internazionali. Ma gli assetti giuridici e i codici si potranno squassare a buon titolo: troppi milioni senza lavoro.
I diritti di proprietà saranno sacrificati, anche grazie al ripudio di costituzioni pretenziose e menzognere come la nostra.

Non gemeranno solo i ceti superiori. I doppi redditi rinunceranno alle crociere elitarie. I lavoratori e i pensionati faranno le vacanze alla buona, presso i parenti in campagna, non nei resort di Dalmazia e Mar Rosso.
Più ancora, gli ex-operai risparmieranno sulle partite di calcio, sulle biciclette iperleggere, sugli smartphone, sulle villette a schiera.
A nessun livello le sofferenze e le mortificazioni saranno assassine, quando le varie Cine doppieranno le nostre futili ‘eccellenze’ quali moda e questa o quella disciplina tennistica. Vivere a livelli più bassi non sarà tragico: salvo per i fomentatori dei consumi superflui e dei costumi paraporcini.

Antonio Massimo Calderazzi

SECEDERE DALLA NATO. QUALI ALTRI BILANCI NANIZZARE

Nessun paese europeo imboccherà la strada dello svecchiamento politico avanzato, né l’Europa si unirà per tornare grande – moralmente più alta delle tre superpotenze – se non si porrà fine alla dipendenza dagli Stati Uniti, camuffata da alleanza. La coalizione atlantica non è più necessaria: è l’infausto portato di una Guerra Fredda illanguidita trent’anni fa alla caduta del Muro, poi liquidata dalla morte del comunismo e dell’impero sovietico. L’Europa dovrà dichiararsi equidistante rispetto alle superpotenze, stipulare trattati di neutralità e di stretta amicizia con Mosca, Pechino e Washington.

Non sarà tanto per tornare sovrani, liberi di un nostro destino che potrà non essere più quello del liberismo e della democrazia parlamentare, che dovremo emanciparci dagli USA. Sarà per ridurre al minimo assoluto le spese militari, riduzione che l’atlantismo vieta, anzi tenta grottescamente di addossare al Vecchio Continente i sovracosti del bellicismo USA, confermato fallimentare a partire dalla guerra di Corea.
Di fatto gli ipotetici nemici dell’Europa unita saranno poco temibili: per parare le loro minacce basteranno gli arsenali attuali, senza un singolo cacciabombardiere o sommergibile d’attacco in più. Le società europee saranno costrette a nanizzare i bilanci militari: sempre più la concorrenza dei paesi neo-industriali imporrà di rinunciare alla difesa, alla diplomazia, al prestigio nazionale e istituzionale, all’esportazione di messaggi e di modelli, ad altre attività e velleità del tempo passato.
La priorità schiacciante andrà al Welfare di base, a garantire un minimo di pane e di sanità a tutti, all’occorrenza comprimendo le libertà e i diritti. Perché le attività economiche non si spengano, sopraffatte dai vantaggi competitivi altrui, le mani pubbliche dovranno sopperire, sostenere, soccorrere. Le mani pubbliche saranno chiamate ad assegnare a grandi masse piccoli redditi alimentari, anche in assenza di salari e di stipendi. Venendo meno i mercati, indebolendosi le attività produttive e di ricerca delle imprese, solo il denaro del contribuente assicurerà, a livelli modesti, la sopravvivenza, la salute e pochi altri bisogni fondamentali. Nelle società molto avanzate la crescità sarà sempre più lenta, fino ad annullarsi di fronte alla decrescita.

Le risorse per fare tutto ciò che un tempo faceva il mercato non verranno ai governi da incrementi del prelievo fiscale, prelievo non aggravabile in condizioni normali, bensì dai tagli alla spesa pubblica non tassativa: la difesa, la diplomazia tradizionale (quasi sempre inutile nell’era della comunicazione istantanea), il prestigio. L’obbligatorio fasto delle grandi istituzioni diverrà un ricordo del passato. Le residenze monumentali – il caso limite sarà il Quirinale – andranno vendute sul mercato, perché producano introiti invece che costi. Non sarà alcun dramma se statisti e ministri viaggeranno in classe turistica. Il dramma verrà dall’esplodere della disoccupazione per la chiusura p.es. delle industrie delle armi e delle forniture militari; tutti gli esuberi dovranno ricevere (modesti) sussidi di sopravvivenza, e i costi si faranno mostruosi.

Affrancarsi da Washington, dunque, perchè i governi europei possano ridurre anche di nove decimi i bilanci militari e gli altri stanziamenti non essenziali. Nella prospettiva di non pochi anni, la modernizzazione degli apparati bellici va cancellata fino all’ipotetico emergere di situazioni pericolose. Gli armamenti attuali sono adeguati ad ogni minaccia prevedibile: il presente potenziale militare dell’assieme dei paesi europei raggiunge già la capacità di ‘overkill’.
Esso potenziale andrà automaticamente rafforzandosi a costo zero, man mano che nascerà l’apparato comune europeo di difesa, liberato dagli oneri atlantici e capace di realizzare economie di scala.

Ciò premesso, nulla sarà meno accettabile che svenare gli europei per mantenere in ambiti non militari i palazzi, i cerimoniali e i personali onde perpetuare le pratiche ereditate dal passato. Non ha più giustificazione p.es. la rete di ambasciate e di altri organismi di rappresentanza all’interno dell’Unione Europea. Va sostituita da semplici meccanismi di collegamento tra burocrazie. Risulterà oscena l’attuale competizione tra sedi diplomatiche per occasioni mondane insulse come le ricorrenze di feste nazionali, le visite di stato, gli offensivi genetliaci di regine e di presidenti, le feste e i balli in onore di sportivi e di creatori di moda. Dovranno scendere fortemente anche i costi diplomatici all’esterno dell’Unione europea, nonché quelli richiesti da una vasta congerie di organismi multilaterali, più spesso che no quasi inutili.

In un quadro di inarrestabile espansione delle funzioni pubbliche irrinunciabili, gli Stati che non sapranno trovare nuove risorse miliardarie non avranno scelta. Dovranno tagliare spietatamente la spesa, cominciando da quella inutile e dannosa: le armi, gli eserciti, la diplomazia, il prestigio, i costi della politica e delle istituzioni, più i programmi senza numero di cui non si potranno provare i benefici contabili a breve. Dovranno diventare passibili di impeachment quei capi di Stato e di governo, più i massimi responsabili dell’Esecutivo, che ometteranno gli atti necessari alla cancellazione delle spese non indispensabili. Dovranno espiare in modi diversi dalla deposizione coloro che, sfuggiti all’impeachment durante le loro cariche, saranno riconosciuti colpevoli dei comportamenti dichiarati illegali. Per esempio, in Italia dovranno rispondere di omissione di atti dovuti, nonché di grave danno erariale, gli ex-presidenti della repubblica che non si sono opposti a risiedere nel Quirinale e che non hanno agito per abbassare il fasto e i costi delle loro corti. Dovranno rispondere civilmente dei danni erariali anche gli eredi degli ex-primi cittadini. Ai livelli più alti, non combattere gli sprechi dovrà divenire reato, da perseguire penalmente.

