Home » Archive

febbraio 2012

Cambiare Democrazia »

“Keine politik mehr” (di politica non ne facciamo più)
Questa frase sbrigativa mi veniva   ripetuta da occasionali interlocutori nella ancora distrutta Germania del ’48 ‘ e ’49, fra macerie di case e mutilati. Soltanto il disegno delle strade era rimasto delle loro antiche città.
Ora che anche noi, italiani,  dobbiamo camminare fra le macerie della trista e pericolosissima vicenda berlusconiana, non si sa fino a che punto conclusa, forse soltanto sospesa; ora che gli italiani devono apprendere a non dimenticare di quanto fossimo scesi in basso; e di quanto fossimo saliti …

Cambiare Democrazia »

Riportiamo qui sotto un manifesto elettorale (di un partito che parrebbe in via di formazione) giuntoci tramite i nostri moduli di contatto. Proviene dal sito MontiPresidenteSn e per molti versi riprende e rinnova alcune delle istanze che Internauta porta avanti da due anni. Sperando sia un utile contributo al dibattito lo pubblichiamo volentieri:
L’Italia è di Noi tutti, Noi Cittadini, Senza alcuna  distinzione di idee, religione, cultura, condizione economica e sesso. Noi siamo la nostra  Storia. Noi siamo il nostro Futuro
E’ TEMPO  per il Paese di  aprire un ampio dibattito fra …

Corral »

Dire a qualcuno che fa schifo non è vietato, né dalla legge né dall’etica. Lo è al massimo dalla buona educazione, che però in determinati contesti e circostanze passa in seconda linea. Persino dirlo in faccia può diventare addirittura doveroso, alle volte, sia pure correndo gli eventuali rischi del caso. Grazie allo sviluppo tecnologico oggi è più che mai avventato dirlo, di terzi, anche tra amici o comunque in via confidenziale. Ma ciò soprattutto, se non esclusivamente, quando esiste il pericolo di compromettere rapporti che in qualche modo e misura …

Idee/Fatti del Mondo »

È passato un anno. Si discute su cause e responsabilità del disastro di Fukushima. La centrale resistette al terremoto e fu avviata automaticamente allo spegnimento. Però lo tsunami alto 20 metri bloccò le pompe di raffreddamento e causò la fusione dei nuclei. Si discute, insieme, di nucleare si-nucleare no. Il rapporto speciale su energia nucleare dell’Economist del 10 Marzo afferma:
“A meno di importanti sviluppi tecnologici, l’energia nucleare continuerà a essere una creatura della politica e non dell’economia. Ogni sua eventuale crescita sarà in funzione di volontà politica oppure sarà un …

Corral »

Per E.Galli della Loggia c’è di peggio della Casta: è la Supercasta degli alti burocrati costituiti in oligarchia. Può meravigliare che i capibanda della politica e dell’economia non risultino a GdL parte dell’oligarchia. Ma lasciamo stare le collocazioni nominalistiche e per seguire il ragionamento del professore ne trascriviamo, qui e lì abbreviate, le formulazioni principali.
Esordisce, sul ‘Corriere’: “non è vero che il contrario della democrazia sia necessariamente la dittatura. C’è almeno un altro regime, l’oligarchia. In Italia abbiamo una forma intermedia: dietro le quinte delle istituzioni democratiche, e sottratti ad …

Idee/Fatti del Mondo »

Sabato 10 marzo sul Corriere della Sera e su Die Welt è apparso un appello, firmato da grandi personalità italiane e tedesche, per rilanciare l’integrazione europea. Più unione politica e maggior federalismo sono i cardini della richiesta, e in particolare si chiede che venga lasciato spazio di azione all’Unione in tema di sviluppo sostenibile, immigrazione, politica energetica, dimensione sociale, politica industriale, cooperazione giudiziaria in campo penale, la politica estera e di sicurezza. Insomma, un passo deciso nella creazione di quel soggetto politico europeo che ancora oggi stenta a decollare.
La cosa …

Idee/Fatti del Mondo »

La città più antica di Francia (fondata 26 secoli fa dai coloni greci di Focea, ma forse erano arrivati prima i fenici), è anche la meno francese, tanti sono gli immigrati dalle ex-colonie. L’esperimento della città ‘planetaria’ procede senza grossi traumi. Del risentimento contro africani e asiatici c’è anche qui, ma nell’assieme la metropoli appare semi-arabizzata pacificamente.
Il fenomeno è antico. Le guerre della Francia utilizzarono molta carne da cannone coloniale. Logico che la Madre-Padrona accogliesse in gran numero i sudditi extraeuropei. Il malandato quartiere tra la stazione di quarantena portuale, …

Idee/Fatti del Mondo »

Il 3 giugno 1997 il socialista Lionel Jospin, vincitore delle elezioni legislative, andò all’Eliseo e ricevette dal presidente Chirac la nomina a primo ministro. Nella Quinta Repubblica come la volle de Gaulle il primo ministro non è un vero capo del governo (lo è il presidente della Repubblica). Tuttavia la caduta del primo ministro Alain Juppé, seguace di Chirac, ad opera di un socialista fu un fatto grosso. Oggi che il socialista François Hollande, semplice capo di un apparato partitico, cerca di abbattere non un primo ministro ma il presidente …

