TIME: BITTER DEBATE ON THE MORALITY OF THE U.S. DRONE CAMPAIGN

Drones have certainly transformed the U.S. military: of late the American government has gotten very good at extending its physical presence for the purpose of killing people. Ten years ago the Pentagon had about 50 drones; currently it has some 7,500. The U.S. military reported carrying out 447 drone attacks in Afghanistan in the first 11 months of 2012. Since Obama took office, the U.S. has executed more than 300 covert drone attacks in Pakistan, a country with which America is not at war. Already  (Febr.11, 2013) this year there are credible reports of five covert attacks in Pakistan and as many as eight in Yemen, including one on January 21, the day of Obama’s second Inauguration.

The military logic couldn’t be clearer. They are a persistent presence over the battlefield, gathering their own intelligence and then providing  an instantaneous response. With drones the U.S. can exert force not only

instantly but undeterred by the risk of incurring American casualties or massive logistical bills, and without the terrestrial baggage of geography; the only relevant geography is that of the global communications grid.

Strictly by the numbers, America’s drone campaign has been an overwhelming success. According to the New America Foundation, a nonprofit public-policy institute based in Washington, U.S. drone attacks have claimed the lives of more that 50 high-value al-Qaeda and Taliban leaders. But the seductive theoretical simplicity of drone warfare -omniscient surveillance, surgical precision, zero risk- has led the nation into a labyrinth of confusion and moral compromise. In 2012 Obama described the drone campaign as “a targeted, focused effort at people who are on a list of active terrorists trying to harm Americans” that hasn’t caused  “a huge number of civilian casualties”.

Whether this is accurate may depend on what the word huge  means to you. Drone strikes in Afghanistan are conducted by the military and are mostly overt, but elsewhere they are carried out either solely or jointly by CIA and are generally covert, meaning the U.S. doesn’t admit that the’re happening.

The Bureau of Investigative Journalism, a U.K. non profit, estimates that since 2004 CIA drone attacks have killed 2,629 to 3,461 people in Pakistan alone, of whom 475 to 891 were civilians. The New America Foundation puts those numbers somewhat lower, from 1,953 to 3,279, of whom 261 to 305 were civilians. (The CIA declined to comment).

The morality of the U.S. drone campaign, and its legality under domestic or international law, is the subject of bitter debate. A U.N. special rapporteur has written, “if other states were to claim the broad-based authority that the United States does, to kill people anywhere, anytime, the result would be chaos”. The U.N. announced a special investigation into civilian deaths resulting from U.S. drone attacks.

The practical effectiveness of drone strikes is undermined by their tendency to outrage and radicalize populations against the U.S. As controversial as  it is, there was heartwarming bipartisan agreement in last fall’s presidential election that American drone policy wasn’t doing to be seriously discussed by either candidate.

Last fall the law schools at Stanford and NYU issued a report, “Life Under Drones”, which was based on 130 interviews with Pakistanis. It makes for unsettling reading. The moral ambiguity of covert drone strikes will clarify itself very quickly if another country claims the right under international law to strike its enemies in the U.S. Right now the U.S. is the only nation that operates drones on a large scale, but that will change: flying drones is hard, but it’s not that hard. There are 76 other countries either developing drones or shopping for them; both Hizballah and Hamas have flown drones already.

There may come a day when the U.S. bitterly regrets the precedents it has set.

Lev Grossman for TIME

LE FOSSE ARDEATINE DI OBAMA

La coscienza dell’uomo della Casa Bianca è più macchiata di quella di Priebke. Il capitano delle SS fece morire 350 ostaggi (maschi e adulti) : se non avesse obbedito all’ordine personale di Hitler sarebbe stato fucilato. Di ciò non è lecito dubitare, tanto feroce essendo il Fuehrer e tanto inesorabile la disciplina militare germanica (si legga in ‘Internauta’ -“Via Rasella ha ucciso l’ideale comunista”- la testimonianza di Paolo Caccia Dominioni sulla fucilazione a El Alamein di un paracadutista tedesco per avere bevuto acqua dalla propria borraccia).

Il presidente degli Stati Uniti ha già fatto morire alcune migliaia di persone, comprese donne e bambini, che vivevano in paesi un tempo non ostili come il Pakistan e lo Yemen e non partecipavano alla guerriglia antiamericana dei Talebani e di Al Qaeda. Diciamo ‘un tempo non ostili’ in quanto, come attesta TIME nell’inchiesta sui drones che qui riportiamo per estratti, gli attacchi dei drones di Obama “outrage and radicalize populations against the U.S.”.

Da TIME apprendiamo che dieci anni fa il Pentagono aveva una cinquantina di droni; agli inizi di quest’anno, circa 7500. Dunque Obama è il loro padre. Apprendiamo anche che, secondo le fonti che TIME giudica autorevoli, le persone uccise dai drones nel solo Pakistan, e di cui si hanno notizia, oscillano da un minimo di 1953 a un massimo di 3461; di cui civili, cioè innocenti, da un minimo di 261 a un massimo di 891. Si parla di cittadini di un paese la cui estraneità e sovranità sono  continuamente violate nel nome della sicurezza degli Stati Uniti.

Tutti sanno che il Pakistan è stato dalla nascita un satellite di Washington. Se negli ultimi anni viene sospettato è in quanto la sua popolazione è esasperata per la crudeltà delle incursioni statumitensi. Sono a parte le azioni omicide nell’Afghanistan: secondo TIME 447 nei primi mesi del 2012.

Dunque è oggettivo: l’impresa di Obama nello scacchiere allargato dell’Afghanistan e altrove -Giorgio Napolitano la definì ‘una guerra giusta’- ha ucciso più o meno altrettanti civili quanto le peggiori vendette del Reich dopo le azioni partigiane.

Si aggiunga il  Datagate, sopruso gangsteristico che viola a tutti i livelli la privacy del mondo intero, e gli USA risulteranno la Potenza Canaglia del nostro tempo.

Non sfioriamo nemmeno il premio Nobel per la pace assegnato preventivamente, cioè settariamente, all’Uomo dei Drones: malazione dovuta allo strabismo ideologico del progressismo scandinavo. I dispensatori del Premio saranno disprezzati prima di tutto a casa loro. 

A.M.C.

HEAR NO EVIL, SEE NO EVIL, SPEAK NO EVIL

I wrote this several years ago. It still stands. But the figure about whom I wrote, instead of being criticized, is still lionized.  Today, October 27, 2013, Jack Welch is on his own show on CNBC’s “One-On-One With Jack Welch”, when, given his notorious record at GE, he should, at the very least, be shunned. Oh. I forgot to mention: GE owns NBC.

Corporations are today the dominant institution in life, both at home and abroad. Their reach and influence and power are unexcelled, and perhaps unexampled in history. They enjoy the kind of omnipresence and omnipotence that made the Christian Church the dominant institution of the Middle Ages-only more so. In the Middle Ages there were two realms: the earthly and the spiritual. The Church was exalted above the earthly realm, which by and large went its way content with this hierarchical ordering of life that put a premium on spiritual things, and made the princes of this realm subject to the princes of the next. But for the corporation there is one, and only one, realm and rule: the Kingdom of Profit here and now.

The major differences between these two world-dominant institutions, the Church and the Corporation, are these: The Church exists for the sake of the individual, while the individual, first and last, exists for the sake of the Corporation. The former strives to enhance life: the latter cares only for profit, even at the expense of life. The former is mindful of the earthly battle between good and evil: the latter is mindful only of the battle for increasing profits. The one enhances and deepens life, to create a caring, loving community based on self-giving love: the other pursues profit, even to the point of destroying life and community. One strives to make men fit to meet their Maker: the other destroys men’s souls when engaged in the single-minded pursuit of profit at any cost. One is liberating: the other enslaving. One seeks Truth, Goodness, and Beauty: the other only Gain. One develops and fosters a person’s independence: the other demands radical dependency. One is adjured to care for all of creation no matter the cost: the other cares only for the bottom line. One strives to incarnate radical goodness and love: the other, legally, is bidden to be, and is in fact, radically selfish and amoral.

Let us now praise famous men.

Jack Welch retired from General Electric in 2001, having been its CEO since 1981. Under his leadership, GE developed from a $13 billion dollar corporation into one worth hundreds of billions of dollars, becoming in the process the second largest corporation in the world. And along the way Welch became famous. As one biography says, “…Jack Welch’s management skills became almost legendary. His no nonsense leadership style gave him a reputation of being hard, even ruthless but also fair when making business decisions.” He urged his managers to follow the “GE ethic of constant change and striving to do better.” The biography goes on to state that under Welch’s tenure each business under the GE (conglomerate) umbrella “was one of the best in its field.” Since retiring (amidst much praise and adulation from his peers and the media), Welch has penned a best-selling memoir “Jack, Straight From The Gut,” and now advises other Fortune 500 companies as well.