Antonio Massimo Calderazzi

SARA’ INTERMINABILE IL CREPUSCOLO DEGLI DEI GERMANICI?

Nell’aprile del 1990 mi fu chiesto, in un luogo dell’Ontario confinante coll’Upstate dello stato del New York (Ontario dove la gente è poco sensibile ai problemi degli altri continenti) come vivevamo in Europa l’evento della riunificazione tedesca, dell’annessione a Bonn dell’Est comunista: “Non potrebbe succedere di tutto?  Un Reich tornato egemone non tenterebbe almeno di riprendersi la Slesia, Danzica, il Sudetenland?”.  Risposi in termini vaghi.  Non mi aspettavo questa premonizione di destino in uno dei contesti meno nevrotici del pianeta. Poche settimane dopo provai a dare una risposta più riflettuta in una nota per “Prudentialetter”, trimestrale di una grande compagnia d’assicurazione; titolo “Grande Germania: quale Germania?”.

Al momento che accadde la riunificazione, ultimo tornante della storia tedesca, poté far sorgere attese magari ossessive in chi meditasse sui drammi del secolo aperto dalla funesta conferenza di Versailles.
Già allora il veterano di fanteria Adolf Hitler prese a caricarsi d’odio e di satanica creatività.  Nel Primo conflitto mondiale la Germania non fu più sanguinaria delle altre potenze (compresa l’Italia di Cadorna). Nei due secoli che precedettero la Grande Guerra la stirpe tedesca, divisa in una moltitudine di stati, aveva goduto di una reputazione che risaliva a Tacito, secondo il quale niente sorpassava l’eticità dei Germani. ‘Probo come un prussiano’ si usava dire nel secolo XVIII: ma anche ‘probo come un sassone, come un renano, come un turingio’. Le ferocie dell’esercito del Kaiser in Belgio e in altri paesi occupati furono soprattutto un’invenzione della propaganda alleata. Le crudeltà del tempo di Hitler non saranno mai più cancellate, e certo coinvolsero troppi tedeschi.  Ma nel 1945 l’umanità fece bene a non marchiare per sempre la razza di Arminio e di Lutero. L’umanità sapeva di tante altre crudeltà dei millenni, tra le ultime quelle di Stalin, del terrorismo, delle pulizie etniche, degli scannamenti tribali, delle foibe, dei crimini partigiani. Persino del Vincitore Buono, Dwight Eisenhower, sappiamo che in ultimo trattò senza pietà i prigionieri tedeschi.

Oggi che la Germania ha pienamente espiato, siamo certi che l’appartenenza all’Unione europea protegggerrà i Laender tedeschi da tentazioni demoniache. Ma il pericolo è che questa Germania dei trionfi materiali e dei sopravventi gestionali venda la primogenitura che le spetta. Essa è la nazione che dovrà condurre l’Europa a divenire pari agli imperi statunitense, cinese e russo, e rispetto ad essi assai più nobile.
Tra i popoli d’Europa quello germanico si affermò primo, abbattendo l’impero di Roma, poi assumendone l’eredità. La sua leadership finì presto, con la fine del Medio Evo: altre nazioni, più immeritevoli, si divisero il mondo moderno. Eppure dalla sfera germanica sono venuti a favore del mondo alcuni dei massimi impulsi, dalla Riforma al grande pensiero filosofico, ai messaggi vertiginosi della musica.  La componente germanica ha più volte guidato il moto della civiltà umana, persino attraverso i ‘cattivi’ come Nietzsche o come Ernst Junger, quest’ultimo uno dei più odiati tra i pensatori moderni in quanto eroe e cantore della guerra, oltre che dell’anelito verso una forma superiore dello spirito. Se tutto ciò sembrò annunciare il nazionalsocialismo, si ricordi che Junger rifiutò le profferte di Hitler con tanta durezza che, a quanto si dice, Goebbels e Himmler chiesero contro di lui l’ergastolo.  Il Führer non permise, e fu il solo privilegio assegnato dal nazismo a questo aristocratico profeta di una Morte dionisiaca.

Divenuta più ricca e più ragionevole, oggi la Germania  sembra non emettere luce nuova, quasi sia un pianeta invecchiato. Appare aver dimenticato la veemenza ideale del passato.  Crea più eccellenze materiali che idee.  Ciò poteva ancora andare per le istanze non smisurate della Repubblica di Bonn.  Ma oggi il  paese di Wagner e di Hölderlin è sfidato a una missione  -fare dell’Europa il Sacro Romano Impero del terzo millennio- che non ha confronti coi compiti di altre nazioni, per possenti che siano o siano state. E’ possibile uno sprigionarsi di genio germanico che ringiovanisca e migliori il Vecchio Continente, dunque il mondo.
La resurrezione dell’energia tedesca, nel dopoguerra, fu miracolosa.
Lo scatto con cui la Bundesrepublik si prese la Germania orientale fu felino: si predicava gradualità, invece Bonn volle tutto e subito, senza esitare di fronte al costo. La parità tra i due marchi attestò non solo riflessi fulminei, anche ‘classe’, ossia accettazione degli obblighi della grandezza.
Il Sacro romano imperatore (tedesco) non era il capo di uno Stato materialmente onnipossente, era un principe che aveva più dignità e più doveri degli altri prìncipi.  La DDR andava recuperata a qualunque prezzo: qui nacquero i più grandi del passato, compreso Lutero.

Mille volte meglio se quel poco di valido che resta dell’esperienza comunista dei Laender orientali -Brandeburgo, Mecklenburgo con Schwerin, Sassonia, Turingia- aiuterà i tedeschi tutti a resistere all’omologazione capitalista e iperconsumista del numinoso paese  di Goethe e di Schiller.
Sarà un antivirus assoluto contro la degenerazione che sta uccidendo la troppo breve grandezza degli Stati Uniti. L’Ovest della Germania rischiò di americanizzarsi nel profondo, ma il Geist tedesco è sereno e immortale: vivificherà l’Europa rifatta Sacro Romano Impero.