Idee/Fatti del Mondo »

Giusta nella sostanza, piuttosto comica nelle parole adoperate, l’affermazione di François Hollande, candidato all’Eliseo: “mon adversaire, c’est la finance”. Alquanto più comica la spiegazione: “Je suis indigné de voir que dans cette crise les marchés pèsent plus que la démocratie”. Comica all’estremo, al punto da elettrizzare gli ormoni meglio che il Fernandel dei tempi migliori, la denuncia finale: “Les politiques ne parviennent pas à dominer les marchés!”.
Che diamine, gli omuncoli delle Borse e dei Boards sarebbero più potenti que les politiques, ciascuno dei quali sa tendere l’arco meglio di Odisseo; …

Cambiare Democrazia »

Acceso montista quale sono, anche per avere avuto nel passato occasione di parlare all’Uomo, esercito il diritto di rimpiangere le opere grandi che non farà: anche, ma non solo, perchè mille lillipuziani non permetteranno (peggio per Lui, e più ancora per noi, per essersi consegnato a loro invece di spazzarli via).
Prima delle non-opere grandi, chiudere la sudditanza agli USA. Sessantanove anni fa, è vero, a Cassibile (Siracusa) ci arrendemmo senza condizioni a un generale americano (Bedell Smith). Poi per qualche anno fummo aiutati dalla farina e da altri soccorsi inviati, …

Corral »

Confida Marco Vitale che negli anni ’70 e ’80, da consulente di un’importante compagnia di crociere, insisteva con gli armatori perchè si facessero anche un po’ albergatori e intrattenitori. Ma che oggi additerebbe agli albergatori-intrattenitori della Costa Crociere  il dovere d’essere un po’ più armatori. Questo perché in ultima analisi  tale compagnia -americana, come si vedrà- è responsabile, tra l’altro, di avere affidato “un mostro del mare con 4000 anime” ad un comandante spericolato e portato ai crolli psicologici.
La verità, dice il prof. Vitale, che nella tragedia avvenuta non c’è …

Idee/Fatti del Mondo »

Il percorso di avvicinamento di Belgrado all’Unione europea ha subito un arresto, breve si spera. Il motivo? Un manipolo di irriducibili antichi romani, parafrasando un fumetto francese, fa da ostacolo alle trattative.
Sono i Valacchi, un’etnia di origine latina (infatti “Valacchi” è probabilmente un termine germanico per “straniero”, loro si autodefiniscono “Rumani” o “Romani”) che è rimasta nei Balcani anche durante il periodo delle migrazioni slave. La Romania, altro pezzo di impero romano sopravvissuto nell’est Europa, si è fatta portatrice dei loro interessi e ha fermato l’attribuzione dello status di “Paese …

Idee/Fatti del Mondo »

Altrove in questo ‘Internauta’ si parla degli umori un po’ ipocondriaci, atrabiliari, saturnini della nazione ceca, residuo dell’artificiale Cecoslovacchia inventata nel 1919 a Versailles, abbattuta dal Terzo Reich nel 1938, infine ridotta a Repubblica Ceca il 1.1.1993 dalla secessione della Slovacchia. Non molti giorni fa Praga ha aggiunto credibilità ai cliché temperamentali di cui sopra affiancandosi al Regno Unito, l’arcinemico dell’integrazione europea, nel rifiuto di una rinegoziazione dei trattati che aggiunga un po’ di malta all’unificazione del Vecchio Continente. Sul piano puramente razionale è arduo decifrare la malevolenza o diffidenza …

Corral »

La speranza di sopravvivere, per il quotidiano di tante sconfitte, è appesa a un’estrema colletta, la ‘Mille per Mille’: mille sponsor da mille euro ciascuno. Io odiatore del capitalismo, del consumismo, del mercatismo dico a figli e nipoti della pattuglia rossandista/parlatista: se riuscirete nel conato 1000×1000, sappiate che sopravviverete su denaro sporco, disonorevole.
Hanno il diritto di elargire male il loro denaro solo coloro che donano parecchio anche, p.es. alle famiglie dei carcerati poveri: mangiano solo perchè esistono le parrocchie e i volontari, vestono solo dai cassonetti della Caritas. Chi dona …

Corral »

Per capirci meglio
Un amico mi ha confidato che fino a qualche giorno fa considerava il governo attuale perfino peggiore del precedente, che chiaramente non apprezzava, ma di avere cambiato radicalmente opinione dopo il no alle Olimpiadi a Roma. Non condivido, e come potrei?, la prima parte della confidenza, ma sottoscrivo in pieno la seconda. Senza pretesa, ovviamente, che si tratti di un pronunciamento memorabile, bensì con la soddisfazione di trovarmi almeno per una volta in sintonia con la maggioranza probabilmente schiacciante dei miei connazionali. Una maggioranza, comunque, ampiamente trasversale, visto …