But this is only part of his biography: the other, seamier side is carefully hidden from view by both GE, Jack Welch, and the media.

In 2002, United For A Fair Economy, a corporate watch-dog, gave GE its “special lifetime achievement award” “for scoring the highest average rank across 10 bad (corporate) habits”, outdistancing second-place Enron (!) by an astounding 45%. Canadian law professor and expert on the corporation, Joel Bakan, writes that in only 11 years, from 1990-2001, GE had been charged with 47 “major legal breeches.” What kinds of things has GE done?

Between 1990-1994 GE was charged with 15 cases of fraud in Department of Defence contracts. In 1995 GE paid a $7.1 million dollar fine in a fraud suit for having sold thousands of jet engines to the military without complying with the military’s testing requirements. In 1997 GE pled guilty to defrauding the military out of $10 million dollars for a battlefield computer system. In 1985 GE pled guilty to fraud and falsifying 108 claims on a missile contract. GE-designed nuclear reactors around the world have now been shown to have serious design flaws that imperil surrounding populations; this is also true of its boiling water reactors both here and abroad, with its threat of radioactive fuel rod contamination. GE has also been a “serial polluter” of PCBs and other chemicals at its many plant sites, contaminating both soil , ground-water, and rivers. GE was found to have built defective wiring and cables into 754 NYC subway cars. GE has had to pay a $100 million dollar fine for “unfair debt collection practices.” GE was found guilty of fraud and money-laundering in an unauthorized sale of jets to Israel. The list goes on and on. Clearly “striving to do better” and “being the best in one’s field” mean one thing to Welch and GE and quite another to the rest of us.

This is what makes corporations so dangerous and so evil. There is no ultimate accountability. They are in essence a law unto themselves, backed (and white-washed) by a media which it largely controls (eg, GE owns NBC) or influences through its power of advertising, and politicians to whom they have contributed money and so now have “great influence” with, and a largely pro-business judicial system. So the buck literally stops Nowhere. Since the corporation legally has been defined as a “person,” only it–this non-existent “person”–by and large suffers the force of the law…and that almost always ends in fines. Which to a wealthy corporation like GE means exactly nothing.

Jack Welch has spent not a single day in prison–likely not even a single day in court. But if you or I had repeatedly defrauded the federal government, engaged in serial, damaging pollution, not to mention money-laundering (inter alia), we surely would have suffered fully for it–and not only just seen the inside of a courtroom but also spent many years in federal prison!

With there being no real deterrence to crime, a corporation just adds up the “externalities”, as it calls them. If I break the law (it says), how much will I profit by it as against how much will it cost (if I get caught). A corporation’s modus operandi, or manner of operation, is done strictly on a “cost-benefit” analysis, leaving aside all concern for ethics, the environment, the worker, safety, etc.
What one ought to do is quite simply never considered, only what will bring in the greatest profit.

So today we have this frightening specter of the most powerful institution in the world being a law unto itself, with the spiritual realm, and its imperatives for goodness and truth, not so much as even influencing, let alone determining, its policies, practices, or goals.

And unfortunately, society always pays in the end, exactly as we are now doing in the Gulf of Mexico–but the CEO nearly always retains his honor, his respect, and his good name–no matter what.

Let us now praise famous men.

Len Sive Jr.

TO SPEAK WITH “FORKED TONGUE”: OR, THE DISHONESTY OF TED CRUZ, PRESIDENTAL ASPIRANT

“To speak with forked tongue” appropriately, on one account of its origins, goes back to 1699, to the French army in America, which invited the Iroquois Indians to attend a peace conference, only to have the French end up treacherously butchering all the attending Iroquois. Thenceforth, for Indians, to speak with “forked tongue” meant to lie—specifically, the idea that the white man lies and so cannot be trusted.

This unspeakable act of treachery by the French, in dealing with the Indian, has been all too common throughout our history. In the early years of our Republic, we would announce our peaceful intentions towards the Indians, and sign a peace treaty with them; but when the treaty became too inconvenient to honor—when gold or silver was found on Indian land, or land was needed for homesteading, or cattle-raising, or for the coming railroads, et. al.—then the white man would summarily break his “solemn oath” by breaking the treaty…until, that is, he needed a new treaty, and then his oath was “as good as gold.”

Enter our latest expert in the high devilish art of “speaking with forked tongue,” the right-wing extremist from Texas, Ted Cruz (though as far as speaking with “forked tongue” goes, any Tea Party politician more than qualifies, so little is Truth honored among these “very honorable” men and women).

A day watching Cruz is a lesson in this fine art of forked-tongue speaking: or what historically is called “sophistry”—defined as when someone attempts to persuade with half-truths or complete falsehoods. Cruz is against Obamacare because, he says emphatically, “it’s costing people’s jobs and is taking away their healthcare.” But this is pure sophistry! Cruz cites not a single shred of evidence to back up his argument—because he can’t. And he knows it, too. There is no evidence whatsoever that jobs have been or will be lost due to Obamacare. And far from taking away people’s health care, millions of Americans with pre-existing conditions will now be covered—and that is both humane and good. And millions more will be insured for the first time. Again, that is both humane and good.

I suspect that Cruz is against Obamacare in part because big, for-profit insurers will now lose out, as they should—both on account of their amoral behavior (see Michael Moore’s Sicko documentary, which will make you ill to see how our insurance companies let people suffer and die so that they could make more profit)—and because, on principle, health care should be government-financed and thus not subject to the whims and machinations of profit-taking.  It is not just absurd, it is criminal that for-profit private insurers should themselves have the power of life and death over our citizens rather than their physician. Health care before Obamacare truly was Kafkaesque.

If Ted Cruz, presidential aspirant, speaks with “forked tongue” now, when only a member of the House, imagine what would transpire if he were to become president. Without a shadow of a doubt, we’d witness (“Tricky Dick”) Richard Nixon redivivus—and yet another addition to the Dark Ages of conservative Republican governance.

Len Sive

HISPANIA FELIX ANCHE SENZA CRESCITA (MA POLITICI LADRI COME I NOSTRI)

In una visita di questi giorni in Spagna abbiamo appreso due fatti che aiutano a capire quanto accade nel Regno che ci dominava nel Seicento.

1) In dodici mesi le vendite della grande distribuzione sono scese solo del 4,9% (lo certifica l’Anged, organismo che rappresenta 2953 supermarket e giganti come El Corte Ingles e Ikea); l’occupazione del settore è scesa solo del 3,85. Era lecito aspettarsi ben altre cifre.

2) Per la crisi gli spagnoli non abbandonano il paese. Dal 2009 ad oggi il numero di cittadini spagnoli nati in Spagna ma residenti all’estero è aumentato di non più di 40 mila persone su 47 milioni. Fu negli anni Sessanta e fino al 1974 che due milioni emigrarono verso altri paesi europei. Nemmeno la fase 1993-97, quando la disoccupazione colpì il 24% della popolazione attiva, vide un aumento importante degli espatri e delle migrazioni interne.

Valuta in proposito Carmen Gonzales Enriquez, ricercatrice e cattedratica universitaria: “La espagnola es, en conjunto, una poblacion sedentaria, apegada (attaccata) a su ciudad, en la que los lazos familiares y las amistades condicionan sustancialmente la voluntad de movilidad de los individuos. Este es un rasgo (profilo) que compartimos con los paises de Europa del Sur. A finales del 2009 solo un 12% de los espagnoles consideraba la possibilidad de trabajar en otro pais, frente al 51% de los daneses y al 26% de los britanicos”. Non si fa abbastanza, conclude la studiosa, per capire come  mai, con una disoccupazione generale al 26% (quella giovanile è doppia), coloro che emigrano sono pochi.

Il fatto n.1 dimostra che la crisi è/è stata seria sì, ma non drammatica per una società come la spagnola, avvezza da sempre alle ristrettezze. La letteratura picaresca attesta da mezzo millennio l’antica dimestichezza con la povertà della nazione che nel Seicento possedeva l’impero in cui non tramontava il sole (ma che sotto Carlo V re e imperatore conobbe episodi di cannibalismo per fame). Anche il dato odierno della disoccupazione giovanile va letto nella prospettiva storica. Quando, mille anni fa, la Reconquista prese ad avanzare vigorosa, e tutte le energie venivano mobilitate per ricacciare gli invasori dall’Africa, i castigliani e gli altri spagnoli non potevano che vivere del poco. Dunque la fase attuale segna arretramenti modesti.