Antonio Massimo Calderazzi

AGGRAVO’ LE STRAGI DEGLI ARMENI IL TERRORISMO DELLA MINORANZA GUERRIGLIERA

Si usa datare il genocidio turco all’ultimo decennio del secolo XIX, e si fanno ascendere le vittime a cifre gigantesche, anche oltre un milione di morti. Eppure pochi anni prima il popolo armeno non accennava a desiderare l’indipendenza, nemmeno durante il regno sanguinario del sultano Abdul Hamid.  A contrastare la colpevolizzazione esclusiva dei dominatori turchi valgano un paio di capitoli dell’opera “The diplomacy of imperialism” di William L. Langer, storico di Harvard, pubblicata nel 1935 dall’editore Alfred A. Knopf.  Ne volle la traduzione italiana, nel 1942, l’illustre Federico Chabod, nella collana che dirigeva per il milanese ISPI (Istituto italiano per gli studi di politica internazionale), dove chi scrive fu in passato vice responsabile delle ricerche.

Avverte Langer nella sua Prefazione: ” Poche questioni di  storia recente vengono male interpretate quanto quella dei cosiddetti (sic) massacri degli armeni. Servendomi del materiale armeno, ritengo di essere riuscito a dare, per la prima volta al mondo, un resoconto obiettivo del movimento  rivoluzionario armeno”.  La ricostruzione di Langer muove “dai famosi massacri avvenuti a Sassun nell’autunno del 1894 (…) Può darsi che la popolazione armena nei domini del Sultano raggiungesse all’epoca circa un milione di persone, persino un milione e mezzo.  In nessun vilayet (provincia) della Turchia gli armeni costituivano la maggioranza, nemmeno nelle sei provincie chiamate comunemente Armenia (…) I curdi, musulmani che disprezzavano i cristiani, si sentivano in diritto di sfruttare gli armeni cui erano mescolati. Di norma gli armeni non tentavano nemmeno di reagire. I viaggiatori che visitavano le loro zone erano impressionati dalla loro remissività, addirittura servilità. Tuttavia la pace era precaria, troppo spesso punteggiata da saccheggi e massacri. Così era stato nei secoli. Il governo turco era impotente: per pacificare il paese sarebbe occorso un grande esercito. Date le circostanze la Sublime Porta si accordava come meglio poteva coi potenti capi curdi.  Dal punto di vista dello sviluppo politico nazionale, le grosse colonie armene di Costantinopoli e di altre città occidentali contavano assai più delle travagliate comunità contadine che vivevano nelle montagne dell’Anatolia orientale; una buona metà degli armeni di Turchia viveva fuori dei vilayet.

Ma tra gli armeni, come tra vari popoli dei Balcani, si era verificata nell’Ottocento una rinascita culturale, ” Il movimento era solo un aspetto dell’influenza europea in Turchia.  Come altri popoli in arretrato, gli armeni furono presi da una vera mania dell’istruzione. Nel 1866 vi erano nella sola capitale del’impero 46 scuole armene. I giovani che potevano andavano a completare gli studi all’estero, a Parigi specialmente, e tornavano imbevuti di socialismo e di indipendenza. Tuttavia non vi era ancora l’idea di staccarsi dall’impero. Si poteva dire che i turchi riponessero una fiducia quasi illimitata negli armeni. Il fermento nazionalista non si era propagato alle provincie. Nel 1857 l’abate del monastero Varak a Van, Khrimian Hairig, iniziò a pubblicare un primo giornale armeno. Ma i suoi sforzi non furono affatto apprezzati dagli armeni della capitale. Sembra che alcuni assoldarono un curdo per tentare di assassinare l’indesiderato agitatore; che invece divenne il capo di tutta la comunità religiosa armena”.

Ancora il luminare di Harvard: “L’assieme delle riforme invocate al Sultano, e poco o niente realizzate, non soddisfaceva i nazionalisti. Del resto la loro compagine non era unita. Il suo capo, Nazarbek, fu espulso, accusato di spendere troppo per la promozione del socialismo, nonchè di esaltare  imprese irredentistiche di scarsa importanza.  Fu cancellato quanto di socialismo era nel programma nazionalista armeno. Cominciò ad agire una Federazione sostanzialmente terroristica (Dashnagtzoution), un cui manifesto proclamò: ‘Non deporremo le armi. Abbiamo una guerra santa da combattere. Siamo rivoluzionari e questa è la nostra ultima parola’.  Verso la metà di giugno del 1896 a Van i nazionalisti armeni uccisero molti curdi, col solito risultato di un massacro  nella popolazione innocente.  Risposta dei guerriglieri:  “Coloro che muoiono sono martiri della Patria”. L’incaricato d’affari britannico descrisse  come criminali i partigiani armeni. Le rappresaglie non tardarono. Solo nella capitale 5 o 6 mila armeni persero la vita”. Per Langer, ” Continuando la condotta  idiota e criminale dei rivoluzionari era improbabile che i torbidi cessassero; non vi era piano di riforme che soddisfacesse gli indipendentisti.  Si erano concentrati in gran numero in Persia, non lontano dalla frontiera turca, e compivano ogni sforzo per fomentare un rivolta antiturca, ciò per provocare un nuovo spargimento di sangue armeno. Un console britannico che visitò il campo persiano riferì di circa 1500 miliziani armeni che vivevano lì a spalle dei locali. Affermò che quanto meno i capi delle bande erano sconsiderati e irresponsabili.  I rivoluzionari, così facili a sacrificare gli altri, semplicemente approfittavano  dell’attenzione alla questione armena delle nazioni cristiane. Peraltro queste ultime si astenevano dall’intervenire:  ogni volta che lo avevano fatto, i massacri o le rappresaglie turche si aggravavano.  A poco a poco gli stessi ribelli dovettero rendersi conto che l’Europa ne aveva abbastanza di loro. Della questione armena si parlò sempre meno. Alla fine del 1897 la burrasca appariva quietata”.  Invece l’indipendentismo violento continuò finché l’avvento al potere in Turchia dei Giovani Turchi portò alla rappresaglia estrema. La popolazione civile pagò con un numero altissimo di morti per i crimini della minoranza partigiana. La diaspora armena si ingrossò: chi potè si mise in salvo in Europa o negli Stati Uniti”.

