Home » Archive

febbraio 2013

Cambiare Democrazia »

Arrotondiamo per eccesso: ci sono 1000 parlamentari che guadagnano 15.000 euro al mese. Quindi, contando tredicesime e quattordicesime, lo Stato spende per loro 210 milioni di euro all’anno. Se dimezzassimo i parlamentari e gli riducessimo a un quarto dell’attuale lo stipendio, otterremmo un risparmio di oltre 180 milioni di euro. A prima una vista una cifra ragguardevole, specie se consideriamo che il budget attuale serve a sfamare gente come Scilipoti. Ma il gravissimo danno che la morale grillina sta causando al Paese, è la mistificazione sistematica sugli ordini di grandezza del problema.
Uno …

Corral »

Prendendo esempio dal Papa Emerito -più giovane di lui- il Fondatore dovrebbe rinunciare a pontificare, dovrebbe cedere l’editoriale della domenica a persone meno stregate dal passato, meno opacizzate nella vista dalle cateratte misoneiste. Ove rifiutasse, una congiura di Giovani Turchi dovrebbe, con dolce violenza e per amore della grande testata, iscrivere il Nonno a un corso di rieducazione de-legittimista. Oppure farlo operare di cateratta.
Questi sommessi pareri esprimiamo sotto l’impressione dell’aspro contrasto tra le cose che accadono e la rappresentazione che di esse fa il Patriarca. In questi giorni un pilota …

Cambiare Democrazia »

Ci furono i Flagellanti, confraternite laiche che compivano viaggi penitenziali di trentatré giorni, con più sferzate al dì col flagello, strumento di autosupplizio e disciplina. Furono condannati nel 1349 da Clemente VI, il quale prima appoggiò, poi scomunicò Cola di Rienzo. Uomo di cultura, protettore di Petrarca, era un papa cui non andavano a genio i fondamentalisti della fede, detti appunto Flagellanti.
Oggi si animano gli Scalfareggianti. Chi sono? Niente di penitenziale, al contrario. Sono gli opinion leaders gregari del potente Eugenio Scalfari (Civitavecchia 1924), al quale fanno capo le vaste …

Cambiare Democrazia »

Comunque andranno le cose, da noi si chiude il secolo della sinistra bacchettona, protesa un tempo a sovvertire, oggi a difendere l’esistente. Lo prova lo sgomento dei cappellani intellettuali, e più ancora dei burocrati, del postcomunismo di fronte alle novità: tutte le novità, non solo quella delle Cinque Stelle. Oltre metà del Paese, tra astenuti e voti per Grillo e altri, non ne può più del perbenismo riciclato Bersani D’Alema Napolitano Finocchiaro (come del destrismo volgare). Non ne può più delle superstizioni: democrazia rappresentativa, fedeltà alla Costituzione oligarchica, glorie resistenziali …

Cambiare Democrazia, eBook »

Le ragioni del cambiamento
I parrucconi sono ancora fra noi. Tenaci. Insofferenti. Pronti a scendere in campo con tutta la faziosità (e non è poca) di cui sono capaci. L’ultima occasione l’ha offerta (e la offre) la Costituzione. Attorno alla legge fondamentale dello Stato si sta sviluppando una feroce querelle solo per il fatto che qualcuno ha sostenuto che bisognerebbe metterci mano per adeguarla ai cambiamenti intervenuti nella società italiana in questo ultimo mezzo secolo. Dal I948 (anno della sua entrata in vigore) molta acqua è passata sotto i ponti. I …

Corral »

Le forze fisiche del Papa scemavano, ma non fermiamoci alle giustificazioni mediche della Rinuncia. Essa è anche, non può non essere, 1) l’enunciazione di una crisi epocale della Chiesa e della fede; 2) l’ammissione di una sconfitta; 3) la formulazione dolorosa della prospettiva di un futuro incompatibile con la coerenza del papato all’antica. Un pensatore, diciamo pure un uomo superiore, come il Papa non poteva ingannarsi sull’impotenza della Chiesa di fronte alle sfide sempre più aggressive della modernità. Non sfide cui qualsiasi pontefice possa sottrarsi al riparo del retaggio; tanto …

Cambiare Democrazia »

Con un plumbeo editoriale di P.L.Battista (“Un monarca nelle piazze”) Il Corriere della Sera si dice costernato per il possibile successo elettorale del Movimento 5 Stelle. Il noto columnist mostra di rivolgere l’indignazione più verso i partiti che contro lo stesso Pericolo Pubblico. Li accusa di rassegnarsi al ‘quasi certo exploit di  Grillo’ e, peggio, di ‘lavorare per lui’: “In un anno e mezzo di inattività, affidata a un governo tecnico la missione di far uscire l’Italia dai guai, non hanno nemmeno cominciato a ridurre sul serio i costi esorbitanti …