Questo contribuisce a spiegare il fatto n°2: pochi lasciano la Spagna. Ciò smentisce le previsioni di Roberto Garcia Delgado su ‘El Pais’, riportate il mese scorso da ‘Internauta’, secondo cui la Spagna potrebbe emulare l’Irlanda della Potato Famine come terra d’emigrazione in massa. Se non partono, è evidente che gli spagnoli hanno fiducia nelle risorse del loro organismo economico.

Il paese, vasto e non povero di minerali, prese a modernizzarsi nell’Ottocento avanzato; si avvantaggiò di non entrare nella Grande Guerra (proponevano l’intervento Manuel Azagna e i radical- progressisti che sarebbero stati annientati dalla Guerra Civile 1936-39). Il progresso economico fu propulso tra il 1923 e ’30 dalla modernizzazione e dalla pace sociale imposte dalla Dittatura di Miguel Primo de Rivera. Passato il dramma della Guerra Civile, la creazione di ricchezza riprese lentamente già durante il secondo conflitto mondiale, e molto di più negli anni Cinquanta, coll’avvio del grande turismo e con gli aiuti americani. Infine la nazione partecipò con successo all’arricchimento di tutti i paesi occidentali. Quella che era una società prostrata si unì alle avanzate del mondo industrializzato. Oggi tallona l’Italia.

Forse conta ancora di più un altro fattore. Gli spagnoli ci sono maestri nel difendere e valorizzare il retaggio e i costumi. Vissuti frugalmente tutta la loro storia, sembrano appagarsi di quel poco che nessuna traversia economica può cancellare. Senza dubbio il disagio degli ultimi, dei ceti più svantaggiati, si accentua nelle fasi di crisi. Si calcola che le famiglia senza alcun reddito siano 600 mila.  Eppure anche los pobres pobrisimos appaiono gratificarsi della continuità dei valori e usi nazionali.

Ero a Siviglia il 12 ottobre, la Fiesta Nacional degli spagnoli, e sembrava che non un andaluso, anche se invalido, storpio o non vedente, rinunciasse ad accorrere nelle avenidas, piazze e giardini della metropoli; a concedersi le caldarroste, i gelati, le mangiate e le sobrie bevute della tradizione. Tavolate e allegria in migliaia di bodegas e sulle pubbliche panchine. Festa de noartri, mi pare dicano a Roma.

Non molti sembravano sapere con precisione perché festeggiavano quel giorno: lo spiegavano i più saputi, mandando twitter, erudendo commensali e passeggiatori. Il 12 ottobre Cristoforo Colombo sbarcò nell’isola di Guanahamì e prese possesso nominale di gran parte delle Americhe, un trionfo non concesso ad altri popoli. Per secoli la data fu commemorata come ‘giorno della Hispanidad’, finché nel 1913 un ministro di Alfonso XIII cambiò il nome in Fiesta de la Raza. Oggi i concetti di Hispanidad e di Raza sono scorretti, ma la gente non rinuncia a compiacersi. Grossi raduni di parenti, di vicini e condomini, persino di estranei, che vociano, ridono, masticano, levano i bicchieri. Sono cose che qui costano poco: mezzo litro di ottima birra patriottica, seduti ai tavolini, 2 euro; un quarto che da noi. Questo aiuta a non privarsi delle gioie modeste, quelle che non sono consumismo. La felicità non è figlia del superfluo. E’ quest’ultimo che soffre della caduta del Pil.

Dunque i discendenti dei Re Cattolici ci insegnano che la decrescita non sarebbe un dramma. E’ una lezione salutare, visto che per noi i tempi dello sviluppo permanente sono finiti (è giusto siano cominciati per gli altri, per i troppo poveri).

Invece ci sono aspetti nei quali la Spagna non ha nulla da insegnarci: anzi ha imparato da noi. Una volta perduta l’innocenza della povertà, il miracolo economico, la democrazia delle tangenti, il ‘socialismo’ felipista (Gonzales si chiamava Felipe) cioè craxiano, hanno aperto l’era della corruzione pervasiva. Rimpannucciandosi, gli spagnoli si sono messi a fare gli italiani. Apri due quotidiani, uno della sinistra ‘progressista’, p.es. ‘El Pais’, l’altro della destra aggiornata (p.es. ‘El Mundo’): dedicano ogni giorno metà all’incirca delle pagine ai furti della cleptocrazia. I successori del Cid Campeador alla guida della Raza sono più spesso che no indagati dalle procure.

Conclusione, la Spagna sembra cavarsela meglio del temuto. Ma anch’essa come lo Stivale attende il Giustiziere.

A.M.C.

TOGLIATTI E PCI, RIFIUTATE SE GLI DEI VI VOLESSERO RISORTI. QUI VA MALE

II Corriere della Sera ha pubblicato giorni fa brani di un libro di Emanuele Macaluso, sodale dell’Oligarca-in-chief lassù sul Colle. Il sodale rivendica per i vegliardi del Pci -alcuni novantenni come lui, altri quarantenni come Cuperlo, tutti variamente riferiti a Togliatti- il diritto d’essere conclamati artefici della Repubblica.

Bella perfidia tardomigliorista ai danni del retaggio staliniano del Pci, assegnare al Migliore Palmiro la mezza paternità della quasi rantolante Italia d’oggi! Sono mesi, è qualche anno, che i pianti funebri sul nostro declino si fanno più lugubri. Una maramaldata tirar fuori il brevetto di Togliatti e del Pci su un’invenzione così scadente. Quella che è la reputazione del comunismo, degenerazione gramsciana dell’ideale della giustizia sociale, lo ha dimostrato il mondo quasi intero, e più ancora quello che fu il campo comunista (odia il marxismo al di là del ragionevole).

Se gli Dei beffardi facessero risorgere dall’avello il Pci, le conseguenze sarebbero ultrasicure. Lo Stivale si darebbe in toto al turpe Berlusconi (il sondaggio più recente lo dà in vantaggio) e lo esigerebbe al Quirinale, benché vestito della sartoriale casacca di ergastolano. A palazzo Chigi, sempre in caso di resurrezione comunista, il popolo pressocché unanime reclamerebbe la sua amante/badante di età adolescente, F.sca Pasquale (alcuni retroscenisti la dicono ormai sultana della corte e del Pdl oltre che prima baiadera del gineceo).

E se i suddetti Dei resuscitassero davvero il capo del più possente Pc d’Occidente, egli sarebbe primo tra gli zombi blscevichi  a inorridire della repubblica nata dalla Resistenza, repubblica prima quasi-gappista, poi fanfaniana-dorotea, oggi prediletta da Obama, il presidente dei drones assassini. Perché inorridirebbe?

Giudicate voi. Il presidente della Confindustria dice che il paese è a un passo dal baratro. Un guru di via Solferino, E.Galli della Loggia, scrive oggi 20 ottobre un editoriale fatidico che è un referto da obitorio. Sostiene che l’intero organismo italiano (politico sociale economico umano mentale) è talmente invaso dalla necrosi- “a partire dal triennio terribile 1992-94”- da essere inconcepibile alcuna guarigione. Tutto finirà perché quasi niente è ancora sano. Non basterà nemmeno cambiare la classe politica e quella imprenditoriale. Occorrerebbe una storia diversa.

A Togliatti vogliamo dare un consiglio filiale: dagli Dei beati ma un po’ carogne non si faccia risuscitare. Come numero Due del Comintern, come fiduciario di Stalin nella guerra civile di Spagna, nelle terribili  purghe e nei genocidi dell’Urss, egli era un duro, fibra forte. Ma potrebbe non reggere a ciò che troverebbe. E potrebbe non reggere all’inevitabile incontro con Roberto Benigni, il pagliaccio ufficiale delle Botteghe Oscure. Poichè i sovrani più biechi tolleravano tutti i lazzi dei loro buffoni, a Benigni fu permessa la sghignazzata suprema in vernacolo toscano: definì la Costituzione ‘la più bella del mondo’. La repubblica generata e gestita dalla Più Bella manda già lezzo di piaghe purulente. Non è sicuro che il Migliore reggerebbe.

In ogni caso lo humour e la faccia di Benigni allegano i denti. Il Migliore accampi pretesti per scansare il clown, così come i superstiziosi stupidi evitano l’infelice reso martire dalla fama di iettatore. Alla Costituzione Più Leggiadra Benigni la jella l’ha già portata: non c’è più nessuno che non ammetta, come mormora Emanuele Macaluso, “la necessità di adeguarne alcuni articoli”. Invece altri propongono il cassonetto ad hoc: la Carta redatta dai giuristi della partitocrazia ladra è causa e radiografia della nostra malasorte.