Ricapitolando, con parole nostre: i massacri si aggravarono nel 1905, opera soprattutto dei curdi al servizio dei turchi. Proseguirono nel 1909 in Cilicia
ad Adana e nel nord della Siria. Fu stimato un milione di morti solo tra l’estate 1915 e il gennaio 1922. Risalta allora la verità del giudizio del luminare di Harvard, riferito all’inizio di queste righe: i turchi furono implacabili e feroci con gli armeni, ma è certo che turbe di uomini, donne, vecchi e bambini scontarono con la vita la militanza ‘patriottica’ dei partigiani. Più o meno come a Marzabotto, e come a Oradour.

Antonio Massimo Calderazzi

SCHLESINGER Jr: RIMPIANTO PER I DUE GRACCHI D’AMERICA

Non ci è dato sapere se una certa perla di saggezza attribuita al presidente Kennedy fu farina del suo sacco, o non piuttosto del sacco di una sua eminenza grigia, magari lo stesso Schlesinger.
Ecco la perla: “Prima che la mia presidenza finisca, dovremo fare altre prove per assodare se una nazione governata come la nostra potrà durare.
Il risultato non è affatto sicuro”.
Avesse pensato sempre così, l’uomo della Nuova Frontiera sarebbe considerato un vero statista, laddove molti dubitano.

Sappiamo per certo che Arthur M.Schlesinger Jr., figlio dell’omonimo illustre storico di Harvard e lui stesso, il figlio, accademico di primo piano a Harvard, due volte vincitore del premio Pulitzer, fu alto consigliere del presidente Kennedy, virtualmente un suo ministro.
Purtroppo non riuscì a dissuadere il Principe dal far partire l’impresa americana nel Vietnam. Per Schlesinger fu l’impresa più sbagliata e turpe in assoluto: ma prevalse l’ostinazione bellicista del neoeletto condottiero della Nuova Frontiera. Il presidente uscente Eisenhower, che di guerra si intendeva più del sottotenente di corvetta Kennedy, aveva tentato invano di sconsigliare l’avventura indocinese.

Nei giorni in cui il presidente Trump appare aver fermato, almeno provvisoriamente, quei capi del Pentagono che volevano dare una tremenda lezione militare all’Iran, e in ciò fare sembra ripudiare i propositi di totale egemonia sul pianeta, risulta profetica la visione anti-imperialista avanzata da Schlesinger nel libro “The crisis of confidence: ideas, power and violence in America” (1967).
Scrisse: “Sembra che ormai gli eventi sfuggano al nostro controllo. Non possiamo più difenderci dal corso ineluttabile della storia. Nell’ultimo quarantennio abbiamo dovuto affrontare la peggiore Depressione, la peggiore guerra mondiale e la più rovinosa guerra limitata. Eppure fino a poco tempo fa siamo sempre stati convinti di poter fronteggiare con la nostra leadership e con le nostre risorse -morali e psicologiche oltre che economiche- qualsiasi sfida. Ne siamo altrettanto sicuri oggi?
Il fatto che mezzo milione di americani, più un milione di alleati, più una tecnologia bellica smisurata, non siano riusciti a sconfiggere poche migliaia di guerriglieri in pigiama nero, ha scosso la nostra fiducia nella potenza dell’America; e le immense devastazioni che abbiamo compiuto hanno scosso la fiducia che avevamo nella nostra rettitudine (…)
E’ arrivato il momento di ripensare le istituzioni e i valori del nostro paese”.

” La guerra nel Vietnam ha indotto il nostro governo a seguire una linea di insensata, spaventosa distruzione. E’ stato proprio il fallimento nel Vietnam a revocare in dubbio tutta la nostra politica estera (…) Il peso totale delle bombe sganciate sui due Vietnam è stato di 2.948.057 tonnellate.
Il peso totale delle bombe sganciate nella Seconda guerra mondiale, in Europa come nel Pacifico, è stato 2.057.244 tonnellate.
Il 31 marzo 1967 un discorso del presidente Johnson annunciò il fallimento della nostra escalation. Se avesse tenuto quel discorso un anno prima, molti americani e molti vietnamiti sarebbero ancora in vita.
Come ebbe a dire Kennedy nel 1961, ‘dobbiamo accettare il fatto che gli USA non sono né onnipotenti né onniscienti, che siamo solo il 6% della popolazione mondiale, che non possiamo riparare ogni torto e sanare ogni calamità’.
Invece il successore di Kennedy ripristinò il dullesismo e si gettò a capofitto nella politica dell’overkill”.

Solo riducendo la nostra presenza militare nel pianeta, affermò Schlesinger, e solo cominciando a dare prova di ragionevolezza, potremo restaurare la nostra influenza nel mondo. La politica di impegno totale su scala planetaria è incompatibile con ogni prospettiva di ricostruzione sociale in patria. In futuro il mondo terrà conto dell’America non tanto per la nostra forza militare, quanto per la capacità di sanare le nostre fratture sociali, prima di tutto fratture tra tra ricchi e poveri, tra bianchi e non bianchi, poi tra vecchi e giovani e tra esperti e non scolarizzati. Il nostro paese è in uno stato di incipiente disgregazione. La struttura della società è sottoposta a gravi tensioni. I privilegiati sono divenuti gli antesignani del rinnovamento, mentre i bianchi sottoprivilegiati difendono accanitamente lo status quo (e, diciamo noi, votano per Trump). Il nostro paese è in uno stato di iniziale disgregazione.

Il rimedio additato dal Nostro: superare la Vecchia Politica.
Se i grandi partiti non cominceranno a fare ciò che non hanno mai fatto -coinvolgere veramente l’uomo della strada- dovremo aspettarci un balzo in avanti della Nuova Destra e della Nuova Sinistra: in apparenza nemiche acerrime, in realtà unite nella volontà di abolire le istituzioni che hanno il ruolo di conciliare le tensioni della nostra società.

Quasi tutte le valutazioni e le enunciazioni dell’intellettuale Schlesinger sono state confermate dal mezzo secolo che è passato dal suo libro, scritto “in memoria di Robert Francis Kennedy”. Ciò che non è stato convalidato è la sua speranza che una conversione al realismo e all’etica della classe dirigente sapesse rigenerare l’America. Che in particolare sapessero rigenerarla gli imperativi/slogan della Nuova Frontiera e poi, caduto John Kennedy a Dallas, gli slanci idealizzanti del fratello Robert, fatto martire dalla propria incapacità di convincere l’uomo della strada.
L’uomo della strada non poteva condividere le posizioni ìperprogressiste del fratello del Presidente: anch’egli destinato ad essere assassinato, come i due patrizi romani tribuni della plebe, Sempronio e Gaio Gracco.
(Accertato che la guerra civile lo condannava a morire, Gaio si fece uccidere dal suo schiavo).