Corral »

È giusto che lo Stato finanzi i partiti? Certo che no. Infatti nel 1993 il 90% degli italiani votò a favore del referendum (promosso dal Partito Radicale) che abrogava il finanziamento pubblico ai partiti. Però già nel dicembre 1993 il Parlamento approvò un’altra legge per il rimborso delle spese elettorali ai partiti Questo veniva calcolato in 5 €  per voto ricevuto, ma le spese da rimborsare (non rendicontate) sono state molto inferiori ai rimborsi.
Oggi si dibatte fra partiti, e dentro i partiti, se vadano aboliti questi rimborsi. Il 90% dei …

Corral »

Parroco del mondo: ma non solo a beneficio della Cristianità. Anche per umanizzare un pianeta dominato da ferocie e consensi triviali. Diciamo il papa, non perché meriti di primeggiare sui grandi della Terra; sono passati molti secoli da quando risultò falso il vanto d’essere vicario di Cristo e primo dei sovrani. Diciamo il papa perché è solo tra i Grandi a poter fare scelte rivoluzionarie senza doverle contrattare con altri poteri. E solo il papa, portatore sommo delle istanze di continuità, può fare la scelta rivoluzionaria di rinnegare la continuità …

Corral »

Tanti disoccupati, tante aziende fallite, una disperazione che produce suicidi, da un lato. Da un altro lato una sterminata fungaia di capannoni, in parte vuoti, che hanno consumato territorio e sconciato le contrade di quello che fu il Bel Paese: Cominciando dal Veneto e dal Friuli di pianura e di collina, comprensori dove potendo non si va più., dolorosi da attraversare se costretti. In queste condizioni è inevitabile ragionare: una parte dei capannoni, condannati dalla globalizzazione a non riaprire persino in caso di ripresa, andrebbero demoliti per mitigare l’aggressione all’ambiente …

Cambiare Democrazia »

Mai governi coi partiti, si sgolava fino a ieri. Mai fiducia a governi tecnici, strilla oggi. Beppe Grillo, sempre più calato nei panni del politico navigato, sta giocando la sua partita e la sta giocando abbastanza bene. Manda in giro (poco, a dire il vero) i suoi a sproloquiare sui 20 punti del programma, gli fa eleggere i capigruppo per alzata di mano in puro stile okkupazione del liceo, si diverte – probabilmente – a vedere quanta attenzione mediatica si crei intorno alle uscite infelici dei suoi neoparlamentari (l’ultima sul …

Corral »

Chi aspira ai voti dei sardi, è logico inveisca contro la ‘desertificazione industriale’ e sbraiti che l’isola ha ‘diritto’ al denaro del contribuente perché miniere e manifatture risorgano. Ma è un inveire e sbraitare senza speranza. Non una delle attività decedute o morenti dovrà ricevere ulteriori investimenti caritatevoli.
Meritano modesti aiuti pubblici solo quelle piccole manifatture che siano giustificate da una genuina domanda locale o di nicchia; che cioè grazie a speciali circostanze riescano a battere la concorrenza nazionale e dell’intero globo. Tra tali speciali circostanze non può mancare l’accettazione di …

Articles In English, Idee/Fatti del Mondo »

Jed Rakoff, alto magistrato federale a New York, è conosciuto sia per l’importanza dei casi da lui giudicati monocraticamente, sia per la relativa clemenza di alcune sue sentenze. Condannò per insider trading  un manager del vertice  Goldman Sachs a due anni di carcere e a pagare $5 milioni, laddove le norme suggerivano (non ingiungevano) una pena pecuniaria quadrupla e una detenzione più lunga. Dalla rivista ‘Fortune’ riportiamo per estratti alcune argomentazioni del giudice Rakoff contro gli eccessi di severità nei confronti dei crimini non violenti.
The  American public, I’m afraid, is …

Corral »

L’annuncio dell’istituzione della Social Card bis, dotata di 50 milioni, è al tempo stesso una notiziola positiva -il poco, pochissimo, è meglio di zero- e un’occasione di sgomento. a chi non ha pane promettiamo una fetta, non subito. L’Istituto Italiano di Statistica ha accertato che oltre 8 milioni di persone sono poveri veri. Non tutti ma molti sono poveri estremi, a reddito zero. La nuova Social Card promette alle famiglie che saranno selezionate due-trecento euro al mese, 400 se i figli bambini saranno cinque. Il programma riguarderà 12 grandi Comuni: …

Copertine »

Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa.
In INTERNAUTA, le linee politiche convivono. Leggi il manifesto.
INTERNAUTA esce ogni mese.
Clicca qui per consultare l’archivio dei singoli autori.