Il ventriloquo del presidente della Casta, uno dei recensori della “doppiezza di Togliatti rimasta viva fino a Berlinguer e rimossa nell’89” (la descrizione è del Corriere della Sera), ha l’ebetaggine di scrivere che la Costituzione ha rappresentato “il terreno su cui condurre la battaglia democratica per avanzare lungo la via italiana al socialismo”. Che ve ne pare, abbiamo avanzato ‘lungo la via’, oppure la distanza tra ricchi e poveri è aumentata in grande? oppure decliniamo in fretta? oppure ci governa l’oligarchia peggiore e più corrotta d’Occidente?

Palmiro Togliatti, non farti fregare dagli Dei beffardi. Stattene alla larga dallo Stivale-suole-e-tomaie bucate. Resta dove ti ha messo il Ventriloquo: “nel Pantheon di ogni forza che abbia la Carta nel proprio DNA”.

DNA della malasorte per noi.

Porfirio

THE DEVIL IN WASHINGTON

Ted Cruz not only seems not to have learned his lesson during The Shutdown, viz., that Americans are tiredtiredtired of gridlock and partisan politics merely; incredibly, he seem to have been emboldened by it all, ready and willing to trumpet out louder blasts of rancor and meanness while pursuing an anti-American agenda of more and more for the top 1% super-rich and less and less for the bottom 85% suffering poor.

Of course, he never—The Right never—tells the truth; The Right is trying its hardest to protect the average American, so it says—by opposing Obamacare(!)—failing to mention how millions of Americans, without Obamacare, are unable to afford ANY health insurance at all: or failing to mention what Michael Moore revealed in his film on healthcare, Sicko (2007), viz., that big health insurers consciously opposed insuring people in order to increase their profits, profits that doomed these uninsured (including children) to die because their families could not otherwise afford the procedures without health insurance! This injustice Obamacare would eliminate.  But nothing is too sordid, or too amoral, for presidential hopeful Ted Cruz to champion. The Tea Party is emphatically “politics as usual”: more for the “haves,” less for the “have nots.”

What speaks volumes about the state of education today is that Cruz was graduated from Harvard Law School—a top student according to a well-known Harvard Law School professor, Alan Dershowitz. But Cruz did come under harsh criticism from Dershowitz for his conduct during the shutdown, saying that Cruz’s antics were “unconstitutional” and would have appalled a Hamilton or a Madison. That a wolf-in-sheep’s-clothing anarchist can graduate from our top law school, then be elected to political office, become the spiritual leader of one of our two political parties, and an aspirant to the presidential office to boot, I find absolutely horrifying—and very depressing. It speaks volumes about the diseased nature of politics and education in our nation today.

An argument Cruz used repeatedly during the Shutdown—as justification for it—was his opposition to a medical devices tax: how unfair it was, and how it would stifle a company’s R&D by lowering its profit margin. But an independent medical research group tackled Cruz’s points and—no surprise here—found his arguments to be without a shred of truth.

The naked truth is this: Companies which sell these medical devices don’t put much money into R&D even when they do make good profits (!); that these companies force doctors and hospitals to sign an agreement not to disclose their prices so hospitals and doctors can’t shop around for the best prices; that hospitals and doctors pay 50% more in the US for these devices than in other countries where there are open prices, controls and checks; that these companies, furthermore,  lobby Congress, giving money to its members in return for their support. Cruz and others thus work not for the American people but for these medical devices companies.  And Cruz thinks he operates on “principles?” And just what “principles” might those be that enrich his own pockets at the expense of the average, poor American’s?

Len Sive Jr.

SANTITA’, VALGONO LE OPERE E I FATTI ASSAI PIU’ CHE GLI ANGELUS

La saggezza convenzionale vuole la missione della Chiesa esclusivamente spirituale,  resa più ardua -in pratica impossibile- in quanto si rivolga all’intero pianeta. In realtà si tratta di un assioma velleitario, altrettanto dubbio quanto il proselitismo dei missionari. Eroici come tanto spesso sono stati, essi hanno potuto quasi nulla, inevitabilmente, contro la miseria e la prostrazione delle popolazioni primitive. La stessa esperienza  o ricerca di Dio, che i missionari si impongono di propagare, esige tanto sviluppo umano da non essere realmente vissuta dai niseri.  Dei quali ultimi si sarebbero dovuti rispettare maggiormente i semplici credi ‘pagani’.

E’ giusto chiederci: il gigantesco potenziale delle Chiese cristiane, in primis di quella cattolica, non sarebbe realizzato meglio attraverso progetti, imprese e impegni terreni piuttosto che celesti, impegni più promettenti proprio in quanto meno sublimi? Forse che l’umile carità materiale del Buon Samaritano non fu più vicina al Cristo della sete di divino dei grandi mistici? Forse che salvare i miserabili dai pirati e dai flutti mediterranei non varrebbe più che far colpo (nella tradizione della Societas Jesus) sui tenori del laicismo e granduchi mediatici quali Eugenio Scalfari?

Bergoglio diverrebbe un eroe planetario se avviasse immediatamengte forme nuove di lotta alla follia dell’emigrazione di massa. Se, prima ancora di strappare la Chiesa al tragico errore di parteggiare per l’esplosione demografica -questa impresa vorrà più tempo- egli si mettesse alla testa di una mobilitazione generale  contro i micidiali “viaggi della speranza” nel Mediterraneo. Il mondo seguirebbe -governanti, opinion leaders, filantropi (esistono: Bill Gates sembra avere già elargito una trentina di miliardi di dollari), gente semplice che doni 10 euro- se il Papa facesse sorgere nel deserto dell’Africa sahariana una serie di comunità, attrezzate e protette, cui far affluire risorse e volontari dal mondo intero. Non si distoglierebbero molti disperati dall’intraprendere quelle traversate di mare che ai fortunati offrono poco più che la mendicità?

Finché volessero restare, gli ospitati riceverebbero vitto, alloggio, assistenza medica, scuola, un piccolo sussidio, l’eventuale rimpatrio. Le persone in possesso di un mestiere o sapere sarebbero aiutate ad avviare piccole attività e ad esportare nel mondo p.es. loro prodotti artigianali. I governi, le corporations, i donatori individuali o associati non preferirebbero contribuire al sostentamento e allo sviluppo umano di queste “New Towns del deserto”, di queste comunità di sfortunati, invece che soffrire la vergogna dell’indifferenza e dell’impotenza? Di fronte a una grande iniziativa concreta di Francesco, avviata da lui spogliando la Chiesa di una parte della sua ricchezza, i potenti della terra e le moltitudini di umili non avrebbero cuore di negare offerte, magari a carico di centomila programmi nocivi o superflui.

Il Papa rivoluzionario venuto dal futuro con un carisma sorprendente e potenzialità gigantesche si spreca, pesta l’acqua nel mortaio, a predicare -anche in ambiti sofisticati e cinici quali i lettori dei giornali di De Benedetti- un amore di Dio che il dolore del mondo smentisce ininterrottamente (si sente amato chi nasce storpio o cieco o orfano?). Non è un agire più concreto dar pane agli affamati o, nello specifico di questi giorni, sottrarli alla ferocia dei negrieri?

La Provvidenza, a volere chiamare così lo Spirito della storia, presenta a Bergoglio, al momento il protagonista di nuove Gesta Dei per Francos, una sfida troppo straordinaria perché egli vada avanti ad allineare le formule di altri centomila predicatori, di milioni di catechiste. La ricerca di Dio non è molto più struggente se evocata dal sommo pontefice invece che da un umile consacrato sacerdos in aeterno.

In Bergoglio c’è un potenziale di bene superiore alle possibilità di ciascun grande della Terra. A qualunque seminarista è stato insegnato qkuesto; ma lo sa anche un laicista accanito se solo rifletta sul valore delle opere positive, qualora effettivamente compiute.

Il magistero teologico del Papa è più autorevole di quello del mio parroco: ma non poi tanto. Invece le possibilità di azione di quest’ultimo sono un infinitesimo di quelle di  Francesco. Coll’esempio, coi fatti, egli può muovere il mondo.

l’Ussita

GOD-TALK: THE DIVINE TEA PARTY

God:  How are things down below? At your insistence, I gave you nine years of great power. Are you making life better for everyone?

Ted Cruz: Yes, Lord, and we’re having a ball, too. You wouldn’t believe those Democrats,  mealy-mouthed, weak-willed nothings…No wonder our country’s in trouble. Who cares about the little guy? Does the little guy help our great country? Does he start new businesses, develop real estate, invest in new products? No, he’s  just a sponge. Let him mop floors, that’s all he’s good for. It’s the richest 1% that matter, not the bottom 85%…And Obama, that non-US citizen…. Just between us, Lord, I hate that guy.