Antonio Massimo Calderazzi

QUANDO SORGERA’ IL PAPA DEMOLITORE PER AMORE CHE BERGOGLIO NON E’

Gioacchino da Fiora fu il solo profeta della storia italiana, e le sue profezie non furono facili da decifrare. Rinascesse oggi, come potrebbe tacere sul destino, così scuro, della fede e della società cristiane? Azzardo ciò che dirà quando rinascerà, dopo otto secoli.

Dirà che, proprio a causa delle novità scompigliatrici dei tempi moderni, il potenziale d’azione del massimo capo religioso è aumentato, invece di scemare a causa della scristianizzazione. Oggi nè la politica, nè il pensiero laico sono capaci di generare novità grosse. Il Papa sì, alla pari con un ipotetico grande leader di altre fedi. Sia il Papa, sia tale leader saprebbero coinvolgere e condurre le società intere. J.M. Bergoglio era apparso il papa rigeneratore. Ora sappiamo che non lo è. Al meglio, è incatenato a una tradizione infausta, come Prometeo a una roccia del Caucaso.

Per essere creduto, un papa rigeneratore non dovrà assomigliare ad alcun altro pontefice, anzi non dovrà temere di apparire un apostata. Smetterà di canonizzare frotte di nuovi santi e tacerà rispettosamente sui troppi che già esistono, e vegetano nell’irrilevanza. Accantonerà largamente il passato magistero della Chiesa, tanto spesso immeritevole d’essere né Mater né Magistra. Cancellerà i precetti menzogneri, per primo quello contro il controllo delle nascite (la Provvidenza provvede sempre meno; la sovrapopolazione infierisce sempre più). Cancellerà i dettami perfettamente illogici, e risibili, quali il divieto del sacerdozio alle donne. Negherà ogni rispetto a tradizioni assassine, tipo il patriottismo che per millenni ha costretto a morire e a uccidere per il feticcio della Nazione o per quello ancora più mostruoso dell’obbedienza al re, anzi ai governanti.

Soprattutto il Papa demolitore e ricostruttore, amputatore delle cancrene e delle ossificazioni, agirà sulle realtà quotidiane, se perpetuano il male invece di combatterlo. Per dare un esempio capace di traumatizzare, per dare vera testimonianza al suo ideale. Egli abbandonerà Roma e, con una Curia ristretta all’indispensabile, metterà la sua sede in un monastero. Al miglior offerente venderà il Vaticano e i tesori artistici della Chiesa a favore dei miseri del pianeta. Additerà al disprezzo generale quei capi di stato -cominciando dal nostro, dimorante nella reggia voluta dai papi atei del Rinascimento, dai sovrani sabaudi e dai vituperevoli trionfatori della guerra civile – che non faranno la stessa scelta. Il Papa giustiziere abolirà i cardinali e quei vescovi che si faranno chiamare eccellenza: se vorranno rifarsi agli Apostoli e a Cristo, non dovranno assomigliare agli alti prelati del passato. Il Papa profetico indebolirà fortemente il culto di Maria e di quei Santi che non siano stati eroi autentici della carità.

Queste e molte altre rotture ammonteranno finalmente ad una rivoluzione rigeneratrice, unica nell’Occidente dopo quella sciagurata del 1917. Il mondo ne sarà impressionato al punto da riconoscere al Papa della profezia il ruolo di solo innovatore del pianeta. Le nuove realtà da lui generate risulteranno così ardite da rompere l’immobilismo seguito al trionfo del capitalismo, del consumismo, dell’edonismo; i quali tutti hanno dato al denaro la vittoria sui sentimenti e sugli ideali. In quanto conosciuto da tutti gli uomini, un Papa assolutamente diverso sarà accettato come guida e maestro da grandi masse: oltre che di cattolici, di uomini di altre confessioni cristiane e di quei non-credenti che aspirano alla liberazione dal materialismo triviale. La volontà e la forza di innovare drasticamente sono talmente rare che non saranno molti coloro che rifiuteranno un mondo migliore. Nessun capo di imperi sarà pari a Lui se farà le cose grandi, se si sarà rivelato come riformatore più coraggioso di Martin Lutero.

Inevitabilmente, questo papa mai comparso prima agirà innanzitutto sugli italiani per distoglierli dal paganesimo consumista. Con la credibilità di chi avrà abbandonato i palazzi del Vaticano e messo la Chiesa su un cammino opposto a una tradizione morente, egli proporrà agli italiani d’essere l’avanguardia di un mondo conquistato a ideali più alti. Farà vedere agli italiani che loro spetta il primato di avere nei millenni inventato tante novità, anche cattive: dall’impero romano al Rinascimento, all’opera lirica, persino al fascismo, per qualche lustro imitato in mezza Europa e altrove. Il papa della tempesta creatrice proporrà agli italiani d’essere come i beduini e i cammellieri di Maometto, i quali improvvisamente costruirono l’Islam e un impero che andava da al-Andalus all’Asia più remota. Il papa della profezia di Gioacchino da Fiora convincerà gli italiani a tornare primi, come furono a lungo. A sbarazzarsi dell’impostura demoplutocratica, dominata da valori ripugnanti. A guarire dalla lebbra del consumismo. A detestare l’adorazione del troppo benessere e ad arrossire delle sue porcine delizie. A rifiutarsi a tutte le promesse ingannevoli, quali la perennità della crescita.

Persino il lavoro dovrà smettere d’essere un imperativo categorico. Un paese sovrapopolato non conseguirà più il pieno impiego: oltre all’immigrazione delle masse fameliche ci sono le avanzate tecnologiche a fare impossibile il lavoro per tutti: si lavorerà quando possibile. Ma la sopravvivenza delle famiglie più umili e il soccorso al mondo dei miseri dovranno assicurarli la redistribuzione dei redditi e l’arretramento del benessere. Le realtà inferiori quali il lusso, la moda e gli sport corruttori andranno mortificate. Per queste ed altre novità ardue, molti odieranno il Papa che insegnerà e agirà da un monastero di campagna. Ma l’odio vorrà dire che Egli non sarà stato inutile come quasi tutti i suoi predecessori.

A.M. Calderazzi

LUNGA VITA AL DEBITO PUBBLICO ITALIANO

Un problema di economia ne richiama altri, concettualmente prossimi o lontani. Una misura di politica economica non può essere pensata – e ancor meno applicata – senza tenere conto dei molteplici effetti che avrà sulla realtà sulla quale vuole incidere.