Idee/Fatti del Mondo »

Ogni tanto va ripetuto: le cose che si scrivono in Internauta riflettono l’opinione di chi firma, e basta. A volte alcuni amici condividono.
Alla vigilia dell’arrivo a Washington di Monti, governante di uno dei paesi satelliti, Obama si è fatto intervistare dalla “Stampa”; il suo ambasciatore a Roma, David Thorne, ha fatto lo stesso col “Corriere della Sera”. Si usa così. Sugli elogi  all’Italia del primo è da fare una tara in più: Obama aveva degli speciali doveri di cortesia nei confronti  di  chi gli faceva visita di omaggio e in …

Corral »

Volevamo, io tra i primi, i tecnici al governo? E Mario Monti ha preso a ministro della Difesa l’ammiraglio Giampaolo Di Paola. Nessuno più tecnico specifico di lui, che ha prontamente provato a proteggere da tagli le spese militari. Ci riuscirà? Non ce la farà?
Avere civili a capo del dicastero un tempo ingenuamente chiamato ‘della Guerra’ era stata un’improvvida conquista liberale, persino popolare. Oggi un corteggio di ex ministri civili, comprendente guerrieri quali Parisi, Martino e La Russa, subisce la mortificazione che sotto Monti un loro successore non sia stato …

Corral »

Ma quando un nuovo scatto?
L’impegno divulgativo della produzione storiografica contemporanea profuso da Paolo Mieli sul “Corriere della sera” è sicuramente meritorio, anche e soprattutto quando dà conto (sempre ampio e accurato) di studi e ricerche italiane e straniere che mettono in discussione e magari fanno giustizia di più o meno vecchi miti,  luoghi comuni e consolidate versioni di vicende vicine e lontane nel tempo. La verità storica, ammesso che possa mai essere appurata fino in fondo, non lo è comunque mai in modo definitivo e il revisionismo di per sé …

Idee/Fatti del Mondo »

Oggi in Lettonia si vota un referendum per rendere il russo seconda lingua ufficiale dello Stato. La questione è più importante di quel che potrebbe sembrare, per un Paese in cui il 30% della popolazione è russa. Per capire le ferite che questo voto riapre bisogna conoscere la storia dei paesi baltici, un remoto angolo di nord est dell’Europa spesso ricordato solo per le bellezze locali (più che per il recente europeismo) o direttamente dimenticato.
Dopo l’annessione sovietica – costellata di deportazioni ed eccedi – Estonia, Lettonia e Lituania sono state …

Corral »

E io insisto che il Servizio ‘Pubblico’ va cancellato, non riformato. Delenda Rai. Come la faccenda è andata in Italia, il servizio pubblico è irriformabile. Il massimo che si possa conseguire è un ingozzarsi meno porcino dei partiti nel truogolo del canone e della pubblicità; ed una ‘più equa’ spartizione tra bande rivali.  E’ il concetto della radiotelevisione pubblica che occorre cancellare punto e basta.
Lo Stato si riservi solo, d’imperio cioè senza addossarsi costi, un ristretto spazio per annunci di pubblica utilità e per quella parte dei programmi culturali e …

Idee/Fatti del Mondo »

Qualcuno sosterrà che a Manuel Fraga capitò due volte di reggere la Spagna attraverso  i discepoli o diadochi J.M.Aznar e Mariano Rajoy. I due seppero vincere le elezioni e divennero presidenti del governo; Fraga non pervenne al vertice cui era predestinato. Si fermò a vice-premier e ministro della Gobernacion sotto Carlos Arias Navarro. Il momento di gloria era stato tra il 1962 e il l969, quando da ministro delle Informazioni e del Turismo Fraga aveva condotto il Caudillo, uomo di convinzioni granitiche, verso l’apertura e la liberalizzazione, anzi verso una …

Corral »

E’ una settimana che Stella -insuperabile nel genere che gli appartiene: denunciare le ruberie della Casta senza mai additare una via per sgominare la Casta- si impegna in un genere non suo. Gli ascoltatori di ‘Prima Pagina’, spesso precari, a volte tormentati dalla disoccupazione, lamentano le loro condizioni. Il noto editorialista, facendo forza sui propri istinti solidali, deve rispondere: non ci sono soldi, non possiamo garantire il posto di lavoro, non possiamo chiudere le frontiere ai prodotti che fanno chiudere le nostre fabbriche.
Qualcuno o qualcuna tra quegli infelici non si …

Copertine »

-INTERNAUTA esce ogni mese-
NOVITÁ: La redazione aggiornata è in
“CHI SIAMO”
Consultate l’archivio dei singoli autori!
Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa. In INTERNAUTA, le linee politiche convivono.
Uno dei modi più vividi di trattare la politica è progettarne il futuro. In questo “Internauta” vanta una credenziale in più. Alcuni di coloro che lo redigono si concentrarono sulle prospettive: nei quotidiani “La Gazzetta …