God: Now, Ted, you surely have read where I state very clearly that you are to love your neighbor.

Cruz: Well, to be honest, Lord, I haven’t actually read it personally. No offence, but  I just have more important things to read, books by von Hayek or von Mises, for example. “ Loving your neighbor”—No offence, Lord, but I just don’t see the point.  I mean, realistically Obama’s not my neighbor. And if he or his kind ever did move into my neighborhood, I and all my friends, we’d move right out—before the value of our real estate dropped. In fact, Lord, we in the Tea Party think that  the world would be a better, saner place if everyone just called a spade a spade. If you hate a guy, be a man and tell him exactly how you feel. That, Lord, is honest and manly. And if he takes umbrage and wants a fight, by all means, just take out your AK-47 and let him know who’ boss.

God: And what about my Ten Commandments? I spent a billion years working on them, trying to get them just right.

Cruz: I think, Lord, the different time zones up here must have  confused you; You mean  you spent 5,000 years, don’t you?—Listen, Lord, you’re a nice enough fellow, but things have to change. Your old way just doesn’t work anymore. So the Tea Party has voted to shut down heaven and hell unless you defund these silly Ten Commandments—and especially that ridiculous law, to love your neighbor as yourself. You must have had a little too much ambrosia to come up with that one, sir. Look, Lord, on a practical level, I really love myself; I just don’t see how I could love another that much. It just wouldn’t work. And those other commandments—“Thou shalt not steal”—are you kidding? How do you think politics works? Enforce that one and everything grinds to a halt. Effective politics is when you steal from the poor and give to the rich. It’s a good policy, too; been around a long time; well ratified by law and custom. Corporations, banks, insurance companies, investment firms…they all love it. Of course you never ever say that. No; you sound noble: “We need to lower the deficit, lighten the tax burden on the rich, the corporations, etc.”

God: But Ted, haven’t you read where I said, “What you do unto the least of these you do unto me.”

Ryan: Let me field that one, Ted. I may have heard it read in church once, I’m not sure. Never meant much to me, though. Listen, Lord: Has anyone told you that sometimes your language sounds too antiquated? I know; you’ve been around 5,000 years. Still…Listen, for a small retainer fee, I can help you spruce up your language. Anyway–Lord, as a pretty powerful personage yourself, you must know that power is where it’s at. It’s the same thing on earth. When, for example, you’re dealing with Democrats, immigrants, Obama, you’ve got to show them who’s boss. That’s why we voted to shut-down the government. We’ll talk only if they get down on their knees and beg…You just can’t treat these Democrats as equals. That’s one of the things we have got to change. Like our heroes who ran those big slave plantations, you’ve got to let them know who’s boss—keep them in their place.

God: And what about “Thou shall not bear false witness against your neighbor”? I spent ages working on that one.

Ryan: Now, Lord, how the hell did you ever come up with that one? That’s the dumbest one of all. You simply can’t get elected without lying about your opponent. It’s impossible. You have to wound them any way you can.  And the bigger the lie, the better. You know, Obama’s a Muslim, a socialist, not a citizen (Trump takes care of that one for us)—whatever you think will hurt your opponent the most. Now, Lord, about our shutting down of heaven and hell….

Len Sive

EL PAIS: UNA CATALUNA FUERA DE LA UE PERO NO USANDO EUROS

El planteamiento del presidente de la Generalitat, Artur Mas, de mantener el euro en Cataluna, pero estando fuera de la UE, conduce a un imposible financiero. Nada impedirìa a una Cataluna independiente adoptar el euro -o el dòlar- como moneda oficial. Otra cosa es si la divisa constituye un mero instrumento de compraventa en la calle o es, en realidad, algo mas: una herramienta politica y monetaria fundamental, que risponde a las necessidades del pais. Al salir de la Union Europea, Cataluna se colocarìa automaticamente en el primero supuesto, con una moneda ajena, sobre la que no tendrìa ningun control, que dificilmente permitirìa atender las necesidades  financieras de sus empresas y bancos.

Hay dos tipos de paìses que emplean ya el euro sin partenecer a la Union Europea. El primero, el de los mini-estados de Andorra, San Marino, Vaticano y Monaco, que acceden a la moneda a través de acuerdos con otro paìses miembros. El segundo caso es el de Kosovo y Montenegro, territorios que carecen de vecindad con paìses comunitarios y que adoptan la moneda europea como sìmbolo del futuro al que aspiran dentro de la Union. Probablemente ninguno de los dos precedentes -en el primero, territorios fiscalmente opacos, y en el segundo, sociedades con heridas de guerra y muy alejadas de los estandares europeos- constituya un espejo en el que desee mirarse Cataluna.

La falta de voz sobre la toma de decisiones que afectan a la situacion economica mermarìa la capacidad de Cataluna de regir su economia. Si el consejo del BCE decide que es necesario estimular la economia -y en cambio en Cataluna ocurre todo lo contrario: conviene enfriarla-, las autoridades del nuevo paìs non podrìan hacer nada por evitarlo.

Argentina y Ecuador reflejan bien los peligros de emplear una moneda sobre la que no tiene potestad. Ecuador adoptò el dolar como moneda legal en el ano 2000 y aun no la ha abandonado, pero el gobierno de Rafael Correa lo considera un error que les perjudica, por ejemplo, para firmar acuerdos comerciales. Tambien la dolarizacion de Argentina, en los anos noventa, estuvo plagada de problemas: acabò en el corralito.

(Lucia Abellan/El Pais)

UNA SPAGNA DI EMIGRANTI COME L’IRLANDA DEL NOVECENTO?

Un parallelo tra il regno di Juan Carlos e l’Irlanda del passato è stato tracciato su ‘El Pais’ dal giovane studioso Roberto Garcìa Delgado. L’analogia ipotizzata riguarda soprattutto l’emigrazione. Si calcola che gli irlandesi nel mondo siano 80 milioni; poco più di 4 milioni vivono in patria. Nel secolo scorso risultarono il popolo migrante per eccellenza.  L’abbandono dell’isola cominciò nell’Ottocento con la Irish Potato Famine; partirono oltre 2 milioni di persone. Nel Novecento due guerre mondiali, la mancanza di lavoro e l’egoismo dell’aristocrazia terriera anglosassone allargarono la fuga degli irlandesi verso i paesi sviluppati.

Secondo Garcìa Delgado, il caso spagnolo è simile. Nel quinquennio dal 2008 ad oggi sono emigrati nei vari continenti più di 400 mila spagnoli. I giovani, considerati la migliore generazione della storia nazionale, sono disoccupati al 57% e non possono sperare in un miglioramento a breve; al contrario, la debolezza del tessuto manufatturiero e la corruzione che pervade le istituzioni e la politica fanno  presagire che in un decennio espatrieranno alcuni milioni di spagnoli.

A giudizio di Garcìa Delgado, le prospettive sono migliori per gli irlandesi, per due fattori principali: l’importanza del settore tecnologico sorto nel territorio di Dublino, e il possesso della lingua inglese. Negli anni Novanta l’economia della Tigre celtica crebbe del 7% all’anno, più del doppio della media europea. E il miracolo irlandese fu potentemente aiutato dalla modestia del prelievo fiscale.

Per attrarre investimenti stranieri la Spagna dovrà darsi un regime fiscale accentuatamente diverso dall’attuale. Il paese è in ritardo di quasi un secolo rispetto alla Prima Rivoluzione Industriale in Europa: ‘una desvantaja sideral’. Per fare un solo esempio: tra il 2009 e il 2012 il bilancio madrileno per la scienza ha perso 1,4 miliardi di euro (31%). La situazione è allarmante: invertire la tendenza non sarà affatto facile.  L’Irlanda ha un potenziale enorme perché è un hub  del business tecnologico; in più metà della sua popolazione ha meno di trent’anni. La Spagna sarà capace di compiere lo stesso cammino di emigrazione e di riconversione industriale?

Jone

Travaglio, l’intellettuale della nuova destra populista

Il messaggio di Napolitano alle Camere sull’emergenza carceri aveva già suscitato il rigurgito giustizialista del Movimento 5 Stelle, partito che sempre più si conferma affine alla destra populista, visto anche il recente diktat di Grillo e Casaleggio sul reato di immigrazione clandestina. Secondo i parlamentari grillini un provvedimento di clemenza che riguarda potenzialmente decine di migliaia di esseri umani è solo l’ennesimo tentativo di salvare Berlusconi. A tanta pochezza ha già risposto il presidente Napolitano.