Nel mondo dei fenomeni economici nessun evento è isolato; lo stesso identico fenomeno ha valenze,peso, conseguenze diverse da Paese a Paese e richiede quindi una speciale attenzione e decisioni ad hoc. In modo un po’ semplicistico, ma realistico, non è sbagliato assimilare il sistema economico al corpo umano. Per guarirlo se è malato, e per prevenire l’insorgere delle malattie se è sano, non possiamo contare su rimedi validi per ogni situazione.

La medicina per il singolo e la politica economica per la collettività, non sono scienze ma arti, che si servono di varie scienze per poter bene operare, adattando a ciascun caso il rimedio appropriato. Queste considerazioni valgono anche per la questione del debito pubblico, e può essere utile fornirne alcuni esempi.

I titoli del debito pubblico di un Paese povero – dove quindi la capacità di risparmio è modesta o quasi inesistente – per poter essere venduti a risparmiatori situati al di fuori dei suoi confini, vengono emessi in una valuta straniera e a tassi piuttosto elevati per compensare il rischio derivante dalla possibilità che il Paese non riesca ad onorare gli impegni assunti all’atto dell’emissione dei titoli. Ne discende che, per pagare gli interessi pattuiti e rimborsare il debito alla scadenza, ciascuno di questi Paesi dovrà procurarsi la valuta straniera necessaria a far fronte ai propri impegni, e potrà farlo soltanto in due modi: con le esportazioni e/o con la vendita a stranieri di beni dei quali il Paese sia proprietario all’interno o all’esterno dei propri confini; di conseguenza il debito pubblico dei Paesi poveri è a tutti gli effetti debito estero.

Un caso opposto è quello del Giappone, detentore del debito pubblico più alto del mondo in termini pro-capite: 92 mila dollari (2016), pari a circa 83 mila euro; eppure il fatto di detenere questo record non è una ragione di allarme. I titoli del debito pubblico giapponese infatti sono emessi nella valuta locale (yen), hanno tassi di rendimento piuttosto bassi, sono interamente o quasi sottoscritti da cittadini giapponesi i quali hanno una capacità di risparmio elevata e sono motivati a questo comportamento perché consapevoli di operare a beneficio della collettività della quale fanno parte.

L’enorme debito pubblico degli Stati Uniti d’America ammonta a 62 mila dollari pro-capite e i titoli che lo rappresentano non potrebbero essere assorbiti dai residenti a causa della inadeguata capacità di risparmio delle famiglie americane. I Treasury Bond, in $ USA, vengono quindi venduti soprattutto ad acquirenti esteri. Si può osservare che gli Stati Uniti sarebbero l’unico Paese al mondo ad avere un’alternativa valida al debito pubblico: stampare moneta. Il manuale di economia però afferma categoricamente che ciò provocherebbe inflazione, ma questa presa di posizione meccanica e apodittica è fuorviante; la risposta “giusta”anche in questo caso – come sempre in economia – è DIPENDE.

I titoli del debito pubblico di ciascuno dei Paese dell’Unione europea che abbia adottato l’euro come moneta nazionale sono di solito emessi nella valuta comune. La Germania ha un debito pubblico pro-capite di 25 mila euro, la Francia di 34 mila e l’Italia di 37 mila: come si vede i divari in proposito non sono poi così abissali. L’emissione di titoli del debito pubblico di ogni Paese euro deve sottostare a regole note come “parametri di Maastricht” le quali fissano soglie che non devono essere superate. Non è questo il luogo per muovere qui una critica alla natura di questi parametri – istituiti nel 1992 e divenuti operativi l’anno dopo – se non per dire in termini generali che sono soprattutto fondati su equivoci, errori e rapporti di forza ineguali tra i firmatari del documento che li ha istituiti.

Basti dire, a titolo di esempio, che uno di questi parametri gravati da errore esprime in termini percentuali la correlazione che dovrebbe esserci tra l’ammontare del debito pubblico di un Paese e il valore monetario del suo Prodotti Interno Lordo (PIL); questo valore non dovrebbe superare la soglia stabilita per questo parametro.

L’errore sta nell’aver messo in correlazione due entità eterogenee, l’una FONDO (debito pubblico totale) e l’altra FLUSSO (PIL di un certo anno) che non possono in alcun modo essere reciprocamente correlate perché appartenenti a due sfere concettualmente e metodologicamente differenti.

Il DEBITO PUBBLICO del Paese nel suo insieme (il cui ammontare è calcolabile in un qualsiasi preciso momento) può essere posto in relazione soltanto con l’entità ad esso omogenea e cioè la RICCHEZZA della popolazione del Paese (che pure può essere calcolata in un momento preciso), ma non con il REDDITO nazionale (o PIL) che non può essere calcolato in un preciso momento dato che il calcolo, per la natura FLUSSO di questa entità, richiede di essere fatto su un arco temporale, che di solito è l’anno. A scanso di equivoci è bene precisare che la RICCHEZZA (sinonimo di patrimonio o di capitale) privata delle famiglie italiane, è composta da beni immobili (edifici e terreni), beni mobiliari (azioni e obbligazioni italiane ed estere),opere d’arte, gioielli, denaro contante, beni capitali o strumentali (per produrre beni o servizi destinati alla vendita), beni durevoli di consumo(mezzi di trasporto per uso privato, elettrodomestici, attrezzature per uso personale o familiare).

L’entità FLUSSO rappresentata dal PIL – che non può essere posta in correlazione con l’entità FONDO costituita dall’ammontare totale del debito – deve essere invece correlata ad un altro concetto FLUSSO: il servizio del debito (debt service). Questo è costituito dalla somma degli interessi pagati in un certo anno su tutti i titoli esistenti in quell’anno, più l’importo del rimborso dei titoli che scadono in quell’anno. L’ammontare del servizio del debito moltiplicato cento e diviso per il PIL, rappresenta il tasso del servizio del debito (debt service ratio),una entità dotata di un suo preciso significato e che soddisfa i criteri metodologici della razionalità economica.

Dopo questa noiosa ma doverosa digressione passiamo a due punti cruciali: le RAGIONI del debito pubblico e la vera NATURA del debito pubblico.

RAGIONI DEL DEBITO PUBBLICO

I Governi, per poter conseguire gli obiettivi che si propongono, dovrebbero contare sulle entrate fiscali. Tuttavia, se il costo delle politiche da attuare è superiore a quello consentito dalle entrate ordinarie, il Governo può decidere di aumentare la pressione fiscale con nuove imposte e/o con aliquote più pesanti delle imposte e tasse in vigore.