Ma il giorno dopo lo scambio di battute tra Colle e “cittadini” del Movimento è arrivata la penna di Marco Travaglio a rendere più raffinato e caustico il medesimo ragionamento pentastellato, forse appena aggiustato in una versione più evoluta. Nel suo pezzo “Insulto e amnesia” il giornalista del Fatto Quotidiano mette in fila una serie di dati oggettivi e opinioni spacciate come fatti, creando un ingranaggio logico le cui ruote girano apposta per dargli ragione. Ma la situazione è più sfumata di come la dipinge Travaglio.

Innanzitutto si accusa Napolitano di aver “firmato senza batter ciglio una miriade di leggi affolla-carceri”. Quindi il Presidente non sarebbe nella posizione di poter fare la morale a nessuno. Peccato che al Presidente non spetti – dubito che Travaglio lo ignori – un potere di sindacare se una legge è un’idiozia o meno (altrimenti si potrebbe dubitare che negli ultimi 7 anni ne avrebbe firmata più di qualcuna). Può rifiutarsi di firmare solo se ravvede profili di incostituzionalità (si dibatte in dottrina se questa debba essere manifesta o meno). Le leggi “affolla-carceri” in alcuni casi si sono poi effettivamente rivelate incostituzionali (diverse norme del c.d. “pacchetto-sicurezza di Maroniana memoria), ma non tutte e forse nemmeno la maggior parte. Senza contare che Napolitano avrebbe dovuto rimandare all’aula interi provvedimenti per il vizio di pochi articoli su cui comunque è arrivata la mannaia della Consulta.

Prosegue Travaglio dando per certo uno scambio tra Pd e Pdl, per cui si fanno amnistia e indulto – come chiesto dal Presidente – ma solo se i reati di Berlusconi saranno compresi nel mazzo. La teoria, perché di una mera teoria si tratta, pare debole. Il Pd difficilmente potrebbe sopravvivere a una decisione di questo tipo con il M5S pronto ad additarlo al pubblico ludibrio. Anzi, interesse dei democratici sarebbe quello di scaricare il mancato rispetto delle parole del Presidente sulla pervicacia con cui il Pdl insiste nel voler fare gli interessi di un suolo uomo sulla pelle di altre decine di migliaia. Puntare sull’intelligenza politica del Pd potrebbe non essere una buona mossa, ma quantomeno si dovrebbe preservare il legittimo dubbio.

“Ma metta anche in funzione le tante carceri e i tanti reparti ora inutilizzati (vedi dossier presentato dai 5Stelle); riapra Pianosa e Asinara scriteriatamente chiuse nel ’97 come da “papello”; e magari adatti a centri di reclusione provvisoria qualcuna delle tante caserme rimaste vuote”, suggerisce Travaglio, che in chiusura statuisce: “La soluzione è un decreto (i motivi di eccezionalità e urgenza ci sono tutti) del governo che depenalizzi i reati inutili; cancelli la ex-Cirielli che tiene dentro i recidivi per periodi spropositati, rispedisca in patria i detenuti clandestini (come previsto da una delle poche norme sagge della Bossi-Fini); faccia tabula rasa della Fini-Giovanardi sul reato di possesso di droghe anche in minima quantità; e smantelli i “pacchetti sicurezza” di Maroni & C.”.

Tutto giusto, tutto vero. Qui Travaglio – non lo sa? – parla all’unisono con Napolitano che, prima di suggerire amnistia e indulto come rimedi straordinari, ha indicato i rimpatri dei detenuti stranieri, la depenalizzazione e il ricorso alle misure alternative – oltre alla nuova edilizia carceraria – come rimedi strutturali al problema. Quello che Travaglio sembra ignorare – e Napolitano no – è l’urgenza che l’emergenza carceri rappresenta. E non perché potrebbe arrivare un’umiliante condanna dall’Europa, ma perché di umiliante c’è la condizione di migliaia di esseri umani a cui sono negati dei diritti basilari. Qualsiasi riforma richiede del tempo, mentre si deve agire subito e “l’indulto al massimo di un anno” proposto dal giornalista del Fatto andrebbe verificato se possa essere sufficiente.

Fin qua si è visto comunque abbastanza buon senso da parte di Travaglio. I passaggi più inquietanti del suo articolo sono altri. Ad esempio quando stabilisce che l’amnistia per i reati bagatellari (cioè puniti con meno di due anni di reclusione) è completamente inutile, visto che i detenuti per quei reati sono pochissimi. Vero, peccato che i tribunali siano intasati da processi per questo genere di reati che rallentano l’andamento di altri dedicati a situazioni ben più allarmanti. Vogliamo evitare gli attuali tassi indecenti di prescrizione? Riformiamo la legge, è imprescindibile (solo da noi l’azione giudiziaria non interrompe la prescrizione), ma nel frattempo evitiamo di disperdere le risorse e il tempo della macchina giudiziaria. Processi più rapidi significa anche carceri meno affollate (molti detenuti sono dentro per via di una misura cautelare a cui, nella maggior parte dei casi, non segue poi una detenzione).

Altro passaggio fortemente discutibile è quando Travaglio pronostica che un indulto di tre anni attirerebbe torme di immigrati criminali che vedrebbero nell’Italia una moderna Tortuga. Questo presuppone che c’è una fetta consistente di immigrati che prima decidono di fare i criminali nella vita e poi decidono dove emigrare. Peccato che i dati relativi agli anni successivi all’ultimo indulto del 2006 mostrino sì un aumento contenuto del tasso di criminalità, ma non i sintomi di un’invasione della criminalità straniera nel Paese. Il flusso migratorio inoltre, come dimostrato da un rapido confronto tra il numero di amnistie fino ai primi anni ’90 e il numero di immigrati che arrivano in Italia all’anno, non dipende certo dalla politica carceraria di un Paese.

Con questo collegamento tra manette e barconi Travaglio si conferma una persona sostanzialmente di destra, come del resto lui stesso non ha problemi ad ammettere. Ma quello che lo affilia a una destra populista – oggi bene incarnata da Grillo e seguaci – è un’altra statuizione del suo articolo. Quella secondo cui “Alzando lo sguardo sulle vicende giudiziarie degli ultimi anni, la lista degli imputati eccellenti è un mezzo elenco telefonico: banchieri, imprenditori, manager, politici nazionali e locali che hanno grassato e depredato l’Italia la farebbero franca senza mai vedere una cella neppure in cartolina, con la scusa dei poveri detenuti che affollano le carceri”.

Per punire 10 colletti bianchi si può passare sopra il destino di 1000 poveri cristi. Anzi, i colletti bianchi sono una semplice scusa per non dover ammettere che il problema sono gli altri, quelli che si preferisce non vedere. Senza prendere in considerazione che, almeno per 9 colletti bianchi su 10, la sanzione punitiva non è tanto il carcere quanto il crollo della credibilità, la rovina della situazione familiare e lavorativa, il disastro economico etc. Allora per punire quel 1 su 10 che la fa sempre franca è legittimo infischiarsene del dramma di migliaia di persone? Evidentemente per certe persone sì. Persone che, come dichiarato dal presidente Napolitano, “se ne fregano”. E di gente che del “me ne frego” fece un motto ne abbiamo già avuta abbastanza.

Tommaso Canetta

LARGHE INTESE E GRANDI COALIZIONI

Noi e gli altri. Nel momento in cui la diversità italiana minaccia di sfociare, una volta di più nella storia nazionale, in esiti catastrofici, può sembrare ozioso ovvero maniacale e persino masochistico insistere a paragonare la situazione del paese con quelle altrui. Eppure continua invece ad apparire utile, e comunque quasi obbligatorio a causa di straordinarie coincidenze temporali che propongono vistosi contrasti tra somiglianze non sempre solo esteriori e, appunto, differenze talvolta macroscopiche

Fino a non molti giorni fa, rispetto al momento in cui scrivo, si levava immancabile sui media il pianto greco per il confronto con la Spagna in fatto di spread. Il nostro tornava a salire e il loro cominciava a scendere dando luogo ad un ennesimo sorpasso ai nostri danni da parte di un paese economicamente più debole del nostro e più duramente colpito dalla crisi sotto ogni aspetto. La cugina latina, certo, pare stia già uscendo dalla recessione e riprendendo a crescere mentre per noi, nonostante i conclamati segnali di svolta, questa tarda ad avverarsi.