Un’alternativa più equa,soddisfacente e consona allo Stato sociale moderno, è il ricorso all’indebitamento.I prestiti necessari all’azione di governo potranno essere ottenuti da istituzioni creditizie esistenti all’interno del Paese, o provenire dall’estero (altri Governi o privati), oppure essere concessi da istituzioni sopranazionali o internazionali. Tuttavia, ove la capacità di risparmio dei cittadini lo consenta, la via più naturale è quella di rivolgersi a loro quali finanziatori del debito pubblico del proprio Paese. Naturalmente la mano pubblica si impegnerà a remunerarli con interessi adeguati (tali da convincerli all’acquisto dei Buoni del Tesoro Poliennali o BTP) garantendo loro nel contempo la restituzione alla data pattuita delle somme prestate.

Questa soluzione è di gran lunga più soddisfacente di quella dell’incremento della pressione fiscale,anche perché mentre l’aumento di imposte e tasse – essendo un atto d’imperio della mano pubblica – costituisce un ordine delle autorità che se trasgredito verrà punito, il ricorso al credito concesso dai residenti allo Stato si fonda invece sulla libera volontà dei cittadini che acquisteranno i BTP o altri titoli del debito pubblico nazionale.

Il ricorso al credito concesso dal singolo cittadino-risparmiatore al Tesoro del proprio Paese, al fine di finanziarne volontariamente il debito pubblico, ha come conseguenza immediata quella di trasformare il risparmio liquido delle famiglie in titoli pubblici che vengono così ad essere parte della ricchezza dei cittadini sottoscrittori. 

NATURA DEL DEBITO PUBBLICO NEL CASO ITALIANO

I BTP e gli altri titoli del debito pubblico acquistati dai cittadini italiani divengono in questo modo parte della loro RICCHEZZA dalla quale deriverà un REDDITO rappresentato dagli interessi maturati ogni anno e regolarmente incassati dai proprietari dei titoli.

Il debito pubblico del Paese assume così il significato e i connotati di una “partita di giro”. Siamo infatti in presenza di una quantità economica che da un lato rappresenta il debito di un’entità astratta dalla durata di vita illimitata – e comunque non prevedibile, come è quella di uno Stato sovrano – mentre dall’altro costituisce una parte della ricchezza della quale gode la famiglia che ne è proprietaria, e che potrà trasmetterne la proprietà agli eredi.

Se questa è – come di fatto è – la inconfutabile realtà, sostenere che sul bambino che nasce oggi grava un debito pubblico creato dai suoi maggiori (genitori, nonni, bisnonni, ecosì via) che egli un giorno sarà costretto a ripagare rimborsandolo (ma a chi?), è un’affermazione priva di senso. Chi ha investito i suoi risparmi nel debito pubblico italiano lo ha fatto soprattutto perché questo investimento genera un reddito. La certezza che il debito del Tesoro verrà onorato con il rimborso alla scadenza ne è ovviamente un presupposto essenziale. Questo presupposto ha sempre trovato riscontro nella realtà italiana da quando (1861) esiste lo Stato unitario, lo stesso non si può dire per la Germania. Per la maggior parte dei detentori di titoli pubblici italiani al rimborso ottenuto seguirà l’acquisto di nuovi titoli emessi nel frattempo dalla mano pubblica.

Due terzi del debito pubblico nazionale sono oggi nelle mani di istituzioni e famiglie italiane, che ne possedevano la quasi totalità prima della liberalizzazione del movimento dei capitali iniziata a metà degli anni Ottanta. In compenso (a riprova della nostra eccezionale sebbene declinante capacità di risparmio) è bene sottolineare che una quota del debito pubblico di altri Paesi (quali Stati Uniti, Germania, Francia, Svezia, ecc.) è stata acquistata da italiani e fa parte del patrimonio delle famiglie italiane.

Il debito pubblico italiano non può quindi in alcun modo essere visto come un disastro nazionale al quale rimediare a costo di qualsiasi sacrificio. Sicuramente si dovrà operare per eliminarne i numerosi sprechi e per ridurne l’entità, al fine di indirizzare il risparmio nazionale verso impieghi destinati a imprese (per sostenere e ampliare la loro capacità produttiva) e alle famiglie bisognose di credito per acquistare ciò che ne possa migliorare le condizioni di vita.

OSSERVAZIONI IMPORTANTI

Gli interessi derivanti dai titoli posseduti da residenti sono gravati da un’imposta chiamata “cedolare secca” che ammonta al 12,5%. Quindi, il debito pubblico italiano sottoscritto dai residenti permette all’erario un risparmio del 12,5% sulla spesa per interessi. Sia d’esempio il caso del BTP trentennale con scadenza nel 2023 e interesse al 9%. La sua gestione non costa all’erario il 9% annuo, bensì il 7,875% che corrisponde all’interesse netto percepito dal residente in Italia che lo possiede.

L’importo degli interessi pagati ai sottoscrittori italiani non accresce soltanto il loro reddito (di una porzione esente da qualsiasi ulteriore imposta), ma costituisce per il sistema economico nel suo complesso una possibilità di spesa e di risparmio aggiuntivi (rispetto ad altri investimenti di tipo mobiliare) che favorisce il buon andamento dell’economia nazionale.

Al contrario, l’acquisto dei titoli del debito pubblico italiano da parte di non residenti ha due controindicazioni rilevanti:

1) costringe l’erario a pagare per intero l’interesse stabilito, senza detrarne il 12,5%;

2) rende i corsi dei titoli più soggetti alla mera speculazione, che si esercita attraverso una continua compravendita dei titoli – con interventi massicci delle principali società finanziarie che operano a livello mondiale – allo scopo di alterarne i corsi per ragioni di interesse privato che non possono avvantaggiare il nostro sistema economico.

Per esempio, la massiccia e improvvisa vendita dei titoli pubblici italiani da parte delle istituzioni economiche e finanziarie della R. F. Tedesca – in un momento di accesa speculazione diretta contro il nostro Paese anche per motivi politici, come accadde nell’autunno del 2011 – fece scendere rapidamente i corsi dei nostri titoli. Questa repentina variazione negativa provocò nei piccoli e medi possessori di questi titoli dei timori che si tradussero in vendite che, sommate alle precedenti, causarono un ulteriore abbassamento dei corsi. Chi aveva dato l’avvio a questa manovra poté così fare lauti guadagni ricomprando poi a prezzi più convenienti i titoli che, passata la febbre ribassista, tornarono alle quotazioni precedenti.