Ma è ancora più certo, e del resto risaputo, che la causa principale dell’incongruenza è un’altra. Con tutti gli errori anche molto gravi compiuti dai suoi governanti nel passato recente e meno recente, la Spagna beneficia di un sistema politico funzionante che non ha subito mutamenti di rilievo in tutto il tempo trascorso dalla morte del caudillo Francisco Franco e conseguente avvento di un regime democratico. In poco meno di quarant’anni si sono alternati al potere a Madrid i due partiti maggiori, più o meno di destra l’uno e di sinistra l’altro, secondo uno schema predominante da ancora più decenni quando non (Gran Bretagna) da secoli nell’Europa occidentale come negli Stati Uniti.

Qualcuno potrebbe obiettare che la stabilità troppo prolungata genera immobilismo e sclerotizzazione, ostacolando i necessari rinnovamenti. Dovrebbe però indicarci quali tangibili vantaggi l’Italia abbia ricavato dalla sua peculiare forma di creatività. Grazie ad essa neppure nella cosiddetta Seconda repubblica i governi sono riusciti a durare per intere legislature, mentre ci si accorge non senza sorpresa che il partito più anziano è la Lega Nord, peraltro puntualmente dilaniata dai contrasti intestini, già ridotta ai minimi termini e forse non lontana da un decesso relativamente precoce.

Resta naturalmente da vedere se la Spagna ben più stabile politicamente saprà davvero risollevare in modo durevole un’economia troppo presto e con troppa leggerezza coralmente esaltata come un modello, rivelatosi quasi di colpo fasullo. Un’affidabilità di base continua a meritarsela, benchè rischi di finire smentita da operazioni avventate come l’acquisto dell’italica Telecom da parte della sua ancor più indebitata Telefònica.

Il caso limite agli effetti del confronto non è però la repubblica iberica bensì, verso l’altra estremità del Mediterraneo, sofferente su ogni sua sponda, quella ellenica. Vittima di un collasso ancora peggiore di quello spagnolo, la culla della democrazia ne offre oggi una versione non certo esemplare. Tra i partiti maggiori che l’hanno interpretata non è mancata, ad Atene come a Madrid, una normale ma per nulla salutare alternanza, che non ha impedito l’accumularsi di comuni e gravi responsabilità, anche di rilevanza morale e penale, per la crisi abbattutasi sul paese.

Benchè si tratti del membro economicamente più fragile dell’Europa occidentale e sulla cui capacità di risalita dal baratro permangono forti perplessità, leggiamo adesso, per dire, sul “Wall Street Journal” che la situazione greca desta minori preoccupazioni di quella italiana. Se osservatori così competenti possono arrivare a tanto, lo si deve evidentemente al fatto che i due partiti di cui sopra si stanno sforzando di salvare il paese (e con ciò stesso, se si vuole, di redimersi) collaborando con apparente convinzione nel quadro di un’alleanza governativa pur aggressivamente contestata da robuste opposizioni di destra e di sinistra.

C’è naturalmente modo e modo di uscire dalle crisi, compreso quello di far quadrare i conti appagando Olli Rehn e Wolfgang Schäuble ma mantenendo alta o gonfiando ulteriormente la disoccupazione (in Spagna tradizionalmente almeno doppia di quella italiana), affamando grosse fette di popolazione nonchè falcidiando, come in Grecia, servizi e dipendenti pubblici e permettendo invece ai più facoltosi (neppure ad Atene e dintorni mancano i nababbi) di mettere in salvo offshore i loro capitali.

Qualche residuo credito quanto meno di buona volontà va comunque concesso ai governanti di Atene come a quelli di Madrid prima di procedere con i confronti. Mentre a Roma la coalizione delle larghe intese, claudicante da subito, ha cominciato a traballare dopo solo pochi mesi, forme analoghe di connubio tra le maggiori forze politiche sono in procinto di nascere o di prorogarsi altrove senza bisogno di gravi o gravissime emergenze nazionali. Avviene in Germania, isola di buona salute in un’Europa più o meno seriamente malata, e nella piccola Austria, che non è da meno della grande vicina settentrionale e per qualche aspetto addirittura la supera; ad esempio, con una disoccupazione e un debito pubbilco ancora più bassi.

Sono due casi parzialmente diversi. In Austria la “grande coalizione” tra socialisti e popolari presenta un carattere quasi istituzionale avendo governato, dal 1945 a oggi, per periodi più lunghi di quelli coperti da gabinetti monocolori o alleanze governative meno ampie. La sua funzione è stata, dapprima, quella di puntellare la solidarietà nazionale, dopo il ritorno all’indipendenza perduta con l’annessione al Terzo Reich, durante l’occupazione militare del paese (fino al 1955) da parte dei vincitori della seconda guerra mondiale, seguita dalla neutralità obbligatoria tra Est e Ovest durante la “guerra fredda”.

Dopo la caduta della “cortina di ferro”, che rimosse gli ostacoli all’adesione alla Comunità e poi Unione europea, una sua ragion d’essere è stata ritrovata  nell’esigenza di fronteggiare l’indebolimento di entrambi i partiti maggiori e la corrispondente ascesa di vecchie e nuove formazioni soprattutto di estrema destra all’insegna del populismo e dell’antieuropeismo, vistosamente confermata anche dalle recenti elezioni. Non manca tuttavia, né a Vienna né altrove, chi addebita almeno in parte il declino dei due grandi alleati proprio ad una consociazione logorata dal tempo e da cattive abitudini agevolate dalla detenzione troppo prolungata del potere.

A Berlino, come prima a Bonn, la risorsa della “grande coalizione” tra cristiano-democratici e socialdemocratici è stata utilizzata molto meno che a Vienna, ossia solo per periodi relativamente brevi e in fasi di particolare difficoltà interna o esterna per la Repubblica federale, prima e dopo la riunificazione nazionale. O, semplicemente, per rimediare sempre in via provvisoria a risultati elettorali tali da non consentire la conferma o la nascita di coalizioni meno ampie e più omogenee, come potrebbe accadere dopo la netta vittoria della CDU-CSU di Angela Merkel, privata però dell’appoggio del partito liberale che il voto del 26 settembre ha escluso dal Bundestag.

Simili funzioni sono state assolte in modo nel complesso soddisfacente per tutti, tanto da conferire alla Grosse Koalition il rango anche qui quasi istituzionale di carta da giocare pressocchè automaticamente quando necessario, senza entusiasmo da parte di nessuno ma neppure con soverchi patemi. La Merkel, accusata da qualche parte di essersi spostata un po’ troppo verso sinistra nel corso dell’ultima legislatura, avrebbe certamente preferito continuare con il sostegno della FDP e il conseguente vantaggio di poter scaricare su di essa la colpa, addebitatale da parti opposte, di qualche eccesso destrorso. Ma non ha fatto drammi, pronta del resto a trattare eventualmente anche con i Verdi, fino a ieri considerati quasi più a sinistra della SPD.

Non occorre abbracciare la visuale di Beppe Grillo (PD=PDL senza L) per rendersi conto che il quadro politico italiano, a ben vedere, non è poi così radicalmente diverso da quello tedesco, guardando ai programmi, alle posizioni e agli orientamenti dei partiti maggiori sulle tematiche concrete, da precludere costruttive ancorché temporanee convergenze almeno quando si tratta di scongiurare l’ennesima catastrofe nazionale. Le diversità e, se si vuole, inconciliabilità delle ispirazioni di fondo non sono verosimilmente scomparse ma non sembrano arrivare al punto da renderla più appetibile di qualche compromesso.

Assistendo (sempre più malvolentieri) allo spettacolo ormai inqualificabile dei talkshow televisivi si ha persino l’impressione, talvolta, che l’ormai abituale gazzarra nella quale affoga la stessa comunicabilità sia proprio il frutto della comune difficoltà di differenziarsi gli uni dagli altri, sui problemi di sostanza, abbastanza per guadagnarsi le preferenze degli elettori. Quando le distanze tra gli antagonisti erano molto maggiori, tra la DC di De Gasperi o di Moro e il PCI di Togliatti o di Berlinguer il confronto-scontro era più serrato ma più civile, più aspro ma più credibile, e comunque non precludeva responsabili convergenze di portata persino epocale.

Adesso succede il contrario di quanto sarebbe sensato aspettarsi. Anzichè limitarsi a fare lo stretto necessario per superare l’emergenza o lo stallo e per aggiustare le regole del gioco ci si pongono obiettivi più ambiziosi straparlando, almeno da una parte, di pacificazione nazionale dopo una guerra civile ventennale pensando sempre e solo, o soprattutto, ai consensi popolari. Ed escludendo peraltro dai programmi, qui chiaramente di comune ancorché tacito accordo (e non senza la prevalente connivenza dei media) le doverose e urgenti risposte a quanto il popolo, benchè ancora parecchio accecato, altrettanto chiaramente chiede votando in gran numero per i pentastellati: la ripulitura della politica e degli affari dopo gli scandali a valanga, la decimazione dei privilegi della casta, una lotta a fondo contro corruzione e criminalità.

Avevo cominciato questo articolo prima dell’impareggiabile sequenza di colpi di scena che ha portato al salvataggio di un governo delle larghe intese apparentemente destinato a cadere. Che si tratti di un salvataggio relativamente duraturo rimane quanto meno dubbio, e il dubbio non è dei più angosciosi dato quanto si è visto fino a ieri. Altrettanto incerto è che il massimo statista della seconda repubblica, l’uomo che per naturale generosità e puro patriottismo più fortemente di tutti ha voluto le larghe intese, sia stato messo davvero al tappeto per la conta finale dai colpi della magistratura prima che da quello di grazia infertogli, forse, dagli emuli del Gran Consiglio di 70 anni fa. Che peraltro, giova ricordarlo, disarcionò il Duce ma non al cento per cento.

Se il mago di Arcore finirà effettivamente giubilato, può darsi che il governo delle larghe intese riesca a dimostrare, come molti sperano, un minimo di credibilità e costruttività cancellando così una delle tante e più importanti anomalie della politica italiana. Beninteso, non è il caso di farsi soverchie illusioni. Sono anomalie, con le conseguenti disfunzioni e inadempienze, che hanno salde radici nel passato anche lontano e che il maggiore protagonista dell’ultimo ventennio non ha estratto dal suo cilindro ma  solo ingigantito ed esasperato. Dopotutto, era già un’anomalia che in un simile personaggio la maggioranza degli italiani abbia creduto così a lungo, pur con qualche momento di perplessità, e lo è ancor più che una parte tuttora cospicua di essi continui a credergli.

Franco Soglian

CAGLIARI PRIMO PASSO FALSO DI BERGOGLIO

Quando, al suo primo numero, Internauta invocava un ‘Papa rivoluzionario’, ciò appariva o blasfemo o ludico. Oggi Bergoglio viene comunemente qualificato “rivoluzionario”. Lo chiama così anche ‘l’Unità’, giornale che di rivoluzioni si intende:  magari naufragate, come quella mille volte annunciata da Antonio Gramsci e debitamente naufragata, in quanto ‘della classe operaia’, classe esigua e non amata dagli operai.

Ma non è rivoluzionario bensì passatista, ciò che giorni fa il papa è andato a dire a Cagliari, capitale di un’isola in cassa integrazione e peggio, disastrata dall’ubbia dell’industrializzazione senza mercati. Ha scandito fervidamente ovvietà che gli esuberi isolani, come tutti gli altri, si sentono dire innocuamente da altari e da pulpiti: che chi perde il lavoro perde la dignità; che il lavoro è sacro; che i dipendenti di tutti gli opifici e di tutte le miniere devono lottare; che Gesù è dalla loro parte; e così via. Solidarietà Dignità Valore della persona Valore della lotta Gesù aiutaci a lottare Coraggio non lasciatevi rubare la speranza: tutte parole irrilevanti. Parole.

Folle di proletari estromessi dal sogno piccoloborghese della casa col mutuo, mogli e bambini dei transfughi dalla pastorizia, ascoltavano con le gole serrate e gli occhi di lacrime; e certo ci commuovevano. Nelle atmosfere religiose giuste, nelle dolcezze struggenti della liturgia (laici e atei non le conoscete) un umile parroco basta a creare pathos: e questo era il Pontefice. Ma il pontefice venuto dal futuro non ha detto le parole di verità e di azione che i sardi, come molti di noi, attendevamo da Lui, non da altri.

Il rivoluzionario Francesco doveva, dovrà, annunciare che la Chiesa metterà all’asta metà dei palazzi vaticani e non, delle partecipazioni azionarie, degli arcivescovadi più o meno sontuosi, delle opere d’arte oziose; e distribuirà il ricavato tra i poveri di Sardegna, d’Africa, del mondo che soffre. Che gli edifici per i quali non si troveranno subito i compratori daranno ospitalità – con le dovute precauzioni e sì, disinfestazioni- ai miseri e agli sfrattati per morosità. Che dovunque la Chiesa bergogliana riesca a soccorrere, i bambini non conosceranno la fame, avranno scarpe. Sono cose che il papa, più o meno esplicitamente, ha promesso a un mondo stordito dalla novità scandalosa voluta dal Vangelo. Le faccia. Lasci cadere le unzioni alla cagliaritana, producono solo struggimenti brevi.

A Cagliari Francesco ha una volta di più scagliato anatemi contro “un sistema economico che ha al centro un idolo, il denaro. Comandano i soldi!”. Splendido, per chi di noi rimpianga la povertà solidale del cristianesimo delle origini, chissà forse anche del futuro. Peccato che gli elmetti minerari del Sulcis rimpiangano i salari un tempo erogati dal sistema idolatrico del denaro. In ogni caso gli anatemi cagliaritani a vanvera li sentiamo da sempre, noi che andiamo in chiesa.

Quando il Risanatore del cattolicesimo, anzi del cristianesimo intero, compirà azioni duramente concrete, al posto delle parole e dei gesti? Per esempio un’enciclica denunciante come non cristiani quei benestanti che non mancano un solo precetto ma alla carità destinano le più piccole tra le briciole. Che, morendo senza figli, dimenticano l’antico dovere di lasciare ai poveri e invece beneficano pronipoti e procugini, magari facoltosi, detestabili e vecchi, perché il patrimonio resti in famiglia.

Quando il Risanatore, il quale conosce alla perfezione la nefandezza -secondo il Vangelo non secondo la Compagnia di Gesù- del crimine di nepotismo, proclamerà per esempio che i patrimoni della nobiltà nera, a Roma come altrove, sono delittuosi perché prodotti dal saccheggio dei beni andati alla Chiesa per guadagnare il perdono dei peccati; e dunque quei principi romani che discendono dai parenti e dai figli dei papi dovrebbero espiare?

Solo un esempio. Quando, per farla breve, il papa gesuita-ma-francescano aprirà la rivoluzione delle cose, non dei gesti? Manco a dirlo, chi scrive è praticante, detesta il laicismo, preferirebbe una teocrazia 2.0 alla mezzadria dei plutocrati e dei naufraghi dello stalinismo. Avanza riserve su Bergoglio perché lo spererebbe capo e maestro come Mosé, invece che coniatore di formule da PR, public relations.

l’Ussita

REPUBLICAN BRINKMANSHIP: FINANCIAL TERRORISM

The Republican Party is risking the financial health of the United States, and what recovery the country has made since the 2008 (Republican-made) economic crisis, in order to fight national health care in general and “Obamacare” in particular. So fanatical, so anti-rational, so ideological are these Republicans, that even risking the financial rating of their own country, and its further economic stability, take a back-seat to their “all government is bad government” Tea Party ideology.

Republicans are acting like financial terrorists—willing to destroy the country’s credit and economic health for the sake of their anti-government ideology (ie, government for the poor), failing to recognize that the Affordable Health Care Act is already law, having been passed by Congress and upheld by the Supreme Court. So when house representatives, with support from Republican senators fail to honor law, they undermine democracy. The kind of government envisioned by Washington, Franklin, Jefferson, Madison, Adams and others—for which they risked their possessions, their names, their honor, and their lives—that government “of the people, by the people, and for the people” as Lincoln wrote, is then effectively a dead letter.

Let’s review first the Republican mantra that national health care is “socialism”. If you should travel to other countries, you would see that it is simply not true. I have lived abroad, East and West, and every modern industrial nation—except the US—has (affordable) health care for all its citizens and not just for the wealthy. “Socialism” is a bogey man used by rich Republicans to frighten ill-educated masses with. “Affordable” is the key term here. A country whose citizens cannot be healthy because health care is beyond their financial means is a demonstrably weak country. And in any event, Republicans cannot win on this issue. Public opinion is not with them, so they must somehow try to emerge from this crisis without looking like the malevolent politicians they in truth are. If ever one had doubts about how patriotic these Republicans are, doubt no more. Patriotism is held hostage to ideology.

But on a deeper level, let us never forget: History judges nations on how it treats all of it citizens, especially its weakest and most vulnerable. The Republican Party is today the Supremacist party: everything for the richest 10% and little or nothing for the bottom 80%. This dogfight over Obamacare must be seen as but one act in this drama, albeit a particularly dangerous one, with our country’s economic and financial health  hanging in the balance. All rhetoric aside (“socialism” and the like), it boils down to this: Is America for all Americans or only for rich Republicans? As Americans decide on this fundamental issue, so goes the fate of America—and democracy.

Len Sive