Per le suddette ragioni mantenere in mani italiane i titoli del debito pubblico del nostro Paese significa non soltanto contribuire alla stabilità e alla prosperità dell’economia nazionale, ma anche permettere alle famiglie italiane di avere un reddito dai loro risparmi, cosa ormai impossibile con i depositi in conto corrente a causa del cartello bancario, illegale perché viola le norme sulla concorrenza, ma di fatto operante. I clienti vengono indirizzati verso impieghi più profittevoli (per le banche) e così fanno i promotori finanziari sconsigliando i titoli pubblici italiani “che non rendono nulla e sono insicuri”. La falsità di questa affermazione è sotto gli occhi di chiunque voglia guardare ai fatti concreti. Il rendimento dei titoli pubblici italiani è significativo (come si mostrerà più avanti), la sicurezza è provata dal fatto che negli ultimi 157 anni non è mai venuta meno, a differenza di quanto è avvenuto in Germania, dato che negli ultimi 147 anni è stata smentita dai fatti almeno una volta.  

UNA POSTILLA DALL’ATTUALITA’

Al fine di investire i propri risparmi in modo oculato e redditizio (favorendo nel contempo il nostro sistema economico)sarebbe bene guardare ai CIR (Conti individuali di risparmio) https://financecue.it/i-cir-conti-individuali-di-risparmio/12668/ di probabile imminente creazione ed entrata in vigore.

In attesa che i CIR siano disponibili, osserviamo come possibili destinatari di investimenti redditizi i seguenti BTP, con durate comprese tra i 20 e i 50 anni, e verifichiamo quale è nel dicembre 2018 il rendimento che effettivamente finisce nelle tasche deipossessori di questi titoli senza che vi siano ulteriori conseguenze fiscali:

BTP 1ST2040 5% (-cedolare secca=4,375%) al corso di 118 rende il 3,708%

BTP 1AG2039 5% (-cedolare secca=4,375%) al corso di 119 rende il 3,677%

BTP 1ST2044 4,75% (-cedolare secca=4,156%) al corso di 116 rende il 3,583%

BTP 1FB2037 4% (-cedolare secca=3,5%) al corso di 107 rende il 3,271%

BTP 1MZ2048 3,45% (-cedolare secca=3,01875%) al corso di 96 rende il 3,145%

BTP 1ST2046 3,25% (-cedolare secca=2,84375%) al corso di 94 rende il 3,025%

BTP 1MZ2067 2,8% (-cedolare secca=2,45%) al corso di 83 rende il 2,952%

Guardando con attenzione questi dati ci si dovrebbe chiedere perché mai siano da preferire le alternative di investimento che vengono proposte da banche e promotori finanziari di ogni tipo, dato che alla prova dei fatti queste alternative(azioni, obbligazioni societarie e titoli esteri) si sono rivelate meno redditizie e tutt’altro che esenti da rischi. In proposito varrebbe la pena dileggere con attenzione quanto qui esposto: https://scenarieconomici.it/si-cambi-subito-il-meccanismo-dasta-dei-titoli-pubblici-di-f-dragoni-e-a-m-rinaldi/

Esaminiamo ora con occhio critico alcuni contenuti del supplemento “Plus24” de Il Sole 24 Ore di sabato 8 dicembre 2018. Nell’articolo “Valutare le capacità non (solo) i costi” l’autore Christian Martino scrive: Secondo i calcoli di Aipb Prometeia dal 2010 i clienti privati hanno ottenuto performance medie annue pari all’1,9% contro l’1% delle famiglie servite dal sistema bancario nel suo insieme.

Come si vede si tratta di rendimenti (lordi) notevolmente più modesti di quelli (netti) realizzati investendo nei titoli pubblici italiani sopra citati, operazione semplicissima da eseguire, e che non richiede l’aiuto di terzi, oneroso o gratuito che sia.

In questa situazione confusa ad arte, che favorisce soprattutto gli azzeccagarbugli dalla parlantina suadente, la lingua sciolta, la scrittura convincente, sembra che faccia capolino la ragionevolezza, e che stiano per diventare (o tornare) di moda iBTP nostrani.

Questa tendenza traspare nelle parole (comunque discutibili) di Francesco Paglianisi in: ZONA BUND “La tendenza? E’ restare liquidi” dove si dice che …i player finanziari attendono una brusca frenata della crescita e non escludono più una recessione per il 2019-2020. … Il risultato è un veloce allontanamento dal mercato azionario, un riposizionamento sugli asset obbligazionari e un aumento della liquidità. Non si riesce a stimare quanto durerà questa fase, masi percepisce che ora è importante dare la precedenza a conservare il patrimonio piuttosto che cercare la performance. Il successo del Bund, che è ritornato vicino ai minimi dell’anno, è frutto di questa esigenza. Nessuno ritiene che sia un ottimo affare una remunerazione del Bund a quota 0,25% per dieci anni, soprattutto a pochi giorni dalla fine del Qe, ma i money manager devono scegliere fra il male minore. Chi cavalca la volatilità sta invece lavorando su asset come i bond italiani, dove si rileva un cambio di scenario.I bond italiani hanno metabolizzato uno scenario di predefault, che sul breve non è più attuale. Se cambia lo scenario devono cambiare anche i prezzi. Se lo spread BTp-Bund scenderà sotto i 280 punti base potremmo assistere a un recupero prolungato dei Btp e Cct.

Che cosa si può ricavare dalla lettura di queste righe? Osservare in primo luogo che l’ipotesi di un possibile “fallimento” delle finanze di un Paese come l’Italia era ed è semplicemente inconcepibile. Rilevare poi una gravissima omissione, continuando a tacere su un punto cruciale: acquistando i Bund – come hanno fatto e continuano a fare molti italiani sviati dalle argomentazioni degli “esperti” – si finanzia gratuitamente il Tesoro del governo tedesco, dato che nessuna remunerazione o compenso viene riconosciuto ai sottoscrittori. Ne risulta che a causa di infondate dicerie acquistiamo i Bund tedeschi che rendono lo 0,1% lordo mentre veniamo scoraggiati dall’investire nei BTP italiani sebbene rendano il 3% netto.

In questo modo il Tesoro italiano si indebita con un onere pari a oltre trenta volte quello tedesco; il risparmiatore italiano che compra i Bund non incassa nulla; il Tesoro tedesco si finanzia senza alcun onere usando i nostri risparmi, e rimproverandoci pure di essere degli spendaccioni.

Gianni Fodella

già docente di Politica economica internazionale nella Università degli Studi di Milano 

gianni.fodella@gmail.com